Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Guantanamo

di : Viviana Vivarelli
domenica 15 febbraio 2004 - 16h09

di Viviana Vivarelli

Internet permette operazioni una volta impensate. Nel tempo di un’ora mi arrivano i dati su Guantanamo, scrivo una mail di commento, la mando ad alcuni siti di volontariato, ricevo una mail da una ragazzo che e’ in Afganistan, la rimando su internet. Tempo un’ora la mail compare persino su siti francesi. Alcune migliaia di persone la leggono.

La prima mail era:

Incredibile come a volte il mondo si sollevi, e a volte taccia in un silenzio colpevole e sordo.

Da due anni 660 persone sono prigioniere a Guantanamo contro ogni regola di civilta’ ma il mondo finge di non saperlo, non vuole vedere. La guerra dell’Afganistan e’ stata dimenticata, e’ entrata nel grande rimosso collettivo, come se non solo non fosse mai esistita ma anche non continuasse ad avere morti e distruzioni ogni giorno, mentre il paese non ha fatto un solo passo verso l’ordine e la democrazia. La coscienza del mondo non vuole piu’ saperne di verificare se quella fu o non fu una guerra giusta e ragionevole o se si tratto’, invece, di un enorme atto di ipocrisia, alimentato dal desiderio invasivo americano, che sfruttò abilmente l’attacco alle Torri per spingere un progetto già preparato da mesi per gli oledotto afgani e in cui si ebbe il primo dispiegamento della propaganda liberazionista, falsa e sfacciata, che sventolava nomi altisonanti: democrazia, liberta’, ordine, giustizia, cultura, civiltà...

Liberazione non c’è stata. I signori della guerra spadroneggiano esattamente come prima,i poveri sono piu’ poveri grazie all’enorme inflazione prodotta dall’arrivo americano, le donne continuano a portare il burka e sono allontanate dalle scuole, il papavero da oppio riempie come prima i campi, solo sono aumentati i senza gambe che continuano a esplodere sulle mine, le vedove, gli orfani. Il mondo ebbe piacere di raccontarsi una favola, ora sarebbe da dire chiaramente che la favola era una truffa, ma troppe parole sono dette e troppe facce andrebbero perse. Lo dicono anche in Giappone: perdere la faccia è sempre la cosa peggiore. Così il mondo si è messo tacitamente d’accordo sul metterci una pietra sopra, all’Afganistan. In fondo quel che conta e’ ’parlare’ di liberta’ e democrazia, parlarne soltanto, parlarne anche molto, come se il solo parlarne fosse compito umano e alleviasse la coscienza anzi la esaltasse, anche se poi i fatti smentiscono le parole. Così l’ipocrisia del mondo cresce a dismisura nel pubblico e nel privato. Un fiume di parole sotterra l’Agfanistan. Ci sentiamo dei santi che amano la democrazia e la libertà, solo perche’ ne abbiamo, molto, ’parlato’. Punto. Ora giriamo pagina e occupiamoci di un’altra cosa: magari la democrazia in Iran.

Ma restano, ingombranti, quei 660 prigionieri nelle gabbie da polli.

Dunque l’America rastrella 660 uomini, li accusa di essere talebani, e non li porta in campi internazionali o in prigioni americane, no, ipocritamente li rinchiude in una parte di Cuba che non è di Cuba, non è di nessuno stato civile, sembra, è una base militare americana, ma, pur essendo una base americana, non soggiace a quelle famose leggi americane che pretendono di esportarsi nel mondo, perche’ è una terra che non soggiace a nessun ordinamento giuridico, è un deserto giuridico, 116 km quadrati, una specie di paradiso penitenziario, come esistono i paradisi fiscali, solo che paradiso non è, è la terra senza legge. Gli Americani pretendono che una base americana non debba sottostare nemmeno alle leggi americane. E dunque, quando parte del mondo sarà diventata un’intera base americana, come le guerre di Bush intendono, non avremo l’esportazione della democrazia che è legge, ma una enorme terra di nessuno dove domina l’arbitrio e l’arroganza. E nessun uomo sarà considerato prigioniero di guerra, perché per gli Americani non esiste nessuna guerra ma solo stati canaglia che debbono essere puniti, come una banda di criminali punisce un’altra banda di criminali, e cioè al di fuori di ogni diritto.

Guantanamno è un lager, dove 660 persone senza capo di accusa sono chiuse in gabbie e vivono con un cappuccio nero in testa. Non si possono sapere i loro nomi, non hanno diritto a una difesa, non hanno un regolare processo, non conoscono le convenzioni di Ginevra, vivono in condizioni disumane, non sappiamo nemmeno qual’è il loro capo di accusa, sono rinchiusi e basta. E il mondo, che si è tanto indignato per i lager nazisti, ora tace, rimuove il fatto. E i cittadini americani, così bravi a parlare di democrazia e di diritti, così fieri dei loro principi costituzionali, tacciono anch’essi, e sono pronti a rivotare Bush.

660 persone sono state prese e rinchiuse in condizioni innominabili, come fossero ’capi di bestiame infetto’. Non diversamente da come Hitler prendeva e rinchiudeva ebrei, zingari o omosessuali. Alcuni di questi ’capi di bestiame’ vengono dall’Afganistan, altri dal Pakistan, si dice che molti non siano nemmeno stati presi in combattimenti ma comprati dai capi tribù e viaggiarono per ore su aerei merci, incaprettati in catene e storditi dai sedativi.

E allora ci chiediamo come mai il mondo, tanto sensibile alle Amine lapidate, tanto sensibile ai diritti umani, tace su una così eclatante ingiuria al diritto e all’uomo? Come mai si continua a ripetere che il Bush che è stato capace di questo possa arrogarsi anche solo il diritto di parlare di libertà e democrazia? Lui che il diritto e i principi democratici li calpesta in modo così infame.. E come mai i governi, i parlamenti di tutto il mondo non insorgono su un fatto tanto aberrante di cui non si vede nessun esito? Che fine ha fatto la terza convenzione di Ginevra che garantisce il trattamento dei prigionieri di guerra? E se anche Bush nega a questi uomini il diritto di essere prigionieri, perché non li fa processare come criminali con accuse precise? E può esistere l’accusa di crimine rivolta a ben 660 persone? E quale crimine? Queste 660 persone hanno partecipato all’assalto alle Torri? Difficile dimostrarlo. Ma se una detenzione simile si potesse imporre a diritto, a quale accusa dovrebbero essere sottoposti tutti coloro che ubbidiscono a Bush o lo affiancano in guerre puramente aggressive?

Questo strabiliante trattamento legale è stato voluto dal segretario Rumsfeld con le sue Military commission instructions per attuare gli ordini di Bush su ’detenzione, trattamento e giudizio dei cittadini non americani nella guerra contro il terrorismo’. Non solo gli americani pretendono di violare a piacere ogni norma di diritto internazionale, non solo pretendono di sferrare guerre a qualunque paese del mondo appena sorga per loro un vantaggio, non solo Bush stila liste di 43 paesi canaglia, e si arroga il diritto di fare ispezioni su chi desidera colpire inventando fantomatiche armi di distruzione di massa, egli ordina anche che i suoi tribunali militari, al di fuori di ogni legge americana, possano imprigionare, torturare e privare dei diritti fondamentali centinaia di persone, e ciò non è solo contro ogni norma internazionale, è anche antiamericano, va contro la stessa costituzione degli Stati uniti d’America, in una sola parola è un comportamento ’hitleriano’.

Guantanamo è il vuoto giuridico. E se a Guantanamo ci fosse anche un solo essere umano che viene privato così arbitrariamente dei suoi diritti, il mondo intero dovrebbe insorgere contro il suo persecutore perché sono gli stessi fondamenti del diritto e della democrazia a essere calpestati.

Dalla inchiesta di Amnesty e della Croce Rossa internazionale risulta che questi 660 uomini, perché sono uomini e non bestie, rastrellati non si sa come e dove, provengono da 42 paesi diversi, parlano 17 lingue e 23 dialetti, molti sono solo poveri contadini analfabeti, presi in mezzo dalla guerra, tre sono ragazzi tra i 15 e i 15 anni. Da due anni vivono in gabbie metalliche di 2 metri x 3, dormono su una cuccetta metallica, vivono imbotti di sedativi, il loro cervello è ormai distrutto, si parla di torture, per 32 volte hanno tentato di uccidersi. Sui cancelli d’ingresso dei lager nazisti era scritto: "Il lavoro vi rendera’ liberi". All’ingresso di Guantanamo hanno scritto: "Onore alla difesa della libertà".

Viviana vivianavivarelli@aliceposta.it


Questa la risposta:

Scrivo raramente in lista, ma l’intervento di Viviana mi ha trovato decisamente coinvolto e in grado, forse, di aggiungere un punto di vista utile, dal momento che mi trovo da circa due mesi in Afghanistan.

Quello che Viviana scrive e’ verissimo, anche se parlando quotidianamente con la gente di Kabul il giustificato pessimismo sul futuro di questo paese viene stemperato dalla loro gentilezza e dignita’, e, ancor maggiormente, dall’apertura mentale che i giovani dimostrano.

La maggior parte delle persone che ho avuto modo di conoscere in maniera approfondita sono miei coetanei, quindi sui vent’anni; chiaramente, tranne poche eccezioni, si tratta di ragazzi e non di ragazze. Tutti mostravano apertamente la volonta’ di vivere in un paese pacifico, e non pacificato, come si puo’ tutt’al piu’ definire ora, escludendo comunque tutto il sud e la maggior parte delle aree popolate da Pashtun, dove continuano con cadenza settimanale le brillanti operazioni di lotta al terrorismo targate USA; (osservando sconfortati le statistiche si puo’ pensare che il Pentagono abbia preso troppo alla lettera la direttiva di "estirpare il terrorismo alla radice": raramente l’eta’ delle vittime civili dei bombardamenti supera i 10 anni).

I giovani di Kabul, nonostante l’alto tasso di non scolarizzazione che un quarto di secolo di guerra ha inevitabilmente portato, sono straordinariamente coscienti della congiuntura geopolitica e degli interessi economici che regolano i destini dell’Afghanistan e del mondo; perlomeno lo sono se confrontati all’ignoranza (o all’indifferenza) che alberga nella maggioranza dei loro coetanei italiani ed occidentali in genere.

Nei loro discorsi si nota un insofferenza ben poco celata verso gli elementi piu’conservatori dell’establishment, la maggior parte dei quali purtroppo ricopre incarichi prestigiosi nel confuso panorama delle nuove istituzioni afghane e detiene un potere ideologico-militare difficilmente scalzabile in tempi brevi.

Dal canto suo,"L’uomo piu’ elegante del mondo", come mi pare l’abbia definito Armani (una considerazione d’inestimabile importanza in questo cruciale momento storico), sto parlando di Hamid Karzai, il presidente afghano-americano (5 ministri chiave del governo hanno la doppia cittadinanza e, onestamente, sono piu’afghano io di loro), non e’ particolarmente apprezzato causa l’eccessiva supinita’ del suo governo ai raid americani, che non si limitano a bombardare villaggi e feste nuziali in zone remote, ma spadroneggiano indisturbati anche in piena Kabul (e’ del mese scorso l’irruzione nell’ospedale di Emergency alla ricerca di un "sospetto talebano", peraltro gia’ dimesso, effettuata all’improvviso e puntando armi addosso a chiunque nelle corsie piene di bambini e donne, in perfetto stile "Shock&Awe").

L’unica cosa veramente positiva che ho riscontrato da questo punto di vista e’ l’omogeneita’ del risentimento verso il comportamento dei militari americani: ragazzi dello Shomali (pianura a Nord di Kabul) soi-disant Tagichi e sostenitori dell’ex Alleanza del Nord condannavano senza mezzi termini i bombardamenti effettuati su zone abitate da Pashtun, ex-talebani e loro acerrimi nemici, secondo le ripartizioni etnico-politiche tanto care all’Occidente. E cosi’ nelle province ancora piu’ distanti dalla zona delle operazioni (naturalmente mi riferisco sempre alle citta’, nei villaggi spesso e’difficile trovare qualcuno che sappia distinguere tra l’ex-Unione Sovietica e l’America, da queste parti, d’altronde, con qualche ragione).

Quanto al ruolo delle organizzazioni internazionali, si puo’ dire che e’ a doppio taglio; da un lato molte di esse svolgono compiti fondamentali per la ricostruzione del paese o la mera sopravvivenza dei suoi abitanti, dall’altro l’enorme mole di interessi che nasconde l’Aiuto Umanitario Internazionale porta a situazioni di totale schizofrenia nella vita economica dell’Afghanistan. Alti funzionari iper-stipendiati che non mettono naso fuori dagli uffici possono permettersi di pagare somme considerevoli ad autisti, guardie del corpo, cuochi e sguatteri. Un autista puo’ guadagnare fino a 40-50 dollari al giorno lavorando per "gli occidentali"; sempre in Afghanistan, lo stipendio di un giudice statale nelle province non supera i 70 dollari mensili (un ottimo deterrente per la corruzione, come si puo’ ben immaginare, d’altra parte e’ l’Italia il paese leader nell’ambito della ricostruzione della Giustizia afghana) e quello di un insegnante raggiunge a fatica i 50. E’ evidente che il lavorare (qualsiasi tipo di lavoro) per gli stranieri sia il sogno di qualunque afghano che non arriva a fine mese con il salario (il 90% della popolazione, quindi). Questa non e’ inflazione, questo e’ impedire qualunque tentativo serio di costruire una societa’ indipendente ed autosufficiente.

Invece di puntare sull’educazione, la sola cosa che con un impegno umanitario equilibrato, la pace, ed il ricambio generazionale potra’ cambiare veramente il destino di questo stupendo paese, gli americani e molti dei loro alleati europei e mondiali rovesciano secchiate di dollari nelle tasche di istituzioni create a caso, assolutamente non rappresentative (anche se va detto che la mia pur breve esperienza non ne ricorda di veramente rappresentative, a livello statale, neanche in parti piu’ fortunate del mondo) e che non fanno altro che sovrapporsi nei loro presunti incarichi e litigare per spartirsi la torta del potere, con la sola garanzia che, almeno fino a che l’afflusso di fondi rimarra’ costante, il litigio verbale non lascera’ la parola alle armi. Ma sarebbe uno smacco agli USA troppo grosso anche per i distratti mass-media occidentali, e quindi il teatro della dollaro-democrazia in Afghanistan durera’ ancora per un po’.

Speriamo abbastanza a lungo da permettere agli afghani di cambiare il finale che, in un modo o nell’altro, nazioni lontane e vicine, in primis gli Stati Uniti, hanno programmato per loro.

fabriziofoschini@libero.it



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Tant que la couleur de la peau sera plus importante que celle des yeux, nous ne connaîtrons pas la paix. Haile Selassie, Empereur éthiopien
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito