Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Michele Fabiani deportato nel lager di Sulmona

di : Comitato 23 ottobre
domenica 27 gennaio 2008 - 16h03
6 commenti

MICHELE TRASFERITO A SULMONA. IL CARCERE DEI SUICIDI. MA ANCORA NON BASTA? GLI INQUISITORI DI BRUSHWOOD HANNO DEPORTATO MICHELE NEL CARCERE DI MASSIMA SICUREZZA DI SULMONA. VERGOGNA !

Il "capo" del "manipolo" di pericolosissimi "terroristi" di Spoleto, rei confessi di aver fatto qualche scritta sui muri, carcerati senza alcuna prova con l’accusa di aver minacciato la Presidente della Regione Lorenzetti, è stato portato via da Perugia, di nascosto dagli avvocati e di nascosto dai parenti, che hanno appreso la notizia quando questa mattina ( madre e le due nonne ) si sono recati a fargli visita nel carcere di Capanne.

Il terzo mondo è qui. La violenza con cui le istituzioni "democratiche" trattano i detenuti e i loro famigliari fa vergogna, e neanche una carcerazione sulla base di presunti indizi e in mancanza di qualsiasi condanna fa differenza.

Il nostro cuore piange, ma dai nostri occhi non uscirà una lacrima, abbiamo da combattere una battaglia di liberazione che non lascia spazio alle emozioni.

Attraverso Internet siamo venuti a conoscenza che Michele è inserito negli elenchi dei detenuti politici di Sulmona dal 24 gennaio, ore 12.

Il carcere di Sulmona, altrimenti chiamato il carcere dei suicidi, ha visto un lungo elenco di carcerati usciti morti in pochissimi anni, al punto che molti giornali hanno detto che da quelle celle è più facile uscire morti che vivi.

Attraverso l’Avvocato difensore Vittorio Trupiano il caso Fabiani sarà da martedì all’attenzione della Corte Europea per la difesa dei diritti dell’uomo con sede in Strasburgo.

La difesa invocherà l’applicazione delle misure provvisorie (artt. 54-57 regolamento A), perchè la Corte blandisce severamente le carcerazioni preventive ad usum confessionale

Chiediamo a chi ha a cuore la giustizia e la libertà di schierarsi immediatamente.

Non solo l’innocenza certa alla prova dei fatti, ma perfino le accuse, peraltro inventate e prive di riscontri, appaiono ridicole e misere a fronte di quello che gli stanno facendo. Il disprezzo che esce dai nostri cuori non potrebbe essere più grande verso coloro che gestiscono questo circo dell’orrore che chiamano giustizia.

Scrivete subito a : Michele Fabiani Carcere di massima sicurezza via Lamaccio 21 - 67039 Sulmona (AQ)

Comitato 23 ottobre

Spoleto 26 gennaio 2008



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

Dichiarazione del difensore
27 gennaio 2008 - 16h56 - Di Vittorio Trupiano - 5a3cdc684334250fce51f7e9dc377368...

Il problema in Italia non è tanto la destra o la sinistra (eccetto qualche convinto ideologo, rovesci della stessa medaglia), quanto l’amministrazione della Giustizia, perchè di Giustizia stò scrivendo, anche se nel caso di specie o levo la maiuscola o scrivo direttamente Ingiustizia.

Mi riferisco all’infraventunenne, incensurato, Michele Fabiani ed al suo infinito calvario, passato in secondo ordine mediatico, ma non su questo sito, a causa di un turpe omicidio di una studentessa inglese in quel di Perugia, ed è noto che nel "recipiente" intellettivo del quisque de populo la tresca perugina, fosse solo per i suoi connotati dal profilo squallidamente basso-casalingo, al pari dell’altrettanto turpe omicidio di Cogne ( a proposito, quella, la Franzoni con una sentenza di appello che la condanna a 24 anni, o 16, ora non ricordo, imputata di avere ucciso suo figlio, a due passi dalla definitività del provvedimento, se ne va a zonzo per l’Italia, dentro c’è stata poco o niente.

Motivo? Non ci sono mai state esigenze cautelari, omicidio, infanticidio, svanisce il pericolo di fuga ed anche quello di inquinamento delle prove.. mah!).

Michele, che avrebbe (?) spedito 3 proiettili a scopo dimostrativo ad un politico, Michele, dicevo, deve stare dentro ed a carcere duro, si perchè la nuova destinazione di Sulmona, anche senza 41 bis, è delle più insopportabili, per il clima, per la severità degli addetti ai lavori, per quel totale senso di alienazione che ti prende quando ti chiudono il blindato, ma soprattutto per il latriti dei cani "da guerra" che popolano la struttura carceraria.

Non a caso è il carcere col maggior numero di suicidi..al punto che si suicidò pure l’allora direttrice Dr.ssa Miserere, trovata esanime nel proprio letto con un foro alla testa e con accanto l’immancabile pastore tedesco di nazista memoria.

Bravi!

Chi lo ha deciso, il DAP, il P.M.?

Certo è che ora la passerella di politici che andavano e venivano dal carcere perugino non c’è più, insomma, un fastidio in meno, tranne il ripertersi del fenomeno anche a Sulmona, in tal caso il Fabiani dovrebbe a breve termine fare il giro d’Italia, già perchè egli rappresenta un’idea, la incarna, e non un crimine, e per ciò stesso la solidarietà non gli mancherà mai.

E’ pure una mera coincidenza che il trasferimento sia avvenuto a caduta verificatasi del governo Prodi, nella cui pseudo coalizione erano oramai in tanti ad aver espresso solidarietà a Michele, tradottasi sinanche in diverse interrogazioni parlamentari ad un Ministro della Giustizia forse preso da altri problemi.

Ecco, appunto, il problema è che occorre una quanto mai rapida mutazione della Costituzione repubblicana in materia di Giustizia.

In tutta evidenza, i Giudici in Italia hanno troppo potere, al punto da autogovernarsi, essi sono soggetti solo a loro stessi, nonchè all’azione penale che, però, loro stessi gestiscono.

E’ anche e soprattutto ciò che partorisce una infinità di disparità di trattamento fra gli stessi detenuti o imputati.

Là ammazzi e stai fuori, a due passi dalla definitività del provvedimento, quà pensi, quindi sei un terrorista e stai dentro.

Si perchè, in tutta franchezza, anche se fosse stato realmente Fabiani, e non è così, non vi sembra che abbia già pagato abbastanza?

Perchè una interpretazione delle esigenze cautelari così ferrea nel suo caso, e tanto, ma tanto lassiva, permissiva, in altri, anche più gravi e di ben maggiore allarme sociale?

Perchè non vedere celebrare il suo processo da uomo libero, al pari di tanti, ma proprio tanti, imputati di delitti ben più gravi?

Meditate, io nel frattempo il suo caso, dall’arresto ad oggi, mi accingo a portarlo alla Corte Europea e non penso proprio che anche a Strasburgo plaudiranno a questa splendida operazione dei R.O.S. e correlate informative.

Vittorio Trupiano



Dichiarazione del difensore
27 gennaio 2008 - 17h15 - Di Vittorio Trupiano - 5a3cdc684334250fce51f7e9dc377368...
moderato

Dichiarazione del difensore
27 gennaio 2008 - 17h35 - Di Vittorio Trupiano - 5a3cdc684334250fce51f7e9dc377368...

prima di tutto ricordiamo cosa è il carcere di Sulmona
http://isole.ecn.org/filiarmonici/s...

In merito a quello che dice l’avvocato Trupiano.

Non sono certo io a meravigliarmi se la Giustizia è una giustizia di classe,
ossia sostanziata nella vendetta del potere che viene offeso.
Proprio oggi davano la notizia di un extracomunitario
che uscito dall’ospedale perché aveva fame aveva rubato yogurt e biscotti, e
a distanza di anni è stato raggiunto da quell’orba di giustizia dei padroni.
Come dice De Andrè
noi sappiamo che non è reato rubare quando si ha fame, noi!
Allora io penso che il problema non sia l’amministrazione della Giustizia o
i giudici che hanno troppo potere, il problema è sempre quello di fondo che
lo Stato del Capitale non prevede proprio
la Giustizia ma solo la vendetta.
Ciò non vuol dire che non bisogna tentare tutte le strade legali per cercare
di sfuggire a questa legge che è il fondamento di tutte le leggi, anzi si
DEVONO tentare con questa chiarezza in testa, però, cosa che credo vuole
anche Michele, per quello che lo conosco.

Certo debbo ammettere che sul piano etico persone dotate di sensibilità
restano colpiti da come mediaticamente si solleticano gli istinti più
negativi col dare grande pubblicità ad ogni tipo di sordidume,
anche questo è fatto scientemente, infatti mi pare che per non so quale
delitto efferato migliaia di persone stanno facendo la fila al processo come
se andassero ad un concerto.
Questo ci da la cifra del perché persone come Michele sono "mostri" e magari
la madre di Cogne no. Perché le idee di Michele o magari anche le mie
mettono paura, sono pericolose, altri fattacci invece vengono amplificati
perché brutalmente: se vi accoppate tra di voi è meglio!
Basta che noi restiamo innocenti a vita che poi è quello che vogliono
ammantando di nobili motivazioni le loro dimissioni (Toto’), o arrivando a
citare pure versi, pensate un pò! (Clemente).

In effetti certi fatti sono amplificati perché hanno rovesciato la frase di
Dante
fatti foste a viver come bruti.....
quale seguir virtude e conoscenza?

Ho notato una cosa in proposito, su rai tre nazionale, notate rai tre, non
una parola su Michele, non una parola sul processo di Cosenza, ma una serie
di servizi su giovani universitari che si prostituiscono con signore
attempate per mantenersi agli studi.
Come fa una smaliziata come me a non pensare che tali servizi reiterati sono
fatti ad hoc, nel senso
lo stato sociale non c’è più.
ARRANGIATEVI

annassero a fare in culo con la loro ipocrisia cattolica
vittoria oliva
tredicesima imputata del Sud Ribelle


Dichiarazione del difensore
27 gennaio 2008 - 19h17 - Di Vittorio Trupiano - 5a3cdc684334250fce51f7e9dc377368...

Subdolo, come un male incurabile, si avverte un pericolo che si chiama assuefazione. E’ incontrovertibile che dopo Genova 2001, si è visto un accanimento generalizzato, una accelerazione esponenziale della repressione non solo verso chi aveva espresso la sua ribellione per le vie di Genova allo stato di cose presenti, alle DEVASTAZIONI effettive, reali in campo economico, sociale, politico, morale causate dagli interessi dei potenti della terra: questo non bastava, non bastava soffocare quella giusta rivolta nel sangue e non bastava trascinarla nelle aule dei tribunali. Per il potere era questione vitale fermare, sul nascere, ogni forma di protesta e contestazione alle devastazioni che subiamo, alle devastazioni a cui voglio piegare le vite non solo dei militanti ma di tutti i "sottoposti". Quindi è partita una caccia alle streghe generalizzata, numerosissime sono state le inchieste e i compagni incarcerati ed inquisiti, si può dire che ogni regione ha avuto il suo numero di "mostri" sbattuti in prima pagina. Inchieste, va sottolineato, basate tutte su indizi risibili: Ma bisognava creare il clima del pericolo terrorismo nel nostro paese per distrarre le masse da quello che è il terrore vero, perché di terrore vero è altro e di diversa natura: il terrore vero è lo sfruttamento da cui ricavano i profitti, il terrore vero è la situazione economica delle famiglie, e sono le loro stesse statistiche ad ammetterlo, spudoratamente, il terrore vero è di ritrovarsi senza casa, senza sanità, senza diritto alla cultura, il terrore vero è di morire come alla TissenKrupp o a Marghera. Come sempre LA STRAGE E’ DI STATO.

E’ in questo contesto che si inquadra l’inchiesta che vede coinvolti i compagni Michele, Andrea, Dario, Mariano. Il copione è sempre il solito, cambiano solo i nomi dei" mostri". Il reiterare ininterrotto di inchieste giudiziarie di questo genere, può generare uno stato di assuefazione, anzi ,scientificamente, credo, che seguano questa strategia del ragno proprio per ottenere questo risultato; del resto non ci si è abituati al fatto che ci sia una guerra permanente? la "gente" sbuffa e mugugna perché non ce la fa ad arrivare alla fine del mese ma non ha coscienza del fatto che si vive in una economia di guerra, che lo stato sociale deve pagare i costi della guerra, più naturalmente tutti i soldi che si fottono loro personalmente, quelli che sono "fatti loro", e fatti per loro. Ora se per loro è vitale tenere chi si ribella allo stato di cose presenti perennemente in galera, sotto inchieste ed inquisiti è vitale per tutti noi esprimere apertamente la nostra rivolta a tali nefandezze, non lasciarsi abbattere e continuare a lottare per la liberazione di chi è ingiustamente accusato. Cento giorni di galera sono lunghi, cento giorni di galera per dei giovani possono essere devastanti, e quello a cui si mira, eppure questi giovani dimostrano col loro comportamento di saper resistere e sono un esempio per tutti noi.

Del resto per avere la cognizione reale della realtà in cui viviamo basta pensare alla dignità di Michele e di questi giovani e allo spettacolo inverecondo che si è visto al senato ultimamente, basta pensare alla munnezza che travolge Napoli e a De Gennaro che da Genova va a fare pulizia a Napoli, si è visto e si vede in che modo.

Ben vengano quindi iniziative di questo genere e mi auguro che molti partecipino a questo presidio permanente. Non è in gioco solo il destino di questi compagni, è in gioco la vita di tutti noi, la nostra agibilità politica e la nostra dignità di esseri umani.

L’Avamposto degli Incompatibili www.controappunto.org


bieca vendetta di stato
27 gennaio 2008 - 21h47 - Di 564ed4ea313003a4b1abad22f44beb87...

E’ ormai evidente per tutti che contro Michele è stata orchestrata una maldestra montatura, fondata solo su sospetti e illazioni, e che il suo arresto, come quello degli altri compagni, è del tutto arbitrario: si tratta di una bieca vendetta dello stato e del suo braccio armato(l’ineffabile gen. Ganzer, capo dei ros, imputato in un processo in corso a Milano di reati gravissimi).

Ma questo ultimo episodio è particolarmente odioso e crudele perchè colpisce Michele nei suoi affetti (maggiori difficoltà per le visite dei familiari), nel suo dirito alla difesa (analoghe difficoltà per i contatti coi difensori) e soprattutto nel rapporto di generale e convinta solidarietà che si è creato nella sua zona di origine.
Proprio per questo, visto che il potere teme la solidarietà popolare, dobbiamo tutti mobilitarci per far sentire a Michele tutta la nostra affettuosa solidarietà e per una sua rapida lberazione.

Se Michele è colpevole di qualcosa, cioè di aver professato apertamente le sue convinzioni e le sue idee libertarie, ALLORA SIAMO TUTTI COLPEVOLI, ALLORA ARRESTATECI TUTTI

Maurizio Bassetti


bieca vendetta di stato
27 gennaio 2008 - 22h27 - Di 564ed4ea313003a4b1abad22f44beb87...

Vorrei esprimere tutta la mia vicinanza alla famiglia Fabiani il cui figlio Michele è stato travolto da una giustizia che sta sempre più dimostrando di essere ingiusta e persecutoria, degna di un paese incivile come sta diventando il nostro.
Vorrei anche esprimere il mio sconcerto per la risposta alla mamma del giovane Fabiani
scritta da un portavoce della Presidentessa della Regione Umbria e pubblicata il 23
gennaio sulle pagine di un quotidiano locale.
Sono rimasto allibito come cittadino dal tono minatorio della risposta del portavoce
quando parla di "notizie ed affermazioni gravi, che potrebbero presupporre responsabilità
civili e penali" .
Nessuno credo possa negare quanto è stato pubblicato dalla stampa nazionale, locale e sul sito della Regione Umbria
(http://www.regione.umbria.it/news.a...) lo stesso giorno dell’arresto dei 5 ragazzi.
In quegli articoli si riportano le espressioni di apprezzamento della Presidentessa ai magistrati e alle forze dell’ordine per l’operazione Brushwood.
E’ come se nei confronti di questi ragazzi fosse stata espressa a priori una sentenza di
condanna. Non capisco quale altra lettura si possa dare a certe notizie.
Noi cittadini ci
saremmo aspettati non dico delle scuse per delle parole che sembrano una condanna a
priori, ma per lo meno qualche parola di vicinanza o di solidarietà ad una mamma convinta, come tutti noi, dell’innocenza del suo ragazzo ventenne.
Alessandro Asinari di San Marzano





In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La paix n'est pas l'absence de guerre, c'est une vertu, un état d'esprit, une volonté de bienveillance, de confiance, de justice. Baruch Spinoza
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito