Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
A UN ANNO DA LULA: INTERVISTA A ROSA MARIA MARQUEZ*

di : Marco Santopadre
sabato 27 marzo 2004 - 18h57

*professoressa ordinaria dell’Università Cattolica San Paolo del Brasile, già presidente della Sociedade Brasileira de Economia Politica

(pubblicata sul numero di marzo della Rivista "Nuestra America")

di Marco Santopadre

Qual è il bilancio che si può fare dopo un anno di governo di Lula? Ci sono stati quei cambiamenti radicali invocati prima delle elezioni di Luis Inacio da Silva?

No, affatto. Certo è stata una vittoria storica della sinistra brasiliana e tutta la popolazione vedeva la possibilità di un grande cambiamento perché gli ultimi governi non hanno fatto altro che accentuare le disuguaglianze nel Paese. È stata una grande sorpresa notare che invece il governo Lula ha operato in continuità coi governi precedenti e addirittura accentuando alcune delle controriforme intraprese da Fernando Enrique Cardoso. Lula è riuscito a varare, in tempi da record, la riforma previdenziale per il settore pubblico, introducendo la possibilità di legalizzare i fondi pensione privati che fino ad ora non erano mai esistiti in Brasile.

Con la riforma previdenziale sono stati colpiti soprattutto i lavoratori del settore pubblico, è stato detto che erano dei privilegiati rispetto al resto della classe lavoratrice. La realtà invece qual è?

La nuova riforma è stata incentrata sul settore pubblico perché Cardoso aveva già attuato il taglio delle pensioni del settore privato e quindi, nella logica della strategia neoliberista patrocinata dal Fondo Monetario Internazionale, mancava la riforma del settore pubblico attuata precisamente da Lula, che in tal modo ha buttato a mare 23 anni di storia del Partito dei Lavoratori. Ogni volta che un governo del passato ha tentato di varare tale riforma i parlamentari del PT hanno votato contro. Invece questa volta quei parlamentari del partito che si sono opposti, sono stati espulsi. Stiamo assistendo con molta tristezza al fatto che un lavoratore, un ex metalmeccanico, leader di un partito di massa, è riuscito a realizzare in maniera assai efficiente e autoritaria una politica neoliberista. Questo può portare a una sconfitta gravissima del nostro progetto.

Lula ha già attuato anche un’altra riforma di stampo liberista.

Sì, la riforma del sistema tributario, che è estremamente pesante perché invece di colpire i grandi capitali, di aumentare le imposte sulle grandi fortune, ha semplicemente accentuato il sistema che già esisteva aumentando il volume di risorse ottenute tassando i lavoratori dipendenti e gli appartenenti alle classi medie, gli unici che pagano le tasse nel paese. Adesso Lula sta preparando la terza riforma, quella della regolamentazione delle organizzazioni sindacali e del mercato del lavoro. Si sta andando verso la flessibilizzazione totale della mano d’opera, una condizione già molto comune in Brasile, gran parte dei lavoratori brasiliani non gode di alcun diritto, e quei pochi che sono garantiti, ora saranno gettati in pasto alla flessibilità completa. Queste controriforme non sono una novità, anche tenendo conto di quanto avviene ad esempio in Europa.

Il sostegno a Lula è ancora abbastanza alto come personalità, mentre il sostegno al Governo ormai sta scendendo. Lula continuerà a capitalizzare la simpatia dei brasiliani oppure questa popolarità presto verrà meno?

C’è un estremo scollamento tra l’approvazione nei confronti di Lula come persona e quella del governo che lui presiede. Il "Foglio di San Paolo", un giornale importante del Brasile, ha appena pubblicato un’inchiesta in cui risulta che il Governo gode di un’approvazione definita "ottima" dal 42% dei brasiliani, un tasso di popolarità relativamente buono. La cosa curiosa è che si tratta esattamente della percentuale di consenso al governo precedente, quello di Cardoso, un anno dopo l’insediamento. Ossia in termini di politica governativa non c’è nessuna differenza, ma invece Lula a livello personale può godere ancora del 70% dei consensi. È un leader estremamente carismatico e la popolazione ancora non riesce a comprendere che non esiste una distinzione tra la persona e il governo che guida. Per arrivare a questo ci sarà bisogno ancora di molto tempo. Affinché ciò avvenga occorre che si organizzi un’opposizione, ma non un’opposizione isolata, bensì organizzata.

Prima parlavi dell’espulsione dal PT di alcuni deputati contrari alle riforme varate dal Governo. Si tratta per ora di poche personalità politiche, ma che sembra abbiano già in programma la formazione di un nuovo partito politico della sinistra brasiliana.

In realtà sul tappeto ci sono ben quattro proposte a riguardo. Alcuni deputati come Babà o come la figlia del dirigente del PT Tarso Genro hanno proposto la creazione di un nuovo partito ma non in tempi strettissimi; un’altra proposta che proviene dalla base dello stesso PT va nel senso di recuperarne il programma storico. Un’altra ancora è quella di creare un ampio movimento, presente sia dentro che fuori dal Partito dei Lavoratori, che possa organizzare tutti quei settori che oggi sono disperati e che, ad esempio, stanno scrivendo articoli dove possono contro il Governo, ma senza la possibilità di organizzare la propria opposizione. In particolare vorrei richiamare l’attenzione sull’espulsione di Luisa Helena, e non perché gli altri espulsi abbiano meriti inferiori, ma perché lei è una senatrice con molto seguito. La sua espulsione mi sembra emblematica del fatto che il partito si è chiaramente collocato da un’altra parte rispetto al passato. Sembra di assistere al passaggio di una parte della classe operaia al servizio della classe dominante perché essa stessa è diventata in qualche modo classe dominante.

Ci sono state due forze organizzate che a livello popolare e sociale hanno portato all’elezione di Lula: il potente sindacato CUT e l’MST, i lavoratori senza terra. Oggi qual è l’opinione prevalente in queste due organizzazioni nei confronti della politica del Governo?

Non esagero dicendo che il governo ha in mano tutto il sindacato, perché esistono lacci estremamente stretti tra i membri del Governo e i vari settori che compongono la centrale sindacale. Ad esempio posso citare il ministro della Previdenza che è stato presidente del potente sindacato dei bancari di San Paolo, e che oggi è il più accanito sostenitore della privatizzazione della previdenza. Questo non vuol dire che dentro la CUT non sia già in corso un dibattito, ma comunque è molto difficile che in tempi brevi si possa andare a qualche forma di rottura col Governo, anche tenendo conto che Lula è stato il leader storico del sindacato. Invece la situazione è diversa per i Sem Terra, perché essi non sono necessariamente vincolati alle dinamiche del movimento sindacale. Ciò che l’MST ha fatto è stato un accordo con Lula per sostenerne l’elezione. Ma questo accordo è già stato rotto perché i Sem Terra sono già tornati ad occupare i latifondi chiedendo una reale Riforma Agraria. L’opposizione del MST al governo probabilmente crescerà, ma questo non vuol dire che da qui possa scaturire una proposta politica perché sfortunatamente in Brasile esiste una contrapposizione tra città e campagne. Le classi urbane temono il movimento dei senza terra.

Un altro tema della campagna elettorale era stata la lotta alla fame. Lula aveva promesso di sradicarla attraverso il famoso piano "Fame zero". Oggi qualcuno accusa il governo di aver intrapreso uno sforzo più propagandistico che reale. Cosa ne pensa?

Il programma "Fame Zero" fu lanciato mesi fa in maniera assai roboante. Io, così come altri tecnici, criticai da subito il progetto, perché il piano prevede la consegna di una tessera ad ogni famiglia che permetterebbe l’accesso a una certa quantità mensile di beni alimentari. La nostra critica risiede nel fatto che tutta l’esperienza internazionale accumulata sul tema della lotta alla fame, dimostra che occorre distribuire denaro alle famiglie, scegliendo le madri di famiglia come beneficiarie, perché esse sanno come spenderlo adeguatamente per il sostentamento di tutto il nucleo. Chi ha pensato il piano Fame Zero afferma che i brasiliani "non sanno mangiare"; dobbiamo forse essere noi a dover dire alle persone cosa devono mangiare? Questo è un aspetto. L’altro aspetto riguarda il fatto che il piano in realtà non è mai partito veramente: per mancanza di risorse economiche sia a livello federale che locale, ma anche per la mancanza di coinvolgimento della società brasiliana, coinvolgimento che non c’è mai stato. Oggi ci sono alcune città medio-piccole che ricevono degli aiuti alimentari ma ciò non risolve il problema della fame e della povertà. È chiaro che qualsiasi governo deve intraprendere delle politiche di tipo assistenziale nei confronti della popolazione povera, ma nel caso del Brasile è la maggioranza della popolazione ad essere povera. Occorre operare una riforma strutturale dell’economia affinché essa non continui a produrre milioni di poveri. Naturalmente ciò non vuol dire che nel frattempo dobbiamo lasciare che gli indigenti muoiano di fame.

Abbiamo parlato della politica interna ed economica del Governo Lula: una serie di promesse non mantenute. Lula però, a livello internazionale, gode di un grande apprezzamento da parte dei movimenti popolari e di sinistra, soprattutto del resto dell’America Latina, ma anche in Europa. Lula si oppone all’ALCA anche se con alcune contraddizioni, ha stretto una alleanza con Chavez in Venezuela e una collaborazione con Cuba. Ciò infastidisce assai l’amministrazione USA. Come mai c’è questa differenza tra una politica internazionale in qualche modo di rottura rispetto alla precedente tradizione di alleanza con gli USA e una politica interna improntata al rispetto delle strategie economiche liberiste?

Io non direi che il Brasile in passato sia sempre stato un alleato fedele degli Stati Uniti. Anche all’epoca dei regimi militari, il governo infastidì gli USA stringendo un accordo di cooperazione nucleare con la Germania. È chiaro che il Brasile segue i dettami degli Stati Uniti e non potrebbe fare altrimenti, ma questo non vuol dire che tutti i governi del passato siano stati in qualche modo proni agli USA. I vari governi hanno sempre cercato di negoziare al rialzo la propria collaborazione con Washington. Io direi che al momento di concretizzare la politica che Lula adotta esternamente non rimane nulla, è soprattutto retorica. Dice no all’ALCA, ma il Brasile sta rispettando gli impegni presi in precedenza, è lì che negozia con gli USA sui tempi e i modi dell’ingresso nell’Alleanza Continentale. Se Lula non riesce a portare a casa un certo risultato di tipo economico e sociale all’interno del paese, non può aspirare al ruolo di leader dell’America Latina. Ma questo tentativo si sta rivelando vano. La sua politica di governo ha causato una stagnazione dell’economia: il PIL è cresciuto solo dello 0,2%, la disoccupazione nella città di San Paolo è arrivata al 20,9% della popolazione attiva, la ricchezza delle famiglie in un anno è diminuita mediamente del 15%. Non si può pensare di avere un ruolo "rivoluzionario" all’estero e poi internamente applicare le politiche neoliberiste.

Alcuni movimenti della sinistra europea hanno acclamato l’elezione di Lula come la affermazione di un nuovo modello di sinistra, esportabile anche nel vecchio continente. Cosa ne pensa?

Non esiste un modello "Lula". Quando abbiamo costituito il Partito dei Lavoratori esso nei fatti costituiva un’alternativa. Aveva le sue basi nei sindacati, nei quartieri delle città, aveva cellule in tutta la società e in tutto il territorio. Le cellule si riunivano periodicamente e ciò ha funzionato per molti anni, fino a che, a partire dalle penultime elezioni, questo modello organizzativo è stato stravolto con la moltiplicazione della burocrazia interna professionalizzata. Ci sono interi Stati, come ad esempio San Paolo, in cui i militanti non hanno la possibilità di mobilitarsi, di partecipare. Nelle ultime elezioni non c’è stata quasi partecipazione popolare alla campagna per l’elezione di Lula, i militanti non sono stati impegnati nelle strade e nei quartieri, sono stati utilizzati spesso dei lavoratori stipendiati dal Partito. Poi si è cambiata la bandiera, che storicamente era quella rossa con la stella nel centro. Negli ultimi anni abbiamo visto sostituire il bianco al rosso anche se il giorno della vittoria di Lula centinaia di migliaia di persone hanno sventolato le vecchie bandiere rosse per festeggiare. Non esiste un modello "Lula" valido come alternativa. Occorre pensare al PT come al tentativo di costruire una organizzazione indipendente dei lavoratori che ancora non è stata completamente distrutta, ma che lo sarà se non si restituirà ai militanti e ai lavoratori la possibilità di incidere sulle scelte del partito e del governo



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Ne demande pas ce que ton pays peut faire pour toi, demande ce que tu peux faire pour ton pays. John Fitzgerald Kennedy
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito