Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Congresso PRC: a Parma tutti uniti, ma la 2 si divide

di : Parma
mercoledì 16 luglio 2008 - 11h00

A Parma tutti uniti, ma la 2 si divide

Si è concluso oggi, 13 luglio, il Congresso provinciale del PRC di Parma. Al termine del dibattito sono stati presentati due documenti politici contrapposti. Quello sottoposto dai compagni di “Rifondazione Comunista in Movimento” ha ottenuto il 42,3%, un consenso superiore al 37,7% ottenuto nei congressi di circolo.

Il documento che ha raccolto la maggioranza è stato sostenuto congiuntamente da Falcemartello, dall’Ernesto e dalla mozione Vendola. Questa inedita alleanza ha portato alla spaccatura tra i sostenitori del secondo documento. Una parte ha deciso di non partecipare al voto, alcuni si sono astenuti e altri hanno deciso di votare a favore del documento presentato dai “Rifondazione Comunista in Movimento”. Il documento presentato dai sostenitori di “Rifondazione Comunista in Movimento” è stato l’unico a prendere chiaramente posizione contro qualsiasi ipotesi di superamento del PRC, oltre ad affrontare in modo organico e con spirito unitario le questioni locali.

Di seguito riportiamo il testo del nostro documento.

Franco Ferrari

Coordinamento parmense della prima mozione

“Il Partito della Rifondazione Comunista si trova a confrontarsi sul proprio futuro all’indomani di una gravissima sconfitta elettorale che ha portato all’esclusione dal Parlamento dei comunisti e delle forze di sinistra, e dopo una crisi politica determinata innanzitutto dalla profonda delusione per l’esperienza del governo Prodi fra coloro che ci avevano sostenuto. Naturalmente la sconfitta è anche frutto di problemi e di difficoltà di più lungo periodo, di errori di direzione che hanno portato ad un indebolimento del radicamento sociale del partito.

Questa condizione di grande difficoltà si presenta, per qualche aspetto anche aggravata, nella realtà di Parma, come indicano la riduzione del numero degli iscritti, il calo della partecipazione al congresso provinciale, lo stato di difficoltà in cui si trovano molti circoli, il più generale appannamento della nostra iniziativa politica. Questo pur in presenza dello sforzo generoso di molti compagni e compagne affinché il partito sia presente e attivo nelle istituzioni, nei territori, nei conflitti sociali. Il Congresso anche se concentrato innanzitutto sulle scelte di prospettiva generale può e deve essere l’occasione per indicare alcuni elementi di discontinuità politica e organizzativa che consentano il rilancio del partito anche a Parma.

1) Il punto di partenza non può che essere il rifiuto di ogni ipotesi di superamento di Rifondazione Comunista. Si deve respingere con nettezza l’idea che la nostra esperienza politica sia conclusa e che possa essere ormai solo un trampolino per fare altro. Il Partito della Rifondazione Comunista deve continuare ad esistere, e questo impegno vale per l’oggi e per il domani.

2) Perché questo impegno non sia inteso come mera opzione di sopravvivenza occorre mettere in campo un processo reale di rinnovamento che si basi su di un bilancio critico di quanto è avvenuto in questi anni, non solo a livello nazionale ma anche nella nostra realtà, partendo dall’assunzione di responsabilità dei gruppi dirigenti ad ogni livello. Per questo dobbiamo guardare fuori di noi e al nostro interno.

3) Innanzitutto occorre un cambiamento radicale nel modo di essere del Partito a partire dal rifiuto della logica maggioritaria nella sua direzione. Questo ha condotto alla formazione di maggioranze precarie e fragili contrapposte a minoranze chiuse su stesse in una generale incapacità di riconoscere le ragioni reciproche e di far prevalere l’interesse comune di tutto il Partito. Questo Congresso propone di assumere l’obbiettivo della gestione unitaria della federazione unitamente ad una valorizzazione complessiva della democrazia interna. Tutti gli organismi dirigenti provinciali e di circolo e tutti gli strumenti di riflessone e di azione politica che possiamo darci devono essere orientati non alla conta permanente tra le correnti bensì alla produzione di proposte e di azione politica che ci porti fuori dalle sedi di partito, tra la gente, nei movimenti di lotta e ci renda protagonisti del dibattito politico-culturale della società parmense.

4) Dobbiamo assumere un atteggiamento più rigoroso nel rispetto delle regole, non per formalismo burocratico, ma perché esse sono garanzia per tutti del diritto a partecipare e a contribuire al dibattito e alla trasparenza nella formazione delle decisioni. Così come sono necessarie maggiore rigore e maggiore partecipazione nella selezione delle nostre presenze istituzionali, un rapporto più stretto e migliore coordinamento tra queste presenze e il partito nel suo complesso, il pieno rispetto delle regole relative ai contributi economici previsti dallo Statuto.

5) La priorità dei prossimi mesi deve anche essere la ricostruzione e il rafforzamento dei circoli territoriali. Diversi di essi oggi non avrebbero più i numeri per essere statutariamente riconosciuti. Va fatto ogni sforzo perché tutti i circoli attuali possano recuperare la dimensione prevista dallo Statuto e riprendere l’attività politica. Per quanto riguarda la città, dove esiste una debolezza complessiva del partito che ha pesanti conseguenze sul nostro radicamento sociale, è necessario prevedere una razionalizzazione dei circoli attraverso un loro raggruppamento. Altra priorità deve essere l’estensione della nostra presenza sui luoghi di lavoro e nella capacità di organizzare il lavoro precario e migrante.

6) Resta irrisolto il tema della composizione di genere del nostro Partito, in particolare a Parma, nel quale la presenza di compagne è rimasta de tutto marginale da punto di vista numerico. Una sola compagna presente in segreteria, nessuna in direzione, pochissime nel CPF e alla guida dei circoli o nei ruoli istituzionali. E’ evidente che questo è uno dei segnali più macroscopici della nostra inadeguatezza nel rappresentare la complessità della società, dei suoi conflitti e delle sue aspirazioni alla liberazione e al riconoscimento di nuovi diritti sociali e civili. Nuove aspirazioni che hanno trovato nei movimenti femministi, nell’intreccio tra lotta contro il patriarcato e contro il dominio del capitale sul lavoro uno degli elementi più avanzati. L’apertura del partito alla soggettività politica femminile a tutti i livelli è una delle condizioni per avviare un processo di discontinuità rispetto al passato.

7) Il perseguimento di questi obbiettivi può avvenire riprendendo e attualizzando le linee di azione previste nel documento unitario approvato dalla Conferenza di organizzazione provinciale del 2007 che ha consentito al partito di convergere su indicazioni di metodi e obiettivi di lavoro comuni. Quella proposta è rimasta purtroppo inattuata. Oggi dobbiamo riprenderne sia i contenuti che l’ispirazione mettendola a base della pratica politica quotidiana del partito.

8) Dobbiamo lavorare concretamente per costruire l’unità a sinistra, senza mettere in discussione la nostra come l’altrui sovranità e identità, partendo dalla costruzione comune di un’azione di opposizione alle politiche reazionarie del governo Berlusconi, sia sul terreno della legalità che su quello delle politiche sociali. Questa ricerca dell’unità si deve rivolgere sia alle forze politiche che si collocano a sinistra del Partito Democratico, come a tutte le realtà associative e di movimento che esistono a Parma.

9) Non possiamo nasconderci che il rapporto con il Partito Democratico, senza un cambiamento radicale di politica di questa forza che ha compiuto dalla sua fondazione una svolta in direzione moderata e neocentrista, non potrà che essere conflittuale e se necessario anche di aperta lotta politica. Un conflitto che deve mettere al centro i contenuti, senza cadere nel settarismo e quindi senza escludere la possibilità di convergenze nelle lotte di difesa della democrazia e della Costituzione contro il governo Berlusconi (anche se finora il PD si è dimostrato incapace di contrastare la destra anche su questo terreno minimo). Così come non si deve escludere la possibilità, a partire dalla centralità dei programmi, di poter condividere scelte di governo locale. Ciò non deve però andare a discapito della nostra autonomia politica e della nostra capacità di iniziativa.

10) La questione della nostra partecipazione all’Amministrazione provinciale è stata oggetto di dibattito e anche di divisioni politiche non sempre limpide in questi anni all’interno della Federazione di Parma. La proposta di verifica si è trascinata per lungo tempo senza che venissero individuati con necessaria chiarezza i temi sui quali realizzarla, né si è costruita una partecipazione larga del partito a definirne l’agenda. Nel tema del rapporto con l’Amministrazione Bernazzoli si sono intrecciati, a volte strumentalmente, anche elementi di conflittualità interna al partito. Il nuovo CPF dovrà compiere un bilancio serio dell’azione svolta dalla Giunta nel suo complesso in questi anni, dall’adeguatezza del nostro ruolo in Giunta e in Consiglio provinciale e avviare a tal fine un confronto largo con tutto il partito, il cui esito non può prescindere dalla volontà espressa dai circoli territoriali del PRC. In vista delle elezioni del prossimo anno dobbiamo individuare i modi con i quali rilanciare la nostra iniziativa su tutti i temi principali (ambiente, rifiuti, servizi, lavoro, precariato, gestione del territorio, ecc.) al fine di ottenere risultati concreti per i lavoratori e le lavoratrici della nostra provincia. Questo rilancio della nostra azione è la condizione politica necessaria per decidere come presentarci alle prossime elezioni provinciali e con quali alleanze, fatto salvo l’impegno che assumiamo fin da oggi, perché Rifondazione Comunista sia presente con il proprio simbolo e la propria lista.

11) Nell’azione politica dei prossimi mesi dobbiamo mettere al centro i temi sociali e della lotta di classe, a partire dalla difesa del contratto nazionale di lavoro come strumento centrale di garanzia per tutti i lavoratori, ma anche come condizione dell’unità del movimento operaio. Dobbiamo rilevare criticamente che oggi gran parte del sindacato confederale sta accettando una revisione della contrattazione che fa arretrare la condizione dei lavoratori sul piano dei diritti e della democrazia sindacale. Per questo sosterremo tutte quelle componenti sindacali che nella CGIL come fuori di essa si battono per un sindacalismo democratico, conflittuale e di classe. E’ proprio la divisione e la frammentazione del mondo del lavoro ad essere oggi l’obbiettivo di un vasto schieramento che vede in testa la Confindustria, ma che unisce gran parte dello schieramento politico non solo di centro-sinistra ma anche di centro-destra. Recupero salariale, lotta alla precarietà, difesa del servizio pubblico e dei beni comuni: questi sono alcuni dei temi sui quali dovremo sviluppare una iniziativa politica che coinvolga tutto il partito e attorno alla quale dovremo costruire il più vasto schieramento unitario possibile.

12) Anche a Parma si è registrata in questi anni una offensiva “revisionistica” tesa a mettere in discussione i valori della Resistenza e rilegittimare culture di ispirazione fascista e a cancellare la differenza fra chi durante la seconda guerra mondiale si è battuto per l’indipendenza, la libertà e la giustizia sociale, e chi invece a difesa di un regime oppressivo e razzista. Un importante lavoro di difesa della Resistenza, della sua storia e dei suoi valori è stato svolto dal Comitato antifascista. Pensiamo che tutto il partito debba impegnarsi più attivamente su questa battaglia politica e ideale rivolgendola in particolare alle nuove generazioni.

13) Il Congresso di Parma del Partito della Rifondazione Comunista ritiene che esistano le condizioni per il rilancio del nostro partito. Questo richiede un impegno comune che rompa con le logiche dello scontro e della rissa che hanno allontanato tanti compagni e compagne validi dalla nostra organizzazione. Possiamo e dobbiamo lavorare per un più forte Partito della Rifondazione Comunista attorno al quale aggregare una più forte sinistra alternativa e di classe. E’ questa una condizione indispensabile se vogliamo che nel nostro Paese venga sconfitta una destra reazionaria e razzista e si apra un processo di trasformazione sociale e democratica che riproponga nella attualità il tema del superamento del capitalismo e della costruzione del “socialismo del XXI° secolo”.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Il n’y a point d’assujettissement si parfait que celui qui garde l’apparence de la liberté. J.J. Rousseau
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito