Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Quel terremoto di Pietro Ingrao

di : MICHELE FUMAGALLO
lunedì 28 marzo 2005 - 20h30
JPEG - 10.6 Kb

Due mesi dopo il sisma che colpì l’Irpinia nell’80, il dirigente comunista si confrontava con gli scienziati sul territorio, lo sviluppo e il rapporto tra democrazia diretta e rappresentativa

di MICHELE FUMAGALLO

Dei 90 anni di Pietro Ingrao (il compleanno è il 30 marzo prossimo), della sua vita così ricca di avvenimenti, si parla e si parlerà in varie sedi non esclusa l’istituzione più solenne, la Camera dei deputati, di cui il dirigente comunista fu presidente in un periodo tormentato della storia italiana. Noi oggi invece andiamo a spulciare dentro un ricco materiale audiovisivo inedito dell’archivio del regista Michele Schiavino che sta preparando un film video su Ingrao, ulteriore tappa di un originale viaggio in quel vero e proprio spartiacque storico che fu il terremoto del 1980. Ne viene fuori, riconfermata, l’immagine di un dirigente con le orecchie sempre tese alla scoperta del nuovo. Ingrao interloquisce con gli scienziati e gli intellettuali riuniti a convegno ad Avellino giorni prima, si pone domande alte sulla scienza nuova di vichiana memoria, legge nella tragedia del terremoto il futuro che si prepara per il Mezzogiorno: ulteriore asservimento oppure liberazione di energie nuove?

Comunisti volontari

Il Partito comunista è impegnato sul versante terremoto in tutti i sensi, sia con la presenza di volontari e funzionari da tutta Italia, sia vivendolo come occasione di svolta e di cambiamento di linea politica. Organizza per questo, con il contributo dell’Istituto Gramsci, del Centro per la riforma dello stato (Crs) e del Centro di studi per la politica economica (Cespe), un grande convegno su scienza e catastrofe ad Avellino, il 15 gennaio del 1981, che sarà chiuso dall’intervento del segretario Enrico Berlinguer. Non va dimenticata la condizione in cui era allora l’Italia dal punto di vista della prevenzione antisismica: praticamente all’anno zero. L’iniziativa tende, quindi, a spostare anche su quel versante l’impegno del partito. Pochi giorni dopo, il 18 gennaio 1981, è Pietro Ingrao dunque a prendere la parola a Salerno: «Vorrei sottolineare qui all’opinione pubblica nazionale l’importanza che ha avuto il convegno che si è tenuto ad Avellino alcuni giorni fa. Non voglio esagerare ma io penso che lì c’è stato un discorso che sposta notevolmente le cose che si potevano dire sulla grande tragedia. Ad Avellino, un gruppo di scienziati di grande autorità ha affermato che oggi non ci troviamo soltanto di fronte al compito di riparare i danni di un terremoto ma di affrontare la grave questione della sismicità di tutta una parte del territorio nazionale e hanno posto la questione, senza indulgere in visioni catastrofiche, di come il paese si attrezza per altri eventi».

Pochi giorni prima, Gerardo Bianco, presidente del gruppo parlamentare democristiano alla Camera oltre che nativo dell’Irpinia del disastro, aveva polemizzato sull’arcaismo presente nella visione di molti, sostenendo che l’area del terremoto aveva conosciuto lo sviluppo, rivendicando alla classe dirigente democristiana il merito di questo sviluppo. Ingrao puntualizza ma passa anche all’affondo sulla classe dirigente: «Questi scienziati fanno esplicitamente un’accusa gravissima alla direzione politica del paese. L’accusano d’essere stata informata e di non avere nemmeno ascoltato ciò che essi avevano detto in proposito in modo documentato. E la loro accusa coinvolge non solo ciò che non è stato fatto nelle ore immediate del sisma ma tutto il tipo di sviluppo avvenuto in queste zone. Così che non capisco come Gerardo Bianco non venga al tema reale della discussione. Noi non abbiamo mai dato una rappresentazione arcaica. Non abbiamo detto: qui stavamo nel vecchio Mezzogiorno. Sappiamo che qui c’è stato uno sviluppo e una modificazione e sappiamo anche la parte che ha avuto la Democrazia cristiana in questo sviluppo; ma quello che non coglie Bianco è che proprio il tipo di sviluppo avvenuto in queste zone, la loro modernità si è rivelata gravemente sbagliata e carente. Proprio i problemi che ha fatto emergere il terremoto: un’espansione selvaggia, senza regole, senza criterio, anzi aggravando il malgoverno del territorio sino agli scempi edilizi che sono dinanzi agli occhi di tutti. Con quelle opere dei palazzinari che si sono sfaldate sotto l’urto del sisma. E non mi pare, del resto, che questi scienziati facciano le cose facili. Essi parlano di grandi investimenti anche in termini di risorse umane, di cultura, di tecnologie. A me sembra - prosegue Ingrao - che la proposta che è venuta fuori da Avellino sposti enormemente la discussione e apra un grande problema che è culturale, politico e anche morale. E’ venuto fuori lì, dalle forze avanzate della cultura che denunciano il silenzio e l’indifferenza dei poteri, il fatto che ci troviamo oggi di fronte a sviluppi della scienza, della conoscenza e della cultura che ci possono consentire di fronteggiare meglio eventi che fino a ieri sembravano non dominabili. E allora, che facciamo? Che risposta dà il mondo politico? E anzi: che cos’è la politica? E’ solo arte di arrangiarsi, conservazione di posizioni di potere, oppure può essere un’altra cosa? Per esempio, una grande innovazione?».

La mediazione clientelare

Pietro Ingrao prosegue nel suo ragionamento sul rinnovamento culturale e la miseria delle classi dirigenti meridionali: «In questa partita la vostra tragedia è un grande banco di prova per la sorte del Mezzogiorno. Perché la subordinazione che vi è stata imposta, anche nello sviluppo che c’è stato qui, non è costata cara solo a voi ma a tutto il paese. Ma proprio questa politica di mediazione clientelare si rivela oramai paurosamente inadeguata ad affrontare le grandi questioni aperte nel mondo. Sentiamo che questa strada può solo produrre frutti avvelenati. Ed ecco allora che ci si presenta davanti agli occhi una domanda: se oggi questo paese è capace di guardare a quello che è avvenuto qui da voi con gli occhi dell’intelligenza moderna, della conoscenza razionale, di una scienza nuova al servizio del popolo, capace di fare una previsione, di costruire progetti che guardino all’avvenire e ai destini profondi di una terra. Io credo che mai come oggi dobbiamo essere consapevoli che sarà duro il prezzo per tutti, se ripeteremo le stesse cose del passato, gli stessi errori». «Non si tratta perciò - prosegue Ingrao - di pensare solo a un’altra edilizia ma a un’altra agricoltura e a un altro modo di collegamento dell’industria con l’agricoltura, per esaltare la creatività della gente meridionale, per far prevalere criteri che non siano solo quelli della clientela e del profitto capitalistico selvaggio. Questa è la strada per colpire la condizione dipendente del Mezzogiorno, quella condizione dipendente che ha lasciato qui nel Mezzogiorno solo una parte minima dei centri di ricerca moderni, che ha allontanato da qui apparati e strumenti con cui oggi si producono innovazioni e cambiamenti».

Poi Ingrao torna a un suo vecchio cavallo di battaglia, al rapporto con le istituzioni: «Dobbiamo combattere le degenerazioni introdotte dal malgoverno democristiano nelle istituzioni, spesso organizzate per determinare la passività della gente, per suscitare clientele e non per produrre innovazioni. Pensiamo che le assemblee rappresentative si devono collegare al mondo del lavoro, della produzione, della cultura, e non solo attraverso i partiti ma anche attraverso forme di organizzazione popolare come i comitati di lotta dei terremotati che sono nati qui. Tanti parlano contro quello che chiamano il Palazzo. A me non piace tanto questa parola perché sembra che siamo tutti uguali dentro certi palazzi di Roma. No, io non mi sento uguale a quei ministri che sostengono il loro diritto di spartirsi le cariche della stato, di lottizzare. Non mi piace quella parola, però sento che quei luoghi delle assemblee, anche quel palazzo dove io lavoravo con una responsabilità che non dimentico, vive se si collega alla gente, alla cultura, alla rete vostra dei comitati. Come facemmo in altri momenti, penso alla Resistenza, quando dovemmo inventare organismi nuovi del popolo, oppure ai consigli di fabbrica nei giorni delle grandi lotte del 68».

Un altro orizzonte

Ingrao si appassiona alle proposte e si rivolge ai giovani e alla loro ribellione: «Noi proponiamo un altro orizzonte e un’altra storia per il Mezzogiorno, qualcosa che va molto oltre i tentativi di uomini come Dorso, Fortunato, Salvemini. Un’apertura enorme verso quella cultura moderna che non ha trovato ascolto nel mondo del governo e che si è sentita mortificata in questi giorni. Dobbiamo poi chiamare i giovani a questa lotta per rompere la dipendenza del Mezzogiorno. Dobbiamo parlare alla loro rabbia e dirgli che la conosciamo, ne capiamo le ragioni ma vogliamo che diventi forza vera. E diventa forza vera se diventa scienza, scienza nuova, riorganizzazione della produzione, capacità di organizzare il paese. Perché se invece resta solo rabbia e protesta, allora prima o poi vi costringeranno a piegare la schiena e resterete deboli e servi».

Infine l’ultimo appello è per il proprio partito: «Dobbiamo essere forza che guarda alle cose profonde, che sta qui per cambiare, per dischiudere altri cieli, altri orizzonti alla gente. E non lasciatevi ingannare: anche se tanti sono turbati, anche se qualcuno trema o si piega, dentro di sé si porta questa sete di un altro mondo, di un’altra società. E, anzi, quanto più degenera la vita costruita sotto il regime democristiano, tanto più - secondo me - vive dentro il popolo questo bisogno prepotente che domanda un altro modo di far politica, un’altra società, un altro posto per il mondo del lavoro».

http://www.ilmanifesto.it/Quotidian...



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Le progrès technique est comme une hache qu'on aurait mise dans les mains d'un psychopathe. Albert Einstein
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito