Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Pentimento e dissociazione: fine degli "anni di piombo" in Italia?

di : Collettivo Bellaciao
venerdì 23 aprile 2004 - 14h09

Libero docente a Scienze Politiche Università di Parigi 1 Centro di Ricerca Politica della Sorbona (direttrice) Isabelle Sommier ha scritto diversi articoli in riviste specializzate nazionali e internazionali. Ha pubblicato:
*La violence politique et son deuil. L’après 68 en France et en Italie, (La violenza politica e i suoi postumi. Il dopo 68 in Francia e in Italia) Presses Universitaires de Rennes, 1998
*Les mafias (Le mafie), Montchrestien, 1998
*Le terrorisme (Il terrorismo), Flammarion, coll. Dominos, 2000
*Les nouveaux mouvements contestataires à l’heure de la mondialisation (I nuovi movimenti di contestazione nell’epoca della mondializzazione), Flammarion, coll.Dominos, 2001 (NdlR)


di Isabelle Sommier

All’indomani dell’offensiva antiterrorista, l’Italia si ritrova con 4087 attivisti di sinistra appartenenti ad "associazioni sovversive" o a "bande armate" condannati per "fatti legati a tentativi di sovversione dell’ordine costituzionale". 224 (di cui 130 in regime di semilibertà) sono in carcere ancora oggi e 190 tuttora latitanti, prevalentemente in Francia. Il fatto é unico in Europa, sia per l’ampiezza che per l’intensità della ribellione armata. Alla fine degli anni 80 gli "anni di piombo" avranno lasciato quasi 2000 feriti e 380 morti, 128 dei quali vittime dell’estrema sinistra. Per mettervi fine, il governo italiano ha adottato una legislazione eccezionale e impegnato nella lotta uno dei suoi ufficiali più prestigiosi, il generale Dalla Chiesa. Ma se é vero che questa politica repressiva mette a segno colpi durissimi per i gruppi armati, essa tuttavia non riesce ad arrestare il rinnovo dei ranghi sovversivi. Gonfia inoltre considerevolmente la popolazione delle carceri e comporta un ingorgo dei procedimenti giudiziari. Infine, sul piano simbolico, alla lunga uno stato democratico non puo’ accontentarsi di un trattamento puramente coercitivo di un problema che, in fondo, é politico. Ecco perché in un secondo tempo vengono create due nuove figure giuridiche che devono significare l’inizio di una "riconciliazione": il pentito che, in cambio di informazioni sulla sua organizzazione, vede la sua pena fortemente ridotta o, in certi casi, "dimenticata" e il dissociato che, in cambio di uno sconto di pena, si impegna a riconoscere l’insieme dei delitti che gli sono contestati ed a rinunciare all’uso della violenza come strumento di lotta politica. Smantellamento delle organizzazioni e reinserimento, questi sono ormai gli obbiettivi.

Il primo viene dalla convinzione che bisogna attaccare i gruppi armati sul loro terreno: quello dell’ideologia, ma anche sfruttare le incrinature o le debolezze personali che la vita in clandestinità favorisce. Si puo’ capire cosi’ l’osservazione del magistrato-simbolo della lotta al terrorismo Giancarlo Caselli, secondo il quale "é grazie alla sociologia, alla psicologia ed alla scienza politica piuttosto che alla repressione propriamente detta" [1] che la lotta armata é stata vinta in Italia. Il secondo obbiettivo rimanda all’idea di conversione all’ordine democratico. Si tratta, dice sempre Caselli riferendosi ai postulanti, di far loro "prendere coscienza della loro insensatezza" mostrando "il volto dell’indulgenza e della comprensione". Oltre all’opportunità di dividere ancora di più il gruppo dei sovversivi, questi nuovi attori offrono, per il fatto stesso che esistono, la prova di buona volontà di uno stato capace di generosità verso le "pecorelle smarrite" che riconoscono i loro errori e fanno onorevole ammenda. Anche se a proposito di queste iniziative si é scritto molto, vengono spesso distinte, l’una come forma di accettazione, l’altra come rigetto nei meandri del tradimento. Eppure contengono entrambe uno strappo ai principi democratici, in quanto pongono gravi problemi sia giuridici che etici. Ma é senza dubbio mediante l’invenzione del tutto originale della dissociazione che si sviluppa una vera e propria impresa di normalizzazione il cui compito é quello di chiudere gli "anni di piombo". Mediante l’esercizio della penitenza alla quale si sottopone, l’ex "terrorista" prende atto del suo traviamento e sollecita il perdono delle stesse autorità che aveva un tempo contestato. Questo insolito incontro fra i nemici di ieri presenta un carattere intermedio fra il politico e il religioso. Remissione dei peccati e disciplinamento dei comportamenti politici futuri sono strettamente connessi. Tuttavia, con il distacco dei quasi vent’anni che oggi ci separano da questa pagina della storia italiana, é permesso dubitare che quest’ultima sia in corso di superamento.

Dei dispositivi giuridici disinvolti

L’esposizione dei dispositivi giuridici é abbastanza delicata. In effetti, questi "statuti" non hanno atteso la loro codificazione per essere applicati. D’altronde, una volta codificato questo riconoscimento giuridico, la sua applicazione é stata teoricamente circoscritta nel tempo (per esempio, 120 giorni per la prima legge sui pentiti del maggio 1982), sia pure in modo vago e con delle proroghe (120 giorni supplementari per la stessa legge). Con la legge n° 304 del 29 maggio 1982, lo stato prende l’iniziativa di creare la figura giuridica del "pentito". Lo scambio - sconto di pena contro informazioni - risponde a tre obbiettivi:

Codificare cio’ che esisteva già, l’indulgenza per coloro che collaborano con la giustizia che non aveva atteso di essere riconosciuta giuridicamente per essere praticata. Approfittare della crisi in seno alle organizzazioni armate e soprattutto approfondirla, dato che l’esistenza dei pentiti le fa sprofondare nell’ "era del sospetto, rompendo la solidarietà della clandestinità" secondo il giurista Stefano Rodotà [2]. L’obbiettivo viene raggiunto oltre ogni aspettativa, tanto da poter dire oggi che la disfatta dei gruppi armati é stata più politica che militare.

Smantellare le organizzazioni e capire il loro funzionamento

I pentiti, convertiti in testimoni a carico dei loro ex-compagni, sono motivati a dire il massimo poiché la loro sorte finale é direttamente legata all’ampiezza delle loro confidenze. Il successo pratico di questa disposizione sarà tale da autorizzare il ministro della Giustizia Virginio Rognoni ad affermare nel 1987 che "ormai conosciamo tutto, o quasi, del vecchio terrorismo; il capitolo é chiuso" [3]. Si puo’ prendere l’esempio del precursore del pentitismo, Fabrizio Peci (ex responsabile delle Brigate Rosse), le cui confessioni fruttarono nel marzo 1980 93 mandati d’arresto, 45 arresti, la scoperta di numerose basi di cui una comporto’ 4 morti nella colonna genovese, il suicidio dell’avvocato Arnaldi e l’arresto dell’avvocato Spazzali. Anche se prevista dal codice fascista, la figura del pentito, ispirato direttamente dal testimone della corona della tradizione anglosassone, non era stata introdotta nell’Italia mussoliniana per non "incoraggiare l’infamia promessa agli scellerati", come si diceva allora. Tuttavia due articoli del codice penale possono essere considerati come precursori. Si tratta degli articoli 56 e 62, che prevedono riduzioni di pena per gli autori di un delitto che "ne impediscono volontariamente il compimento" (articolo 56 con riduzione da un terzo alla metà della pena), riparano interamente il danno o agiscono "spontaneamente ed efficacemente per eliminare o attenuare le conseguenze dannose o rischiose del crimine" (articolo 62, comma 6). E’ il decreto-legge Cossiga del 15 dicembre 1979 n°625 (convertito in legge il 6 febbraio 1980), dal titolo "Misure urgenti per la difesa dell’ordine democratico e della pubblica sicurezza", che getta le basi del pentitismo. Coloro che "si adoperano per evitare che l’attività delittuosa abbia ulteriori conseguenze, o che aiutano concretamente l’autorità di polizia e l’autorità giudiziaria nella raccolta di prove decisive per l’identificazione o la cattura dei partecipanti" vedono la loro pena ridotta dall’ergastolo a fra 12 e 20 anni di reclusione, le altre pene sono ridotte da un terzo alla metà (articolo 4). La pena é totalmente annullata per "coloro che, volontariamente, impediscono l’atto delittuoso e forniscono elementi di prova determinanti per l’esatta ricostituzione del fatto e per l’identificazione dei loro eventuali complici" (articolo 4). In seguito a questa legge, si stima che da 200 a 250 prigionieri si sarebbero pentiti fra il 1980 e la metà del 1981. Davanti al successo del provvedimento, ma anche davanti alle rappresaglie attuate sugli aspiranti allo statuto di pentiti dai loro ex compagni, il governo adotterà una nuova legge che andrà più lontano sia nei vantaggi accordati che nella protezione dei pentiti e delle loro famiglie: la legge n° 304 del 29 maggio 1982 sulle "Misure per la difesa dell’ordine costituzionale".

Essa estende i casi di "non punibilità" (articolo 1) per associazione di banda armata ed il porto di armi a coloro che: sciolgono o permettono lo scioglimento dell’associazione, se ne ritirano o si arrendono senza opporre resistenza o abbandoano le armi e forniscono informazioni sulla struttura dell’organizzazione della banda, impediscono la realizzazione di un crimine, si presentano spontaneamente alle autorità prima dell’emissione di un mandato d’arresto o prima dell’inizio del procedimento penale. D’altronde, in virtù dell’articolo 2, coloro che hanno uno dei comportamenti previsti all’articolo 1 prima della sentenza definitiva di condanna; confessano tutti i loro crimini; si adoperano durante il processo ad impedire o a ridurre efficacemente le conseguenze dannose o pericolose di un crimine, si vedono accordare le seguenti riduzioni di pena: dall’ergastolo a 15-20 anni di reclusione; le altre pene ridotte di un terzo con un massimo di 15 anni. Infine, l’articolo 3 prevede che per coloro che, oltre al comportamento definito ai precedenti articoli, aiutano nella raccolta di prove decisive per l’identificazione o la cattura di uno o più autori di crimini, o forniscono elementi di prova per l’esatta ricostituzione del fatto e la scoperta dei suoi autori, le riduzioni di pena si distribuiscono come segue: dall’ergastolo a 10-12 anni di reclusione; riduzione della metà per le altre pene con un massimo di 10 anni. Alla scadenza della data limite prevista dalla legge, il Ministero di Grazia e Giustizia ha dichiarato 389 beneficiari. La cosa più interessante é la loro distribuzione per categorie: 78 sono definiti "collaboratori" o grandi pentiti, 134 sarebbero "semplici" pentiti, 177 "dissociati" senza che si capiscono bene i criteri di differenziazione. Sembra che il legislatore abbia ripreso la scala giornalistica del pentimento basandosi su una stima tutta soggettiva della sua supposta importanza che, prosaicamente, sarebbe di fatto funzione dell’ampiezza delle rivelazioni. Quanto alla categoria "dissociazione", mirava a ricompensare ed incoraggiare quelli che, prima della sentenza, prendevano le distanze dalla loro organizzazione, riconoscevano tutti i crimini e delitti che erano loro imputati e si adoperavano per impedire o moderare i successivi. Altrettanti obbiettivi che anticipano quelli della dissociazione come la si intende oggi. In effetti é dagli stessi ranghi del movimento della contestazione che nasce veramente, nel 1982, la figura del "dissociato", per iniziativa di Toni Negri e col sostegno di certi magistrati del sindacato di sinistra Magistratura democratica. Senza denunciare esplicitamente i suoi ex compagni, il postulante tratta una riduzione di pena, da un lato riconoscendo tutti i delitti di cui é imputato, dall’altro impegnandosi a rinunciare all’uso della violenza come mezzo di lotta politica (cfr. esempio allegato Alberto Franceschini).

La dissociazione é, e resta ancora oggi, una pura invenzione italiana che il governo renderà ufficiale con la legge del 18 febbraio 1987 come "il comportamento di chi, accusato o condannato per delitti a scopo di terrorismo o di sovversione dell’ordine costituzionale, ha abbandonato definitivamente l’organizzazione o il movimento terrorista o sovversivo al quale ha appertenuto, avendo cumulativamente i seguenti comportamenti: ammissione delle attività realmente svolte, comportamento obbiettivamente e senza equivoci incompatibile con la persistenza del vincolo associativo, rifiuto della violenza come metodo di lotta politica" (articolo 1). Le riduzioni di pena sono le seguenti: ergastolo: 30 anni di reclusione, delitti di omicidio o tentativo di omicidio volontario, lesioni personali volontarie gravissime: riduzione di un quarto della pena, delitti associativi o di fiancheggiamento, porto e detenzione di armi ed esplosivi, falso e connivenza personale o reale, apologia o incitazione al crimine: riduzione della metà della pena, altri delitti: riduzione di un terzo della pena. Non sono contemplati dalla legge i responsabili di stragi (articolo 2). La totalità della pena da scontare non puo’ superare i 22 anni e 6 mesi (articolo 7). Da notare che gli aspiranti a tale statuto dovevano farne domanda entro il 1987. Per questo il suo inventore, Toni Negri, non ne beneficia dopo il suo ritorno volontario in Italia il 1° luglio 1997 [4]. L’originalità della dissociazione é la collaborazione di una parte del campo sovversivo e del campo politico istituzionale nella sua elaborazione ed applicazione, poiché questa iniziativa privata di ex militanti suscita a partire dall’anno successivo la prima proposta di legge. Questa é seguita, sempre nel 1983, da un secondo documento firmato da alcuni detenuti, "L’uovo del serpente". Ma solo cinque anni dopo la dissociazione entrerà ufficialmente nel diritto penale. La sua applicazione risparmia allora molti grattacapi allo stato italiano, da una parte risolvendo il problema del sovrapopolamento delle carceri, dall’altro riducendo gli effetti negativi, di fronte ai suoi partners europei, di un numero troppo elevato, per un paese democratico, di persone detenute per crimini e delitti politici. I seguenti numeri lo testimoniano: sui 442 "prigionieri rossi" del 1988, 161 sono considerati "irriducibili", 170 sono dissociati, 34 pentiti, 64 "non classificati" (i 13 rimanenti, arrestati recentemente, non erano ancora classificati). L’ultimo censimento (1994) mostra che restano oggi in prigione 69 dissociati e 143 "né dissociati né pentiti" [5]. Dunque é un successo da un punto di vista di politica carcerale e di politica tout court, poiché queste iniziative hanno dato l’opportunità di dividere ancora di più il gruppo dei sovversivi ed hanno cosi’ contribuito alla sconfitta politica delle organizzazioni clandestine ed al loro smantellamento.

Polemiche intorno al diritto ed alla morale

Eppure, l’introduzione di queste nuove figure giuridiche non é stata agevole. Oltre agli strappi al diritto, esse sollevano questioni etiche che, in un paese cattolico come l’Italia, si sono in parte focalizzate sulla dimensione simbolica della designazione.

E’ vero che l’inizio di "riconciliazione" avviato con l’attribuzione degli statuti di pentito e di dissociato si presta ad una confusione semantica. Il primo si applica solo ad individui che collaborano con la polizia: non vi é qui alcun pentimento. Ed é infatti al secondo che l’etichetta dovrebbe competere poiché é lui il "dissociato" che si presenta al giudice in uno spirito di penitenza con la speranza di ottenere una remissione dei suoi "peccati", ovvero il perdono delle vittime. Confusione semantica che deve essere interpretata in relazione alla cultura cristiana, all’origine dell’invenzione degli statuti in questione. In effetti, la figura del pentito, come quella del dissociato, le sono familiari. Cosa evoca il termine di pentito se non un individuo che, dopo qualche turba comportamentale, prende coscienza dei suoi peccati, li rimpiange sinceramente e s’impegna a non commetterli più? E per questo deve ispirare il perdono ed il rispetto del buon cristiano. Ma il ritratto corrisponde piuttosto al dissociato, non estraneo ad una filiazione con l’eretico che abiura la sua fede per cancellare il suo errore. Non stupisce che numerose personalità ecclesiastiche si siano turbate per un errore semantico che, indirettamente, restituiva un’immagine della chiesa almeno poco gloriosa. Passato il turbamento cristiano, sono gli aspetti strettamente giuridici degli statuti intorno ai quali si sono concentrate e si concentrano ancora oggi critiche ed interrogativi. Il pentito non é un delatore, ma un testimone a carico in un processo dove spesso é, nello stesso tempo, accusato.

Questa doppia posizione é stata denunciata da certi avvocati, di cui sconvolge il ruolo, come costituente una minaccia per i diritti della difesa. D’altronde, si possono avanzare dubbi sull’affidabilità di confessioni dettate da un interesse personale come quello di vedere la propria pena fortemente ridotta o dimenticata. In qualche modo, c’é voluta l’esplosione dell’affare Sofri ed altri perché il problema giuridico posto dai pentiti diventi una questione pubblica grazie alla mobilitazione dell’importante capitale sociale del principale accusato [6]. Il suo difensore più prestigioso, Carlo Ginzburg, é arrivato ad impegnare le sue competenze di storico specialista dei processi per stregoneria per denunciare la debolezza dell’amministrazione della prova a partire dalle confessioni del pentito Leonardo Marino, che indicano nel 1988 gli ex responsabili dell’organizzazione Lotta Continua Sofri, Pietrostefani e Bompressi come coloro che hanno commissionato l’assassinio, nel 1972, del commissario Luigi Calabresi [7]. Ma se ha ragione di sottolineare le analogie fra questo processo e quelli dell’Inquisizione, resta in una logica di complotto di cui sarebbe vittima il suo amico e, soprattutto, eleva al rango di eccezione ed errore giudiziario una pratica banale e di routine da quasi vent’anni contro la quale non si era mai ribellato (né lui né, del resto, la grande maggioranza dei firmatari della petizione lanciata a favore degli accusati). Il rischio di deposizioni fantasiose é rafforzato dal fatto che le confessioni non sono corroborate da fatti obbiettivi esterni, quindi sono processi senza contraddittorio. La diffusione di un documento presentato come proveniente dalla sezione anti-crimine dei carabinieri di Roma sottolinea un’altra possibile deviazione: quella della manipolazione e persino della fabbricazione di un pentito. Vi si parla della condotta da seguire riguardo all’amante, che sembra psicologicamente e materialmente fragile, di un militante anarchico indagato.

Pur respingendo categoricamente l’ipotesi secondo la quale avrebbe un qualche legame ideologico con la "sovversione" in questione, la nota preconizza di suggerirle informazioni relative a fatti criminali di cui è sospettato il suo amico e dunque di presentarla come pentita, al fine di farlo "cadere" [8]. Inoltre, la clemenza riguardo ai grandi pentiti sfugge talvolta ad ogni controllo, poichè è previsto che possano essere rimessi in libertà in casi di "eccezionale interesse" prima dello svolgimento del processo su ordine del giudice istruttore che dispone, allora, di un potere discrezionale esorbitante. Ci si ritrova cosi’ in una situazione in cui ex-responsabili di numerosi delitti sono in libertà mentre dei "comprimari", che hanno da rivelare poco o nulla, restano in carcere mentre alcuni possono fare parecchi anni di carcere preventivo sulla base dei sentito dire di un pentito. Citiamo alcuni casi: Marco Donat Cattin, condannato per tre omicidi, liberato dopo tre anni di prigione; Walter Sordi, otto omicidi, quattro anni di prigione; Roberto Sandalo (Prima Linea), tre omicidi e meno di tre anni di prigione. Lo statuto di dissociato pone un problema diverso: quello della violazione di un sistema giudiziario che tiene conto degli atti e non delle intenzioni. La sorte finale del dissociato è in effetti determinata dalle sue dichiarazioni, sostenute in futuro da un comportamento adeguato, piuttosto che dai suoi delitti. L’individuo non è giudicato per cio’ che ha fatto ma per cio’ che pensa e che promette di essere. In effetti, l’articolo 5 della legge prevede che i benefici della dissociazione possono essere rimessi in questione non solo in caso di recidiva ma anche di "comportamenti incompatibili con la precedente dissociazione". L’uno e l’altro di questi statuti violano dunque più volte il livello ultimo del procedimento penale, la pena : nel suo principio stesso, quello della punizione effettiva, nel principio dell’uguaglianza davanti alla pena, in quello dell’eguaglianza dell’esecuzione, dissociati e pentiti beneficiano di condizioni penitenziarie particolari, in quello dell’esemplarità della pena.

Un’ offerta di normalizzazione

In verità, cio’ che è in gioco nella riconciliazione parziale sottintesa dalla dissociazione, ha poco a che vedere con il diritto e la morale o, pîuttosto, articola i due livelli in un progetto di normalizzazione sociale. Progetto di normalizzazione che si rivela anzitutto nelle motivazioni della dissociazione: il desiderio di riprendere una vita normale. La decisione di dissociarsi appare in effetti spesso come l’approdo di un lungo e doloroso distacco dall’organizzazione le cui cadenze seguono strettamente i momenti di crisi dell’impegno armato, crisi suscitata da un crimine che fa discutere o da tensioni interne. Il legame fra percorso individuale e traiettoria dell’organizzazione sembra stabilirsi intorno al 1979 ed accentuarsi due anni più tardi con la conseguenza dei primi pentiti. Ma in generale è la carcerazione e la prospettiva di scontare una lunghissima pena che, sul fondo della crisi della militanza, precipitano l’atto della dissociazione. Occorre tener conto di un terzo elemento che rende le cose ancora più complesse: cioé la sua concomitanza con un’avvenimento di tipo privato (incontro amoroso o matrimonio) che viene a simbolizzare in un certo modo la rivincita del privato e degli affetti su un impegno totale che presupponeva la rinuncia alle aspirazioni individuali [9].

Normalizzazione, poi, mediante il passo volontariamente effettuato dal postulante che domanda per lettera ed in una forma standard di approfittare dei benefici della dissociazione. Con la sua dichiarazione egli accetta di riconoscere tutti i fatti che gli sono contestati, di esporne i particolari insieme a quelli di cui ha avuto conoscenza. Si ritrovano qui i principi del "modello giuridico-religioso della confessione" messo in luce da Foucault, in particolare l’intreccio fra sapere e potere [10]. Normalizzazione sopratutto per lo spirito che presiede allo statuto: la conversione all’ordine democratico, che costituisce l’unica materia di scambio con lo stato. Come notava Mario Gozzini, i dissociati "sono persone che hanno preso coscienza, ed hanno amesso, di essersi sbagliate (...) (e) hanno domandato di saldare i loro conti (...) lavorando per la società". [11]. Si potrebbe parlare di una riabiltazione a due velocità. Da una parte, l’individuo riconosce con la sua dichiarazione la validità dell’ordine costituito e delle sue regole e si impegna ormai a rispettarle. Dall’altra, ed in conseguenza di cio’, egli si prepara ad una reinserzione sociale futura garantita dallo stato mediante le riduzioni di pena, poi i regimi di semi-libertà ed infine una liberazione condizionale. La reinserzione da in generale buoni risultati, spesso in lavori di utilità pubblica che vengono in qualche modo a coronare la "rinascita" (sociale) dell’ex-deviante. Infine, il postulante accetta di sottoporsi ad una specie di "giudizio dell’anima", per riprendere l’espressione di Michel Foucault [12], nella misura in cui i benefici ricavati dallo statuto sono condizionali e possono essere rimessi in questione in base all’esame del suo comportamento futuro. Evidentemente, "la conversione all’ordine democratico" non si fa con la semplice firma di una lettera di dissociazione. Questa firma è nello stesso tempo il punto d’arrivo ed il punto di partenza di un processo di conversione, nel senso forte del termine, o anche di trasformazione totale, mediante la quale l’individuo "cambia mondo" [13]. Per esempio, è significativo che "l’area omogenea" della prigione di Rebibbia, all’origine della dissociazione nel 1982, s’impegna tre anni dopo in una serie di "settimane sui movimenti (sociali degli anni 1978) e sul riformismo" animata da intellettuali ed uomini politici del PSI. La lezione politica che se ne ricava è chiara: inveire contro "una rivoluzione impossibile" e sottolineare la vittoria del "riformismo che ha acquisito un vasto terreno di consenso, anche ideologico". [14]. In questo senso, questi incontri fanno parte della costruzione di una storia ufficiale la cui radice é prevalentemente l’esorcismo [15].

"Il traditore, il buono e il cattivo"

Se si puo’ far credito al legislatore di essersi preoccupato di facilitare la reinserzione individuale degli ex-militanti, è altretanto chiaro che, sul piano collettivo, si trattava per lui di mettere in crisi le organizzazioni. Crisi di sospetto, crisi di sfiducia, crisi d’identità, applicando il vecchio adagio: dividere per regnare meglio".

La creazione della figura del pentito rimanda, da questo punto di vista, ad una tattica elementare, per non dire rudimentale: raccogliere informazioni e seminare nei ranghi il veleno del sospetto, che è sempre propizio ai regolamenti di conti ed a rotture di solidarietà di ogni genere. La logica della dissociazione è nello stesso tempo più sottile e più tremenda per le organizzazioni clandestine perchè si basa, in origine, su una volontà di distinguersi e, in certuni, di combattere una parte della loro comunità deviante di origine. Infatti, tutto l’edificio è basato sulla divisione. Ora, questa dicotomia fra "buoni" e "cattivi" è stata totalmente interiorizzata, se non provocata, da una parte del gruppo sovversivo stesso, in particolare dai dissociati. In effetti, sono loro che moltiplicano l’essenziale delle stigmatizzazioni pubbliche nei confronti dei loro ex-compagni ormai pentiti, prima di continuare i loro anatemi nei confronti di coloro che non aderiscono alla la loro scelta di dissociarsi. Non citeremo che un esempio. Ecco in che termini uno dei primi e più grandi pentiti, Fabrizio Peci, giustifica la sua decisione: "Sono arrivato alla conclusione che la nostra lotta, la lotta delle BR e più in generale la lotta armata, era nociva per gli interessi della sola classe operaia. Per questo ho domandato di incontrare un magistrato. Ho preso questa decisione dopo aver visto che il Consiglio Superiore della Magistratura, alcuni ministri, il Presidente della Repubblica erano pronti a considerare favorevolmente la collaborazione.

Principalmente pagando questa collaborazione con la grazia, l’annullamento della pena e dunque la possibilità di ricostruire la propria vita". L’argomentazione, che comnicia con "gli interessi della classe operaia" per finire con considerazioni tanto strumentali quanto individuali, è certo per lo meno traballante. La sua stessa goffaggine sembra escludere ogni ambizione politica. In cio’, è tristemente esemplare della maggio parte dei modi di "giustificazione" degli altri pentiti della stessa tendenza che, evidentemente, cercano semplicemente, per dirla brutalmente, di "salvare la pelle" vendendo quella degli altri. Mercatosenza dubbio immorale (ma quanto efficace!) denunciato da tutte le parti, in particolare da Toni Negri, che aggiunge tuttavia che l’"immoralità" non è appannaggio del pentito ma è resa possibile dall’ "immoralità" propria del giudice "che (lo) fabbrica (...) nella misura in cui lo libera dai legami di lealtà dovuta al gruppo"[16]. Certuni non mancheranno di trovare buffa, in bocca a Toni Negri, la critica che essi rivolgono proprio a cio’ che la dissociazione, di cui lui è il padre spirituale, rappresenta: una rottura della solidarietà e dell’unità del gruppo. Mettere una contro l’altra le due figure negative per eccellenza dell’Italia dell’epoca, pentiti e "terroristi", costituisce in effetti una delle pietre angolari del movimento della dissociazione. Il suo atto di nascita è scritto in prigione con il documento detto dei 51 o anche della "area omogenea" reso pubblico nell’estate 1982.

L’iniziativa ebbe come effetto principale di dividere la comunità carceraria, impegnandone una parte nella costruzione del folk devil. Il testo fondatore della dissociazione:" Terrorismus? Nein, danke" (23 mars 1981), non nasconde che l’iniziativa è diretta contro le BR in particolare e le "Organizzazioni Comuniste Combattenti" in generale. E’ fondato in effetti su una dicotomia dei detenuti politici, divisi fra "terroristi" (dixit il testo) e gli altri, vittime del "stalinismo" dei primi. L’obiettivo di "battere il terrorismo" vi è esplicitamente dichiarato: "l’unico mezzo per battere il terrorismo consiste nell’intervenire sui meccanismi che lo riproducono avendo la legittimità politica per farlo. E non si puo’ avere legittimità che quando si parla dall’interno del movimento di classe", cosi’ spiega Toni Negri [17]. Una parte della comunità deviante esprimeva cosi il suo rifiuto dell’etichetta "terrorista" appioppandola all’altra e presentandosi come la meglio armata per combatterla. "La differenza fondamentale fra Autonomia e Brigate Rosse è che le Brigate Rosse erano un’organizzazione terrorista nel senso tradizionale mentre Autonomia, al contrario, non lo fu mai. Autonomia fu un largo movimento di associazione politica ugualmente violento, ma che non ha niente a che vedere con il terrorismo, nemmeno con il terrorismo di tradizione. Li’ era dunque la differenza fondamentale, una differenza d’organizzazione, di strategia, di forme di lotta, di identificazione dei soggetti sociali, di ideologia, etc.

E una differenza come quella fra il giorno e la notte". [18] Per questo si puo’ dire che la stigmatizzazione della figura in movimento del nemico interno si realizza a partire dall’inizio degli anni 1980 con la creazione di quello che Stanley Cohen chiama un nuovo tipo di folk devil la cui immagine si costruisce nelle interazioni fra i myth makers (i mass media) ed i rules enforcers (gli agenti del controllo sociale) con la partecipazione degli aspiranti alla riabilitazione [19]. Un autonomo ci ha riassunto questa evoluzione nel modo seguente: "le parole d’ordine dell’Autonomia milanese sono state quattro, dalla sua nascita al dopo Moro: all’inizio, i militanti delle BR erano definiti "compagni che sbagliano" - sono dei compagni, come noi, contro lo stato - ; durante il sequestro Moro, lo slogan era: "contro lo stato ma in modo diverso"; subito dopo, con il sette aprile: "né con lo stato, né con le BR"; nell’ultima fase, lo slogan ha assunto, con la dissociazione, il tono "con lo stato, contro le BR". Tutto cio’ è stato detto". C’è tuttavia un vero paradosso: la dissociazione è un mezzo legale offerto agli ex-"terroristi" per denunciare, con la loro autocritica, un "progetto terroristico".

Ora, da cosa si puo’ dissociare un uomo come Negri se egli attribuisce solo agli altri la qualifica di "terroristi" e si afferma estraneo alla lotta armata? Una volta lanciato il segnale, la dissociazione non resterà a lungo appannaggio dell’area autonoma. Sarà massicciamente investita dagli ex-membri di Prima Linea con il loro documento "per il comunismo" che denuncia la "logica di annientamento reciproca di due improbabili eserciti" che costo’ la vita a "centinaia di militanti comunisti sottratti alla lotta di classe nel macabro walzer della spirale del terrorismo e della repressione". In seguito, vi si infilano militanti di tutte le organizzazioni, senza per questo esprimere una legittimazione "sapiente" e/o esplicitamente ideologica. Cosi’ si giustifica Alberto Franceschini, co-fondatore delle BR: "ormai la rivoluzione non era più all’ordine del giorno, dovevamo travare il modo per rientrare nella società (...), non domandiamo un trattamento di favore, ma soltanto di essere trattati come detenuti di diritto comune, non più come "pericolosi terroristi" (per) far capire che siamo cambiati rispetto al passato, che vogliamo ritornare alla "vita normale" senza per questo vendere la nostra dignità" [20 ]. Si ritrova in quest’ultima testimonoanza l’aspirazione individuale a "voltare pagina" e a reinserirsi socialmente all’origine del progetto di normalizzazione iniziato con la firma della lettera di dissociazione.

Senza gli accenti di crociata morale che ha presso i suoi inventori e/o promotori, che sembrano impegnarsi nella nuova missione di "purificare" la società dai suoi elementi devianti con un fervore identico a quello dimostrato nel corso della loro traiettoria militante. Poichè, all’altra estremità della catena, e per contrasto, gli statuti di pentito e di dissociato inventano una nuova figura: quella dell’ "irriducibile", del mostro irrecuperabile che non solo non abiura ma che sarebbe suscettibile di ricominciare appena uscito di prigione. Non ci sono nomi e dunque nemmeno posti per gli altri, che si ritrovano cosi’ schiacciati fra la negazione e la prosecuzione di un’idea che considerano ormai sbagliata. Sembra cosi che non vi sia alternativa fra il mantenimento nella devianza e la remissione di un peccato (di gioventù?) che deve necessariamente essere reso pubblico e consacrato davanti ad uno stato e da quello stesso stato che si é combattuto in passato. Questa logica segregazionista dei pentiti contro tutti gli altri continua ancora oggi. Nel momento in cui la legge sulla dissociazione veniva infine votata nel 1987, i due capi storici delle Brigate Rosse, Renato Curcio e Mario Moretti, intervenivano in favore di un’amnistia generale senza contropartita con l’apertura della "battaglia per la libertà". I dissociati le opponevano immediatamente la proposta di "indulto" (riduzione di pena) considerando la proposta come una revendicazione "estremista e irrealista"...

Dato che la maggior parte è rifugiata in Francia, essi arriveranno a domandare al governo di riconoscere l’esilio come una pena per vedersi attribuito uno statuto equivalente a quello dei prigionieri. Più recentemente, la legge sulle riduzioni di pena (applicabile a tutti) è stata denunciati da taluni perché accordava riduzioni di pena senza contropartita. Soluzione in certo modo opportunista, la dissociazione prosegue dunque nella sua logica corporativa ed impedisce un processo generale di scarcerazione, ma anche di superamento degli anni di piombo.

Una pagina della storia lasciata aperta

Si puo’ dire che il pentimento e la dissociazione hanno soddisfatto solo i partners della scambio: beneficiari delle riduzioni di pena concesse e personale politico del momento per gli effetti di queste misure in materia repressiva e carceraria. Ma se l’obiettivo a medio e lungo termine era di voltare la pagina degli "anni di piombo", il fallimento è patente. Inutile dire che già "l’Associazione italiana delle vittime del terrorismo e della sovversione" non ha accolto con entusiasmo queste leggi dato che il legislatore continuava a rifiutarle lo statuto di vittima ed ogni indennizzo ad esso collegato. Più in generale, il varo degli statuti non ha incontrato, come si è visto, il consenso generale e ha perfino dato luogo a discussioni e polemiche. Esso si basa inoltre sull’individualizzazione e la differenzziazione dei detenuti e prolunga lo stato d’emergenza. Tuttavia la questione fondamentale è un’altra. Il superamneto di una pagina dolorosa della storia suppone come condizione un confronto collettivo con "il male del passato" [21] che impegna un vero lavoro di memoria, nelle sue cose non dette, nei suoi tabù o nelle sue deformazioni. Ora, da questo punto di vista, l’invenzione degli statuti ha avuto effetti dirimenti nella misura in cui condiziona direttamente un’immagine falsata degli anni di piombo. Anzitutto con la pretesa dei giudici di fare la storia di questo periodo attraverso confessioni degli uni e degli altri. Nell’accordo che stipula con lo stato il pentito non fa che dare dei nomi. Non è che un delatore. Nella ricostituzione minuziosa ed interessata dei crimini e dei delitti egli accetta un’altra moneta di scambio: la confessione di cio’ che lo stato aspetta da lui. Egli partecipa anche ad una ricostruzione della storia di quegli anni. In questo senso, Oreste Scalzone ha ragione di parlare a questo proposito di "memoria mercenaria" e di illustrarlo: "per esempio, era importante nell’affare Moro che "confessassero" che le BR avevano fin dall’inizio scelto la morte di Moro." [22]. Basandosi quasi esclusivamente sulle confessioni del pentito, od orientandole se si presenta l’occasione, il giudice intende ricostruire i fatti senza omissioni, a costo di aggiungere interpretazioni sue per colmare una lacuna o un anello mancante, interpretazioni che, per effetto dell’autorità, acquisiscono una dimensione di verità.

In questo senso, egli si erge a storico. D’altronde, è in parte per denunciare quest’evoluzione che intellettuali come Ginsburg sono intervenuti recentemente a soccorrere Sofri, "vittima" di un pentito. Ma concentrandosi sul "caso Sofri", per amicizia e/o per solidarietà di classe, essi si ergono a loro volta a giudici quando usano l’argomento dell’autorità (questa volta di accademici) per affermare che solo Sofri sarebbe vittima della logica giudiziaria dello stato d’emergenza e sarebbe perfino l’unico innocente mentre gli altri sarebbero colpevoli, come decreto’ amabilmente Ginsburg a carico di Negri al Salone del Libro del 1997 [23]. Tuttavia, l’obbrobrio sui pentiti è tale che la loro ricostruzione della storia non è credibile. In compenso, le conseguenze storiografiche della dissociazione vanno più lontano, poiché essa si basa sul postulato secondo il quale le pratiche di violenza (violenza di massa, violenza di avanguardia, semiclandestina, totalmente clandestina) sarebbero state, fin dall’inizio, perfettamente impermeabili le une rispetto alle altre. . Viene sintetizzata cosi’ la tipologia fra organizzazioni che si potrebbero definire terroriste "in modo congenito" e organizzazioni di estrema sinistra che accettano il ricorso alla violenza senza cadere nel terrorismo.

La realtà era tutt’altra: fino a metà degli anni 1970 le azioni violente erano largamente intrecciate e non distinguevano con chiarezza i gruppi gli uni dagli altri. E’ solo progressivamente che alcuni vanno in qualche modo a specializzarsi nella lotta armata clandestina mentre altri, precisamente gi Autonomi, privilegeranno il suo esercizio "pubblico" mediante scontri di piazza, attacchi a sedi di partito, azioni punitive, etc. senza peraltro rinunciare a pratiche svolte nell’ombra [24]. "Dimenticando" cio’, la storia degli anni di piombo riportata dai dissociati cade in un manicheismo che impedisce di capire l’escalation della violenza (a meno di ricorrere alle tesi della manipolazione o della malvagità di alcuni). Essa ha reso ancora più confuso il rapporto che molti in Italia intrattengono con questo passato recente e senza dubbio più difficile una reflessione collettiva priva di interessi di questo o quel gruppo. La ricostruzione di una storia che ne nasconde un’altra è talvolta una vera "operazione di sopravvivenza". In un certo modo, questi statuti non solo introducono una considerevole rottura biografica, ma anche una dissociazione del soggetto, soprattutto per i dissociati, di cui si potrebbe dire che gli sforzi di riscrittura della storia collettiva di quegli anni assomigliano ad una accanita lotta interna contro il "mostro" che hanno in essi, questo terrorista che fustigano attraverso i loro ex-compagni. Da li’, forse, la dimensione di crociata e gli accenti di redenzione che assume in certuni la loro rilettura del passato. Ma questa ipotesi richiede altre competenze ed altri luoghi di riflessione.

La dichiarazione di dissociazione di Alberto Franceschini [25]

"Io sottoscritto, Alberto Franceschini, nato a Reggio Emilia il 26 ottobre 1947, attualmente detenuto nella Casa Penale di Rebibbia a Roma, dichiaro, in conformità con le mie precedenti dichiarazioni ed i miei comportamenti durante i processi e fuori:
*di avere definitivamente abbandonato ogni organizzazione ed ogni movimento a carattere terrorista o sovversivo;
*di essere disposto a riconoscere le attività effettivamente svolte a scopo terrorista o sovversivo;
*di ripudiare la violenza come metodo di lotta politica;
*di voler sottomettere, perché venga esaminato, il mio comportamento alle Autorità competenti, ritenendolo obbiettivamente e senza equivoci incompatibile con il mantenimento di ogni legame associativo a carattere terrorista o sovversivo che sia;
*di essere di conseguenza DISSOCIATO DAL TERRORISMO nel senso dell’articolo 1 della legge "Misure in favore di chi si dissocia dal terrorismo" recentemente approvata e di cui domandero’ per me l’applicazione ai giudici competenti. Alberto Franceschini"

[1] Cfr. intervista rilasciata a Marcelle Padovani, Le Nouvel Observateur, 14
 20 novembre 1986.
[2] Libération, 10 maggio 1983.
[3] Le Monde, 24 marzo 1987.
[4] Approfitterà tuttavia, un anno dopo ed a condizioni favorevoli, dei benefici dell’articolo 21 che gli permettono di lavorare all’esterno della prigione durante il giorno.
[5] Progetto memoria. La mappa perduta. Roma, Sensibili alle foglie, 1994, pp.508-509.
[6] Di fatto, delle voci si erano già levate per criticare l’uso delle confessioni dei pentiti "politici" nel corso dei processi, ma non hanno mai avuto l’eco né la portata di quelle provocate dall’ "affare Sofri". La polemica sul "sistema dei pentiti" si é nutrita in seguito del ruolo svolto dai pentiti mafiosi nella lotta antimafia, in particolare quando sono stati tirati in ballo uomini politici in "odore di mafia".
[7] Carlo Ginzburg, Il giudice e lo storico. Considerazioni a margine del processo Sofri, Paris, Verdier, 1997.
[8] Questa "nota informativa di servizio ad uso interno relativa ad una possibile indagine sulla sovversione anarchica", datata 19 dicembre 1994, é stata resa pubblica da una radio alternativa di Torino, Radio Black-out. Scateno’ discussioni senza fine quanto alla sua veridicità. Comunque, sussistono pochi dubbi sul fatto che pratiche moralmente riprovevoli di pressione ovvero di manipolazione di "testimoni" hanno comunemente corso negli affari sensibili. Aggiungiamo che la "fuga" si inscriveva in un ambiente avvelenato dal conflitto pubblico fra una parte della magistratura e l’arma dei carabinieri sui rapporti di quest’ultima con i "collaboratori di giustizia" mafiosi.
[9] Da un gruppo all’altro, i modi di rompere con un impegno passato possono essere formalmente gli stessi, mobilitando pero’ registri di giustificazione (ovvero rispondendo a bisogni psicologici) opposti. In questo senso, si tratta di una decisione individuale codificata da un’appartenenza collettiva che resta attiva anche se é oggetto di un diniego. Giuseppe De Lutiis ("Moventi e motivazioni della dissociazione" in Raimondo Catanzaro (Dir.), La politica della violenza, Bologna, il Mulino, 1990, p.189) oppone cosi’ i dissociati di sinistra più portati all’abiura senza collaborazione ai dissociati di destra, presso i quali prevale un orientamento di collaborazione senza abiura, legittimata anzitutto dalla preoccupazione di ristabilire una verità storica (quella della loro manipolazione da una parte dei servizi segreti). In un altro universo, quello dei mafiosi, il pentimento é spesso motivato da una vendetta contro un clan rivale che non rispetterebbe più il codice d’onore.
[10] Michel Foucault, Les anormaux, Paris, Gallimard-Le Seuil, 1999, p.164
[11] L’Unità, 21 gennaio 1988
[12] Michel Foucault, Surveiller et punir, Paris, Gallimard, 19/5, p.26 e seguenti
[13] Peter Berger e Thomas Luckmann, La construction sociale de la réalité, Paris, Méridiens Klincksieck, 1992, p.214.
[14] Questi seminari sono stati parzialmente pubblicati dalla rivista Micromega, n°1, 1987, pp.83-114. Vi si puo’ vedere la formalizzazione di un avvicinamento fra certi ex militanti, intellettuali, "professionisti della giustizia" ed uomini politici di sinistra. E’ possibile che siano state personalità del sindacato Magistratura Democratica a fare da staffetta fra i dissociati e gli ambienti politici.
[15] Per un’analisi della memoria degli anni 1968, vedi nostro articolo, "Les ’années 68’. Entre l’oubli et l’étreinte des années de plomb", Politix, n°30, 1995, pp.168-177.
[16] Toni Negri, Italie rouge et noire, Paris, Hachette, 1985, p.72.
[17] Articolo "Terrorismus? Nein, danke" riportato in Toni Negri, Italie rouge et noire, Paris, Hachette, p.117.
[18] Intervista rilasciata da Toni Negri a Sergio Zavoli, La notte della Repubblica, Milano, Mondadori, 1992, p.264. Sulla posta in gioco in una tale lettura della storia, vedere Isabelle Sommier, La violence politique et son deuil. L’après 68 en France et en Italie, Rennes, Presses Universitaires de Rennes, 1998.
[19] Stanley Cohen, Folk Devils and Moral Panic. The Creation of Mods and Rockers, New York, St Martin’s Press, 1972.
[20] Alberto Franceschini, Mara, Renato e io, Milano, Mondadori, 1988, pp.205-208.
[21] Maichaël Pollack, Une identité blessée, Paris, Métailié, 1993, p.36.
[22] Oreste Scalzone, La difesa impossibile, Roma, Agalev, 1987, p.117.
[23] Come dicono con humour Paolo Persichetti e Oreste Scalzone, frequentando il mondo delle streghe Ginzburg "ha appreso l’arte magica che permette, solo a lui, di partecipare ai segreti della "verità storica" (in Il nemico incofessabile, Roma, Odradek, 1999, p.140). Il libro é stato tradotto, in una forma più lunga, con il titolo La révolution et l’Etat, Dagorno (2000).
[24] Su queste questioni, vedi Isabelle Sommier, La violence politique et son deuil. L’après 68 en France et en Italie, Rennes, Presses Universitaires de Rennes, 1998.
[25] Alberto Franceschini, op. cit.

Tradotto dal francese per Bellaciao.org, da karl e rosa

23.04.2004
Collettivo Bellaciao



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La perfection des moyens et la confusion des buts semblent caractériser notre époque. Albert Einstein
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito