Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
176047038 IP
200246178 pagine
(dal 10/02/2002)
129 connectés
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Hanno ammazzato Vittorio Arrigoni! (videos)

di : Roberto Ferrario
venerdì 15 aprile 2011 - 10h02
JPEG - 78.4 Kb

Vittorio Arrigoni è stato sequestrato nella Striscia di Gaza. E barbaramente ucciso. Vittorio era un amico del popolo palestinese, rischiava quotidianamente la sua vita per essere vicino alle sofferenze degli uomini e delle donne di Gaza assediata. Vittorio era un amico della Freedom Flotilla, che fra poche settimane partirà per portare solidarietà e aiuti umanitari nella Striscia di Gaza assediata.

CHIEDIAMO CHE SI FACCIA LUCE SUBITO SUL SUO OMICIDIO

 A Roma appuntamento alle 16.00 al Colosseo

 A Milano appuntamento alle 16.00 a Piazza del Duomo

 A Genova presidio permanente dalle ore 10,00 in Via Roma

Si stanno organizzando manifestazioni anche a Napoli, Bari, Torino...

Freedom Flotilla Italia — Forum Palestina - Comunità Palestinese di Roma e del Lazio - Associazione Palestinesi in Italia — Unione Sindacale di Base — Unione Democratica Arabo Palestinese — Comitato con la Palestina nel Cuore — Comitato per non dimenticare Sabra e Chatila - Radio Città Aperta - Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos (Campi Bisenzio) - Comitato Palestina Bologna - Comitato di Solidarietà con il Popolo Palestinese di Torino - Gruppi di appoggio alla Palestina (Parma) - Collettivo Politico Fanon (Napoli) - Collettivo Autorganizzato Universitario di Napoli — Italia dei Valori — Partito dei Comunisti Italiani — Partito della Rifondazione Comunista — Rete dei Comunisti - Comitato Ricordare la Nakba (Torino) — C.S.O.A. Askatasuna (Torino) — Net Antagonista Torinese — C.S.O.A. Murazzi (Torino) — C.U.A. Torino — Area Antagonista Ska Officina (Napoli) — Coordinamento 2° Policlinico (Napoli) — Coordinamento di Solidarietà con la Palestina (Napoli)

Arrigoni ucciso, trovato nella notte il corpo a Gaza

Rapito ieri a Gaza City da gruppuscolo di salafiti Trovato in appartamento dopo un blitz di Hamas

E’ stato ucciso Vittorio Arrigoni, 36 anni, il volontario e attivista filopalestinese rapito ieri a Gaza da un gruppuscolo salafita ultra-estremista ispirato da Al Qaida, che lo aveva poi mostrato in un video, bendato e col volto insanguinato. Il suo corpo è stato trovato in un appartamento di Gaza City da miliziani di Hamas, alla fine di un blitz nella notte: scatenato ore prima della scadenza dell’ultimatum che i rapitori avevano fissato alle 16 di oggi per il rilascio dei loro ’confratelli’ detenuti, pena la morte dell’ostaggio. Secondo la versione di Hamas, Arrigoni è stato soffocato ore prima del blitz. Hamas ha anche detto di aver arrestato due persone, e definito l’uccisione "un crimine atroce contro i nostri valori".

FARNESINA CONFERMA LA MORTE DI ARRIGONI

La Farnesina conferma, attraverso il proprio Consolato Generale a Gerusalemme, il decesso del cittadino italiano Vittorio Arrigoni, il cui corpo è stato riconosciuto presso l’obitorio dello Shifa Hospital a Gaza City.

Nell’esprimere il forte sgomento per il barbaro assassinio e il più sincero cordoglio alla famiglia del connazionale, la Farnesina condanna nei termini più fermi il vile e irragionevole gesto di violenza da parte di estremisti indifferenti al valore della vita umana compiuto ai danni di una persona innocente che si trovava da tempo in quella zona per seguire da vicino e raccontare con forte impegno personale la situazione dei palestinesi della Striscia di Gaza.

RAPIMENTO FINISCE IN TRAGEDIA

di Alessandro Logroscino e Safwat al-Kahlout

E’ finita in tragedia l’avventura di Vittorio Arrigoni, l’attivista filopalestinese italiano rapito ieri mattina nella Striscia di Gaza da un commando ultra-estremista salafita. Il suo corpo senza vita è stato trovato in un appartamento di Gaza City dai miliziani di Hamas, a conclusione di un blitz condotto nel cuore della notte: diverse ore prima della scadenza dell’ultimatum che i sequestratori avevano fissato in teoria alle 16 di oggi per il rilascio dei loro "confratelli" detenuti, pena l’uccisione dell’ostaggio. Secondo la versione di Yiab Hussein, portavoce del ministero dell’Interno del governo di fatto di Hamas a Gaza, Arrigoni sarebbe stato soffocato già prima del blitz. Anzi, "qualche ora prima".

Le ricerche - affiancate dai primi tentativi della Farnesina di stabilire un qualche contatto diplomatico umanitario che non c’é stato nemmeno il tempo d’intrecciare - erano scattate nel pomeriggio di ieri, dopo la diffusione d’un video sul sequestro: rivendicato da una sigla poco nota della galassia salafita di Gaza che si ispira alle parole d’ordine di Al Qaida, la Brigata Mohammed Bin Moslama. Nel video il volontario italiano appariva bendato e col volto insanguinato, mentre scorreva una sovraimpressione in arabo che lo accusava di propagare i vizi dell’Occidente fra i Palestinesi, imputava all’Italia di combattere contro i Paesi musulmani e ingiungeva a Hamas di liberare i salafiti detenuti nella Striscia entro 30 ore (le 16 italiane di oggi).

Poi, nella notte, è arrivata la svolta. Secondo Hussein, le indagini hanno portato all’arresto d’un primo militante salafita, il quale ha condotto gli uomini di Hamas fino al covo: un appartamento nel rione Qarame, a Gaza City, che i miliziani delle Brigate Ezzedin al-Qassam (braccio armato di Hamas) hanno espugnato nel giro di pochi minuti, dopo una breve sparatoria conclusa con la cattura di un secondo salafita. Per Arrigoni, però, ormai non c’era più nulla da fare, ha detto il portavoce. Hussein ha espresso la volontà di Hamas di "stroncare ora tutti i componenti del gruppo" dei rapitori e ha condannato l’uccisione di Arrigoni - indicato come "un amico del popolo palestinese" - definendola "un crimine atroce contro i nostri valori". Egli ha aggiunto che "ci sono forze che vogliono destabilizzare la Striscia di Gaza, dopo anni di stabilità e sicurezza’. E ha inoltre ipotizzato che gli ultraintegralisti - protagonisti negli ultimi due anni di veri e propri tentativi di sollevazione contro Hamas, come quello represso nel sangue nel 2009 nella moschea-bunker di Rafah - abbiano sequestrato Arrigoni non solo per cercare di ottenere il rilascio dei loro compagni arrestati, ma anche perché ideologicamente ostili alla presenza di stranieri e ’infedeli’: e decisi quindi a lanciare un segnale intimidatorio in vista del possibile arrivo d’una nuova flottiglia internazionale di attivisti filopalestinesi.

Arrigoni era stato il primo straniero a essere rapito a Gaza dopo il giornalista britannico della Bbc Alan Johnston, catturato circa quattro anni fa da un altro gruppo locale simpatizzante di Al Qaida, l’Esercito dell’Islam, e liberato dopo 114 giorni di prigionia e lunghe trattative sotterranee. L’attivista italiano erano molto noto a Gaza dove lavorava a da tempo per conto dell’International Solidarity Movement, una Ong votata alla causa palestinese. Aveva partecipato in passato fra l’altro alla missione di una delle prime flottiglie salpate per sfidare il blocco marittimo imposto da Israele all’enclave dopo la presa del potere di Hamas nel 2007 seguita all’estromissione violenta dell’Autorità nazionale palestinese (Anp) del presidente moderato Abu Mazen (Mahmud Abbas).

SU YOUTUBE VIDEO VOLONTARIO ITALIANO RAPITO

Bendato e con evidenti segni di violenza sul lato destro del volto. Cosi’ appare Vittorio Arrigoni, rapito a Gaza da un gruppo islamico salafita, in un video postato ieri su Youtube da ’ThisisGazaVoice’. Il volontario italiano, con indosso una maglia nera, sembra avere le mani legate dietro la schiena, mentre qualcuno gli tiene la testa per i capelli. Sul viso, tracce di sangue che partono da sotto la benda nera che gli copre gli occhi. Una musica copre il sonoro del video, mentre in sovrimpressione appare una scritta in inglese che recita: ’’Il popolo di Gaza si dispiace per quello che questi bigotti hanno fatto a Vittorio. Siamo sicuri che sara’ presto libero e salvo’’. Al termine del filmato scorrono scritte in arabo.

JPEG - 8.8 Kb

LA MADRE, HO VISTO SOLO UN’IMMAGINE DEL VIDEO

"Ho sentito Vittorio lunedì o martedì sera ed era tranquillissimo, il solito Vittorio" dice la madre di Vittorio Arrigoni, Egidia Beretta, raggiunta telefonicamente dall’ANSA nella sua casa di Bulciago, piccolo comune del lecchese di cui la signora è sindaco. "Ci siamo sentiti come ci sentiamo sempre, una volta a settimana, e Vittorio era tranquillissimo, ci raccontava le sue cose come sempre, non nutriva alcuna preoccupazione perché - sottolinea la madre del volontario dell’International Solidarity Movement rapito oggi a Gaza - quello che faceva lui insieme ai suoi compagni era a favore della gente palestinese e non aveva motivo di essere preoccupato". A qualcuno questo rapimento è sembrato un po’ anomalo, ma la madre di Vittorio preferisce non fare ipotesi per ora: "non diamo nessun giudizio - dice categorica - perché non sappiamo nulla e non ne daremo finché la situazione non sarà più nitida".

JPEG - 33.5 Kb

La famiglia - la madre Egidia, il padre Enrico e la sorella Alessandra, assistente sociale - ha saputo del rapimento di Vittorio questa sera da alcuni conoscenti, che avevano a loro volta appreso la notizia dalla stampa. Poi - racconta la signora - una giornalista locale l’ha chiamata per dirle del video girato dai rapitori e postato su Youtube "ma io ne ho visto solo un’immagine". Donna forte la madre di Vittorio: indicata come sindaco modello dalla trasmissione ’Report’ per la sua scelta di rinunciare a qualsiasi compenso a favore di situazioni di difficoltà, ammette che questo figlio sempre in prima linea forse ha preso un po’ da lei nel lato battagliero e nell’inestinguibile sete di giustizia. Vittorio manca dall’Italia dal gennaio 2009, perché entrare e uscire da Gaza non è facile, e sarebbe dovuto tornare a breve. Anche di questo aveva parlato nell’ultima telefonata con i genitori. Ora il telefono di casa Arrigoni continua a squillare in cerca di notizie su Vittorio. Ma la famiglia non ha contatti diretti con i suoi compagni dell’International Solidarity Movement di stanza a Gaza: "sappiamo che ha due locali in prossimità di Gaza City" dice la madre, spiegando che Vittorio "é molto riservato per quanto riguarda la sfera privata, non so se abbia una compagna, è un uomo e io non chiedo nulla".

http://www.ansa.it/web/notizie/rubr...



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





La guerra del governo Renzi contro poveri e precari
giovedì 17 - 17h42
di : Movimenti contro la precarietà e l’austerity__Roma
1 comment
Grande campagna OIPA contro il massacro degli agnelli
giovedì 17 - 17h21
di : jesus anarchist
Il debito pubblico è debito privato
giovedì 17 - 14h45
di : zag(c)
Ucraina, sull’orlo della guerra civile. Domani il vertice a quattro. Si apre crisi in Montenegro
giovedì 17 - 10h41
di : Fabrizio Salvatori
#12a, il Coisp si sente in guerra. E spara su Acad
giovedì 17 - 10h40
di : Ercole Olmi
Morire in Ucraina
giovedì 17 - 10h38
di : Bob Fabiani
Figli del nulla
giovedì 17 - 06h07
di : Antonio Recanatini
Roma. Occupazione Montagnola sotto sgombero
mercoledì 16 - 15h59
di : InformationGuerrilla
1 comment
Firenze - Barricate contro un pignoramento
mercoledì 16 - 15h45
di : InfoAut
«Caro Saviano, scendi dal carrarmato». Ciao Vik (video)
mercoledì 16 - 11h05
di : MARINA ZENOBIO
L’invito di Vittorio
mercoledì 16 - 11h01
di : Arianna Tascone
Hanno ucciso Vik per colpire la speranza. Tre anni dopo l’omicidio di Arrigoni, parla Rosa Schiano
mercoledì 16 - 10h03
di : Tiziana Barilla
E’ morto Stefano Garroni, un marxista prestato alla filosofia
martedì 15 - 13h43
L’Istat fa i conti: "ma quali 80 euro..."
martedì 15 - 13h17
di : Claudio Conti ( Contropiano)
Il Cnel e quei 20 milioni che costa agli italiani.
lunedì 14 - 11h03
di : zag(c)
A KIEV CI SARA’ IL NUOVO MURO DI BERLINO
lunedì 14 - 10h03
di : salvo rappa
CARREFOUR SCARICA...I FACCHINI
lunedì 14 - 01h12
di : Comitato di Lotta CARREFOUR - Pieve Emanuele
Scontri a Roma, Servizio Pubblico filma agente che cammina sopra la testa di un manifestante (video)
domenica 13 - 16h05
Fiom,Landini rieletto segretario con più dell’80% dei voti. "Sciopero se non accolte nostre proposte"
domenica 13 - 15h44
di : Fabio Sebastiani
Fiom, Landini: «La nostra scelta»
domenica 13 - 15h43
Fiom contro Cgil, un passo verso la rottura
venerdì 11 - 14h44
di : Claudio Conti ( Contropiano)
La lobby delle bionde non conosce crisi
giovedì 10 - 09h03
di : Massimo Lauria
Dopo la Francia e l’Ucraina, l’Ungheria. Segnali molto gravi
giovedì 10 - 08h49
di : Claudio Grassi
Hersh: "Non fu la Siria a usare le armi chimiche"
giovedì 10 - 08h42
La lobby più potente del mondo
giovedì 10 - 08h39
di : Andrea Baranes
Per una grande parete occorre un grande pennello!
mercoledì 9 - 11h14
di : zag(c)
Il Fatto on line e il metodo Boffo
martedì 8 - 09h00
di : Paolo Ferrero
1 comment
Non ce se può credere!
lunedì 7 - 12h20
di : zag(c)
I giovani e il lavoro secondo Renzi
lunedì 7 - 11h43
di : InfoAut
Parma - Gravissimo attacco ai movimenti per la casa
lunedì 7 - 11h42
di : Rete Diritti in casa
Consorzio Bnl - Ragionevoli perplessità
lunedì 7 - 11h18
di : InfoAut Bnl
1 comment
Deriva autoritaria
lunedì 7 - 11h03
di : Piero Bevilacqua
A Terni come in Cile, un prof si ribella alla polizia in classe
lunedì 7 - 11h02
di : Marina Zenobio
Le supercazzole di Superbone!
domenica 6 - 15h20
di : zag(c)
il tecnicismo come maschera di finalità politica
sabato 5 - 14h57
di : zag(c)
La disoccupazione per diffondere precarietà
sabato 5 - 12h33
di : Maurizio Scarpa
Il jobs act è illegale, oltre che ingiusto
sabato 5 - 12h31
di : Checchino Antonini
HONDURAS: “Né le pallottole né i machete fermeranno la nostra lotta per l’acqua e la terra”
sabato 5 - 12h13
di : Giorgio Trucchi
Replica di Paolo Ferrero al fattoquotidiano.it
sabato 5 - 12h10
di : Paolo Ferrero
Se non ora, quando?
venerdì 4 - 14h23
di : zag(c)

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Je crois que les institutions bancaires sont plus dangereuses pour nos libertés qu'une armée debout. Thomas Jefferson
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
4 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito
Il Collettivo Bellaciao querelato per diffamazione da Mario SANDOVAL
martedì 10 Gennaio
di : Collettivo Bellaciao
Il 12 gennaio 2012, Roberto Ferrario, uno dei portavoce del Collettivo Bellaciao comparirà davanti al Tribunale Correzionale di Auxerre, assistito dal suo avvocato Weyl France, in seguito della causa per diffamazione che il signor Mario Sandoval ha presentato nei confronti di diverse media, tra cui Marianne2, Mediapart, Le Grand Soir, Courrier International, France Info, El Correo, Calpa... Mario Sandoval, un ex ufficiale di polizia argentino, denuncia Bellaciao per la pubblicazione sul (...)
Leggere il seguito
La storia siamo noi Peppino Impastato (6 videos + live radio)
giovedì 5 Gennaio
di : Collettivo Bellaciao
Palermo: Oggi è il compleanno di Peppino Impastato, il militante antimafia che avrebbe compiuto 64 anni e ucciso da Cosa nostra nel 1978, e di "Radio 100 passi" in onda da due anni. Ricorrenze che oggi vengono celebrate con una maratona su Radio 100 passi e sulla webtv "100 Passi Tv" che nel pomeriggio da’ il via alle sue trasmissioni. Fin dalla mattina collegamenti in rete - aperti dalla testimonianza del fratello, Giovanni Impastato - con le redazioni on line delle principali (...)
Leggere il seguito
Storia della RADIO CANALE 96
lunedì 2 Gennaio
di : Massimo Emanuelli via RF
L’emittente nasce a Milano nel 1975, per iniziativa del QUOTIDIANO DEI LAVORATORI, dunque dell’area politica di Avanguardia Operaia, fra i fondatori ci sono Giuseppe Maccali (titolare di un piccolo negozio di comunicazioni), Martino Benpensante e Basilio Rizzo (insegnante e futuro consigliere del Comune di Milano). La prima sede di Canale 96 (che irradia i suoi programmi dagli fm 95,200, donde il nome) è in via Mac Mahon presso un’abitazione privata. Alberto Pugnetti, un (...)
Leggere il seguito