Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Strage Berlino e morire di complottismo...

di : antonio camuso
domenica 25 dicembre 2016 - 16h15
1 comment

Strage di Natale a Berlino. Moriremo di terrorismo o di complottismo?questo è il dilemma… (versione corretta)

L’uccisione del terrorista tunisino coinvolto nella strage di Berlino, ha dato la stura all’ennesimo fuoco pirotecnico di matrice complottista che quotidianamente produce, , dinanzi a fatti di enorme gravità, un vero e proprio avvelenamento delle capacità dell’opinione pubblica di comprendere, analizzare in maniera indipendente fenomeni, che a detta di tutti i maggiori esperti del campo , accompagneranno gli abitanti della Terra per tutto questo primo secolo del terzo millennio.

Una visione complottista, tradizionalmente di destra che ormai ha infettato profondamente una buona parte della cosiddetta opinione pubblica di sinistra e che, grazie ad un accurato uso del social media, costruisce, dietro delle false verità, giorno per giorno, depositandosi substrato su substrato, vere e proprie certezze ideologiche.

L’uccisione del terrorista a Sesto San Giovanni.

A pochi minuti dalla diffusione della notizia della strage al Mercatino di Berlino, l’opinione complottista diffondeva già dubbi sulla matrice dell’attentato, dubbi che invece di essere dissolti dal ritrovamento dei documenti e( forse) di un telefonino dello stesso terrorista, erano come in altri casi identici, amplificati, costruendo il solito castello complottista: oscuri servizi segreti avevano messo lì questi indizi per sviare le indagini degli inquirenti e fornire ai media un mostro proveniente dall’estero a cui dare la caccia.

L’ aver intercettato a Milano , il tunisino, in un banale controllo di polizia e il conseguente conflitto a fuoco con gli agenti e la sua uccisone , sono stati accolti dai complottisti, non come una smentita dei loro precedenti teoremi, ma bensì, in una sorta di rincorsa alla ricerca della Teoria dell’Assurdo: la conferma che lo stesso tunisno fosse stato telecomandato nell’incocciare quella pattuglia e la sua eliminazione fosse parte del Grande Complotto.

Il sottoscritto, rimane ancor oggi esterrefatto sull’ampiezza del fenomeno complottista, nonostante abbia cercato di ccontrastarlo con l’interpretazione di determinati fatti , a partire dell’attacco alle torri gemelle, con articoli su giornali, conferenze, ecc.

Se nel caso delle Torri Gemelle come scrissi nel 2001 , sul Manifesto,(http://www.pugliantagonista.it/osse... ) la grande dèbacle americana, fu causata da stupidità, interessi di lobby e scontri di potere ( oltre dalle conseguenze dell’applicazione delle regole liberiste sul funzionamento del controllo del traffico aereo americano, da parte delle presidenze Bush e Regan), per quanto riguarda il fenomeno attuale dello stragismo” fai da tè “ all’interno di una guerra civile globale e molecolarizzata, nell’era dell’uso psicotico dei social, non è possibile andare alla ricerca dei colpevoli, aggirandosi tra macerie e sangue, facendosi luce con la lampada del Complotto.

Essa distorcendo la visione della realtà ci allontana sempre più dalla possibilità di trovare una soluzione, o meglio una concatenazione di soluzioni di algoritmi che se non correttamente sequenzializzati, anche se risolti teoricamente e/o praticamente uno per uno, non cambierebbero la Realtà di un solo passo.

La teoria probabilistica e la natura umana.

Senza addentrarmi in formule matematiche sintetizzo la risposta che grandi giocatori, strateghi militari, ricercatori dei più svariati campi dello scibile umano hanno cercato di dare a coincidenze sconcertanti, vere e proprie congiunzioni astrali che hanno accompagnato la Storia dell’Umanità.

Ebbene, ancor oggi ,nel mondo dei supercomputer o meglio delle super Reti, l’elemento irrazionalità umana continua ad essere determinante nella catena decisionale. Detto questo per smantellare le presunte certezze complottiste relative alle circostanze dell’uccisione del terrorista tunisno, voglio ricordare quanto avvenne in una situazione analoga tredici anni fa in Italia.

Il giorno del funerale delle Nuove Brigate Rosse.

E’ la mattina del 2 marzo 2003, sul treno interregionale Roma Firenze non vi sono molti viaggiatori, essendo esso utilizzato per lo più dai pendolari nei giorni lavorativi. La domenica chi lo usa lo fa per andare a trovare i parenti, scendendo ad una delle tante stazioni di provincia o anche per una gita fuoriporta.

Tra i viaggiatori vi è una coppia che quella mattina si è alzata presto, obliterando il biglietto alle 06.19 dalla Stazione di Roma Tiburtina con destinazione Arezzo. Sembrano una coppia in gita di piacere, lei in pantaloni neri, capelli rossi, dal viso un po’ stanco , e con qualche chilo in più a chi la conosceva qualche anno prima. Lui , piccolo, stempiato, dall’aria dell’impiegato in vena di relax.

Alle 08.24 alla stazione di Terentola al confine con l’ Umbria salgono tre uomini della Polizia ferroviaria, per il solito controllo di routine. Chi li guida , una persona esperta nel suo mestiere , non dovrebbe essere lì, essendo libero dal servizio , ma ha chiesto di cambiare turno per accompagnare un collega ad una visita medica.

Lui è il maresciallo Petri di 48 anni, gli altri sono il sovrintendente Bruno Fortunato e l’agente Giovanni Franzo . Mentre passano tra i vagoni, un impulso spinge Petri a voler chiedere i documenti a quella apparentemente insignificante coppia composta da un impiegato e una casalinga in vacanza.

I documenti presentati e le generalità corrispondenti, controllate via radio sono a posto ma, irrazionalmente il presunto impiegato in vacanza, perde la testa, spazientito estrae una pistola, una 7,65 semiautomatica , puntandola contro il Petri.

Ne nascerà una sparatoria con fasi drammatiche , anch’esse con aspetti surrrerali, : un tira e molla da entrambe le parti, la terrorista super ricercata Desdemona Lioce che si impadronisce della pistola di un poliziotto ma poi non riesce a togliere la sicura, disarmata a sua volta in un corpo a corpo dall’unico poliziotto rimasto illeso nel conflitto a fuoco. Il bilancio finale è pesantissimo: Il maresciallo Petri, quello che doveva essere libero dal servizio è morto, come muore anche il brigatista Galesi e ferito è l’altro poliziotto, il Fortunato che nonostante ciò interviene.

Sembrerebbe la cronaca di un semplice fatto di cronaca nera eppure invece rappresenta la pietra tombale per la stagione delle Nuove Brigate Rosse , che si erano rese responsabili dell’omicidio di Massimo D’Antona e di altri ancora e che volevano divenire il punto di riferimento per una stagione di rinascita della lotta armata di sinistra in Italia.

I due sono di fatto i capi dell’organizzazione e per dei motivi ancor oggi inspiegabili si portavano appresso materiale documentaristico tale che di fatto servì a smantellare in pochissimo tempo l’organizzazione di lotta armata aspirante ad essere il testimone delle vecchie Brigate Rosse ,negli anni 90 e che sino a quel momento avevano fatto brancolare nel buio tutta l’Antiterrorismo italiana.

Un’intera costruzione di certezze, fatte di regole di vita clandestina rispettate sino all’ossessione, che nel giro di pochi attimi crollarono per una serie di fatti imponderabili, sui quali naturalmente il fattore uomo aveva giocato la sua parte. Perché quella mattina i due non avevano deciso di lasciare a casa l’archivio telematico delle nuove BR? Perché invece di viaggiare in due scompartimenti diversi avevano deciso di viaggiare insieme? Perché Galesi si autoconvinse che quei documenti che aveva con sé, falsificati in maniera perfetta e che avevano già subito altri controlli non erano più sicuri? Perché non aspettò, prima di reagire, che gli fosse mossa una contestazione? Perché Desdemona Lioce , perse la testa come una principiante e non fu capace di togliere la sicura ad una Beretta di ordinanza che teoricamente davrebbe dovuto essere l’arma per l’addestramento basico di un perfetto terrorista?

Queste domande inserite in teorie complottiste, oggi, su quella vicenda, si avrebbero ben altre interpretazioni.

Ciò che è avvenuto a Milano l’altra sera va considerato quindi come un semplice incrocio di circostanze, sulle quali possiamo solo dire che era alta la possibilità per una pattuglia della Mobile di Sesto a quell’ora della notte, avvistando un tizio che gironzolava solo, in un luogo di transito, di intercettare il solito pusher o qualche ladruncolo di periferia ma non sicuramente il terrorista di Berlino, in fuga per mezza Europa, eppure ogni calcolo probabilistico ancora una volta è stato infranto dal fattore umano.

Quando l’uomo con il fucile incontra l’uomo con la pistola, l’uomo con la pistola è un uomo morto. (Gian Maria Volontè-per un pugno di dollari-1964)

Ad impedire che il bilancio della sparatoria fosse più drammatico è stato grazie ad alcuni particolari di non poco conto: il terrorista islamico era armato di un arma di piccolo calibro e quando ha reagito non aveva entrambi i poliziotti sotto tiro. Il resto è stato solo il risultato di una normale sparatoria in cui una 9 X21 a breve distanza non ha dato scampo ad un calibro 22 , o come nel caso dell’episodio da me ricordato, del 2003, non diede scampo ad una 7,65 impugnata dal brigatista Galesi.

Antonio Camuso

Osservatorio sui Balcani di Brindisi

http://www.pugliantagonista.it/osse...

Brindisi 24 dicembre 2016



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

Strage Berlino e morire di complottismo...
28 dicembre 2016 - 04h21 - Di Marilena - 662ac48c38f861c9b75e756119ae6edb...

Io credo e non a torto, che dare semplici risposte a domande complicate, sia un atteggiamento di destra, fascista e, stranamente, lo diceva Woody Allen. Per carità, la leva dei giornalisti italiana è tra le migliori in assoluto, la più garantita e tra le più privilegiate. Io vorrei guardare oltre, cercare di centrare meglio, ma se dovessi affidarmi alla carta stampata, diventerei un mediocre, tanto quanto il giornalismo italiano.






In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini
In rete il nuovo numero del periodico Lavoro e Salute
martedì 21 - 18h48
di : Franco Cilenti
CENTO ANNI STORIA E ATTUALITÀ DELLA RIVOLUZIONE COMUNISTA
martedì 14 - 05h56
di : PCL Pavia
La sinistra contro il rospo e il principe azzurro
giovedì 9 - 04h39
di : Antonio Recanatini
LA BUROCRAZIA SINDACALE SVENDE. LA SINISTRA RIFORMISTA LA COPRE
domenica 26 - 07h13
di : PCL Pavia
JOB ACT: l’apogeo di questa distruzione pianificata dei diritti sociali
martedì 14 - 14h30
di : PCL Pavia
Il dissidio tra viziati
giovedì 9 - 10h54
di : Antonio Recanatini
Foibe e revisionismo storico
martedì 7 - 14h23
di : PCL Pavia
SEMPRE PIÙ RICATTABILI!
mercoledì 1 - 05h19
di : PCL Pavia
Messaggio e comprensione
giovedì 26 - 08h51
di : Antonio Recanatini
GIORNATA DELLA MEMORIA: PER EVITARE CHE SI PRODUCANO IN FUTURO NUOVE TRAGEDIE.
giovedì 26 - 07h43
di : PCL Pavia
Pubblicato in rete il nuovo numero del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 24 - 08h51
di : Franco Cilenti
1 comment
21 gennaio 1921: nasce il Partito Comunista d’Italia! Ricordo di Antonio Gramsci
lunedì 23 - 05h52
di : PCL Pavia
21 gennaio 1921: nasce il Partito Comunista d’Italia! Ricordo di Antonio Gramsci
lunedì 23 - 05h51
di : PCL Pavia
Voucher: l’apice della precarizzazione più bieca
lunedì 16 - 17h38
ROSA
domenica 15 - 11h26
di : Franco Astengo
LOTTA DI CLASSE E RIBELLIONE POPOLARE
venerdì 13 - 06h38
di : Franco Astengo
CORTE COSTITUZIONALE E DIGNITA’ DEL LAVORO
mercoledì 11 - 15h38
di : Franco Astengo
È uscito il nuovo numero del notiziario nazionale " dire, fare Rifondazione"
martedì 10 - 12h35
di : Francesco Saverio Cilenti
Refrendum lavoro, scontro aspro tra il direttore dell’Unità Staino e i dirigenti Cgil: "Abbiamo sempre cercato la via del negoziato"
martedì 10 - 07h25
L’Italia è un re…gime fondato su trame, ricatti, depistaggi, omertà e malaffare
lunedì 9 - 16h00
di : Alessio Di Florio
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 - 15h45
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
BUFALE
domenica 8 - 09h12
di : Franco Astengo
2 commenti
Appello a Obama affinchè liberi Leonard Peltier prima di lasciare la casa Bianca
domenica 1 - 11h33
di : 2017
70 anni fa la madre delle bufale italiane: il falso su morte De Gasperi
venerdì 30 - 22h13
di : antonio camuso
CLIMA PESSIMO PER LAVORATRICI E LAVORATORI
venerdì 30 - 12h02
di : Franco Astengo
La coscienza degli obiettori
mercoledì 28 - 09h51
di : Antonio Recanatini

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La culture... ce qui a fait de l'homme autre chose qu'un accident de l'univers. André Malraux
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito