Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
70 anni fa la madre delle bufale italiane: il falso su morte De Gasperi

di : antonio camuso
venerdì 30 dicembre 2016 - 22h13

In queste ore sta montando la polemica tra Grillo e il responsabile dell’Antitrust che ha proposto un controllo da parte delle Agenzie europee sulla diffusione di notizie false sulla Rete, le cosiddette bufale.

Sappiamo che dei social media come Facebook stanno mettendo già in atto alcune norme precauzionali sui rischi da diffusione di “bufale”, onde evitare che il loro rapido diffondersi in Rete possa provocare reazioni incontrollate, sino al rischio che qualche mente esaltata possa compiere atti inconsulti contro degli innocenti a causa di esse, come è successo qualche mese fa negli Stati Uniti.

Che le bufale siano nate con l’uomo sociale, lo sappiamo, ma come oggi, esse, nell’era della Rete e della globalizzazione, siano divenute uno strumento di manipolazione dell’opinione pubblica, ne stiamo prendendo lentamente coscienza, ed una conferma su come noi italiani siamo particolarmente affezionati alle bufale, lo si vede dal loro successo in quell’opinione pubblica, in particolare quella giovanile e dichiaratamente “incazzata contro tutto e tutti”. Una constatazione che sembrerebbe confermare il rapporto di amore, quasi di riconoscenza del nostro Paese ,con le bufale. Sì, perché alcuni passaggi fondamentali della nascita dell’identità nazionale sono stati contrassegnati da notizie false corse in suo aiuto o invece che ne hanno messo in pericolo la sua esistenza. Vogliamo ricordare succintamente il Carlo V, sceso con una poderosa armata dalla Francia, presentatosi dinanzi alla libera Firenze,pronto a far sentire la voce dei suoi cannoni fermato dalla risposta, datagli da Pier Capponi :-“I fiorentini faranno suonare le loro campane!”-, facendogli presupporre che al loro suono sarebbero accorsi in aiuto gli eserciti degli altri comuni. La bufala riuscì in pieno e per quella volta Firenze fu risparmiata dai francesi. Un’altra bufala, questa volta trasmessa sulla prima rete moderna di cui si era dotato il Regno delle due Sicilie, quella telegrafica, fu di aiuto a Garibaldi e ai suoi Mille garibaldini, nella conquista del Meridione e propedeutica all’ Unità d’Italia.

Sbarcati a Marsala, una volta impossessatisi dell’ufficio telegrafico di quel porto, scoprirono che l’addetto Franco Fortini aveva già lanciato l’annuncio dello sbarco da due navigli di uomini armati.

Il garibaldino Giovanni Battista Pentasuglia, non perdendosi d’animo e puntando la pistola alla tempia del povero telegrafista( una scena rivista in tanti “spaghetti-western”) gli fece ritrasmettere un breve messaggio di smentita, una bufala : “- Ci siamo sbagliati, si tratta di due vapori che scaricano merci.”- Fortunatamente dall’altro lato chi ricevette la bufala la prese per buona e dopo aver dato dell’imbecille al povero telegrafista di Marsala, fermò la mobilitazione delle truppe borboniche che, se prontamente avvisate, avrebbero potuto far naufragare sin dal nascere la spedizione dei Mille, magari con un appello sulla rete telegrafica che chiamasse la popolazione a difendersi da uno sbarco di feroci briganti, così come era avvenuto per Carlo Pisacane e i suoi trecento, qualche anno prima, con un’altra bufala trasmessa a suon di campane.

La falsa notizia della morte di De Gasperi

La nostra storia repubblicana, visse il 27 novembre 1946, esattamente 70 anni fa, uno dei momenti più drammatici, se pur per poche ore, a causa di un’altra bufala tramessa sulla Rete, anch’essa telegrafica, questa volta delle Ferrovie dello Stato, quando un giovane apprendista al telegrafo della Stazione di Milano trasmise l’annuncio della morte prematura del presidente del Consiglio Alcide De Gasperi.

Una notizia che cadeva in un momento in cui de Gasperi con un traballante governo a quattro, democristiani, repubblicani, socialisti e comunisti, era un ago della bilancia insostituibile, dovendosi barcamenare tra le enormi difficoltà economiche e finanziarie di un’Italia uscita distrutta dalla crisi , la necessità di rivolgersi agli Stati Uniti per averli, le insoddisfazioni di disoccupati, reduci, partigiani e con una destra fascista e monarchica decisa a prendersi la rivincita dopo la sconfitta referendaria di pochi mesi prima.

Un De Gasperi che solo due mesi prima aveva visto i partigiani di Novara, Asti e dintorni riprendere le armi e salire in montagna, un’anticipo di cosa sarebbe successo se fosse stata vera la notizia della sua morte. Fortunatamente non fu così (pur riserbandoci di ritenerlo colpevole di altre discutibili scelte a partire dalla rottura del patto antifascista e l’adesione dell’Italia alla NATO), e scoperta la bufala, l’Italia si risparmiò una guerra civile in un momento in cui non se lo poteva proprio permettere.

Riportiamo fedelmente la cronaca sulla bufala della morte di De Gasperi, tratta dal giornale ad ispirazione liberale “ Risorgimento” stampato a Napoli e la cui Redazione era ad Angiporto Galleria Umberto I, Napoli

RISORGIMENTO, venerdì 29 novembre 1946, centro pagina:

“-La falsa notizia dell’improvvisa morte del Presidente del Consiglio Alcide De Gasperi si è diffusa ieri in tutta l’Italia settentrionale e specialmente a Milano e Torino in seguito ad una singolare beffa alla quale le autorità stanno indagando da 24 ore.

I fatti sono stati ricostruiti sin’ora quanto segue: alle ore 19 l’alunno contrattista Alessandro Quartiroli di Giovanni nato a Castel San Giovanni nel 1926 residente a Milano, addetto all’ufficio telegrafico della stazione centrale milanese, mentre svolgeva il suo servizio , senza aver prima interrogato il dirigente, trasmetteva di sua iniziativa all’ufficio corrispondente di Torino un telegramma del seguente tenore che ha asserito di aver ricevuto dall’ufficio telegrafico della stazione centrale di Bologna: Servizio tutti da Roma. D.G.23-24-18. Contiene movimento.Per morte di on De Gasperi , domani 28 esponete tutti impianti bandiera a mezz’asta. Firmato Di Raimondo. L’ing Raimondo comè noto è il direttore generale delle FFSS.. In un primo sommario interrogatorio il Quartiroli dichiarava di aver creduto vera la notizia e di averla trasmesse all’ufficio telegrafico di Torino in perfetta buonafede, ciò in contrasto con il suo comportamento durante la ricezione sia durante la ritrasmissione del dispaccio. Il Quartiroli infatti, nel momento in cui ha appreso la notizia non solo rimaneva indifferente senza renderne edotto il capoturno, ma procedeva sempre di sua iniziativa alla immediata ritrasmissione senza annotarlo nel registro. Il Quartiroli ha dichiarato di aver poi appreso dall’ufficio telegrafico di Bologna che la trasmissione era falsa e che si trattava di uno scherzo e pertanto ne aveva avvertito il collega di Torino con un altro dispaccio che annullava il precedente. Intanto la notizia che si diffondeva tra i telegrafisti di Torino( e su tutta la rete telegrafica del Nord-Italia, NdR) era raccolta da un funzionario del compartimento delle FFSS il quale intuendo l’infondatezza si affrettava a chiedere conferma al capoturno della’ufficio emeittente. Dall’esame risalendo al percorso fatto dalle comunicazioni si avevano tracce tra Milano e Torino mentre con Bologna non vi era traccia smentendo il Quartiroli.

Si sta cercando di capire se da Bologna sia mai partita la notizia nel frattempo, il Quartiroli dopo un sommario interrogatorio è stato messo a disposizione dell’ufficio politico della questura di Milano, L’amministrazione FFSS ha avviato un’inchiesta amministrativa e tecnica.”-

A garantire l’alternanza sul diritto di bufala furono i sostenitori del partito di De Gasperi, quando poco più di un anno dopo, nella campagna elettorale del 1948, fecero piangere sangue dalle Madonne di tutta Italia, impaurite dal rischio della vittoria del social comunisti alle elezioni politiche, ma questa è un’altra storia…

ANTONIO CAMUSO –

Archivio Storico Benedetto Petrone ,

Brindisi 30 dicembre 2016

http://www.pugliantagonista.it/arch...



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini
In rete il nuovo numero del periodico Lavoro e Salute
martedì 21 - 18h48
di : Franco Cilenti
CENTO ANNI STORIA E ATTUALITÀ DELLA RIVOLUZIONE COMUNISTA
martedì 14 - 05h56
di : PCL Pavia
La sinistra contro il rospo e il principe azzurro
giovedì 9 - 04h39
di : Antonio Recanatini
LA BUROCRAZIA SINDACALE SVENDE. LA SINISTRA RIFORMISTA LA COPRE
domenica 26 - 07h13
di : PCL Pavia
JOB ACT: l’apogeo di questa distruzione pianificata dei diritti sociali
martedì 14 - 14h30
di : PCL Pavia
Il dissidio tra viziati
giovedì 9 - 10h54
di : Antonio Recanatini
Foibe e revisionismo storico
martedì 7 - 14h23
di : PCL Pavia
SEMPRE PIÙ RICATTABILI!
mercoledì 1 - 05h19
di : PCL Pavia
Messaggio e comprensione
giovedì 26 - 08h51
di : Antonio Recanatini
GIORNATA DELLA MEMORIA: PER EVITARE CHE SI PRODUCANO IN FUTURO NUOVE TRAGEDIE.
giovedì 26 - 07h43
di : PCL Pavia

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Quand l'argent d'un gouvernement dépend des banques, ce sont elles et non les chefs du gouvernement qui contrôlent la situation. Napoleon Bonaparte
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito