Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Partiti della sinistra e mondo del lavoro, il cotrocircuito della sconfitta elet

di : Frida Nacinovich
lunedì 7 luglio 2008 - 14h34

Partiti della sinistra e mondo del lavoro, il cotrocircuito della sconfitta elettorale

di Frida Nacinovich

Torino, manifestazione a Mirafiori Ansa. In alto foto Reuters/David Moir L’impopolarità del governo Prodi basta a spiegare le ragioni della sconfitta elettorale di aprile? Cos’è successo nell’Italia che ha visto trionfare il centrodestra berlusconiano, che ha premiato la Lega con il 9%, che ha cancellato la sinistra dal Parlamento?

Zipponi

La sinistra è stata clamorosamente sconfitta perché lavoratori dipendenti, precari e pensionati non ci si riconoscono più. Non è più la loro comunità di riferimento. Il successo di Bossi, il trionfo del centrodestra, l’affermazione di Di Pietro parlano dell’isolamento del mondo del lavoro. La sconfitta della sinistra nasce da un’altra sconfitta: quella dei movimenti. Del movimento dei movimenti, quello operaio. Non è un caso che solo in un paio di paesi europei esista il contratto nazionale di lavoro, attaccato in Italia da Confindustria. Il movimento operaio arretra proprio mentre aumentano i lavoratori precari, subisce la frammentazione dell’impresa, la delocalizzazione, il ricatto occupazionale. I lavoratori stanno sempre peggio. Qui sta il punto di partenza per Rifondazione.

Grassi

La sconfitta della sinistra ha radici profonde, che affondano - sul piano sociale e culturale - negli anni Ottanta, agli inizi di quel ciclo lungo di rivoluzione passiva che dura tuttora. Ovunque nel mondo importanti conquiste democratiche e sociali sono state perdute. Non basta, ma è chiaro che esistono cause contingenti determinanti, prima tra tutte l’esperienza fallimentare del governo Prodi, incapace di dare risposte reali alle istanze di redistribuzione e recupero del potere dei salari. Da questo punto di vista, mi pare evidente che il conto più salato sia stato pagato proprio dalla sinistra. Siamo stati percepiti come inutili. Quella stessa insicurezza sociale alla quale noi non siamo stati in grado di dare risposte è stata magistralmente rappresentata dalla destra. Con strumenti e fini opposti, ovviamente: un pericolosissimo mix di egoismo, xenofobia, darwinismo sociale e chiusura localistica. È una sconfitta gravissima alla quale dobbiamo rispondere rilanciando le nostre ragioni e facendole vivere nella società, a partire dalla costruzione di una forte opposizione politica e sociale alle destre.

In Italia le forze di sinistra sono fuori dal Parlamento. Anche in Francia e in Spagna la sinistra arretra. L’unica nazione in controtendenza è la Germania. La sinistra ha un "problema europeo"?

Zipponi

A Torino, davanti alla Tyssen Krupp, quando Rifondazione ha fatto l’assemblea nazionale dei lavoratori e delle lavoratrici abbiamo detto che la crisi della sinistra attraversa l’Europa. Abbiamo provato ad indicare obiettivi comuni. Ad esempio un contratto di lavoro europeo. Se c’è una Costituzione, una moneta, il 60% delle leggi vengono fatte dal Parlamento europeo, allora perché non può esserci un contratto comune dove si stabiliscano orari di lavoro massimi e salari minimi? Di sicuro, il contratto di lavoro dei metalmeccanici italiani è di nuovo in pericolo. La Confindustria sa che questo è il suo periodo magico, tenta di chiudere l’accordo sul sistema contrattuale prima che si apra il conflitto sociale. La sconfitta della sinistra è una sconfitta di fase, si specchia nella perdita di controllo sull’organizzazione del lavoro. La stragrande maggioranza degli accordi firmati sono di resistenza alle ristrutturazioni. I lavoratori devono tornare protagonisti, e devono trovare rappresentanza le nuove forme di subalternità. Per fare un esempio, che riguarda il lessico ma è illuminante, la destra sociale chiama "liberi professionisti" quelli che per noi sono "lavoratori dipendenti subordinati". Se non riesci a migliorare le loro condizioni di vita, va a finire che i precari preferiscono essere chiamati "liberi professionisti" che "lavoratori subordinati". La sinistra deve proporre libertà da conquistare. Con la consapevolezza che se stanno male i lavoratori prima o poi staranno male anche le grandi organizzazioni sindacali. Il governo sta preparando la campagna di autunno contro l’idea solidale e confederale della rappresentanza sociale. L’assemblea annunciata per il 23 luglio da Rinaldini sarà un momento importante se saprà chiudere la fase delle vecchie componenti in Cgil e aprirne un’altra, consegnata ai lavoratori e alle lavoratrici con l’obiettivo di portare tutta la Cgil verso una nuova piattaforma sociale, onde evitare l’accordo-suicidio proposto da Sacconi-Confindustria. Per esperienza, so che l’autonomia del sindacato supera il problema di "essere nell’angolo" quando si ha il coraggio di riconoscere la realtà. E cioè che nell’angolo già ci sono i lavoratori, così come tutti noi.

Grassi

Non c’è dubbio che le forze della sinistra di alternativa in Europa siano da tempo in difficoltà. Ciclicamente si riescono a determinare fasi di crescita, penso ad esempio alla Izquerda Unida negli anni ’90 in Spagna, o alla gauche plurielle francese o ancora, oggi, alla Linke tedesca. Ma il quadro rimane di profonda difficoltà. Nonostante alcuni elementi di controtendenza, dal no francese alla Costituzione europea alle mobilitazioni contro la direttiva Bolkestein, le fiammate di conflitto sociale che attraversano il cuore dell’Europa (Francia e Germania), la destra o una sinistra moderata in versione blairista appaiono vincenti in tutto il Continente. E questo non può che acuire la crisi di legittimità di un’istituzione, l’Unione Europea, sin dalle sue origini tesa a costruire un mercato comune, ma non una cittadinanza comune. Il caso della Linke tedesca, poi, impone qualche osservazione aggiuntiva, anche perché essa viene spesso citata come modello vincente: al di là delle grandi differenze tra Italia e Germania, quel pezzo di socialdemocrazia tedesca che ha rotto con l’Spd ha fatto propria una pratica di conflitto contro i tagli allo Stato sociale promossi dall’allora ministro socialdemocratico Hertz, ha rotto con il governo Schroeder e con lo stesso socialismo europeo. Non mi pare sia un modello facilmente sovrapponibile alle posizioni che esprime in Italia Sinistra democratica.

In tutta Europa, non solo in Italia, si lavora sempre di più. Da queste parti per giunta si guadagna anche di meno e si muore di più. L’ultimo rapporto Ocse dice che gli italiani sono sempre più stakanovisti ma guadagnano circa il 20% in meno alla media dei trenta paesi più industrializzati del mondo, e il 17% in meno dei paesi di eurolandia.

Zipponi

Un’ecatombe. Nessuno è più in grado di reagire all’uccisione dei lavoratori, una tragedia insopportabile che ha bisogno di risposte immediate. Proprio da qui la sinistra deve ripartire, dal lavoro. Al tempo stesso è necessario fare i conti con una novità storica: è nata una generazione di lavoratori poveri. Mentre i nostri genitori avevano la speranza e la possibilità di migliorare le loro condizioni di vita, il lavoro offerto oggi dal sistema impresa - che supera le quaranta ore settimanali - lascia in stato di povertà. Non sono in grado di garantire a sé e alla propria famiglia l’istruzione fino all’università, un’assistenza sanitaria adeguata, la casa. La novità del lavoratore povero dice che lo scontro a settembre e ottobre sarà sul salario, e purtroppo contemporaneo ad una nuova fase di recessione e crisi aziendali fortissime, con un attacco frontale del governo a tutti i diritti fondamentali dei lavoratori.

Grassi

Il peggioramento delle condizioni del lavoro dipendente è un fenomeno globale, così come globale è l’arretramento del peso politico del mondo del lavoro. Il combinato disposto di questi due elementi definisce il livello della sconfitta. Non penso soltanto alla direttiva europea sull’orario di lavoro o al livello dei salari. Mi viene in mente la catena di suicidi di lavoratori metalmeccanici della Renault in Francia. In Italia c’è però un dato che rende ancora più drammatica, e grave, la sconfitta del lavoro: l’arretratezza del sistema produttivo. Il governo Prodi non ha invertito questa tendenza e il taglio del cuneo fiscale, servito soltanto alle imprese per comprimere ancora di più il costo del lavoro, è il paradigma di questa scelta. Per non parlare del protocollo sul welfare, con il quale i sindacati hanno barattato impercettibili miglioramenti normativi con la conferma dell’impianto della legge 30. Ora è in corso l’ultimo e più pesante attacco: la distruzione del contratto collettivo nazionale porterebbe con sé la definitiva destrutturazione del lavoro come soggetto collettivo in grado di avanzare rivendicazioni sociali e una propria idea di società. Esiste solo uno strumento per bloccare questo processo: la rimessa in campo del conflitto sociale. Spero che il più grande sindacato italiano sia in grado di rimettersi in gioco con forza e credo che l’iniziativa organizzata dalla sinistra sindacale il 23 luglio possa stimolare il risveglio dal lungo sonno. Opposizione e conflitto sociale: la sinistra non può che ripartire da lì.

Ci sono quattro partiti di sinistra che alle ultime elezioni si sono presentati sotto un unico simbolo. Altri due - il Partito comunista dei lavoratori e la Sinistra critica - hanno corso in solitaria. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Che fare?

Zipponi

La crisi della politica parla alla nostra crisi. Se fosse solo un problema di gruppo dirigente, di conta nel congresso, di mozioni, dormirei sogni tranquillissimi. Quello che non fa dormire sogni tranquilli è l’obiettivo palpabile della classe imprenditoriale di liquidare l’alterità ai valori dell’impresa. La sinistra deve riorganizzi, al più presto. Non può presentarsi con quattro partiti in Italia, tre in Francia, molti altri sparsi per l’Europa. Penso a un processo costituente che non chieda di rinunciare alla propria identità. Piuttosto siamo tutti chiamati a dire se il mondo del lavoro merita una grande forza di sinistra. Una forza in grado di fare opposizione alla destra, governare i processi di trasformazione, aprire la questione salariale. Una sinistra che considera il conflitto un punto dirimente per ristabilire rapporti di forza dignitosi con chi ha vinto. E oggi ha vinto il capitale. Il conflitto capitale lavoro è un punto ineliminabile della nostra storia. Il lavoro deve aver voce, dignità e rispetto. Per diventare imprenditore basta una settimana di pratiche, per essere un buon operaio occorrono tre anni di apprendistato, per un buon insegnante, un infermiere o un medico molti di più. Eppure non conti niente, ti pagano una miseria. Manca il riconoscimento sociale per chi ha faticato e fatica. Valori diversi da quelli dell’impresa per una forza di sinistra sono la benzina. Su questo il congresso di Rifondazione è chiamato a fare uno scatto che ancora manca. Si corre il rischio di perdere di vista l’avversario di classe con un danno enorme a Rifondazione e a qualsiasi progetto di ricomposizione a sinistra. Tutti abbiamo il dovere di fermarci prima di percorrere l’ultimo metro verso il baratro.

Grassi

Purtroppo ad essere sotto gli occhi di tutti non è soltanto il risultato poco gratificante delle due liste che hanno corso in solitaria, ma anche - anzi: soprattutto - il clamoroso insuccesso della lista Arcobaleno. Una coalizione di forze che è stata percepita dall’elettorato in tutta la sua inconsistenza politica e programmatica. Bisogna ripartire necessariamente da presupposti diversi. Il primo: non c’è futuro della sinistra senza il rilancio del nostro partito, che in tutti questi anni è stato l’argine più consistente allo sfondamento della destra. Mussi ha detto esplicitamente che la costituente significa per Sd lavorare ad un nuovo partito. Capisco e rispetto questo progetto, ma noi un partito lo abbiamo già. Oltre a ciò, faccio notare che una tale proposta, preso atto di quali sono oggi i soggetti disponibili, produrrebbe uno spostamento a destra dell’asse politico della sinistra. Che garanzie darebbe un soggetto politico di quel tipo in termini di autonomia dal Partito democratico? Detto questo, so anch’io che il partito è in difficoltà. Ma il nostro non è un partito virtuale o di ceto politico, pur in difficoltà è il cuore pulsante della sinistra di alternativa, certo deve essere rilanciato sul piano organizzativo e dell’iniziativa politica. In secondo luogo serve aprire il Prc - proprio perché ciò che ho descritto non è sufficiente - alla società e a quella che viene definita la sinistra diffusa, costruendo ovunque, in ogni territorio, luoghi di ricerca, confronto, iniziativa politica, che noi chiamiamo "case della sinistra". Bisogna unire la sinistra nelle vertenze e nelle lotte quotidiane, non nel cielo dell’ingegneria politica. E poi serve un’ultima cosa, forse la più urgente. Senza che nessuno si sciolga ci si unisca tutti (partiti, movimenti, forze sociali e di lotta della sinistra alternativa) in un coordinamento che non perda altro tempo e faccia, da subito, opposizione sociale e politica al governo delle destre.

su Liberazione del 05/07/2008



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Pour être un membre irréprochable parmi une communauté de moutons, il faut avant toute chose être soi-même un mouton. Albert Einstein
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito