Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
"OIL FOR FOOD" FORMIGONI TRA I BENEFICIATI DI SADDAM

di : patrizia
giovedì 10 febbraio 2005 - 23h03
JPEG - 7.8 Kb

"Oil for Food". Beneficiati da Saddam? Ecco la lista dei 270

di Roberto di Nunzio

Fa piacere leggere oggi su tutti i quotidiani dello scoop messo a segno da “Il Sole24Ore” e dal “Financial Times” che hanno pubblicato la “misteriosa lista dei beneficiati da Saddam” in ordine ai vouchers di greggio che il regime iracheno avrebbe concesso ad alcuni “ospiti di riguardo”. Peccato che la lista originale dei beneficiati e i relativi nomi siano stati già pubblicati da Reporter Associati il 3 Febbraio 2004, che riprendeva un reportage del quotidiano iracheno Al-Mada [1] e la traduzione in italiano che di questo reportage aveva diffuso il Middle East Media Research Institute di Washington. Una curiosità: tra i beneficiati italiani il solo Roberto Formigoni viene citato anche nel dcumento originale. Dei nomi apparsi in questi giorni neppure un accenno. Una svista o un mistero tutto italiano? (All’interno la lista originale dei “270”).

L’emissione di vouchers da parte del regime di Saddam può essere servito a due scopi principalmente:

a. Pagamenti a individui e organizzazioni per il loro appoggio al regime in forma di doni.

b. I vouchers possono essere stati emessi in pagamento di merci sottoposte alle sanzioni del Consiglio di Sicurezza dell’ONU e che non potevano essere finanziati con il programma "Oil for Food"(petrolio in cambio di cibo).

Le merci potevano includere equipaggiamenti militari, pezzi di ricambio militari o auto di lusso che Saddam distribuiva come regali dentro e fuori l’Iraq ed in genere beni di lusso a favore degli ufficiali di alto rango del partito Ba’ath e del governo. I beneficiari dei vouchers vendevano i vouchers ai trader di petrolio, che li utilizzavano per ritirare i quantitativi di petrolio al terminal petrolifero di Kirkuk-Banias (Siria), che era operativo contravvenendo le sanzioni del Consiglio di Sicurezza.

L’oleodotto trasportava 200.000 barili al giorno di petrolio iracheno, di cui beneficiava in gran parte la Siria.

L’inchiesta di Al-Mada

"Sotto questo titolo professionale ed elettrizzante non vi è nulla che abbia a vedere con le compagnie petrolifere o la distribuzione, l’immagazzinamento e il marketing del petrolio. Esse non sono note per avere interessi nel petrolio o alcun legame con compagnie petrolifere, quali la Chiesa Russa Ortodossa e il Partito Comunista Russo."

"Per quanto riguarda gli individui, la situazione è ancor più complessa. Possiamo capire che la giornalista Hameeda Na’Na’, che difendeva il precedente regime si sforzasse di mantenere il suo giornalismo indipendente mediante contratti petroliferi, ma è strano trovare in queste liste i nomi di Khaled, figlio dell’ex-presidente Gamal Abd Al-Nasser, o di Toujan Al-Faisal, già membro del parlamento giordano, o l’attuale presidente dell’Indonesia, o il figlio del ministro della difesa siriano o il figlio del presidente del Libano."

Lo sfruttamento di Saddam delle sanzioni ONU

"Da quando il deposto regime ha approvato il ’Memorandum di Intesa,’ pure noto come programma ’Oil for Food’ (petrolio in cambio di cibo), lo ha volto in un deplorevole gioco politico e commerciale, e l’ha usato per finanziare le acquisizioni clandestine di armi, costosi materiali da costruzione per i palazzi presidenziali e le moschee e frivoli beni di lusso. Ha ridotto gli accordi di vendita di petrolio nella più grande operazione di corruzione della storia, comperando anime e penne e sprecando le risorse della nazione."

"Da quel momento, erano numerose le voci sui voucher che Saddam dava a certi dignitari arabi e stranieri fornendo greggio in cambio del loro appoggio al regime in un momento di isolamento internazionale e come mezzo per finanziare la campagna per abolire le sanzioni economiche contro l’Iraq e imbiancarne l’immagine."

"Tuttavia, il regime stesso ha offuscato l’etica morale e umana della campagna internazionale per abolire le sanzioni ingiuste, perché in fin dei conti le sanzioni non hanno danneggiato [il regime], ma hanno colpito la nostra povera gente e la classe media. Abbiamo visto che ogni volta che la campagna internazionale per abolire le sanzioni si avvicinava al suo obiettivo, il regime - con il suo comportamento e la sua insolenza - l’ha spinto di nuovo in un tunnel nero, e allo stesso tempo ha reso il nostro paese una tavola riccamente imbandita aperta a tutti, in attesa di una fiumana di accorati commensali e servi obbedienti."

"Uno dei tratti del regime fascista del nostro paese è che gli mancava il decoro e che aveva sempre bisogno di usare gli altri per sentirsi superiore. Quindi corrompeva anche coloro che avevano buone intenzioni e obiettivi nobili quando difendevano il popolo iracheno e cercavano di rompere l’assedio che era stato imposto. Il regime era portato solo alla politica del ’portafoglio aperto’, e quindi si circondava di gente che poteva cooptare e di gente che avrebbe elemosinato, così da potersi sentire moralmente superiore."

"E se a uno fosse capitato di conoscere qualcuno dei funzionari del partito Ba’ath, che non avevano esitato - per via dei loro principi rurali - a vantarsi e ad affettare una superiorità morale, avrebbe sentito da loro un mucchio di cose sul numero sempre crescente di visitatori in Iraq negli anni recenti, e avrebbe capito dalle loro parole che quei visitatori che venivano per difenderci venivano anche per incassarne il prezzo. Noi possiamo confermare queste informazioni perché erano i ba’athisti stessi, in un momento di ’pomposità rurale’ a diffondere le voci sui visitatori arabi e stranieri. Essi facevano alcuni dei nomi elencati qui, fra cui George Galloway, membro del Partito Laburista britannico."

"Il caso di Galloway è davvero doloroso. Quest’uomo, che difese cause arabe giuste, divenne un perdente quando si avvicinò al regime iracheno. Galloway, che fu espulso dal partito per questo motivo e che si difese con forza e attaccò persino la politica di Tony Blair e di Bush, non potrà - secondo me - confutare i documenti iracheni che lo incriminano definitivamente".

"Oltre agli elenchi Al-Mada ha anche ottenuto sei richieste da parte del direttore esecutivo e del vicedirettore esecutivo della Oil Marketing Company fatte al Ministero del Petrolio ’per approvare i patti del greggio’ . In tutte si fa il nome di Galloway, non come parte nell’accordo, ma come beneficiario, dato che Galloway si nasconde dietro una compagnia che non porta né il suo nome né la sua nazionalità."

"Il modo in cui questi patti vennero stipulati getta luce sul procedimento di assegnazione dei voucher e il benestare del Presidente della repubblica [Saddam]. Ecco perché noi vogliamo decifrarlo, soprattutto perché la lista comprende alcuni nomi individuali come ’Samir’, e nessuno sa se è il nome di una persona o di una società".

La lista

Canada: Arthur Millholland, presidente e direttore generale della Oilexo con sede a Calgary, ricevette 1 milione di barili di petrolio.

Stati Uniti: Samir Vincent ricevette 10,5 milioni di barili. Nel 2000 Vincent, cittadino americano nato in Iran e vissuto negli Stati Uniti dal 1958, organizzò una delegazione di capi religiosi iracheni in visita negli U.S.A. che incontrarono l’ex presidente Jimmy Carter. Shaker Al-Khafaji, il presidente pro Saddam della 17° conferenza degli esuli iracheni, ricevette 1 milione di barili.

Gran Bretagna: George Galloway ricevette 1 milione di barili. Fawwaz Zreiqat ricevette 1 milione di barili. Zreiqat figura anche nella sezione giordana per aver ricevuto 6 milioni di barili. Il mujaheddin Khalq in Inghilterra ricevette 1 milione di barili.

Francia: l’Associazione Amicizia Franco-Araba ha ricevuto 15,1 milioni di barili. L’ex ministro degli Interni francese Charles Pasqua ricevette 12 milioni di barili. Patrick Maugein della Trafigura Company ricevette 25 milioni di barili. Michel Grimard, fondatore dell’Export Club franco-iracheno, ricevette 17,1 milioni di barili.

Svizzera: Glenco Re, il più grande trader di materie prime della Svizzera, ricevette 12 milioni di barili. La Taurus, che era stata associata con l’Iraq per 20 anni e che fu la prima compagnia a riprendere i suoi commerci con l’Iraq dopo la caduta di Saddam, ricevette 1 milione di barili. Petrogas, che figura sotto tre sub-compagnie - Petrogas Services, Petrogas Distribution e Petrogas Resources - ed è associata con la compagnia russa Rosneftegazetroy, ricevette 1 milione di barili. Alcon, che figura in Lichtenstein ed è associata con maggiori compagnie petrolifere, ricevette 1 milione di barili. Finar Holdings, che è elencata a Lugano, Svizzera, ed è in liquidazione, ricevette 1 milione di barili.

Italia: L’Unione Petroli italiana ricevette 1 milione di barili. West Petrol, una compagnia italiana che tratta grezzo e derivati, ricevette 1 milione di barili. Roberto Formigoni, probabilmente si tratta del presidente della Regione Lombardia, ricevette 1 milione di barili. Salvatore Nicotra, ex pilota della NATO divenuto poi petroliere, ricevette 1 milione di barili

Spagna: Basem Qaqish, membro del Comitato Spagnolo per la difesa della causa araba, ricevette 1 milione di barili. Ali Ballout, giornalista libanese pro Saddam, ricevette 1 milione di barili. Javier Robert ricevette 1 milione di barili.

Iugoslavia: quattro partiti politici iugoslavi ricevettero voucher: il Partito di sinistra iugoslavo ricevette mezzo milione di barili, il Partito socialista 1 milione, il Partito italiano 1 milione. Un altro partito, il cui nome nella traslitterazione suona ’kokstuntsha’ - forse il partito di Kostunika - ricevette 1 milione di barili.

Altri partiti politici

Il Partito laburista rumeno ricevette 5,5 milioni di barili.
Il Partito dell’Interesse Ungherese 4,7 milioni di barili.
Il Partito socialista bulgaro ricevette 1,2 milioni di barili.
Il Partito comunista slovacco 1 milione di barili.

Austria: la Società austro-araba ricevette 1 milione di barili. Brasile: il Movimento 8 ottobre, un gruppo comunista brasiliano, ricevette 1,5 milioni di barili. Fuwad Sirhan 10 milioni di barili.

Egitto: Khaled Gamal Abd Al-Nasser, figlio del defunto presidente egiziano, ricevette 16,6 milioni di barili. ’Imad Al-Galda, uomo d’affari e membro del parlamento egiziano nel Partito nazionale democratico del presidente Mubarak, ricevette 14 milioni di barili. Abd Al-Azim Mannaf, direttore del giornale Sout Al-Arab, ricevette 6 milioni di barili. Muhammad Hilmi, direttore del giornale egiziano Sahwat Misr, ricevette un numero di barili non divulgato. La United Arab Company ricevette 6 milioni di barili. La Nile and Euphrates Company ricevette 3 milioni di barili. La Fondazione Al-Multaqa per stampa e pubblicazioni ricevette 1 milione di barili.

Libia: il primo ministro Shukri Ghanem ricevette 1 milione di barili.

Africa sub-sahariana: il ministro degli esteri del Ciad ricevette 1 milione di barili

Sudafrica: Sono elencati quattro sudafricani: Tokyo Saxville ricevette 4 milioni di barili. Montega 4 milioni di barili. Entrambi sono collegati coll’African National Party.

Palestina: La Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) ha ricevuto 4 milioni di barili. L’ Ufficio Politico dell’ OLP ha ricevuto 5 milioni di barili. Abu Al-Abbas ha ricevuto 11,5 milioni di barili . Abdallah Al-Horani ricevuto 8 milioni di barili .L’ FPLP ha ricevuto 5 milioni di barili. Wafa Tawfiq Al-Sayegh ha ricevuto 4 milioni di barili.

Oman: Il gruppo Al-Shanfari ha ricevuto 5 milioni di barili. Siria: Farras Mustafa Tlass, figlio del Ministro siriano della difesa Mustafa Tlass, ha ricevuto 6 milioni di barili. ’Audh Amourah ha ricevuto 18 milioni di barili. Ghassan Zakariya ha ricevuto 6 milioni di barili. Anwar Al-Aqqad ha ricevuto 2 milioni di barili. Hamida Na’Na’, proprietaria del periodico Al-Wafaq Al-Arabi, ha ricevuto 1 milione di barili.

Libano: Il figlio del Presidente libanese Emil Lahoud ha ricevuto 4,5 milioni di barili. L’ ex Deputato Najjah Wakim ha ricevuto 3 milioni di barili. Il Capo del Partito Nasseriano Osama M’arouf ha ricevuto 3 milioni di barili. Il Presidente del National Arabic Club Faisal Darnika ha ricevuto 3 milioni di barili.

Giordania: L’ ex Deputato Islamista e capo dell’ Unione degli Ingegneri Leith Shbeilat [2] ha ricevuto 15,5 milioni di barili. L’ ex Deputato e capo dell’ Unione Giordana degli Scrittori Fakhri Qi’war ha ricevuto 6 milioni di barili. L’ ex Deputato Toujan Al-Faisal ha ricevuto 3 milioni di barili. Il Ministero Giordano dell’ Energia ha ricevuto 5 milioni di barili. Muhamma Saleh Al-Horani, capo della Borsa di Amman ed ex Ministro delle Forniture ha ricevuto 4 milioni di barili. L’ avvocato Wamidth Husein Al-Majali ha ricevuto 6 milioni di barili.

Qatar: Il presidente della Associazione per le Corse di Cavalli dei Qatar Hamad bin Ali Aal Thani ha ricevuto 14 milioni di barili. La Gulf Petroleum ha ricevuto 2 milioni di barili.

India: Il Partito del Congresso indiano ha ricevuto 1 milione di barili.

Indonesia: La presidente dell’ Indonesia Megawati ha ricevuto 1 milione di barili come "la figlia del Presidente Sukarno" ed 1 milione di barili come Megawati. Myanmar: Il Ministero delle Foreste del Myanmar ha ricevuto 1 milione di barili.

Ukraina: Il Partito Social Democratico ha ricevuto 1 milione di barili. Il Partito Comunista ha ricevuto 6 milioni di barili. La Compagnia Petrolifera FTD ha ricevuto 1 milione di barili, come pure altre aziende ucraine.

Bielorussia: Il Partito Liberale ha ricevuto 1 milione di barili. Il Partito Comunista ha ricevuto 1 tonnellata [sic] di petrolio. Il Direttore dell’ Ufficio del Presidente di Bielorussia ha ricevuto 1 milione di barili.

Russia: Lo stato russo stesso ha ricevuto 1.366.000.000 barili.

Aziende appartenenti al Partito Liberal Democratico hanno ricevuto 79,8 milioni di barili -la lista nota il nome del presidente del partito Vladimir Zhirinovsky.
Il Partito Comunista Russo ha ricevuto 1 milione di barili.
L’azienda Lukoil ha ricevuto 63 milioni di barili.
L’azienda Russneft ha ricevuto 35,5 milioni di barili.
Il Partito Pace ed Unità di Vladimir Putin ha ricevuto 34 milioni di barili.
La lista menziona il nome della presidentessa Saji Umalatova.
L’azienda Gazprom ha ricevuto 26 milioni di barili.
L’azienda Soyzneftgaz ha ricevuto 25,5 milioni di barili
La lista riporta il nome Shafrannik.
L’azienda Moskow Oil ha ricevuto 25,1 milioni di barili.
L’azienda Onako ha ricevuto 22,2 milioni di barili.
L’azienda Sidanko ha ricevuto 21,2 milioni di barili.
L’Associazione Russa di Solidarietà con l’ Iraq ha ricevuto 12,5 milioni di barili.
La Ural Invest company ha ricevuto 8,5 milioni di barili.
La Russneft Gazexport ha ricevuto 12,5 milioni di barili.
L’azienda Transneft ha ricevuto 9 milioni di barili.
L’azienda Stroyneftgaz ha ricevuto 6 milioni di barili.
Il Comitato Russo per la Solidarietà con il Popolo dell’ Iraq ha ricevuto 6,5 milioni di barili.
La lista annota il nome del presidente del Comitato Rudasev.
La Chiesa Ortodossa Russa ha ricevuto 5 milioni di barili.
L’Accademia delle Scienze di Mosca ha ricevuto 3,5 milioni di barili.
L’Amministrazione della Cecenia ha ricevuto 2 milioni di barili.
Il Partito Nazionale Democratico ha ricevuto 2 milioni di barili.
Il Gruppo Nordwest ha ricevuto 2 milioni di barili.
L’azienda Yukos ha ricevuto 2 milioni di barili.
Un’azienda russa che foneticamente suona Zarabsneft ha ricevuto 174,5 milioni di barili.

Voucher sono stati anche concessi al ministero russo degli esteri, uno sotto il nome di Al-Fayko per un milione di barili, ed uno a Yetumin per 30,1 milioni di barili.

L’azienda Mashinoimport ha ricevuto 1 milione di barili.
L’azienda Slafneft ha ricevuto 1 milione di barili.
La Caspian Invest Company (Kalika) ha ricevuto 1 milione di barili.
La Tatneft Tatarstan company ha ricevuto 1 milione di barili.
L’azienda Surgutnefr ha ricevuto 1 milione di barili.
L’azienda per il petrolio ed il gas della Siberia ha ricevuto 1 milione di barili.

In aggiunta, il figlio dell’ ex Ambasciatore Russo in Iraq ha ricevuto 19,7 milioni di barili. Nikolay Ryikov, un ex primo ministro dell ’URSS, ha ricevuto 13 milioni di barili. Il direttore dell’ Ufficio Russo del Presidente ha ricevuto 5 milioni di barili.

Voucher petroliferi sono stai distribuiti anche ad aziende e persone del Sudan, Yemen, Cipro, Turchia, Vietnam, Bangladesh, Malaysia, Pakistan, EAU, Marocco, Algeria, Tunisia, Panama, Tailandia, Ciad, Cina, Nigeria, Kenia, Bahrein e le Filippine.

Anche due aziende saudite sono nella lista.

Note:

[1] Al-Mada (Baghdad), 25 Gennaio 2004. Al-Mada è un quotidiano indipendente, pubblicato a Baghdad. Fakhri Karim è il capo redattore.

[2] Shbeilat ha pubblicato un documento che denuncia la pubblicazione dei nomi come un tentativo di danneggiare la reputazione dei nazionalisti che si sono opposti all’ invasione dell’Iraq. Al-Quds Al-Arabi (Londra), 28 Gennaio 2004.

(Il documento originale diffuso dal Middle East Media Research Institute)

http://www.reporterassociati.org/in...



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Le problème aujourd'hui n'est pas l'énergie atomique, mais le coeur des hommes. L'Etat est notre serviteur et nous n'avons pas à en être les esclaves. Albert Einstein
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito