Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Perché crollano le banche? Quando la crisi bussa col conto

di : InfoAut
giovedì 21 gennaio 2016 - 19h34
3 commenti

Mercoledì 20 Gennaio 2016

JPEG - 47 Kb

Ne parlavamo già a fine anno in occasione del pasticcio salvabanche, nonostante il training autogeno del ministro Padoan il 2016 si annunciava già sotto i peggiori auspici per il sistema creditizio italiano. E infatti, sono bastate tre settimane perché i titoli bancari perdessero il 16,9%. Lunedì non serve più di qualche rumors quanto a una possibile inchiesta della BCE sui cosiddetti crediti deteriorati (i soldi ormai impossibili da recuperare anche per la più accanita società di riscossione) per scatenare il panico e la corsa alle vendite. A poco sono servite le rassicurazioni della BCE sul fatto che l’indagine non riguarda specificatamente l’Italia, il rimbalzo è stato minimo e le perdite sono ricominciate nella giornata di oggi. Con buona pace di chi vedeva la crisi di fine dicembre come qualcosa che riguarda esclusivamente piccole banche del territorio, nel movimento speculativo sono stati coinvolti anche tanti istituti maggiori, Monte dei Paschi in testa che ha perso da fine anno il 38% (mica male dopo una ricapitalizzazione di tre miliardi solo 9 mesi fa!) ma anche Banca Popolare e Unicredit.

Al centro delle preoccupazioni la bomba: 350 miliardi di crediti deteriorati che tichettano nei forzieri numerici degli istituti. Un’enormità che corrisponde al 17,1% del PIL italiano e che, soprattutto, si situa ben al di sopra della media europea. Secondo i dati dell’EBA, se nell’UE i crediti spazzatura sono il 5,6% del totale, l’Italia si attesta su una media del 16,7%, con punte 32% proprio al Monte dei paschi. I 350 miliardi sono divisibili in "incagli" (150 miliardi) e "sofferenze" (200 miliardi) secondo una distinzione manierista tra soggetti insolventi temporaneamente o in maniera definitiva (tanto la luce è sempre in fondo in tunnel…). In teoria sono crediti che dovrebbero essere acquistati da una bad bank appositamente creata per fungere da pattumiera dove buttare questa bomba che continua a crescere (+ 2 miliardi rispetto al mese d’ottobre scorso secondo i dati diffusi oggi dall’ABI) e che rischia di creare ogni giorno di più un fuggi fuggi generale al primo (foss’anche falso) campanello di allarme.

Il condizionale è d’obbligo perché, nonostante i quasi 380’000 euro di soldi pubblici che si è intascata la Boston consulting per i suoi consigli in materia, le trattative tra governo italiano e Bruxelles sulla creazione della bad bank sembrano ancora essere in alto mare contribuendo ad alimentare nervosismo. Pesano inoltre sui mercati diversi fattori.

Il primo riguarda l’incertezza sul reale valore del pattume: quanto valgono effettivamente i crediti deteriorati? Gli istituti italiani li hanno iscritti in media al 44% del valore nominale ma il decreto salvabanche del dicembre scorso ha valutato le esposizioni di Banca Etruria & co a soltanto il 17%. Una differenza non da poco sapere se 200 miliardi di sofferenze ormai ne valgono 88 o soltanto 34.

Il secondo concerne proprio gli effetti, diretti e indiretti, del "decreto Salvabanche" di dicembre e delle disastrose conseguenze della normativa bail-in. Al di là dei balli degli sciamani del rating del credito privato, ciò che conta è la percezione del rischio da parte dei risparmiatori. Ed è ovvio che le gesticolazioni di fine anno di Renzi & soci non avrebbero ridato fiducia al più credulone degli obbligazionisti: chi sa che ormai si ritroverà col culo per terra con le nuove norme di salvataggio europeo sta correndo ai ripari vendendo i propri titoli. L’abbandono dei bond bancari da parte della famiglie segue una traiettoria di medio periodo che continua dal 2012 a ritmo serrato e solo rispetto a l’anno scorso si contano 57 miliardi di bond in meno. Ma i dati non prendono ancora in conto proprio l’effetto Banca Etruria che sembra essere più che importante: le prime sedute dell’anno sul mercato delle obbligazioni subordinate sono state catastrofiche e hanno accellerato vertiginosamente questo trend già avviato.

In più ci sono le "tensioni" tra il governo italiano e Bruxelles. Il premier ha ormai capito che nel contesto della decomposizione dell’UE e dell’anti-europeismo crescente deve fare un minimo di voce grossa con la commissione se vuole restare a galla. Semplici boutade contro Junker a favor di telecamere che però stanno costando care a Renzi che, c’è da star sicuri, risponderà prima di subito ai sacrosanti appelli alla responsabilità europea.

Ma l’analisi della cause contingenti e le retoriche della truffa rischiano di occultare il dato di fondo. La crisi del settore creditizio è il conto, dilazionato, di una stagnazione dell’economia italiana che dura ormai sostanzialmente dall’inizio degli anni 2000 a cui si aggiunge un mercato immobiliare il cui valore non fa che scendere dal 2007. Lo sfasamento tra facilità dell’accesso al credito (ovviamente, per alcuni...) e perdurare della crisi si ripercuotono inevitabilmente sulle esposizioni delle banche. Nel magico mondo degli zerovirgola dei nostri governanti la ripresa è arrivata, garantita dalla deregolamentazione del mercato del lavoro e dai regali fiscali agli imprenditori. Peccato che, anche a voler prendere per buone le ottimistiche previsioni degli yesmen renziani, di ciò che della crisi si è lasciata dietro nessuno si è preoccupato. Un atteggiamento che era possibile fino a quando le conseguenze si facevano sentire solo su disoccupati, senza casa, piccoli subfornitori falliti e precari. Ora che si ripercuotono sugli attivi delle banche, i nodi vengono al pettine, a riprova del fatto che viviamo in una sistema in cui le sofferenze bancarie verranno sempre prima di quelle delle persone.

Sullo sfondo un economia mondiale bloccata. L’inflazione (e i consumi) in Europa non ripartono nonostante i migliaia di miliardi di euro regalati a costo zero alle banche col quantitative easing; l’economia cinese è al minimo storico dopo 25 anni ed evidentemente non riesce a far virare il transatlantico verso i consumi interni come vorrebbero i dirigenti di Pechino; l’aumento dei tassi della FED sta avendo forti ripercussioni su alcuni paesi emergenti che avevano massicciamente preso a prestito dollari praticamente gratis fino a qualche settimana fa; della guerra dei prezzi sul petrolio si vedono solo gli effetti negativi dell’economia dei paesi produttori e sull’inflazione senza che il consumo aumenti di alcunché vista la mancanza di reddito sempre più diffusa anche nei grandi poli occidentali. Le disuguaglianze intanto galoppano con sessantadue esseri umani che posseggono ricchezze tali da pareggiare quelle dei 3,5 miliardi di persone più povere del pianeta, a riprova che chi sta sopra non conosce crisi.

Il minimo sarebbe una bella rivoluzione potrebbe pensare qualcuno...

http://www.infoaut.org/index.php/bl...



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

Perché crollano le banche? Quando la crisi bussa col conto
22 gennaio 2016 - 16h33 - Di 66713a9a66c447deda15a940a891bb07...

Qualcuno cerca di correre ai ripari così ...

Bnl: sindacati, aumenti abnormi budget ’16, rischio pressioni su addetti

17:28 (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Roma, 20 gen - La Bnl ha "raddoppiato e triplicato i budget richiesti alle lavoratrici ed i lavoratori delle agenzie e degli altri segmenti e mercati" della banca per il primo trimestre del 2016. Lo segnalano, in una nota congiunta le segreterie nazionali di coordinamento dei sindacati del credito rappresentati a via Veneto. "Aumentare in maniera abnorme i budget per il 2016 - si legge nella nota sindacale - portera’ inevitabilmente ad un aumento delle pressioni commerciali". Le sette sigle del credito (Fabi, Fisac, First-Cisl, Uilca, Ugl credito, Unisin e Sinfub) invitano quindi la banca del gruppo Bnp Paribas a rivedere la scelta, "inspiegabile e inaccettabile". L’istituto da poco piu’ di un mese e’ sotto la guida dell’amministratore delegato Andrea Munari, oggi all’esordio all’esecutivo Abi svoltosi a palazzo Altieri. I sindacati della banca chiedono che si mettano al centro "il rispetto e la dignita’ del personale coniugata con una organizzazione interna efficace, con organici adeguati, con una professionalita’ esercitata a tutti i livelli e con prodotti trasparenti, seriamente adattabili alle esigenze della clientela. Quindi sarebbe ora di pensare ai lavoratori, ai clienti, agli azionisti anche per assicurare la redditivita’ necessaria". com-Ggz (RADIOCOR) 20-01-16 17:28:52 (0515) 5

http://www.corriere.it/notizie-ulti...



Perché crollano le banche? Quando la crisi bussa col conto
24 gennaio 2016 - 20h40 - Di 86cbfa02e0e003eb43f9cb7a71e2f241...

Le banche crollano quando si parla di controlli da parte della Banca Europea. Difatti appena si è parlato di controlli al bilancio, MPS è crollata del 50% in meno di sette sedute mentre quando si è smentita la notizia è risalita del 40% in una sola seduta. Ovviamente, in un paese in cui il falso in bilancio è legale, la sola parola " controllo" è vista come fumo negli occhi!
michele



Perché crollano le banche? Quando la crisi bussa col conto
30 gennaio 2016 - 15h26 - Di 4f81b7e32465a1ce8c34cf2d5613e7f8...

ci mancava solo il solito sindacalista che vuole farsi bello con i suoi iscritti, purtroppo quando si parla di banche, non manca mai il solito che scrive sempre di " rispetto e dignità"! Il rispetto e la dignità, se non lo sai, si guadagnano col duro lavoro e dicendo no, non si può pretentendere tantomeno col contratto. Se tanti bancari e soprattutto tanti sindacalisti, avessero detto no ai prodotti tossici ed alla loro vendita al pubblico in cambio di qualche centinaio di euro a fine anno allora si che avrebbero guadanato quel " rispetto e dignità" che ora vaneggiano di avere per contratto.
michele






In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Le monde est un endroit magnifique pour lequel il vaut la peine de se battre. Ernest Hemingway
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito