Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Banche e risparmi: l’attacco di Renzi alla classe media?

di : DTG per InfoAut
domenica 27 dicembre 2015 - 20h48
3 commenti

Il salvataggio delle quattro banche (Cassa di risparmio di Ferrara, Banca popolare dell’Etruria e del Lazio, Banca delle Marche e Cassa di Risparmio della provincia di Chieti) è stato il primo a essere effettuato con le nuove regole europee del bail-in. Le vicende sono note. Il governo fa un decretino, salva le banche, i correntisti e lascia perdere gli obbligazionisti. Ordinaria amministrazione, questione chiusa.

JPEG - 30.4 Kb

Arriva purtroppo il suicidio di un pensionato, Luigino D’Angelo, che per effetto del decreto ha perso tutti i suoi risparmi a cui si aggiunge il caso Boschi. In pochi giorni, assistiamo forse al primo momento di vera difficoltà del governo Renzi. Il Presidente del Consiglio prova a correre ai ripari, va a “Porta a porta” e inserisce nella finanziaria un Fondo interbancario di tutela dei depositi ad hoc per evitare altri incresciosi incidenti rimborsando una parte degli obbligazionisti. Segue poi il consueto codazzo di polemiche, richieste di dimissioni e inchieste della magistratura per accertare "responsabilità" mentre martedì le vittime del Salvabanche si sono date appuntamento proprio sotto alla sede di Bankitalia per far sentire la propria voce.

Cosa sta succedendo nel mondo del credito italiano?

Quel che è sicuro è che le rassicuranti retoriche sulla "truffa" sono buone solo come lenitivo da talk-show mentre tra i commentatori economici un po’ più scafati non si fa fatica a riconoscere che, ben lungi dall’essere eccezionale, la vicenda rivela uno dei problemi strutturali del sistema creditizio italiano che ha vissuto di collusione con parti del sistema clientelare nostrano, intrattenendo una dubbia promiscuità creditore-debitore e banca-fondazione a controllo della banca stessa. Dalle pagine del Sole 24 Ore il grande capitale bacchetta il piccolo, fustigando la declinazione finanziaria delle propaggini provinciali del capitalismo italico, incapace di valutare correttamente il rischio e di dotarsi di un sistema di check and balance della performance sul mercato che permetta di navigare nel burrascoso ma eccitante mare della finanza globale. Sullo sfondo si gioca d’altro canto anche una partita quanto alla ristrutturazione del sistema creditizio che si aprirà nei prossimi mesi attraverso ricapitalizzazioni e acquisto degli istituti più piccoli di cui solo una parte del mondo della finanza beneficerà.

Bcc di Terra d’Otranto, Istituto per il Credito Sportivo, Cassa di risparmio di Ferrara, Cassa di risparmio di Loreto, Cassa di risparmio di Chieti, Popolare dell’Etna, Popolare delle Province Calabre, Banca Romagna Cooperativa, Bcc Irpina, Banca Padovana, Banca Marche, Cassa Rurale di Folgaria, Credito Trevigiano, Banca di Cascina, Banca Brutia. Basta scorrere la lista dei nomi degli istituti commissariati da Bankitalia per costatare, in effetti, che sono tutte banche "popolari" o "del territorio" ossia delle banche che nei decenni scorsi hanno attirato clienti per una loro presunta vicinanza che avrebbe dovuto essere sostegno al tessuto economico locale e che in realtà hanno sempre più preferito un’uscita dall’alto nei circuiti finanziari globalizzati. E questo, se ne facciano una ragione gli apologeti del capitalismo in vitro, non tanto per un’ingordigia o mala gestione dei vertici quanto per una sostanziale stagnazione italiana che dura ormai da 15 anni (quindi dell’impossibilità di fare profitto prestando alle imprese) e di un mattone sempre meno redditizio.

D’altronde la vicenda Monte dei Paschi e il ruolo ambiguo della stessa Bankitalia nella vicenda delle quattro banche salvate dovrebbero bastare per ricordare ai nostri analisti che non è tanto una questione di dimensioni o di territorio quanto di quel carattere estrattivo-mafioso costitutivo di tutto il capitalismo nostrano in cui cooperative, capitale finanziario e collusione con la politica si mischiano senza soluzione di continuità.

Salta il tappo?

Più che sui banchieri, della cui naturale disonestà solo uno stolto potrebbe dubitare, i nomi delle banche ci dicono qualcosa di ben più interessante sui propri clienti: sono piccoli risparmiatori, di provincia, che hanno beneficiato in un momento o in altro della loro vita di occupazione/buone uscite/pensione/accesso alla proprietà o di una combinazione di questi elementi e che hanno pensato di "svoltare" con la finanza creativa, coi soldi facili, ecc.

Si tratta di una parte di quel blocco sociale che nella società italiana occupa una posizione centrale a livello demografico (siamo un paese di vecchi) ed elettorale (visto che è in questa fascia che si situa una buona parte dei votanti). Un blocco che sta stringendo i denti da inizio crisi cercando di attraversarla indenni (poi c’è chi ci riesce meglio che peggio...).

Sembra che per la prima volta la crisi vada a toccare proprio quel blocco sociale di cui sopra. Se da una parte, quindi, continua un movimento verso i margini - con una quota sempre maggior di espulsi/precarizzati tanto sul mercato del lavoro che sull’accesso al welfare e alla casa - dall’altra se ne dà un altro: la crisi incoccia frontalmente con quel blocco "garantito" e coccolato che ha impedito che, al di là di generiche invettive contro la corruzione (Movimento 5 stelle), si sviluppassero movimenti di massa nella crisi a partire dal peggioramento materiale delle condizioni di vita. Un tappo non solo politico ma anche economico dal momento in cui garantisce una buona parte della riproduzione sociale ridistribuendo reddito e risorse verso le nuove generazioni attraverso il welfare familistico.

Attacco o incidente?

Scenario inedito, quindi. Ma, al netto dell’ipocrisia dei politici nostrani, a che punto voluto dal governo Renzi?

L’ipotesi, da verificare nelle prossime settimane, è che più di un attacco contro il piccolo risparmio, parliamo di un clamoroso scivolone, un pasticcio sul quale si è cercato di mettere una pezza. Renzi sa che il blocco sociale di cui sopra è il suo blocco sociale di riferimento, che sulla questione delle banche non si scherza proprio perché quel settore centrale della società italiana rappresenta la sua base se non di consenso almeno di acquiescenza. Peccato che la questione esuli ampiamente dalle sue competenze: tutto si gioca ai piani alti che decidono del reale governo della/con la crisi, ossia a livello dell’Unione europea.

Allora il Primo Ministro vola a Bruxelles e fa la voce grossa (o almeno ci prova...) con Merkel, ufficialmente per istituire una Resolution Agency europea (il terzo pilastro dell’unione bancaria) che dovrebbe “mutualizzare” le risorse tra gli stati membri e gestire salvataggi e rimborsi dei risparmiatori ma soprattutto per ottenere più flessibilità nell’uso del vecchio Fondo Interbancario di Tutela dei depositi il cui uso, sembra ormai certo, è stato impedito proprio dall’UE.

L’ampiezza della crisi bancaria è proporzionale a l’opacità del sistema politico-economico italiano ed è quindi assai difficile prevederne le proporzioni ma la premura di Renzi è quella di chi sa che siamo seduti su una bomba, i "crediti deteriorati" delle banche italiane ammontano al 16, 7% del totale (media UE 5,6%).

Ma soprattutto di chi sa che bisogna valutare le conseguenze di queste avvisaglie di crisi non solo sul piano strettamente finanziario (stiamo comunque parlando, in tutti i sensi, della periferia del sistema creditizio italiano). Nel mondo dei fantasmi dell’economia, l’ombra delle cose conta quanto le cose stesse quindi poco importano le reali dimensioni della crisi bancaria: la questione centrale resta quella della "fiducia" e gli ossessivi ritornelli sulla granitica situazione delle banche italiane da parte di tutti gli esponenti del governo ne sono una testimonianza. Situazioni come quelle di banca Etruria si riproporranno a catena nei mesi a venire e il governo sa che non può permettersi altre scene come quelle di dicembre.

Nelle stanze dei bottoni dell’UE saranno d’accordo?

DTG per InfoAut

http://www.infoaut.org/index.php/bl...



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

Banche e risparmi: l’attacco di Renzi alla classe media?
1 gennaio 2016 - 22h50 - Di d294309037c4552b244827346199e72c...

Fate presto: salvate le banche!

Negli ultimi anni, mai una volta che la classe politica abbia reagito in maniera così decisa come sta accadendo ora per le banche, alle decisioni della Commissione Europea.

http://icebergfinanza.finanza.com/2...



Banche e risparmi: l’attacco di Renzi alla classe media?
3 gennaio 2016 - 01h04 - Di 10289bc320b4d26e95e960fd6a43ba0d...

Non conosco e non mi azzardo a valutare le specifiche responsabilità di Renzi in questa pur triste vicenda di vere e proprie truffe ma ritengo che questi fallimenti a catena( non nascondiamoci dietro il dito: decine di banche sono, di fatto, fallite) una cosa la mettano in luce ancora una volta e cioè la totale inadeguatezza della nostra classe dirigente, oggi quella bancaria ieri quella industriale. E’ evidente che i presidenti delle piccole banche locali erano abituati a prestare soldi agli " amici" che li sostenevano nelle riunioni dei soci, amici a loro volta " amici" dei politici locali che facevano votare per avere appalti e contratti con la pubblica amministrazione soldi che poi venivano investiti nei Buoni del Tesoro a tassi più che generosi. Con la crisi, le mammelle dello Stato si sono avvizzite ed i contratti con i privati a diminuire ma le banche, invece che investire in aziende giovani e dinamiche hanno continuato a prestare soldi ad aziende in crisi perchè " amiche" e, forse, perchè speravano che la crisi sarebbe durata poco ma le aziende fallivano una dopo l’altra ed il capitale investito in Buoni del Tesoro non rendeva più nulla ( i tassi sono sotto zero come tutti sanno) e quindi non hanno più capitale e l’hanno preso dov’era: dai risparmiatori grazie al vantaggio tattico di sapere chi aveva i soldi e chi no e l’hanno perso spregiudicatamente in operazioni sostanzialmente fallimentari . La colpa è delle banche e dei loro dirigenti ? Sicuro! Ma è tutta colpa delle banche ? Non direi! C’è stata una grande ingenuità ed anche una grande ignoranza da parte degli " investitori"! Ma, santo Dio, è dai tempi della Banca Romana che banche grandi e piccole truffano i risparmiatori e la gente ancora ci casca? Gente che normalmente chiede al fruttivendolo di toccare le mele una ad una per vedere se sono veramente fresche affida centinaia di migliaia di euro ad una banca senza neanche chiedere se avrebbe potuto rivendere i loro " bot"? Senza chiedere come mai se facevano tassi 4 o 5 volte quelli di mercato come potevano farlo, come li avrebbero investiti e perchè le altre banche non li compravano loro? Ma andiamo è pura follia finananziaria!
Michele



Banche e risparmi: l’attacco di Renzi alla classe media?
4 gennaio 2016 - 17h14 - Di d294309037c4552b244827346199e72c...

Fate presto: salvate le banche!

Negli ultimi anni, mai una volta che la classe politica abbia reagito in maniera così decisa come sta accadendo ora per le banche, alle decisioni della Commissione Europea :

http://www.globalproject.info/it/co...





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

N'essayez pas de devenir un homme qui a du succès. Essayez de devenir un homme qui a de la valeur. Albert Einstein
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito