Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
176470722 IP
200708306 pagine
(dal 10/02/2002)
163 connectés
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Un articolo di merda dell’Unita a proposito delle regionali francesi...

di : Roberto Ferrario
lunedì 22 marzo 2010 - 11h51
9 commenti
JPEG - 77 Kb

di Roberto Ferrario da Parigi

Dire che la Francia è rossa vuol dire prendere i lettori italiani per degli imbecilli...

La Francia non solo non è rossa, o se vogliamo al limite rosa, mais é sopratutto socialdemocratica tendenza al liberismo capitalista.

In questo articolo due gravissime manipolazioni, la piu enorme è la seguente, si tace volontariamente sull’esempio della regione del "Limousin" dove contro la direzione nazionale del Partito Comunista Francese i compagni locali del PCF non solo hanno fatto lista comune con tutta la sinistra comunista dunque con tutte le altre formazioni, compreso il NPA, al primo turno ottenendo un risultato piu che rispettabile di piu di 13%, ma sopratutto si sono mantenuti al secondo turno ottenendo un risultato impressionante del 20%...

Questo risultano è uno schiaffo monumentale alla direzione parigina del PCF che ha scelto di allearsi direttamente con il PS in 5 regioni al primo turno e nelle altre al secondo turno, salvo naturalmente nella regione del "Limousin" dove i compagni locali si sono "ribellati" alle direttive del nazionale che gli imponeva una "sommissione" al PS...

Per essere ancora più chiaro il PCF si é presentato in una lista chiamata "Front de Gauche" che ingloba più di cinque altre formazioni politiche, in tutte le regioni dove questa lista si é presentata, questa lista ha preso meno voti delle ultime regionali, meno voti del PCF da solo nel 2004 per essere precisi, teniamo conto che le altre cinque formazioni politiche hanno dato man forte a questa lista, si pensa che il numero di consiglieri del PCF eletti nel 2004 nei differenti consigli regionali saranno dimezzati...

I risultati nazionali provano la politica suicidaria della direzione attuale del PCF e all’opposto il risultato nel "Limousin" prova que un unione chiaramente a connotazioni comuniste può arrivare a dei risultati storici, nessuno puo negare questo risultato del 20% a parte l’Unita...

La seconda manipolazione dell’articolo dell’Unita è modificare o almeno attenuare il risultato del FN (Front National) certo ha fatto "a livello nazionale" 8,7% ma si é presentato soltanto in 12 regioni su 26 dunque meno della meta, in verità il risultano, se preso nelle sole regioni dove si è presentato il FN é completamente differente.

Il risultato nelle 12 regioni è del 17,5%, con delle punte che danno i brividi... nella "Lorraine" il 18,44%, in "Picardie" il 19,30% e nel "Languedoc-Roussillon" il 19,38%, senza parlare del risultato di "Jean-Marie Le Pen" (segretario nazionale del partito fascista francese FN...) che nella regione della "Provence-Alpes-Côte d’Azur" ha culminato al 23% e di sua figlia "Marine Le Pen" che nella regione del "Nord-Pas-de-Calais" è arrivata a ottenere il 22%.

Certo che potremmo rischiare di pensare che l’Unita vuole nascondere che il "successo" del FN è il risultato diretto della politica del ministro dell’immigrazione Besson ex socialista venduto a Sarkozy che ha scatenato un’enorme polemica giusto prima delle elezioni a proposito del dibattito nazionale organizzato da lui stesso sulla tematica "dell’identità nazionale" dove ha indicato, come responsabili diretti della crisi in Francia, gli stranieri e gli emigranti che, come dice lui... "rubano i posti di lavoro con dei salari inferiori ai francesi", ricordiamoci "i charter della vergogna" come qui in Francia chiamiamo i voli organizzati dal governo per espatriare di forza e per ricondurre nei loro paesi d’origine gli emigranti in Francia...

Questa "politica" ha riacceso il "fuoco" del razzismo e il partito fascista francese ha giusto raccolto i frutti di questa politica scellerata (ex socialista)...

Scrivere un articolo come quello dell’Unita dove si fa trionfare i socialisti francesi nascondendo volontariamente la possibilità provata che una politica d’unita di tutte le formazioni politiche comuniste può dare dei buonissimi risultati a qualche giorno delle regionali italiane e ridurre il pericolo del risorgere dello spettro fascista, assomiglia più a della propaganda di basso livello per una corrente politica socialdemocratica europea che vuole applicare una politica che ha ben poco di differenza con quella dei governi in piazza attualmente nei due paesi rispettivi...


L’articolo dell’Unita

La Francia è rossa, battuti Sarkozy e i suoi ministri

di Luca Sebastiani

La gauche plurielle ha ampiamente vinto il ballottaggio delle regionali. La sinistra guidata dai socialisti ha piazzato i suoi candidati in testa in tutte le regioni della Francia, tranne l’Alsazia, l’ultimo baluardo che l’Ump conserva di un soffio, e la Reunion, che passa nel girone della destra. Persino la Corsica si tinge di rosa. Ps, Europe ecologie e Pcf uniti in un’alleanza nazionale s’impongono con una vittoria strategica che determinerà gli equilibri politici in vista della regina di tutte le elezioni, quella presidenziale del 2012.

«I francesi hanno respinto una politica ingiusta, fatta di regali fiscali per i più privilegiati a detrimento della lotta alla disoccupazione e al sostegno al settore pubblico» dice il segretario socialista, Martine Aubry. «I francesi hanno fatto una scelta a favore della sinistra - ha proseguito - per una politica che li protegga, li difenda nella vita quotidiana E hanno detto no alla strumentalizzazione della paura tentata dal governo. Stasera la Francia ha chiesto di cambiare profondamente politica. Da domani saremo al lavoro per mantenere i nostri impegni».

Se con il primo turno il Partito socialista aveva scalzato l’Ump dalla piazza di primo partito nazionale, ieri guidando la coalizione di sinistra i socialisti hanno ottenuto un risultato storico consegnando alla nuova fase una sinistra al 56% dei consensi nazionali. A rue Solferino si festeggia con lo champagne, perché il dato premia l’artefice dell’alleanza, la segretaria del Ps Martine Aubry che ora è in posizione di forza per guidare anche il processo politico in vista delle presidenziali. Probabilmente se la dovrà vedere però anche con Ségolène Royal, che ottenendo tra i migliori score socialisti nella regione Poitou Charentes, cercherà un rimbalzo nazionale.

La destra si è invece fermata al 34%, mentre il Fronte nazionale, che non ha vinto nessuno dei 12 ballottaggi triangolari, ha comunque raccolto un notevole 8,7% nazionale. Evidentemente in questa ultima settimana la destra non è riuscita a mobilitare gli astensionisti. Nessuno degli otto ministri che si presentavano in altrettante regioni è riuscito a spuntarla. Per alcuni anzi la sconfitta è stata sonora. Probabilmente ha pesato il fatto di appartenere ad un potere esecutivo cui i francesi hanno voluto lanciare una messaggio chiaro.

Ora per Sarkozy si apre il problema del dopo. Già la scorsa settimana i parlamentari erano entrati in stato d’agitazione. In ballo c’è la loro rielezione, e da oggi cominceranno a sfoderare i coltelli. Per martedì il capogruppo all’Assemblea nazionale ha già convocato una riunione dei deputati Ump. Sarkozy cercherà di impedire la sedizione, ma prenderà qualche giorno per studiare il da farsi. Quel che è certo è che non cambierà il primo ministro. Oggi François Fillon salirà all’Eliseo per le dimissioni simboliche, ma riceverà l’incarico di formare un nuovo esecutivo rimpastato per portare a termine la riforma delle pensioni. Sulle riforme infatti Sarkò non sembra voler retrocedere, tanto che ieri sera Fillon «all’inquietudine» che i francesi hanno espresso col voto ha risposto che «la minaccia non viene dalle riforme, ma dalla mancanza di riforme». Avanti tutta.

http://www.unita.it/news/mondo/9646...



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

Un articolo di merda dell’Unita a proposito delle regionali francesi...
22 marzo 2010 - 13h01 - Di 843e96438d711269e7ce820fff6fe7ab...

La cosa paradossale è che Roberto usa il termine "socialdemocratico" in termini condivisibilmente negativi .

Ed invece tanto il Pd che L’Unità questa definizione la rifiutano sdegnosamente .

Loro ormai sono "liberal" ... e per loro la socialdemocrazia è ormai quasi sinonimo di "comunismo" ... e comunque è un qualcosa del passato remoto, appunto da rifiutare sdegnosamente ...

Così siamo oggi ridotti in Italia ....

Raf



Un articolo di merda dell’Unita a proposito delle regionali francesi...
22 marzo 2010 - 13h23 - Di Roberto Ferrario - 79203a80077424a8e7e613aa039bc307...

Si hai ragione "Raf" qui ha ancora un significato "la socialdemocrazia" ed è certamente detto in senso dispregiativo...

Ma forse non ho troppo spinto l’analisi (che sarebbe lunghissima, ma molto interessante...) e ho scritto "socialdemocratica tendenza al liberismo capitalista", pensando di adattare questa frase a quello che "si pensa" in Italia...

In ogni modo anche se " le culture" sono leggermente differenti e per capirsi, anche qui i socialisti del PS sono passati armi e bagagli nel campo dei capitalisti detti "liberali" nel senso di sentirsi "liberi" di "inculare" ancora di piu i proletari...

Capisco bene che uso un linguaggio che sembra sorpassato ou vecchio ma la storia fa che questi termini sono ben piu precisi e restano "purtroppo" d’attualita...

ciao

RF


Un articolo di merda dell’Unita a proposito delle regionali francesi...
22 marzo 2010 - 14h02 - Di Roberto Ferrario - 79203a80077424a8e7e613aa039bc307...

"raf" ti faccio un esempio del "liberismo" del PS francese:

Il presidente "rieletto" della regione parigina si chiama Jean-Paul Huchon...

Ha aderito al PSU e poi al PS nel 1971 oggi presidente della regione... prima di diventare il direttore del "cabinet" di Michel Rocard (primo ministro durante Mitterand nel governo che ha privatizzato di più...) era il direttore della banca "Crédit Agricole" e poi il "braccio destro" del direttore di una delle più grosse società commerciali di Francia il PPR (Pinaut-Printemps-La Redoute)...

Vedi bene il "profilo politico" dei dirigenti attuali del PS francese...

Ciao

RF


Un articolo di merda dell’Unita a proposito delle regionali francesi...
22 marzo 2010 - 14h58 - Di Enrico Biso - 35b160c4c07b1c0cc94db89958ddc5f9...

Il compagno Roberto ben fa a sbugiardare con i dati elettorali, l’articolo dell’Unità, tendente a voler favorire il PS e l’immagine che se ne vorrebbe accreditare.
E per me soprattutto, Roberto ben fa a chiarire che il successo dei fascisti in Francia è figlio delle politiche antimmigrati della socialdemocrazia d’Oltralpe.
Una sinistra che non sa più esser sinistra non solo favorisce culturalmente le destre, ma paradossalmente gli da le possibili validità di argomentazione.
L’Unità però omette, guarda il caso, di citare l’esperienza che ha portato i comunisti e gli anticapitalisti a prendere il 20% non solo perchè uniti, ma perchè politicamente uniti hanno respinto le politiche non alternative del Partito Socialista.
La Francia non è rossa cara Unità, ma in Francia i rossi non sono cosi miopi come in Italia, non accettano proni le politiche "altre" e a mio modesto giudizio, i risultati positivi in questa maniera di fare e di pensare, non tarderanno ad arrivare.
Nel frattempo invece i "rossi" italiani supportano quell’accozzaglia di candidati governatori che non socialdemocrazia propongono, ma politiche ultramoderate tese a favorire esclusivamente la classe dominante.
Se in Francia il PS è destinato all’insuccesso, in Italia il centrosinistra è destinato al fallimento.
Niente di preoccupante, ci mancherebbe, se la cosa finisse qui.
Peccato però che in Francia una sinistra degna di questo nome esista, pur tra mille difficoltà, invece da noi, sia tutta da ricostruire, anzi ancora in attesa di un serio bilancio del già visto,cosa per me incredibile.
E’ ancora succube di politiche liberiste, della ricerca del meno peggio anticamera del peggio, e tanto ma tanto attenta a favorire Confindustria, Vaticano, Banche e poteri forti vari.
Compagno Roberto, scusami la battutaccia, ma: non ti far venire l’idea di trasferirti da noi, più che una giusta critica ad un pessimo articolo ti toccherebbe scrivere una critica enciclopedica ad una pessima politica.
Ne hai i tempi ed il fegato giusto?

Enrico Biso


Un articolo di merda dell’Unita a proposito delle regionali francesi...
22 marzo 2010 - 15h46 - Di 843e96438d711269e7ce820fff6fe7ab...

Per chiarezza .... per me la "socialdemocrazia" continua ad essere il "mostro senza testa" ben descritto in una bellissima canzone di Claudio Lolli ...

Però, come giustamente dice Enrico Biso, la cosiddetta "sinistra italica" ha rifiutato anche l’ipotesi, già pessima, di "socialdemocrazia" .... ma è passata direttamente al liberismo, nemmeno tanto "temperato", come pure diceva anni fa l’ineffabile Massimo D’Alema ....

Larga dimostrazione di questo sono appunto i candidati a presidente di regione ..... mettendo da parte l’ "anomalia" Bonino nel Lazio ( comunque campionessa di liberismo ma certamente finora fuori dai giochetti che descriveva Biso) e quella di Vendola in Puglia ( arrivato ad essere candidato nel modo rocambolesco che sappiamo ed in ogni caso anche lui in modo rivendicato "non comunista") .... tutti gli altri sono espressione, più che del partito di provenienza di fatto mai nato, di precisi interessi imprenditoriali, lobbistici ecc. ecc.

E con la cosiddetta "sinistra radicale", pressochè sempre, subalternamente alleata ed allineata a questi precisi interessi ...

Al punto che la Francia finisce per sembrarci un’isola felice ....

Raf


Un articolo di merda dell’Unita a proposito delle regionali francesi...
31 marzo 2010 - 12h41 - Di Roberto Ferrario - 79203a80077424a8e7e613aa039bc307...

Purtroppo i risultati delle regionali in Italia confermano la tendenza nefasta della "socialdemocrazia" in Europa e precisa che il "percorso" scelto dai "comunisti" di fare a tutti i costi alleanza con "loro" è un via suicidaria...

Soltanto la radicalità, la coerenza, la sincerità delle analisi, le scelte, i progetti e gli ideali che permettono di cambiare questa società capitalista possono permettere la ricostruzione di un movimento comunista... per forza rivoluzionario... ;-)

Meglio prendere una corta posa e finirla con la corsa ai posti elettivi nelle assemblee borghesi per riprendere un lavoro nella vita reale... alla base... con i lavoratori, i precari, i "senza lavoro" e i "senza papiers", insomma come si diceva e come penso che dobbiamo riprendere a dire, con tutti i sfruttati, con tutti i proletari...

RF


Un articolo di merda dell’Unita a proposito delle regionali francesi...
31 marzo 2010 - 13h00 - Di Roberto Ferrario - 79203a80077424a8e7e613aa039bc307...

Caro Enrico se potrei farlo lo farei subito...

Qui in Francia e in particolare a Parigi non puoi immaginare il lavoro che stiamo facendo, con scarse forze numeriche riusciamo a fare un lavoro enorme, che ci attira molte simpatie ma anche molte gelosie per non dire cattiverie... "C’et la vie..."

Per me è impossibile scordare i dieci anni di attività militante che ho passato a Milano tra il ’72 e il ’82, tutte le lotte e i compagni/e...

Non puoi immaginare, quando lo penso, come mi fa male allo stomaco di non potermi moltiplicare per mille... ho sempre lavorato in questa maniera a 100 all’ora non so fino quando durerò... ma quello che ti posso dire che fino all’ultimo cercherò di mantenere questa velocità "stabile"... ;-)

Ciao

RF


Un articolo di merda dell’Unita a proposito delle regionali francesi...
9 luglio 2012 - 16h09 - Di 67e65ee98c3b5e32396be9a736041937...

Cialis Super Active Plus Rezeptfrei Apotheke





Come i media preparano un regime
giovedì 24 - 10h17
di : Guido Viale
Sandro Bondi e la poesia (la poesia non mente mai)
giovedì 24 - 07h47
di : Antonio Recanatini
I cortigiani
mercoledì 23 - 09h45
di : Antonio Recanatini
Ucraina ; cecchini a Lugansk (video)
martedì 22 - 09h09
80 euro in busta paga. I tweet ci sono, ma il decreto dov’è?
lunedì 21 - 14h03
1 comment
HASTA SIEMPRE, COLONNELLO !
domenica 20 - 11h44
di : Carlo Bertani
Il tentativo di rivoluzione colorata in Venezuela
domenica 20 - 07h08
di : Attilio Folliero
Catastrofe annunciata per il dollaro e l’economia USA?
domenica 20 - 07h05
di : Attilio Folliero
1 comment
brasile coppa del mondo 2014
sabato 19 - 22h28
di : vittorio ricevuti
Il re è nudo! E Alfano lo dimostra
sabato 19 - 10h34
di : zag(c)
La verità è che o si paga o si non si paga
venerdì 18 - 14h00
di : zag(c)
2 Maggio - Sciopero in BNL intera giornata
venerdì 18 - 13h20
di : C.U.B.-S.A.L.L.C.A. Credito e Assicurazioni
La guerra del governo Renzi contro poveri e precari
giovedì 17 - 17h42
di : Movimenti contro la precarietà e l’austerity__Roma
1 comment
Grande campagna OIPA contro il massacro degli agnelli
giovedì 17 - 17h21
di : jesus anarchist
1 comment
Il debito pubblico è debito privato
giovedì 17 - 14h45
di : zag(c)
Ucraina, sull’orlo della guerra civile. Domani il vertice a quattro. Si apre crisi in Montenegro
giovedì 17 - 10h41
di : Fabrizio Salvatori
#12a, il Coisp si sente in guerra. E spara su Acad
giovedì 17 - 10h40
di : Ercole Olmi
Morire in Ucraina
giovedì 17 - 10h38
di : Bob Fabiani
Figli del nulla
giovedì 17 - 06h07
di : Antonio Recanatini
Roma. Occupazione Montagnola sotto sgombero
mercoledì 16 - 15h59
di : InformationGuerrilla
1 comment
Firenze - Barricate contro un pignoramento
mercoledì 16 - 15h45
di : InfoAut
«Caro Saviano, scendi dal carrarmato». Ciao Vik (video)
mercoledì 16 - 11h05
di : MARINA ZENOBIO
L’invito di Vittorio
mercoledì 16 - 11h01
di : Arianna Tascone
Hanno ucciso Vik per colpire la speranza. Tre anni dopo l’omicidio di Arrigoni, parla Rosa Schiano
mercoledì 16 - 10h03
di : Tiziana Barilla
E’ morto Stefano Garroni, un marxista prestato alla filosofia
martedì 15 - 13h43
L’Istat fa i conti: "ma quali 80 euro..."
martedì 15 - 13h17
di : Claudio Conti ( Contropiano)
Il Cnel e quei 20 milioni che costa agli italiani.
lunedì 14 - 11h03
di : zag(c)
A KIEV CI SARA’ IL NUOVO MURO DI BERLINO
lunedì 14 - 10h03
di : salvo rappa
CARREFOUR SCARICA...I FACCHINI
lunedì 14 - 01h12
di : Comitato di Lotta CARREFOUR - Pieve Emanuele
Scontri a Roma, Servizio Pubblico filma agente che cammina sopra la testa di un manifestante (video)
domenica 13 - 16h05
Fiom,Landini rieletto segretario con più dell’80% dei voti. "Sciopero se non accolte nostre proposte"
domenica 13 - 15h44
di : Fabio Sebastiani
Fiom, Landini: «La nostra scelta»
domenica 13 - 15h43
Fiom contro Cgil, un passo verso la rottura
venerdì 11 - 14h44
di : Claudio Conti ( Contropiano)
La lobby delle bionde non conosce crisi
giovedì 10 - 09h03
di : Massimo Lauria
Dopo la Francia e l’Ucraina, l’Ungheria. Segnali molto gravi
giovedì 10 - 08h49
di : Claudio Grassi
Hersh: "Non fu la Siria a usare le armi chimiche"
giovedì 10 - 08h42
La lobby più potente del mondo
giovedì 10 - 08h39
di : Andrea Baranes
Per una grande parete occorre un grande pennello!
mercoledì 9 - 11h14
di : zag(c)
Il Fatto on line e il metodo Boffo
martedì 8 - 09h00
di : Paolo Ferrero
1 comment
Non ce se può credere!
lunedì 7 - 12h20
di : zag(c)

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Tout ce que les hommes ont fait de beau et de bien, ils l'ont construit avec leurs rêves. Bernard Moitessier
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
4 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito
Il Collettivo Bellaciao querelato per diffamazione da Mario SANDOVAL
martedì 10 Gennaio
di : Collettivo Bellaciao
Il 12 gennaio 2012, Roberto Ferrario, uno dei portavoce del Collettivo Bellaciao comparirà davanti al Tribunale Correzionale di Auxerre, assistito dal suo avvocato Weyl France, in seguito della causa per diffamazione che il signor Mario Sandoval ha presentato nei confronti di diverse media, tra cui Marianne2, Mediapart, Le Grand Soir, Courrier International, France Info, El Correo, Calpa... Mario Sandoval, un ex ufficiale di polizia argentino, denuncia Bellaciao per la pubblicazione sul (...)
Leggere il seguito
La storia siamo noi Peppino Impastato (6 videos + live radio)
giovedì 5 Gennaio
di : Collettivo Bellaciao
Palermo: Oggi è il compleanno di Peppino Impastato, il militante antimafia che avrebbe compiuto 64 anni e ucciso da Cosa nostra nel 1978, e di "Radio 100 passi" in onda da due anni. Ricorrenze che oggi vengono celebrate con una maratona su Radio 100 passi e sulla webtv "100 Passi Tv" che nel pomeriggio da’ il via alle sue trasmissioni. Fin dalla mattina collegamenti in rete - aperti dalla testimonianza del fratello, Giovanni Impastato - con le redazioni on line delle principali (...)
Leggere il seguito
Storia della RADIO CANALE 96
lunedì 2 Gennaio
di : Massimo Emanuelli via RF
L’emittente nasce a Milano nel 1975, per iniziativa del QUOTIDIANO DEI LAVORATORI, dunque dell’area politica di Avanguardia Operaia, fra i fondatori ci sono Giuseppe Maccali (titolare di un piccolo negozio di comunicazioni), Martino Benpensante e Basilio Rizzo (insegnante e futuro consigliere del Comune di Milano). La prima sede di Canale 96 (che irradia i suoi programmi dagli fm 95,200, donde il nome) è in via Mac Mahon presso un’abitazione privata. Alberto Pugnetti, un (...)
Leggere il seguito