Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Scalata francese a Telecom, il governo tace

di : Claudio Conti - Antonella Olivieri
venerdì 30 ottobre 2015 - 15h43
2 commenti

Venerdì, 30 Ottobre 2015

JPEG - 51.8 Kb

Un paese ridicolo gestito da corrotti che prosegue senza freni la via verso il baratro. Tutto è cominciato con la chiusura dell’Iri e la privatizzazione di imprese monopolistiche in settori strategici come telecomunicazioni, energia, autostrade, trasporti.

A quella fase, che già consegnava a “privati” la possibilità di incassare profitti senza rischio, e senza aver dovuto investire cifre da capogiro per costruire quelle aziende (ci aveva già pensato lo Stato, con la spesa pubblica e le nostre tasse, giustamente), ne è seguita un’altra: quella della “contendibilità” sul mercato.

E qui è emersa in tutta la sua drammaticità l’inconsistenza tanto dei “prenditori” privati italiani (Colaninno, Tronchetti Provera, Benetton, Toto e compagnia cantando), quanto e soprattutto dei governi nazionali – quindi della “politica” - nel tenere sotto controllo le vicende societarie di imprese che saranno, sì, ormai “private”, ma non oper questo smettono di essere “di interesse nazionale”. Un paese senza il controllo delle telecomunicazioni o dei rifornimenti energetici è come un paese privo di esercito, fisco, istruzione, università, ricerca.

Diciamo che in Italia è rimasto l’esercito, come succursale della Nato, mentre tutto il resto sta andando in malora ... vedi anche :

http://contropiano.org/documenti/it...

Scusate la lunga premessa, ma era necessaria per inquadrare la “scalata francese” a Telecom. Un magnate parigino dei media e del web, Xavier Niel, azionista di controllo di un gruppo di tlc - Iliad – che ha “prenotato” fino a stamattina oltre il 15% di Telecom. Una spregiudicatissima operazione finanziaria – non c’è l’acquisto ma solo la prenotazione con l’esercizio dei diritti per rilevare effettivamente le azioni posposto a metà del 2016. Il tutto giocato intorno a un asset strategico come la rete fissa delle telecomunicazioni, infrastruttura su cui passa il traffico Internet e le telefonate dei cittadini, ma su cui viaggiano anche le comunicazioni “riservate” dei ministeri e di altri centri del potere italiano, compresi i dispositivi per le intercettazioni telefoniche gestite dalla magistratura.

Persino il giornale di Confindustria è rimasto stupito dell’indifferenza del governo Renzi davanti a un’operazione che porta (porterebbe, se a scadenza Niel esercitasse il diritto di acquisto) la quota azionaria francese ad oltre il 35%. Un altro 20% è infatti in mano a Vincent Bolloré, patron di Vivendi (che smentisce un’azione di concerto con il connazionale), più un 3,6% in mano a JpMorgan (banca d’affari statunitense) e il 2,07% in mano a Bank of China. Il resto delle azioni sono “flottanti” sul mercato, e infatti il valore delle azioni sta correndo in borsa dopo anni di quotazioni depressive, raggiungendo livelli mai più visti dal 2008.

Avrete notato che tra gli “azionisti rilevanti” - quelli al di sopra del 2%, secondo le regole della Consob – non ci sono nomi italiani. L’azienda è insomma già “straniera”, nei fatti e nell’incameramento dei profitti. E il governo Renzi non se ne occupa minimamente..

Come scrive Antonella Olivieri su IlSole24Ore

“Per molto meno l’Argentina si è mossa a bloccare il passaggio del controllo di Telecom Argentina, un’operazione già conclusa tra venditore (Telecom Italia) e compratore (il fondo Fintech di David Martinez).

Per molto meno, l’Authority argentina delle tlc - un organo, è vero, nominato dalla politica - ha bloccato una transazione già stata “pagata” in anticipo: non si può consegnare le redini del secondo gruppo di tlc del Paese alla finanza, non si può assoggettarne le politiche industriali alle logiche di investitori finanziari”.

In questo tipo di operazioni, insomma, e su questo tipo di aziende, la classica idiozia retorica “sono affari dei privati perché l’azienda è privata” non ha alcuna legittimità. In nessun paese del mondo.

Se in Italia sì, allora, non resta che l’ipotesi peggiore: il governo è stato affidato – senza elezioni, per scelta di Napolitano – a un gruppo di figuranti che lavorano per interessi ignoti, ma sicuramente diversi od opposti a quelli “del Paese” (come amano dire Renzi e i suoi cosiddetti ministri ogni volta che aprono bocca per silenziare qualche sospetto o polemica politica).

Per le implicazioni di politica economica – anche capitalistica – vi rimandiamo alla lettura dell’intero articolo della Olivieri. Per quanto riguarda le possibili soluzioni, invece, la nostra idea è radicalmente seria: nazionalizzazione forzata e senza indennizzo per gli attuali proprietari. Quella roba lì – Telecom e tutta la rete infrastrutturale – l’abbiamo già pagata. E anche più cara del necessario (mazzette comprese, insomma).

Claudio Conti - Antonella Olivieri

http://contropiano.org/economia/ite...

*****

Il giallo di Parigi e i silenzi italiani

di Antonella Olivieri

Per molto meno l’Argentina si è mossa a bloccare il passaggio del controllo di Telecom Argentina, un’operazione già conclusa tra venditore (Telecom Italia) e compratore (il fondo Fintech di David Martinez).

Per molto meno, l’Authority argentina delle tlc - un organo, è vero, nominato dalla politica - ha bloccato una transazione già stata “pagata” in anticipo: non si può consegnare le redini del secondo gruppo di tlc del Paese alla finanza, non si può assoggettarne le politiche industriali alle logiche di investitori finanziari. Sebbene il messicano Martinez non sia un perfetto sconosciuto in Argentina, e goda di ottima reputazione, gli è stato imputato di voler rilevare il controllo di Telecom Argentina senza avere competenze nelle tlc e con una società costituita nel Delaware soltanto nel 2013, con un track record cioè non sufficientemente“affidabile” alle spalle. Oltretutto il sospetto è che si trattasse di un portage. Può darsi che nella sonora bocciatura dell’Authority argentina abbiano avuto un peso anche altre logiche, ma il dato di fatto è che sarà difficile smontare la tesi pubblica. Nel caso del riassetto dell’azionariato di Telecom Italia, nel dopo Telco, gli ingredienti per un giallo dagli analoghi risvolti ci sono tutti eforse di più. La differenza è che, sebbene si tratti non del secondo player bensì del primo, a Roma tutto tace.

Tutta Italia si sta interrogando sulle mosse di un finanziere, di Telecom con un veicolo finanziario, Rock Investment, costituito - coincidenza - anch’esso nel 2013. Oltretutto postponendo l’esercizio dei diritti per rilevare le azioni a partire da metà 2016.

Ci sono due filoni dietrologici. «Il buon Bollorè ci sta prendendo in giro tutti quanti un’altra volta», è stato il commento di un navigato banchiere d’affari che si è iscritto al filone di chi pensa che due finanzieri d’Oltralpe non vengano a farsi la guerra in Italia, giocando fuoricasa su un terreno scivoloso come quello delle tlc. Se il presidente di Vivendi e il suo collega francese appena entrato in scena fossero d’accordo, c’è da scommettere che non se ne troverà mai la prova. In questo scenario sarebbe comunque relativamente semplice sottrarsi all’obbligo di Opa. Infatti, con la conversione delle azioni di risparmio - che Telecom ha in canna, in attesa che ne maturino le condizioni (e ieri c’eravamo vicini visto che lo sconto tra le due categorie di azioni si è ampliato al 20%) - i due pacchetti transalpini sommati insieme, che sul capitale ordinario superano il 31%, si diluirebbero a meno del 22%, sotto cioè la soglia dell’Opa che per Telecom è fissata al 25%.

Ma, a credere alle indiscrezioni che si raccolgono dietro le quinte, non sarebbe questo lo scenario. Perchè in realtà Niel, che pure conosce bene Bolloré, non avrebbe nemmeno usato la cortesia di informarlo con due minuti di anticipo. Già è bizzarro in sè che il nuovo socio di riferimento non sia nemmeno rappresentato in consiglio: come avere comprato un appartamento senza averne le chiavi.

Quella di Niel potrebbe essere semplicemente un’incursione finanziaria, ma anche chi la butta lì non ci crede poi molto. Oppure - ed è un dubbio sempre più insistente - si tratta solo della prima tappa di un percorso, per vedere “l’effetto che fa”. Ma chi dovrebbe reagire se non il Governo che di Telecom è lo stakeholder implicito? Nessuno si sognerebbe di scalare un incumbent europeo delle tlc senza avere il gradimento del Paese. Se si lasciasse briglia sciolta alle logiche della finanza, il modo più rapido per estrarre valore da Telecom sarebbe quello di farla a pezzi: via il Brasile, via l’Argentina e magari via anche alla rete che potrebbe tornare allo Stato. Ma poi chi farebbe i conti con l’occupazione? In uno scenario di questo tipo si stima che almeno 15mila dipendenti sarebbero a rischio di ritrovarsi da un giorno all’altro in mezzo alla strada. E poi c’è Sparkle, la rete intercontinentale di fibra ottica che negli anni ’90, quando al vertice di Telecom c’era il very powerful chairman Gianmario Rossignolo, gli americani di AT&T avevano chiesto in gestione.

Certo che, se fosse questo il disegno occulto, un “puntello” in Italia il finanziere Niel dovrebbe pur averlo. Dopo la mossa, analogamente strana, del finanziere russo Mikhail Fridman verso Oi-Tim Brasil il mistero, anzichè dissolversi, si infittisce.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

Scalata francese a Telecom, il governo tace
30 ottobre 2015 - 19h40 - Di e992fb756d2e286db4a5ff12daddc31b...

un grazie a D’Alema ed ai suoi " capitani coraggiosi" che prima hanno distrutto e svuotato una delle più importanti aziende di telecomunicazioni al mondo distruggendo a dire poco 50 miliardi di euro di valore e poi hanno svenduto il suddetto bene ( che era di tutti gli italiani) a 4 soldi ai francesi!!!
michele



Scalata francese a Telecom, il governo tace
30 ottobre 2015 - 22h48 - Di 796c76f5163e6fc93ea15c708c11ba1b...

Infatti il problema vero è stata la privatizzazione degli ottanta e dei novanta ... la chiusura dell’ Iri ... e quella che ancora di più vogliono fare ancora oggi ... vedi Finmeccanica, Eni, Rai, Poste, acqua ecc. ecc. ...

In ultima analisi, sai che me ne frega a me se il "privato" è italiano o straniero ...

I "privati" sono tutti uguali, uno peggio dell’altro ... e quelli italiani forse anche un pò peggio ancora degli altri ...

Per cui il problema non è di "nazionalismo" ... bensì di proprietà pubblica di tutto quello che è "strategico" ...

Ovvio che per fare questo, prima di tutto bisogna uscire proprio dalla Ue e non solo dall’euro .... altrimenti la strada è obbligata ....





In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Notre tête est ronde pour permettre à la pensée de changer de direction. Francis Picabia
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito