Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Nicaragua : maestri in lotta

di : Giorgio Trucchi
venerdì 4 febbraio 2005 - 10h18
JPEG - 6.9 Kb

di Giorgio Trucchi

Alla fine i principali sindacati dei maestri, tra cui la storica Asociaciòn Nacional de Educadores de Nicaragua (ANDEN), hanno incrociato le braccia e hanno boicottato l’inizio dell’anno scolastico in protesta per i rachitici aumenti salariali proposti dal governo.

A nulla sono valsi i tentennamenti dell’ultima ora del Ministro dell’educazione, Miguel Angel Garcìa, che da una parte ha invitato il settore dei maestri ad accettare il bono di 433 cordobas (26 dollari circa) in busta paga (che comunque non ha ancora avuto l’approvazione del Presidente della Repubblica Enrique Bolaños) e dall’altra negoziava con 18 piccoli sindacati affini al governo e che rappresentano una quantità minima dei maestri, affinché lo stesso bono non entrasse a far parte della busta paga, non incidendo così sulla futura pensione.

La richiesta dei sindacati, che rappresentano oltre l’80 per cento dei maestri, era l’adeguamento degli stipendi al valore reale del Paniere (che secondo l’Istituto di Censimento - INEC - è di 2.600 cordobas equivalente a 160 dollari). Attualmente un maestro delle elementari guadagna 68 dollari e uno delle superiori circa 82 dollari, salari vergognosi anche per la stessa Regione centroamericana (in Salvador il salario minimo di un maestro è di 350 dollari). Dopo varie discussioni, i maestri hanno accettato di diminuire la loro richiesta "accontentandosi" di ricevere un aumento pari a 706 cordobas (43 dollari) che si sarebbe formato con i 433 cordobas già approvati dalla Asamblea Nacional in dicembre all’interno del Bilancio Generale della Repubblica, in aggiunta al bono approvato lo scorso anno di 273 cordobas. Entrambi, però, avrebbero dovuto entrare a far parte della busta paga in modo da incidere sulla futura pensione.

Nonostante la posizione conciliante di ANDEN e degli altri sindacati, il governo ha rifiutato la proposta e il Ministro dell’Economia, Mario Arana, ha dichiarato che la proposta è impossibile da accettare dato che indebiterebbe ancora di più lo Stato e rischierebbe di infrangere gli accordi con il Fondo Monetario Internazionale (FMI), con cui stanno negoziando un prestito milionario per il 2005.

Durante l’atto di inaugurazione dell’anno scolastico nella città di Diriamba, il Presidente Bolaños ha dichiarato che durante i tre anni del suo governo, il settore Educazione ha visto aumentato il proprio stipendio del 55 per cento e che attualmente un maestro delle elementari guadagna 1900 cordobas (120 dollari) e uno delle superiori circa 2300 cordobas (145 dollari). Ha inoltre aggiunto di essere l’unico presidente che negli ultimi decenni ha concesso così tanto ai maestri. Tali dichiarazioni, totalmente rifiutate dal Segretario nazionale di ANDEN, Josè Antonio Zepeda, sono state contestate da una grossa manifestazione che si è svolta nella stessa città, mentre da tutto il paese arrivavano le notizie che oltre l’80 per cento delle scuole pubbliche avevano rimandato a casa gli studenti per l’inizio dello sciopero.

A Managua, intanto, la viceministra Leòn York doveva scappare in macchina per sfuggire alle proteste dei maestri in sciopero, a cui non era stata permessa l’entrata nel Colegio Luxemburgo dove veniva inaugurato l’anno scolastico nella capitale. Ancora una volta in Nicaragua, l’Educazione viene relegata come ultima ruota del carro delle spese statali, in compagnia del settore Sanità, i cui lavoratori e lavoratrici sono già in fibrillazione attendendo la risposta del governo circa le loro richieste di aumento.

Come sempre è il FMI che detta legge nel paese e l’attuale governo, invece di privilegiare i settori più poveri della società, continua a permettere che le grandi imprese multinazionali, le banche e l’oligarchia nazionale siano i settori che meno pagano imposte e che maggiormente godono di sgravi fiscali ed esonerazioni. Il Fronte Nazionale dei Lavoratori (FNT), attraverso il suo dirigente sindacate Luis Barbosa, ha già fatto sapere che tutti i settori associati a questa organizzazione inizieranno uno sciopero scaglionato in appoggio al settore magistrale.

Sembra che il Nicaragua si stia risvegliando dopo anni di torpore e che riassapori l’importanza dell’unità tra i vari settori dei lavoratori in opposizione all’ennesimo governo neoliberista.

Martedì, 1 febbraio, è probabile che si riallaccino le negoziazioni tra sindacati dei maestri e il governo, nella speranza di raggiungere un accordo.


JPEG - 28.1 Kb

"Tutto per i ricchi e niente per i poveri"

Intervista a Jose’ Antonio Zepeda - Segretario generale di ANDEN

Josè Antonio Zepeda, maestro, deputato supplente per il Frente Sandinista e Segretario generale della Asociaciòn Nacional de Educadores de Nicaragua (ANDEN) la famosa Confederazione sindacale da sempre alla testa delle lotte dei maestri del Nicaragua, mi riceve nel suo ufficio nella sede di ANDEN.

Potrebbe utilizzare l’ufficio che gli è stato destinato vicino al Parlamento in quanto deputato supplente, ma - dice - "preferisco stare qui con la mia gente...l’aria della Asamblea Nacional fa girare la testa e io preferisco stare con i piedi per terra".

In questi giorni la situazione è difficile. Il Nicaragua si è svegliato con uno sciopero a livello nazionale del settore Educazione ed ormai sono quasi il 90 per cento i maestri delle elementari e superiori che hanno incrociato le braccia in protesta, per l’insensibilità del governo che continua a pagare miseri stipendi che oscillano tra i 70 e 80 dollari al mese.

Una miseria se si pensa che il minimo per sopravvivere è calcolato in 160 dollari - secondo l’Istituto di Censimento INEC - e in 230 dollari secondo i sindacati.

Allo sciopero dei maestri si aggiunge quello del settore della Sanità e per i prossimi giorni è prevista una grande manifestazione a cui potrebbero aggiungersi altri settori del mondo del lavoro in solidarietà con maestri, infermieri e dottori.

Questi ultimi protestano in quanto il Presidente della Repubblica, Enrique Bolaños, ha vietato la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del Bilancio Generale della Repubblica recentemente approvato dalla Asamblea Nacional. Senza la sua pubblicazione non si potrà rendere effettivi gli aumenti di salario per il settore della Sanità e dell’Educazione approvato dai deputati.

Dietro alla manovra di Bolaños c’è il ricatto del Fondo Monetario Internazionale (Fmi), che impedisce al governo nicaraguense l’aumento della spesa pubblica. La minaccia è la sospensione dei prossimi finanziamenti e il Presidente Bolaños si guarda bene dal cercare una reale ridistribuzione fiscale per trovare i fondi da destinare a questi settori, che sono tra i più emarginati del Nicaragua.

Attualmente il peso fiscale ricade per il 93 per cento sulle classi poveri e solo per il 7 per cento sulle multinazionali, le grandi imprese nazionali, le banche e l’oligarchia nicaraguense (dato Orlando Nuñez - economista e direttore del CIPRES).

La Federaciòn de Estudiantes de Secundarias (FES), inoltre, ha annunciato che occuperà scuole e edifici pubblici in solidarietà con i maestri.

Una protesta che rischia di degenerare se il governo non scenderà a patti con il settore educazione.

Di tutto questo si è parlato con Zepeda.

Quali sono le richieste dei maestri e qual’è la posizione del governo?

Nel 2000 si è firmato il Piano Nazionale d’Educazione per i prossimi 15 anni e stabilisce, nella parte lavorativa, che per il 2005 avremmo dovuto guadagnare il 100 per cento del Paniere e per il 2010 l’equivalente del salario medio a livello centroamericano che è di circa 330 dollari mensili. I primi due anni il governo ha dato gli aumenti accordati, ma con l’arrivo di Enrique Bolaños le cose si sono arenate. Durante gli ultimi tre anni abbiamo dovuto mantenere una lotta costante che ha portato anche a licenziamenti ed arresti di maestri e maestre.

Per questo anno abbiamo quindi richiesto il rispetto del Piano Nazionale d’Educazione e quindi che gli stipendi si equiparassero al valore del Paniere che è calcolato in 2600 cordobas (circa 160 dollari).

Attualmente un maestro delle elementari ha un salario base di 1.146 cordobas (70 dollari) e uno delle superiori di 1.331 cordobas (81 dollari).

Al salario base si devono aggiungere i vari scatti d’anzianità, i titoli di studio di cui uno è in possesso e il luogo in cui insegna (zona urbana o rurale).

Questi "aumenti" dipendono ovviamente dalla singola persona, dalla sua storia e dal suo curriculum e comunque sono aumenti insignificanti.

Ad esempio per ogni anno di anzianità vengono aggiunti 10 cordobas (60 centesimi di dollaro) o per un titolo di studio ne vengono dati 75 (4,5 dollari).

Il governo insiste nel dire che i maestri guadagnano in media 1.900 cordobas (120 dollari), ma è una menzogna perché per arrivare a questa cifra, che comunque non coprirebbe nemmeno il minimo per sopravvivere, bisognerebbe essere laureato e con 30 anni di servizio e quindi vicino alla pensione e in Nicaragua sono molto poche le persone che sono in questa situazione.

La strategia è quindi quella di giocare con le cifre per dimostrare che i maestri chiedono una cosa ingiusta. Per alleviare la situazione, la Asamblea Nacional ha deciso di concederci un aumento di 433 cordobas (26 dollari), ma in concetto di buono e cioè che non fa parte del salario e che in qualsiasi momento può essere rinegoziato o eliminato e che soprattutto, non concorre a formare la futura pensione e la tredicesima.

Questo buono si sommerebbe a quello che ci hanno concesso tre anni fa e sommerebbe un totale di 706 cordobas (43 dollari) di aumento.

La nostra richiesta è però che entrino a far parte del salario minimo e che lo Stato versi la parte che gli compete alla Previdenza Sociale (INSS) per la copertura sanitaria e pensionistica dei lavoratori e lavoratrici. Questa è la nostra ultima proposta, anche perché è una diminuzione piuttosto alta rispetto a quanto prevede il Piano Nazionale d’Educazione.

Ci aspettavamo di più anche da parte dei deputati, ai quali avevamo chiesto un’attribuzione di 300 milioni di cordobas per rispettare il Piano Nazionale, ma questo non è stato possibile ed anche a loro abbiamo reclamato per non averci appoggiato sufficientemente nelle nostre richieste al governo.

Qual’è stata la risposta del governo?

Il governo rifiuta questa proposta adducendo il fatto che il Fondo Monetario Internazionale (Fmi) non gli permette d’incrementare la spesa pubblica per salari.

Propone un incremento in concetto di buono di soli 350 cordobas (22 dollari) e non vuole negoziare. Il governo ha utilizzato in questi anni il Piano Nazionale d’Educazione come un simbolo per accedere ai fondi degli organismi internazionali, ma in concreto non ha mai voluto riconoscere il lavoro dei maestri lasciandoli nella miseria ed ora sta usando il sotterfugio di proibire la pubblicazione del Bilancio della Repubblica nella Gazzetta Ufficiale in cui figura l’aumento per i maestri e per altri settori in crisi come quello della Sanita e della Polizia. In pratica, dal 2001 al 2005, il governo ha aumentato il salario minimo di circa 400 cordobas (24 dollari) che è una vergogna e che inoltre, viola gli accordi assunti dato che non c’è stato un aumento costante negli anni come prevede il Piano Nazionale.

La nostra protesta è anche nei confronti del Ministero del lavoro che si è totalmente schierato a favore del governo e non difende gli interessi di noi lavoratori.

Per questo stiamo chiedendo che sia la Procura per i Diritti Umani che funga da mediatrice nella contrattazione tra le parti.

La problematica dell’educazione ha quindi a che vedere con una strategia macroeconomica del governo...

Senza dubbio le autorità governative vogliono rispettare il proprio programma macroeconomico, ma il tetto di qualsiasi casa, pur bello che sia, crolla se non è supportato da fondamenta solide. Questo è quello che abbiamo più volte segnalato al governo ed abbiamo anche chiesto che si riequilibri il carico impositivo all’interno della società.

I lavoratori dipendenti e il resto della popolazione povera pagano circa il 90 per cento delle imposte che raccoglie il governo e il grande capitale e i banchieri pagano il poco che resta. E’ una sproporzione enorme. Deve essere fatta una riforma tributaria, senza creare nuove imposte, attraverso la quale raccogliere i fondi necessari per i settori più abbandonati ma fondamentali per la società come sono la Sanità e l’Educazione.

Si dovrebbe anche riorganizzare lo Stato controllando, ad esempio, i salari esagerati dei funzionari pubblici, in modo da poter vivere in questo paese, che è ricco di risorse ma impoverito da questa distribuzione incorretta e per avere una distribuzione più equa della ricchezza.

Qual’è stata la risposta dei maestri in questo sciopero che è appena iniziato?

Lo sciopero è stato indetto da quattro Confederazioni sindacali, di cui una di orientazione socialcristiana, due liberale e ANDEN che è di orientazione sandinista. Ci sono altri piccoli sindacati che rappresentano una minima parte del magistero e che sono affini al governo che, ovviamente, stanno accettando le proposte governative e che hanno annunciato che avrebbero bloccato lo sciopero, facendo alla fine una figura ridicola.

E’ uno sciopero che non nasce ieri, ma che inizia tre anni fa. E’ stato un lungo processo di discussione e di analisi e in effetti non ci aspettavamo una partecipazione così forte da parte dei maestri. Solitamente gli scioperi iniziano lentamente e con il passare dei giorni, la gente comincia a partecipare sempre più numerosa.

In questo caso, circa l’80 per cento e cioè 25 mila maestri, hanno immediatamente incrociato le braccia e nella giornata di ieri se ne sono aggiunti altri 5 mila.

Il governo non si aspettava questa dimostrazione di forza ed è rimasto spiazzato.

Si tratta di uno sciopero a tempo indefinito perché dipende dal governo quando si potrà veramente iniziare l’anno scolastico.

Porteremo avanti anche i meccanismi di difesa legale perché sappiamo che il governo cercherà di adottare misure di pressione, attentando contro un diritto costituzionale. Un meccanismo che potrebbero usare è quello di non dare il salario cercando di sfiancare la protesta o di dichiarare lo sciopero illegale, licenziare qualche centinaio di maestri per poi costringerci ad accettare le loro condizioni se si vuole che questi maestri vengano riassunti.

Sono meccanismi che abbiamo già affrontato e subito nel passato e siamo pronti.

Quali sono i prossimi passi?

Siamo stati invitati dal Ministero del lavoro ad un incontro con il governo per parlare dello sciopero, ma non del pacchetto di proposte che abbiamo presentato.

Se l’incontro sarà solo per discutere se lo sciopero è legale o no, ci ritireremo subito perché ha validità morale e legale. Se invece si parlerà delle proposte, faremo presente che esiste già una negoziazione e una proposta.

E’ possibile anche che l’obiettivo del Ministero del lavoro sia quello di mettere in competizione i differenti sindacati e se quelli affini al governo vogliono firmare un accordo che lo facciano e poi vedremo se saranno davvero in grado di far iniziare l’anno scolastico.

Chiederemo inoltre che a questa riunione ci accompagni la Procura dei Diritti Umani perché deve far parte di questo processo.

Il Ministero del lavoro è totalmente schierato con il governo e quindi presenteremo una denuncia alla Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIT) per violazione alla libertà sindacale e dimostreremo che questo governo ha un’attitudine antisindacale e repressiva contro la libertà sindacale.

Qual’e l’appoggio che state ricevendo dagli altri settori del mondo del lavoro?

Come dicevo, il Presidente ha bloccato la pubblicazione del Bilancio della Repubblica e questo metterà in crisi molti altri settori.

A partire da oggi i lavoratori della Sanità inizieranno uno sciopero scaglionato fino ad arrivare a bloccare l’intero sistema sanitario e via via si aggiungeranno altri settori, perché tutti soffriranno per questa misura del presidente Bolaños.

Gli unici che sono tranquilli sono i banchieri e il grande capitale. A loro, se chiedono qualcosa, il governo dà sempre il doppio perché sono settori affini e li vuole avere come alleati.

La prossima settimana organizzeremo una marcia nazionale che sarà enorme e che sommerà tutti questi settori. E’ una situazione grave per il governo e sappiamo come inizia ma non sappiamo come possa finire.

(Foto e testo Giorgio Trucchi)



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Devenir adulte, c'est apprendre à vivre dans le doute et à développer, au travers des expériences, sa propre philosophie, sa propre morale. Éviter le "prêt-à-penser". Hubert Reeves
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito