Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Caso De Magistris. Prove di regime

di : viviana vivarelli
sabato 6 ottobre 2007 - 16h05
7 commenti
JPEG - 20.7 Kb

di Viviana Vivarelli

La Calabria è la regione più povera d’Italia, ha un tasso di disoccupazione del 25%, superiore a quello di Campania e Sicilia. La media europea pro capite del PIL è 125%, la Lombardia ha 140, la Calabria 68. Il 27% delle famiglie povere italiane è in Calabria, una su 3. Sa il cielo se ha bisogno di risollevarsi.

Per farla risorgere è arrivato negli ultimi 6 anni (Governo di B e di Prodi) un flusso enorme di ricchezza che poteva farla diventare la Svizzera d’Italia.

Ricordiamo che l’ultima finanziaria è stata di 10 miliardi di €. Sono arrivati in Calabria solo dalla Comunità Europea ben 8 miliardi di €, più i finanziamenti del Governo italiano.

Per spartirsi questo formidabile tesoro, al cui confronto il tesoretto dello Stato diventa ridicolo, si organizza un comitato di malaffare in una loggia massonica, che coinvolge alte personalità delle Istituzioni e tocca lo stesso Ministro della Giustizia.

Come un PM ha abbastanza prove per smantellare l’organizzazione, scatta la censura del Ministro stesso che vuole bloccare tutto e trasferire il magistrato scomodo.

Nello scandalo ci sono anche alcune toghe locali e sappiamo bene, e lo sa anche il CSM, che lo stato della magistratura in Calabria è miserevole (basterebbero da soli i 32 delitti in un anno rimasti in bianco). Si denunciano addirittura collusioni tra alcune toghe lucane o calabresi e la delinquenza organizzata. Ma in tanti anni in CSM non ha detto o fatto nulla!

Ora ci si dovrebbe aspettare che questo stesso CSM che ha lasciato degradare a tal punto lo stato della giustizia si trasformi improvvisamente nel salvatore. Difficile crederlo.

Su questo proscenio l’incredibile Mastella sviluppa la sua telenovela inquietante.

Da una parte minaccia di sciogliere il cda Rai e di sciogliere Santoro nell’olio bollente, dall’altra fa scegliere all’amico Saladino, già inquisito, 60 unità per il progetto “Calabria sicura”, non con pubblico concorso ma affidandosi alla società Worknet spa, di un amico dell’amico, certo Idà, già arrestato per i traffici di carne avariata della cosca di ’ndrangheta Iamonte. Insomma 60 poliziotti anti-‘ndragheta scelti da uno ammanicato con la ‘ndrangheta! Il massimo dello stile!

Controfirmano Minniti, sottosegretario agli Interni, il capo della polizia De Sena e il direttore generale del personale al ministero della Giustizia Carolina Fontecchia.

Tornano le persone messe sotto inchiesta dal De Magistris, nell’inchiesta ’Why not?’.

E poi Ezio Mauro di Repubblica viene a dirci che il popolo italiano ha delle crisi di identità e che dovremmo tutti collaborare a qualche partito..!

All’UDEUR, magari!

Ma che Opere fa questa Compagnia delle Opere? Don Giussani si rigirerà nella tomba.

E chi è Antonio Saladino?

Veterinario nella asl di Catanzaro, diventa imprenditore con le caramelle, devono essere meglio della coca perché in 5 anni Saladino diventa “il responsabile per il sud della Compagnia delle Opere, braccio imprenditoriale di Comunione e Liberazione, che conta 34.000 imprese. Saladino procura lavoratori interinali alle aziende pubbliche e apre strade nuove agli imprenditori grazie a raccomandazioni eccellenti.

Nel sud i disoccupati non mancano, i voti sono sempre stati utili agli interessi dei partiti e anche gli imprenditori una manina santa la gradiscono sempre, in un contesto dove il voto di scambio è molto praticato e B ha voluto anche graziarlo con l’indulto.

Sul lavoro esternalizzato e sulle commesse statali gira un gran mare di soldi e di potere. Saladino smista raccomandazioni di ogni colore e forma e i soldi abbondano.

Tra gli sponsor il braccio destro di Prodi, Sandro Gozi e il vicepresid. di Nicola Adamo (DS). Insomma un ricco giro. Ma De Magistris contesta a Saladino anche truffa e associazione a delinquere.

Ha davvero dei begli amici questo Mastella! Come Luigi Bisignani, già condannato per la maxi tangente Enimont e prim’ancora iscritto alla P2. Ma qui alla P2 sono iscritti tutti ! Più che Compagnia delle Opere è la Compagnia dei massoni. E il successore di don Giussani dovrebbe spiegarci come si lega CL a una loggia segreta sospetta di pesanti reati.

Ovviamente La Stampa e Libero stanno dalla parte della loggia e accusano il PM di pesanti scorrettezze formali, parlano di migliaia di tabulati telefonici, inventano, ciò non toglie che su Repubblica D’Avanzo faccia un severa ramanzina a chi non rispetta la forma della legge. In quanto alla sostanza… Sia Scotti che Mastella non hanno mai specificato in che consistessero le gravi scorrettezze formali. I tabulati in realtà sono solo poche decine e rientrano nei diritti e doveri di un PM, vista anche l’ampiezza del caso.

Insomma De Magistris fa il suo lavoro ma hanno la faccia di dire che è un pericolo per la democrazia! Sono gli stessi che hanno visto un pericolo per la democrazia nelle 300.000 firme per 3 leggi di iniziativa popolare che chiedevano pulizia e ricambio politico! Abusano delle parole in modo orwelliano.

Mastella chiede il trasferimento urgente, ma il CSM rimanda la decisione. I tabulati telefonici sono stati raccolti dal consulente Gioacchino Genzi, lo stesso informatico che individuò i cellulari della strage di Capaci (Falcone) e Via d’Amelio (Borsellino). Peccato che negli atti sulla strage di Capaci ci siano i nomi di B, dell’Utri e Mangano e che di loro parlasse Borsellino prima di morire. Ma si vede che questi giornali considerano amico della Repubblica chi protegge la mafia che uccide i giudici con tritolo o proiettili o cerca di imbavagliare l’informazione e nemico della democrazia chi, invece, li combatte. Dipende tutto da che parte si sta.

Qualcuno dovrebbe ricordare ai cittadini italiani che siamo in presenza di una serie enorme di reati compiuti da gente che trama in una loggia massonica segreta, loggia vietata dalla legge Anselmi. E che per reati gravi, un PM deve per legge fare accertamenti. Il suo compito è esattamente questo! Se poi saltano fuori troppi nomi eccellenti, non sarà per colpa del PM, che il crimine lo combatte, non lo pratica. Così hanno costruito una campagna di delegittimazione analoga a quelle su Dalla Chiesa, Falcone e Borsellino.

Il Pubblico Ministero (PM) è un organo dello Stato che ha il compito di raccogliere prove per reati gravi e, quando queste ci siano, ha il potere-dovere di avviare un processo penale contro il soggetto indagato di reato, partecipando al processo come rappresentante dello Stato, per difendere quei principi e quegli interessi, che quel reato ha attaccato. Prima di ciò, il PM ha il dovere e il diritto di condurre indagini per raccogliere prove, avvalendosi dell’aiuto di consulenti (per es. informatici) della polizia, della GdF ecc.

Ma la riforma fatta dal leghista Castelli ha dato un potere eccessivo al Ministro della Giustizia, il quale, ogni volta che ritiene di essere toccato da una inchiesta o pensa che qualcuno della Casta sia minacciato da una indagine, manda dal PM i suoi ispettori, che, essendo al suo servizio e seguendo le sue direttive, istituiscono un processo parallelo sul malcapitato magistrato e il Ministro può deferirlo al CSM per chiederne la punizione, vedi trasferimento o blocco delle indagini.

Questo potere il leghista Castelli lo volle dare a se stesso, per bloccare le inchieste scottanti di cui era oggetto quel B che la Lega aiutò servilmente, e rientra in quel coacervo di leggi che B impose per rendersi impunibile (rogatorie, leggi ad personam, tentativo di abolire l’appello, depenalizzazione del falso in bilancio…), quelle che Prodi promise di togliere immediatamente appena eletto e che invece stanno lì tranquille e inamovibili.

Inutile poi recriminare sulla furia popolare che vede la Giustizia sempre più calpestata e abusata e attacca la partitocrazia come una cosca omertosa. Mastella eredita questo potere che permette e ne approfitta.

Oltre ai suoi tentativi di bloccare indagini scottanti, sta scagliando un vero e proprio attacco contro la libertà di informazione da vero Minculpop, ma non sono più tempi in cui questo può essere accettato, e questi politici non lo hanno ancora capito!

I leggerissimi ritocchi che il Governo Prodi ha fatto al castello di abusi di B hanno distrutto ormai ogni credibilità di questo Governo. E che i media proseguano nella loro demonizzazione della protesta popolare non fa che aumentare l’ira della gente, la sfiducia nelle istituzioni e il disprezzo verso la stampa prezzolata.

Mastella non ha solo ferito il legittimo desiderio di legalità e di giustizia, offende anche la legittima pretesa a una libera informazione. Vorremmo ricordargli che questi due diritti sono garantiti direttamente dalla Costituzione.

Ma se i Ministri sono così, i giornalisti non sono da meno. Ezio Mauro, direttore di Repubblica, interrogato da Augias sul caso Grillo, fa cadere le braccia per lo sterile pressappochismo, la lezioncina omologata di falsa democrazia, la spudorata difesa della partitocrazia e il disprezzo totale per le richieste degli elettori (che si sono sostanziate in 3 richieste di legge a iniziativa popolare, secondo un diritto garantito dalla Costituzione), e ci mostra in quale abisso sia caduta l’informazione in Italia e di quale scarsa democraticità soffra. Il perchè siamo finiti al 79° posto nella libertà di informazione tra i primi 110 paesi del mondo, interviste come questa lo spiegano benissimo.

Perchè se i media ufficiali devono servire solo come cassa di risonanza di una casta non criticabile, non processabile e non punibile, possiamo eliminare del tutto la parola democrazia in Italia e dire che questa partitocrazia aiutata da questi media, ha consolidato un potere spartitorio, apparentemente plurale, ma univocamente fascista. Se tornerà B aumenteranno le nostre probabilità di averne un dittatore solo. Ma se persistesse il sistema dei 59 partiti, avremmo una oligarchia identicamente fascista.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

Caso De Magistris. Prove di regime
25 ottobre 2007 - 08h33 - Di b775964429bc83c2a5cdc8f31bbdf6ab...

In questi giorni sto seguendo queste vicende e molte volte mi dico se lor signori ci hanno preso per coglioni........è vero, loro si muovono perchè noi non siamo sufficientemente organizzati per ostacolare questi loschi figuri.
Bisogna anche dire che con questa cultura hanno allevato svariate generazioni, quindi, di riflesso il nostrro comportamento agisce in questo brodo di malaffare, e corruzioni varie.
E’ vero, i giovani, che vivono nelle zone piu povere e ricattate dal malaffare, stanno dando una lezione a tutti noi........loro urlano il loro malessere, rischiando di persona con la chiusura della possibilità di favorire a certi favori.
Da tangentopoli a oggi nulla è cambiato, anzi si sono affinate le tecniche di favorismi e corruzioni varie.....oggi la fame di occupazione è abbastanza diffusa, quindi i delinquenti di professione sanno di poterci tirare fuori molto denaro, per non parlare poi del denaro pubblico che viene elargito dall’europa per sollevare queste popolazioni dalla miseria.......questo denaro che avrebbe potuto sistemare molte persone viene intascato da loschi figuri ammanicati con svariate logge massoniche facentene parte molti imprenditori e politici di vario colore politico.
La sinistra non esiste più, ha preso il posto, si è sistemata al centro della destra italiana, posto che apparteneva alla DC......del resto cosa stupirci della composizione di questo governo di sinistra!!!!!! dentro vi sono i vecchi democristiani che tranquillamente si dicono di sinistra......molta confusione sotto questo cielo.
Mastella trova la sua forza in questo governo malridotto che per sopravivere mantiene giornate intere senatori molto anziani con lo scopo di garantire il numero valido altrimenti tutto cadrebbe con un semplice raffreddore.......stiamo andando nella stagione favorevole......consiglio di metterli dentro una bacheca di vetro estremamente protetta da ogini forma di virus che li possa far ammalare........del resto non credo che Berlusconi possa prendere il potere cosi tranquillamente........non scordiamoci che tutto questo è costruito dalle sue idee liberaliste che lor signori di sinistra non hanno saputo, ne voluto contrastare, perchè appunto, imbevuti dalla cultura di corrutele che la DC prima e tangentopoli poi per arrivare al berlusca hanno usato tranquillamente, quindi lor signori vi ci sono buttati dentro senza guardare tanto per il sottile, per poi accorgersi di non poter rispondere alle richieste degli elettori, deludendoli, quindi allontanandosi da loro.......l’incomunicabilità ha vinto..........gli uni non sentoni gli altri, ogniuno si muove senza che una coordinazione gestisca questo malessere che guarda chi se ne avvantaggia sono proprio lor signori del malaffare, dell’imbroglio e della corruzione.



Caso De Magistris. Prove di regime
19 novembre 2007 - 16h07 - Di 2eb4a905661e42d95670eae4c5b67064...

Tu che sei informata su tutto,mi sdai dire perchè non posso scrivere sul blog di Grillo??



Caso De Magistris. Prove di regime
19 novembre 2007 - 19h50 - Di 52392b7a148acad43e609c57e09bfcef...

E che problema c’è a scrivere sul blog di Grillo? Ci scrivono tutti. Apri il blog, vai in fondo a commenti, compiti gli spazi, metti il tuo indirizzo e mail e un nome a piacere, se non ti vuoi autenticare o iscrivere non lo fai, poi clicchi invia e dopo alcuni minuti sei sul blog. A volte per vederti devi chiudere e riaprire, non vieni subito. Credo che siano censurati i commenti che contengono parole molto offensive ma non ne sono sicura perché non ne uso.
Se quello che scrivi non piace a 5 lettori e quelli ti vogliono cestinare lo possono fare. Io sono cestinata continuamente. A volte può darsi che non ti ritrovi perché le pagine di ogni blog sono molte e dovresti aprirle tutte. ma non vedo la difficoltà. Sbagliera qualche piccola indicazione

viviana


Caso De Magistris. Prove di regime
16 febbraio 2008 - 19h11 - Di Simone - 5a4a6b925803af46c73c5d6d2b7c18f9...

Ciao Viviana sono Simone l’Organizer del Meetup des Amis de Beppe Grillo à Paris, qualche mese fa Roberto Ferrario è passato a trovarci in uno dei nostri primi incontri dopo il V-DAY organizzato alla Bastille.
Avevamo discusso delle differenti possibilità per poter far sentire la nostra voce attraverso i media francesi riguardo la situazione allucinante dell’italietta nostra.
Volevo chiederti se vuoi passare un martedì nella pizzeria dove ci incontriamo solitamente, la prossima riunione è il 26 febbraio.
Si discuterà dei preparativi al secondo V-DAY che riguarda giustamente i media italiani e il loro modo di lobotomizzare le masse.
A presto, Simone



Caso De Magistris. Prove di regime
16 febbraio 2008 - 21h00 - Di viviana - 10ac4e184463a1c5ec8b1c1328e1625a...

Caro Simone

scusa, sai quanto è grande il mondo? Tu non sai dove vivo e io non so nemmeno da quale stato scrivi
Pizzeria? Sai quante pizzerie ci sono sul pianeta?

saluti
viviana


Caso De Magistris. Prove di regime
19 febbraio 2008 - 23h38 - Di Simone - 5a4a6b925803af46c73c5d6d2b7c18f9...

Ciao Viviana pensavo sapessi dov’è Paris e che in questa città c’è la place de la Bastille... :-)
Se abiti a Paris fai un salto a BD Montparnasse al 129 c’è la pizzeria Fumetto, ogni 15 giorni ci incontriamo la dentro per mangiare della pizza al taglio e discutere sulle tematiche che ci interessano di più. La prossima è il 26 febbraio, ciao


Caso De Magistris. Prove di regime
20 febbraio 2008 - 08h42 - Di viviana - c69ea34fd36619f117c2002fdeb427ea...

Caro italiano a Paris

io abito a Bologna. Sorry. Il salto non lo posso fare

viviana





In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

L'utopie cest la réalité de demain. Victor Hugo
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito