Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Carceri turche: una enorme Guantanamo

di : Marco Santopadre
venerdì 1 aprile 2005 - 15h05

(articolo pubblicato sul mensile "Guerra e Pace" n° 117 del marzo 2005)

Di Marco Santopadre

«Se non ci fossero la resistenza e la disobbedienza dei detenuti politici non saremmo qui a parlare delle condizioni disumane nelle prigioni turche, non esisterebbe più il problema, visto che né i media internazionali né quelli suppostamente democratici turchi ne parlano mai.»

Ne è convinto Halil Ibrahim Sahin, un esponente dell’associazione dei prigionieri politici turchi Tayyad.

Il governo di Ankara, del partito Giustizia e Sviluppo (AKP), si è affrettato a varare alcune riforme per rispettare i requisiti di democrazia richiesti da Bruxelles per l’avvio del negoziato che dovrebbe portare il paese all’interno dell’UE nei prossimi anni. Ma la Turchia è un paese in cui, nonostante le rassicurazioni dei burocrati di Bruxelles e di alcuni osservatori interessati, gli arresti arbitrari, le sparizioni e gli omicidi extragiudiziali rappresentano la normalità. Gli avvocati vengono perseguitati, i familiari dei carcerati subiscono minacce e perquisizioni corporali. La Polizia uccide e tortura, protetta da un’impunità totale. I torturatori non solo non vengono individuati e puniti, ma molti di loro sono stati premiati con promozioni e qualcuno è riuscito addirittura a conquistare la carica di ministro. Halil è un curdo che, per la sua attività all’interno del maggior partito della sinistra turca (il DHKP-C, clandestino), nel 1993 è stato arrestato e condannato a 15 anni di carcere per terrorismo. A emettere la sentenza fu il DGM, una "Corte per la sicurezza dello Stato" composta interamente da quei militari che ancora oggi, nonostante le cosiddette riforme, continuano a controllare tutte le istituzioni.

Dalla cella d’isolamento Halil è uscito solo nel luglio del 2004, e negli ultimi mesi sta cercando di portare in Europa la voce di chi continua a lottare contro il regime turco. Il racconto dei suoi 11 anni di carcere è una elencazione di pestaggi, torture fisiche e psicologiche, scioperi della fame di protesta e punizioni. «L’isolamento continua, incrementato dalla riforma del sistema carcerario. La repressione prevede anche l’istituzione di nuove punizioni supplementari nei confronti di chiunque disobbedisce o resiste all’interno delle carceri, intesa come strategia per liquidare la resistenza organizzata dei prigionieri e distruggere la solidarietà tra di loro. Le punizioni supplementari comportano ad esempio la distruzione della corrispondenza, la non applicazione del diritto di parlare con i propri familiari e gli avvocati, i mille ostacoli frapposti alla possibilità per il prigioniero, pure prevista dalla legge, di preparare la propria difesa.»

Quando qualcuno si rifiuta di sottostare agli ordini, anche i più assurdi, dei carcerieri, gli viene immediatamente applicata qualche severa punizione. La disobbedienza non viene tollerata in alcun modo. Halil continua a raccontare, il suo volto appare segnato dalla sofferenza ma anche determinato. «Il solo fatto di assumere una posizione "non consona" durante la quotidiana conta dei prigionieri comporta aggressioni fisiche e pestaggi. Nel carcere è vietato parlare, a maggior ragione è vietato lanciare slogan. C’è un articolo della "legge sull’esecuzione della pena" che dice che una canzone che non è "necessaria" è vietata, non si può cantare senza un motivo preciso accettato dalle autorità. Si possono quindi cantare canti religiosi, o meglio ancora inni nazionalisti o fascisti, ma non le nostre canzoni di lotta che parlano di libertà. Anche i libri e i vestiti ci vengono sottratti, per rendere la nostra vita un inferno, per impedire ogni forma di socialità e di vita normale dentro le celle. Non possiamo avere più di uno o due libri nelle celle, perché secondo i nostri aguzzini i libri sono una fonte di sporcizia. Ma coloro che si preoccupano così tanto per la nostra salute ci costringono a vivere in carceri in cui gli scarichi fognari sono spesso a cielo aperto e dove manca la seppur minima assistenza sanitaria. Durante il giorno possiamo accedere all’acqua soltanto tre volte, e quello che esce dai rubinetti è un liquido opaco quando non addirittura marrone, fango.

Anche i dottori che operano nelle carceri sono spesso complici delle torture e delle angherie commesse ai danni dei prigionieri, alcuni dei quali poi muoiono proprio a causa della mancanza di cure o per le conseguenze dei pestaggi. Basti pensare alle centinaia di giovani prigionieri ridotti a larve umane dalla sindrome di Korsakoff: nonostante siano spesso incapaci di muoversi e quindi tutt’altro che pericolosi, anch’essi sono sottoposti all’isolamento.»

Halil si riferisce a quei 600 ragazzi e ragazze ridotti a larve umane dalla sindrome di Vernicke-Korsakoff contratta quando, legati ad un letto d’ospedale dopo mesi di sciopero della fame, furono sottoposti all’alimentazione forzata da medici che agli zuccheri non associarono la vitamina B1, distruggendo così il sistema nervoso e la memoria dei prigionieri. Ma la repressione si esercita anche sui familiari che si recano alle carceri per i colloqui: gli viene impedito di consegnare soldi o alimenti ai prigionieri, al contrario di quanto stabilisce la legge.

«Ma la legge viene aggirata grazie alle cosiddette circolari ministeriali o ai regolamenti interni alle carceri.»

Quando la legge è "troppo democratica" (il duro prezzo che necessariamente va pagato all’ingresso della Turchia nell’UE) la si aggira applicando altre norme ben più restrittive. «Servono prove delle accuse contro le guardie carcerarie o i militari autori degli abusi, dicono i giudici. Ma solo loro sono in grado di procurarsele, e naturalmente se ne guardano bene, appoggiati dall’omertà dei medici che si rifiutano di denunciare le torture, le percosse. Oggi si parla molto dell’adeguamento della legge turca a quella dell’Unione Europea, ma queste circolari ministeriali non prevedono l’individuazione di un responsabile quando muore un prigioniero. Anche nella remota ipotesi che io possa provare che qualcuno mi ha esercitato violenza non posso sperare che il torturatore venga punito.»

Halil racconta come le guardie obblighino i carcerati a gettare le proprie scarpe per violarne la dignità, e chi si rifiuta viene picchiato e poi punito con altri anni di carcere aggiunti a quelli della pena inflitta durante il processo. «Con la nuova legge, quella che l’Unione Europea considera "sufficientemente democratica", cantare è vietato ma, in certe circostante, anche stare in silenzio è vietato. La guardia non gradisce l’espressione del tuo viso? Se la considera una mancanza di rispetto nei suoi confronti ti può comminare una pena supplementare da scontare in prigione, e così la tua condanna si allunga sempre più. Ogni minima protesta, anche la più banale, viene considerata il risultato di una disobbedienza di carattere collettivo e organizzato, e quindi da reprimere nella maniera più brutale. Il Codice Penale e i regolamenti ministeriali e carcerari sono due sistemi complementari che infliggono una doppia condanna al prigioniero; chi, già in stato di detenzione, venga ritenuto colpevole del reato di "ribellione collettiva", verrà condannato, applicando il Codice Penale, da tre a cinque anni di ulteriore carcerazione, pena che poi può essere raddoppiata in base alla cosiddetta "legge sull’esecuzione della pena".»

Lo spirito di queste nuove leggi è cancellare la lotta democratica e di massa contro la violazione dei più fondamentali diritti umani, dentro e fuori dalle carceri. «Quando noi concediamo qualche intervista, come stiamo facendo ora, i giornalisti possono essere arrestati e la radio o il giornale chiusi dalle autorità, cosa che avviene spesso. La repressione tocca tutta la società, non c’è bisogno di appartenere alle organizzazioni della cosiddetta sinistra estrema. Secondo la "Legge sull’esecuzione della pena" i prigionieri che si ritiene possano farsi del male devono scontare la condanna in celle di isolamento speciali rivestite di materassi, come quelle degli ospedali psichiatrici. Sono delle vere e proprie camere di tortura, senza finestre».

Sono quelle che i prigionieri chiamano bare. Si tratta delle famigerate celle "di tipo F" dove sono stati rinchiusi centinaia di prigionieri dopo il massacro del 2000. Il 19 dicembre di quell’anno 10.000 poliziotti e militari assaltarono coi bulldozer 21 prigioni nelle quali si svolgeva lo sciopero della fame a oltranza dei detenuti politici. 32 uomini e donne furono massacrati e bruciati vivi, gli altri vennero trasferiti a forza nelle nuove celle. L’isolamento al quale vengono sottoposti i prigionieri politici mira a spezzarne il morale, ad annullarne la resistenza e la dignità. Oltre che a permettere alle guardie di poter torturare indisturbate. E’ questo il vero scopo della riforma: impedire ai prigionieri politici di avere contatti fra loro, come invece avveniva nelle vecchie celle comuni. Le "bare" sono costruite per ospitare tre persone ma normalmente nei contengono solo una. Eppure la protesta continua. 118 persone si sono lasciate morire di fame dal 2000. L’ultima è stata una ragazza di 26 anni appena scarcerata, che si è data fuoco in una piazza di Istanbul per richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica su quella che Halil chiama la "enorme Guantanamo turca": «Questo terribile sistema oppressivo è una concretizzazione della dottrina Guantanamo in Turchia ma, a differenza che negli Stati Uniti, da noi è del tutto legale, rientra nei parametri fissati dalla nuova legge che tutti descrivono come più avanzata perché conforme agli standard europei.»

Oggi in Turchia, su 80 mila detenuti, quasi 10 mila sono accusati di terrorismo o di reati connessi alla propria militanza politica; tra di loro ci sono i guerriglieri curdi e turchi, ma anche intellettuali, artisti, giornalisti. E la situazione non sembra destinata a migliorare. Anzi, il progressivo adeguamento delle istituzioni turche agli standard europei sembra promettere nuove sofferenze: «Il regime turco ha promesso di approvare, il prossimo anno, una legge che permetterà di sottrarre al periodo della pena i giorni trascorsi in ospedale. La "legge sul pentimento", raccomandata dall’UE per facilitare il reinserimento dei guerriglieri nella vita civile e fatta passare come amnistia, è servita soltanto a liberare i detenuti della destra e gli integralisti islamici, che nelle carceri spesso sono un ulteriore strumento dei torturatori.»



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La paix universelle se réalisera un jour non parce que les hommes deviendront meilleurs mais parce qu'un nouvel ordre, une science nouvelle, de nouvelles nécessités économiques leur imposeront l'état pacifique. Anatole France
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito