Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Un futuro senza atomiche

di : Alessandro Ambrosin
lunedì 8 ottobre 2007 - 14h02
1 comment
JPEG - 19.2 Kb

Parte la campagna per una proposta di legge di iniziativa popolare per bandire definitivamente le armi nucleari dal suolo italiano.

Intervista a Lisa Clark, esponente storica dei Beati costruttori di pace

Sono oltre 50 le organizzazioni di ogni tipo che hanno già aderito all’appello e diversi comitati locali stanno costituendosi spontaneamente su tutta la penisola.

Nel 1968 fu firmato il TNP "Trattato di non proliferazione nucleare", nel quale i cinque Paesi dotati di armi nucleari si impegnarono a smantellare i propri arsenali nucleari e non aiutare alcun altro Stato a dotarsi della stessa tipologia di armi In cambio tutti gli altri Stati garantirono di non dotarsi mai di armi atomiche, di non produrne e né di accettarne sul proprio territorio.

Il trattato raggiunse il numero sufficiente di ratifiche ed entrò in vigore nel 1970. Tutte le installazioni per il nucleare “pacifico”, cioè la produzione di energia a scopi civili degli Stati non-nucleari, vennero poste sotto lo stretto controllo della AIEA (Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica).

L’Italia ratificò il trattato nel 1975, come Stato non dotato di armamenti nucleari. Col passare degli anni quasi tutti gli Stati del mondo ratificarono il TNP, rendendolo il più universale di tutti gli accordi internazionali per il disarmo. Rimangono fuori dall TNP solo India, Pakistan e Israele, i tre Stati che si sono creati un arsenale nucleare considerato illecito secondo il diritto internazionale. Inoltre, la Corea del Nord si è ritirata dal trattato nel 2006. Ad oggi, quindi, sono 188 gli Stati membri.

Abbiamo incontrato Lisa Clark esponente di Beati i costruttori di pace e coordinatrice della campagna contro le armi nucleari.

Solo quattro stati oggi rimangono fuori dal trattato, (Israele, India, Pakistan e Corea del Nord). Possiamo parlare oggi di un nuovo allarme mondiale verso il riarmo nucleare?

Sì, credo proprio di sì. Fino al 2000 possiamo dire che il TNP ha retto: ha scongiurato la proliferazione nucleare che si temeva negli anni 60, quando una trentina di Stati erano sulla strada verso la produzione di armi nucleari. Il duplice impegno, rappresentato dall’accordo, per cui le cinque Potenze nucleari (USA, URSS, GB, Francia e Cina) si impegnavano ad arrivare al disarmo e in cambio tutti gli altri si impegnavano a non dotarsi mai di arsenali atomici, ha convinto quegli Stati a desistere. E nel corso degli anni, anche alcuni Stati rimasti al di fuori del trattato hanno accettato di smantellare le proprie strutture con ispezioni dell’AIEA per poter poi accedere al trattato. Tra gli esempi più recenti, la Libia, il Sud Africa e alcuni Stati dell’ex URSS (Uzbekistan, Ucraina, ecc.). I segnali erano buoni, sebbene non fosse il caso di abbassare la guardia. In più, gli accordi tra USA e URSS procedevano bene: furono smantellate negli anni 90 decine di migliaia di armi nucleari.

Ma dopo il 2001 le cose sono cambiate. Gli USA hanno rilanciato il ruolo del nucleare nelle strategie militari. La vicenda dell’Iraq, successivamente, ha mandato un messaggio terribile: l’invasione era possibile proprio perché le armi di distruzione di massa non c’erano! Credo davvero che sia così che Iran e Corea del Nord hanno interpretato gli eventi. Non sono solo gli USA, però, quelli che rilanciano la loro superiorità grazie al nucleare: anche la Gran Bretagna vuole costruire una nuova generazione di sottomarini Trident. La Russia nel solo 2006 ha fatto ben 16 sperimentazioni di missili. La Francia di Sarkozy rivendica in ogni occasione la sua potenzialità nucleare. Insomma, sta ripartendo una corsa al riarmo atomico che va fermata.

Il trattato di proliferazione è stato di fatto eluso dai paesi firmatari. Una strategia dettata solo da un buon senso di facciata, per assicurare l’opinione pubblica?

Le potenze nucleari non hanno, in effetti, iniziato il percorso verso il proprio disarmo, come richiesto dall’articolo VI del trattato. E questo oggi comincia a pesare: gli Stati non-nucleari, in stragrande maggioranza, hanno rispettato la loro parte dell’accordo. La strada, adesso, è quella di ricominciare a fare dei passi nella direzione giusta. Ad esempio progredire con il trattato sulla produzione dei materiali fissili (sono la base per ogni produzione nucleare), imporre a USA e Cina di ratificare il trattato che mette al bando ogni test nucleare, impedire con un accordo che si militarizzi lo spazio (e la nuova difesa missilistica che gli USA vogliono predisporre vicino ai confini della Russia) e far avanzare le convenzioni tra Stati che si dichiarino “liberi da armi nucleari”. Non viene detto molto spesso, ma ormai la maggioranza degli Stati del mondo fanno parte di regioni che si sono dichiarate “Zone Libere da Armi Nucleari” (Nuclear Weapon Free Zones, NWFZ). Tutti gli Stati, tranne USA, Canada, Stati del sud Pacifico, compreso Australia, Nuova Zelanda e le molte isole dove le potenze nucleari facevano le sperimentazioni nucleari sulla pelle dei popoli. Il sud-est asiatico e ora anche gli Stati dell’Asia centrale (Kazakhstan, Uzbekistan, Turkmenistan, Kirghizistan, Tagikistan, tutto il continente africano, la Mongolia e anche la nostra vicinissima Austria. Quando anche l’Italia si sarà dichiarata “libera da armi nucleari” sarà in ottima ed abbondante compagnia.

L’arsenale presente in Italia conta 90 missili atomici nelle diverse basi Nato sparse sulla penisola, come ha riportato attraverso testimonianze Greenpeace nel 2006. Ma, vista la poca informazione a tal proposito potrebbero essere molte di pù. La Nato inizialmente aveva uno scopo difensivo nei confronti del patto di Varsavia, ora è diventata forza di prevenzione militare senza limiti geografici. Com’è possible che il TNP sia completamente ignorato?

E’ vero che sono 90 le bombe di tipo B61 in Italia in una base USA (Aviano) e in un aeroporto militare italiano (Ghedi). Non credo affatto che possano essere molte di più. I ricercatori hanno esaminato tutti i documenti militari che contengono le istruzioni per la manutenzione, trovando dettagli sulla manutenzione “nucleare” solo in quelle due basi. La NATO introdusse il concetto di “nuclear-sharing”, cioè condividere la deterrenza nucleare con gli Alleati non-nucleari durante la Guerra Fredda. Secondo i giuristi (antinuclearisti), la dottrina NATO è in violazione del trattato di Non Proliferazione. Ma la NATO ha sempre replicato, sostenendo che il Trattato Atlantico è stato firmato prima del TNP, quindi ha la precedenza. In effetti, però, conviene tener presente che quelle bombe B61 sono poco più che “ferri vecchi”. Le altre bombe sono state rimosse con il trattato INF (smantellamento armi nucleari e vettori di corto e medio raggio) tra il 1991 e il 1993. Quelle che stavano a Comiso, per intenderci.

Oggi rimangono sul suolo europeo 350 B61, di cui 90 in Italia. Anche negli altri Stati ospitanti ci sono movimenti al lavoro, affinché vengano rimosse e smantellate. Si tratta di campagne europee, da portare avanti insieme. In Belgio, ad esempio, già nel 2005 ambedue i rami del Parlamento (il Senato addirittura senza neanche un voto contrario!) si sono espressi per l’eliminazione dell bombe USA che stanno nella base di Kleine Broghel. In Germania, sempre nel 2005, il Ministro degli Esteri Joschka Fischer disse una cosa simile: e pochi mesi fa abbiamo scoperto che le 130 bombe USA che stavano nella base tedesca di Ramstein non ci stanno più. Il movimento antinuclearista europeo è ben coordinato e sta ottenendo dei piccoli successi, che vanno nella direzione giusta. Naturalmente, una volta eliminate tutte le bombe USA dai Paesi europei non-nucleari, avremo un’altra lotta, ben più ardua. Quella per il disarmo nucleare dei due Stati nucleari: la Gran Bretagna e la Francia. Ci sono già risoluzioni approvate al Parlamento Europeo che parlano della necessità di dicharare l’intera Unione Europea “Zona Libera da Armi Nucleari”.

Quante firme sono necessarie per il raggiungimento di un risultato dal quale si possano trarre risultati per raggiungere un obiettivo così importante?

La normativa italiana che disciplina le proposte di Legge d’iniziativa popolare prevede che si raccolgano 50.000 firme autenticate e certificate. La nostra Campagna crede che sia necessario raccoglierne molte di più. Tutti noi abbiamo lavorato molto per la Campagna per l’Acqua pubblica: lì si è fatto un lavoro straordinario, oltre 400.000 firme. Sarebbe un sogno riuscire a fare altrettanto. Abbiamo sei mesi di tempo, a partire dal 30 settembre: serve la collaborazione di tutte e tutti!

Maggiori informazioni sono reperibili nel sito

www.unfuturosenzatomiche.org



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

Un futuro senza atomiche
8 novembre 2007 - 20h30 - Di 884e87b234eca4ec4e7aad6467daddd0...

Buona sera,

Mi permetto di utilizzare questo spazio per denunciare lo scandaloso servizio che è appena andato in onda al tg1 sul caro petrolio e la folle proposta di Casini di tornare al nucleare.

Apparte il fatto che l’intero servizio è stato strutturato come una propaganda in favore del nucleare, il tutto è culminato col l’internvento in studio dell’amminstratore delegato dell’ENI il quale, avvalorando la tesi di Casini, ha affermato che il ritorno al nucleare sarebbe l’unica soluzione all’aumento della bolletta di elettricità e gas.

Lasciando stare il fatto che non si sia neppure menzionata l’ipotesi di una vera politica che favorisca lo sviluppo di energie rinnovabili, personalemente ritengo che gli italiani ed in primis il governo di centro (sinistra?) debbano fare molta attenzione a tutta questa "mala informazione" che circola impunemente in prima serata alla televisione pubblica veicolata dal principale telegiornale nazionale.

La salvezza del genere umano è nelle energie rinnovabili.

Antonio Contursi
Parigi 8/11/2007






IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

le merveilleux de la guerre, c'est que chaque chef des meurtriers fait bénir ses drapeaux et invoque Dieu solennellement avant d'aller exterminer son prochain. Voltaire
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito