Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
RICOMPARE MONTI, MA NESSUNO LO ASCOLTA (seconda parte)

di : Lucio Manisco
giovedì 21 febbraio 2013 - 18h35

Fantapolitica? Fallisce la rivolta di Atlante. (seconda parte)

Si sgretola in tre mesi la coalizione PD-M5S. La paralisi governativa giova all’economia nazionale. Nuove elezioni ad ottobre. Gli Stati Uniti stanno a guardare e ritirano i droni. Sede vacante dopo 80 giorni di conclave.

New York, 1 giugno - Gli Stati Uniti, governo, congresso e opinione pubblica, travolti dalla peggiore crisi dai tempi della guerra di secessione non nutrono più il minimo interesse e tanto meno allarme per gli sconcertanti eventi italiani: la riprova si è avuta ieri con l’ordine del presidente Obama di sospendere l’impiego di cento e più droni che per più di sessanta giorni hanno sorvolato i cieli di Roma e dintorni. Le prime pagine di quotidiani quali il New York Times e il Washington Post, come i telegiornali della NBC, della CBS e della Fox News dedicano ovviamente spazio e tempo al baratro in cui è precipitato il paese con il “fiscal cliff” e la “sequestration” del 1 marzo (85 miliardi di tagli al bilancio, due milioni e ottocentomila disoccupati in più, la social security frantumata, il Pentagono senza fondi e i due o tre eloquenti discorsi pronunziati ogni giorno da Barack Obama). Non mancano i commenti sui pericoli di un nuovo isolazionismo, sulla sede vacante per un conclave senza fine, sul ritiro tedesco di duemila tonnellate di quello che viene chiamato l’oro del Reno dai depositi blindati della “Fed” newyorchese, ma le notizie dall’Italia vengono tutt’al più trattate come “oddities”, curiosità, nelle ultime pagine dei giornali e solo per l’insistenza dei pochi corrispondenti americani rimasti nel nostro paese.

Ecco il quadro frammentario della situazione italiana che un lettore della grande mela si può fare scorrendo durante l’ultima settimana qualche titolo ad una colonna a pagina 27 del New York Times: “Si sgretola la coalizione governativa comunista-grillina: nuove elezioni ad ottobre”. “Il presidente della repubblica Prodi lamenta l’irresponsabilità delle traballanti maggioranze nelle due camere”. “L’inazione governativa giova all’economia”. “Ricomparsa dal volontario e segreto esilio in Svizzera di un Monti-John Galt: nessuno lo ascolta”. “Proteste e schiaffi tra i parlamentari M5S costretti a vivere in camere d’affitto a Pietralata”. “Bersani visita Berlusconi agli arresti domiciliari a Palazzo Grazioli”. “Accordo Vendola-Ingroia per il ritorno alle urne”.

E poi qualche divertente dettaglio: Beppe Grillo, parcheggiato da due mesi a Piazza Montecitorio, arringa quotidianamente i suoi parlamentari che si sono divisi in diversi gruppi sotto sigle quali “Vaffan-6” e “Evasione liberale-7”, ma non riesce a convincerli che il dibattito alla camera non può ridursi allo scambio di ceffoni come nel film “Amici miei”. Vano il richiamo all’unità del comico genovese sulla base del successo ottenuto con l’approvazione del decreto legge che ha permesso il lancio con elicotteri di due miliardi di banconote da 5 euro sulle regioni più colpite dalla disoccupazione. Sembra che una misura così semplicistica abbia effettivamente stimolato i consumi a differenza degli incentivi fiscali alle imprese serviti solo a finanziare segretamente le loro delocalizzazioni all’estero. E’ anche vero che il baratro economico-finanziario in cui la crisi USA ha sprofondato il mondo intero ha indubbiamente frenato questo trasferimento di posti di lavoro nei paesi dell’Est europeo e in Asia.

Da un trafiletto del Washington Post sugli ultimi dati dell’ISTAT e sulle incessanti inchieste delle procure della Repubblica si deduce che il massiccio ingresso del M5S in Parlamento e la sciagurata coalizione con un PD votato al suicidio possa avere ottenuto un solo risultato positivo: la parziale riduzione della presenza di mafia, ‘ndrangheta e camorra nelle istituzioni e nell’imprenditoria per la temporanea assenza dei loro tradizionali referenti.

Questa è anche la tesi sostenuta da Antonio Ingroia nella conferenza stampa indetta dopo le minacce di morte da parte della mafia causate dall’inatteso anche se limitato successo elettorale del 25 febbraio.

Un certo qual risalto è stato invece dato soprattutto su Internet alla ricomparsa di Mario Monti e dei suoi collaboratori ed alla conferenza stampa indetta dall’ex premier alla Bocconi il 22 maggio insieme a Marchionne, Scalfari e la Fornero (assenti invece gli industriali e gli intellettuali che insieme a lui avevano fatto sparire ogni traccia il 29 febbraio e nei giorni seguenti). E’ stato lui stesso a svelare il mistero: si era trattato di un esilio volontario e segreto nei cottages vicini alla residenza di Sergio Marchionne a Walchwil nel cantone svizzero di Zug. Un convegno di studio dunque, o qualcosa di simile ad uno sciopero articolato sulla non partecipazione sua e dei suoi collaboratori e sostenitori alla guida del paese dopo la cocente sconfitta alle urne. (Questo spiega il nomignolo di Monti-Galt affibbiatogli dal N.Y. Times, di cui in seguito).

L’ex premier ha riproposto in termini più drammatici il dramma dell’Italia sull’orlo del baratro – anzi, ha detto, forse già nel baratro data l’insipienza populista dei partiti al potere – ha rimodulato le ricette della austerity come unica via della crescita ed ha dichiarato la sua disponibilità a servire il paese per uscire dall’emergenza e dal baratro di cui sopra. Il problema questa volta per il professore non è solo costituito dai fiaschi collezionati nei quattordici mesi di governo o dall’eclissi di Berlusconi, ma dal fatto che al Quirinale non c’è più Giorgio Napolitano, ma Romano Prodi che si è limitato a fargli gli auguri di un meritato riposo dopo le onerose e travagliate fatiche degli ultimi diciannove mesi.

Veniamo ora al Monti-John Galt del quotidiano newyorchese. John Galt è il protagonista del romanzo filosofico “Atlas Shrugged”, tradotto in italiano con il titolo “La rivolta di Atlante” scritto nel 1957 dall’esule russa negli USA Ayn Rand. L’importanza dell’opera negli Stati Uniti, ma praticamente ignorata in Europa, è stata definita “seconda solo alla Bibbia”. L’autrice è forse ricordata in Italia per due altri polpettoni antisovietici da cui durante il regime fascista vennero tratti due film con Alida Valli e Andrea Checchi, “Noi vivi” e “Addio Kira”.

La sostanza della filosofia economica e sociale di “La rivolta di Atlante” è articolata su due punti fondamentali: altruismo e solidarietà sono i vizi capitali della società americana di cui vengono preannunziati il declino e il degrado terminale nella seconda parte del secolo scorso; solo gli individui – geni, inventori e produttori di ricchezza - possono salvare il capitalismo dalla distruzione programmata dai sindacati e in genere dalle teorie socialiste. Quindi solo l’avvento di una diversa teoria razionale e oggettivista, propugnata dalla Ayn Rand in altre opere prima della sua scomparsa nel 1982 - uno zabaione frullato di travestimenti del pensiero di Nietzsche, Locke, Spinoza e Tommaso D’Aquino – può portare alla redenzione e alla rinascita degli Stati Uniti d’America.

Cosa ti combina John Galt, protagonista del romanzo? In una economia americana che si avvia al collasso a causa dei soffocanti controlli governativi sulle finanze e sull’industria, guida uno sciopero dei capitalisti che trovano rifugio nelle montagne del Colorado – Aspen e dintorni. La loro assenza provoca rovina e morte, guerre civili, criminalità e sanguinose repressioni delle moltitudini di “parasites” e di “moochers” in rivolta, parassiti e fannulloni, gli stessi menzionati recentemente dai Brunetta e Fornero nostrani. La trionfale conclusione di “Atlas Shrugged”: i reprobi – burocrati governativi corrotti, sindacalisti e altruisti sinistroidi della malora - si pentono amaramente, rintracciano nel Colorado John Galt e lo implorano a tornare in scena. Il protagonista accoglie l’invito, impugna generosamente le redini del potere e salva gli Stati Uniti, il mondo e l’intero genere umano dalla catastrofe.

Noi non sappiamo se il Chicago Boy Monti tenga sul comodino il romanzo della Rand al posto dei testi di Keynes e di Lord Beveridge, ma la tentazione in queste due precedenti puntate di fantapolitica è stata irresistibile nell’immediata vigilia di queste elezioni italiane.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Devenir adulte, c'est apprendre à vivre dans le doute et à développer, au travers des expériences, sa propre philosophie, sa propre morale. Éviter le "prêt à penser". Hubert Reeves
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito