Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Storie dalle città di Dio

di : Enrico Campofreda
lunedì 31 gennaio 2005 - 17h09
JPEG - 12.3 Kb

di Enrico Campofreda

La resistenza di Louis

Louis ha fisico, abiti e basco da popolano annicinquanta, e un nome francese. Sarebbe perfetto al fianco di Jean Gabin in uno dei noir su mala e grisbi. Si muove con sicurezza e disinvoltura, è padrone della sua Bethlehem, ma Bethlehem è solo teoricamente sua e degli altri quarantamila arabi che la abitano. Bethlehem diventa sempre più riserva. Una riserva del popolo palestinese. L’accostamento col genere cinematografico di Gabin non tragga in inganno: Louis è un uomo probo, fa la guida turistica, parla arabo, inglese, francese e un poquinito de espanol. Ha figli da sfamare e dignità da vendere e anche se il lavoro latita in una Bethlehem diventata spettrale, Louis resiste e non è l’unico.

In tanti anche qui hanno votato Abu Mazen perché la pace significherebbe lavoro, quel lavoro turistico che è scomparso dai momenti più duri dell’Intifada che ha vissuto nella stessa chiesa della Natività una delle mille follìe dell’occupazione israeliana. Ricorderete i 241 palestinesi rifugiati dai padri francescani nello storico sito e gli elicotteri d’Israele che mitragliavano dall’alto. Una delle tante provocazioni di Sharon al mondo: i cannoni di carri e blindati puntati contro la Chiesa del Cristo, come e peggio della passeggiata sulla spianata delle Moschee. Ma al warrior - così lo celebra la pubblicistica amica - non importava nulla e ha proseguito. Oggi è contestato nello stesso Likud. Certi partiti riescono a non toccare mai il fondo.

Quei 39 giorni furono un momento di non ritorno non solo per i pellegrini che, tranne sparuti ardimentosi, continuano a tenersi lontani dai luoghi santi ma per una consistente fetta di palestinesi di religione cristiana che sono partiti e non intendono tornare. Erano dodicimila ne sono rimasti tremila circa. Louis è uno di loro. E lui sta relativamente bene: è una guida autorizzata, dall’autorità palestinese che controlla il centro della cittadina ma anche dall’autorità israeliana che controlla gli accessi alla città nei due grandi varchi creati con il Muro.

Ma se non c’è turismo, Louis non lavora e come lui nessuna guida e nessun venditore autorizzato e abusivo di carabattole per turisti. Però tutti hanno figli da mantenere e sfamare. Mahmmod che di anni ne ha sessanta anche se ne dimostra ottanta e più, dice di averne dieci pur di spacciare un crocifisso, una collanina. Per mangiare, amico, non io ma i miei figli. Poiché a ventisei anni qui di figli se ne hanno già tre, i dieci di Mahmmod ci possono stare tutti. E vai con la laica collanina.

Il Muro che avanza

Di Muro a Bethlehem il generale Yaron (fedele amico di Sharon sin dai tempi del massacro di Sabra e Shatila) ne ha fatto costruire una buona fetta, che taglia il dislivello di uno dei colli su cui si poggia la città e corre su sull’erta opposta. Grigio. Imponente. In alcuni punti svettano inquietanti torrette dalle quali non si capisce se si viene osservati, spiati o puntati dai mitra. Que mistra che i soldati con la stella hanno sempre a ‘bracciarm’ anche quando, a coppie in libera uscita, bevono un’orange juice. Il Muro ha come altrove l’intento di separare, per far crescere la paura e con essa l’ossessione del diverso e quindi l’odio. Simone Bitton, nel suo splendido film-documentario titolato appunto “Mur” ne ha chiarito perfettamente gli intenti: dividere i due popoli per far proseguire vessazioni e guerre. Ridicole le motivazioni di sicurezza: non saranno gli otto metri d’altezza a fermare le frustrazioni di chi si vede prigioniero in case incerte e impossibilitato a viverci.

Del resto quando bambini palestinesi e israeliani, immersi completamente nei loro ambienti e con tutte le contraddizioni e i pregiudizi del caso, si sono incontrati per merito d’un giornalista ebreo-americano che ha perorato l’esperimento, s’è visto che ciascuno cerca di capire un po’ la diversità dell’altro. E rinuncia a sue convinzioni e certezze. L’esperienza filmata è passata per i programmi Rai (sgranate gli occhi, sì) in una prima serata del mese di gennaio.

Il Muro di Bethlehem ha la funzione di proteggere un enorme insediamento di coloni tutt’ora in costruzione. L’insediamento ricopre interamente un colle di fronte alla città, lì dicono ci fosse un boschetto di conifere che s’ammirava anche da una cappella un po’ in disparte frequentata dai pellegrini. Nel 1995 è iniziato il disboscamento. Tutto il colle è stato rasato. Poi ruspe e scavatrici, impalcature e cemento armato e oggi è pronta a diventare un nucleo abitativo per quindicimila coloni. Quindicimila, per ora. Vista da sotto sembra una moderna Monteriggioni, ma molto, molto più vasta e senza uno spicciolo di artisticità.

Israelizzare la Cisgiordania

D’insediamenti simili ce ne sono a perdita d’occhio quando da nord, l’antica Galilea, s’attraversa la Samaria lungo la verde valle del Giordano e ci s’avvicina a Jerusalem in Giudea. Tutti uguali: tetti e cemento, recinti e soldati, a guardia di quest’invasione di fatto d’un territorio che è sovrano solo sulla carta. E’ la tela di Penelope tessuta da Sharon: a parole si parla di diritti dei palestinesi, di fatto li s’ingabbia nella propria terra, li si soffoca in spazi sempre più angusti.

I palestinesi mussulmani o cristiani dovranno restare al di qua del Muro e presentare a ogni uscita dai check point il documento-passaporto che però non gli consente di andare ovunque. C’è chi può viaggiare solo nei paesi arabi e chi, perché studente o professionista recarsi in altri angoli del mondo. Ma nessuno può partire dallo Stato d’Israele da Gerusalemme o dall’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv. Ragioni di sicurezza preventiva lo impediscono. Così Ahmad, omino giovane col commercio nel sangue, per vendere i souvenir di legno d’ulivo in Puglia e in Molise, parte dalla Giordania o dalla Siria o arriva in autobus sino in Turchia. Gran parte del popolo non viaggia affatto perché non ha quattrini e non saprebbe dove andare.

I palestinesi di Bethlehem o quelli di Betania - il cui decumano fibrillante di commerci s’infrange inesorabilmente contro il Muro - si chiedono ormai se quella terra resterà la loro visto il disegno, neppure tanto celato, di israelizzare la Cisgiordania. A questo mira la politica pro-coloni volta a normalizzare quella presenza nei Territori. E’ il modo per far crescere paure e diffidenze, tutti contro tutti, chiusi nelle riserve create e negli steccati delle arcaiche convinzioni. E’ con questo sistema che la pace, per due popoli che non possono che vivere vicini e sovrani, difficilmente vedrà luce.

Cittadini del limbo

Samir è un milite dell’Autorità Nazionale Palestinese di cui veste la divisa bleu anche se non porta armi, destinato com’è al controllo dei turisti, i pochissimi pellegrini che riprendono i viaggi in questa parentesi di tregua. Ha modi gentili, studia economia nella locale Università, e guadagna, ma non è una certezza perché a volte i soldi non ci sono, il corrispettivo di 200 euro al mese. Che sono uno stipendio decoroso, un operaio oscilla fra quello e i 300, un professore arriva a 400. Un anziano collega di Samir avrebbe 10.000 euro (i risparmi d’una vita) da dare come anticipo per l’acquisto d’un appartamento che il Patriarcato Latino ha costruito in zona. Costo complessivo 70.000 euro, 10.000 subito e il resto a rate. Ma può impegnarsi solamente chi ha certezze economiche e sotto il Muro di certo non c’è nulla.

E poi come si fa a comperare una casa, col rischio che venga occupata dall’esercito nemico ed espropriata? Troppe questioni restano immobili come l’aria che si respira. Storie di vita dicono con Tomas, che nella gerarchia razziale sta meglio dei fratelli palestinesi perché è arabo-israeliano e vive a Nazareth, che l’ingiustizia israeliana è anche molto privata. Suo padre aveva quattro fratelli. Durante la crisi successiva alla guerra del Kippur uno fuggì in Libano e lì rimase. Tempo fa, dopo la sua morte, la parte del terreno nei pressi di Nazareth che sarebbe spettata ai parenti è stata sequestrata dall’amministrazione israeliana perché la legge non prevede alcun diritto di proprietà e successione ai profughi.

E allora c’è chi stringe i denti e non si muove. Cerca di resistere a ogni costo. Magari non in situazioni difficili come quelle del professor Mohammad Bakri mostrate dal film ‘Private’ di Saverio Costanzo, ma certamente non brillanti. E’ il caso del dottor Maher che gestisce una farmacia a Bethlehem. Uomo ancora giovane con begli occhi da Omar Shariff. Ha studiato in Italia ne parla perfettamente l’idioma. Dice che è dura anche per lui. Tenere un esercizio commerciale in un luogo dove i denari sono men che scarsi è un controsenso ma la farmacia è diventata una missione. Non far mancare i medicinali alla sua gente è diventato un senso etico e di vita. Andarsene avrebbe il sapore della sconfitta e aiuterebbe i coloni a prendersi la Cisgiordania. Se quel piano non si è ancora compiuto - e nelle promesse alle Nazioni Unite gli insediamenti dovrebbero sparire - l’attuale volto dei Territori è quello d’uno Stato palestinese dove il popolo anziché sovrano appare prigioniero.

L’economia del tugurio

Certo ci sono lande ancor più povere e degradate. Entrando a Jericho, se non fosse per alcune auto e moto e bici e i manifesti di Abu Mazen con Arafat, si sarebbe indotti a cercare con lo sguardo il famoso cieco. Il tempo è immobile, l’entità urbana inesistente: casupole, sterpi e volti che sarebbero piaciuti a Pasolini. Volti di beduini delle vicine dune presso il Mar Morto e indigenza assoluta. Omar si presta a guidare con un’auto scassata ma velocissima fra strade polverose, lui è il taxi-driver abusivo più conosciuto e tollerato della zona. Deve sbarcare il lunario per i due figli, la prole è contenuta solo perché ha venticinque anni. Aiuta la madre che sopravvive con una botteguccia di spezie e buble-gum. E commercia quel che può: collanine, gift per turisti, frutta lì coltivata (mini-banane, datteri, fichi e locali nocciole). Ma da tempo i turisti non vengono a fotografare il sicomoro, anche se non distante c’è l’area archeologica di Qumran, gestita quella dagli israeliani.

Fra i tanti tuguri e un’angosciante tendopoli guardata a vista dai soldati di Sharon a Jericho c’è anche un accogliente centro per turisti col cammello all’ingresso per la foto ricordo. Ma pochi vengono qui. E sono invece parecchi i camerieri e gli addetti al bazar che dovrebbero viverci, mentre l’attività non accenna a riprendere. Così la splendida Safaa, una delle poche bellezze potute ammirare senza chador, sorride malinconica mentre rassetta i tavoli del self-service semideserto. Si gioca con dieci marmocchi e subito ne spuntano altri. E più si sta lì più ne compaiono. Belli come il sole, sorrisi dell’innocenza che abbracciano chi arriva neanche fosse papà Natale, visto che arriva senz’armi. Per loro siamo il mondo, in carne e ossa, perché da lì non si muovono e quel che giunge dalla tv non ha né calore né tenerezza.

Cisgiordania, 17-21 gennaio 2005



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Le progrès technique est comme une hache qu'on aurait mise dans les mains d'un psychopathe. Albert Einstein
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito