Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
E’ LA PACE LA SOLA SICUREZZA

di : Franco Giordano
giovedì 14 luglio 2005 - 13h28

E’ LA PACE LA SOLA SICUREZZA

Con Londra e Falluja nel cuore

Alle comunicazione alla Camera dei Deputati del Ministro dell’Interno Pisanu del 12 Luglio sui provvedimenti da assumere in seguito agli attentati di Londra, ha preso la parola il compagno Franco Giordano, capogruppo del Prc, il cui intervento pubblichiamo qui di seguito integralmente:

FRANCESCO GIORDANO. Signor Presidente, signor ministro, la lotta al terrorismo va attivata con grande determinazione. Esso è nemico dell’umanità e noi lo sentiamo profondamente nemico nostro, per l’idea orrenda di società che propugna, per i mezzi violenti che usa e il disprezzo che manifesta per le forme di partecipazione democratica, sul conflitto sociale e per le culture di pace. Lo abbiamo combattuto in passato e lo combatteremo ancora. Il terrorismo alimenta passività ed insicurezza, ossia il rovescio di qualsiasi politica di trasformazione sociale; diffonde una cultura di morte, a fronte di movimenti che hanno alimentato una cultura della vita.

Va combattuto, dunque, perché minaccia molte persone inermi ed innocenti. Va combattuto a fondo, alla radice. Per questo, noi riteniamo sbagliate, inefficaci e persino pericolose iniziative, quali quelle che sono state testé proposte, che tendono a sollevare «polveroni», rinfocolare crociate anti-islamiche e proporre e produrre legislazioni emergenziali. Per voi tutti, e per noi - lo dico pacatamente -, non giunge mai l’ora di un bilancio delle politiche contro il terrorismo adottate sino ad oggi? Sarebbe interessante farlo, signor ministro. L’equazione «meno libertà individuali e collettive uguale più sicurezza» si è dimostrata, nei fatti, fallimentare. È stata ingiusta, pericolosa ed inefficace.

Ingiusta, perché ha finito per colpire altri soggetti; pericolosa, perché riduce spazi di democrazia ed attacca lo Stato di diritto, creando un clima di angoscia e paura, che è esattamente uno degli obiettivi del terrorismo; inefficace, perché - come si è visto - non serve a colpire il terrorismo. In America, la legislazione di emergenza - lo sanno tutti - ha ridotto di gran lunga gli spazi di libertà individuale e collettiva. Ebbene, non mi pare che lì il problema del terrorismo sia stato risolto: grazie a quel tipo di legislazione, sono state arrestate 90 mila persone, che sono risultate estranee ai fatti. Le associazioni per i diritti umani, le associazioni dei giuristi, la gente normale e democratica hanno mosso una critica asperrima rispetto a quella politica, che è di tipo autoritario, fino all’infamia - mi permetta di dirlo - di Guantanamo.

In Italia e nella stessa Inghilterra, già esistono leggi straordinarie contro il terrorismo internazionale dal 2001. In Inghilterra, addirittura, vi è una sorta di patriot act, simile a quello americano, sia pure in forma ridotta. Ebbene, come si è visto, questo tipo di legislazione non è servito a fermare o a debellare il terrorismo. In Italia, le leggi approvate recentemente, dopo l’11 settembre, hanno prodotto strumenti che hanno consentito di arrestare 180 persone (le risulterà, signor ministro) ed una sola di esse è risultata implicata in questa vicenda: una su 180! Mi sembra che l’unico campo di applicazione di quel tipo di legislazione sia il processo che si sta celebrando a Cosenza contro i no global.

Come si vede, quel tipo di legislazione tende a colpire i soggetti che non hanno nulla a che fare con la dinamica terroristica. Oggi, lei ci propone la possibilità di effettuare intercettazioni preventive nei riguardi di qualunque sospettato, un fermo di polizia per 24 ore senza controllo giurisdizionale e senza possibilità di assistenza legale. Signor ministro, mi permetto di dirle - può darsi che ci sbagliamo - che noi non lo condividiamo: ma, forse, esiste una legge del 18 maggio 1978, mai abrogata, che stabilisce esattamente la stessa cosa. Non mi pare, quindi, una novità quella che lei vuole introdurre. Lei ci propone anche espulsioni immediate per questioni di ordine pubblico nei confronti di extracomunitari, anche regolari, e sconti di pena e misure premiali per chi fornisce informazioni. Lo sconto di pena e i meccanismi premiali arrivano fino a garantire il permesso di soggiorno. Poi, si è sentito parlare (anche se lei, in questa sede, non vi ha fatto riferimento) di una sorta di superprocura.

Riteniamo utile, al contrario, non questo tipo di legislazione, ma un intervento ordinario delle forze dell’ordine: potenziare l’intelligence, determinare un coordinamento delle forze che troppo spesso indagano sugli stessi fatti, intralciandosi. Vorremmo poter intervenire sui servizi non solo per determinare un maggiore impegno in quella direzione contro il terrorismo, ma anche per evitare derive deviazionistiche, che hanno prodotto commistioni con gli autori di stragi impunite. Ciò che ci preme in questa battaglia è un dialogo permanente con le culture e le comunità islamiche, una politica di accoglienza, una politica di integrazione, culture di pace. Così si batte il terrorismo!

Bisogna rovesciare uno schema che è diventato ossessivo. Lo abbiamo sentito anche in quest’aula dall’onorevole Gasparri e, con più forza, dalla Lega. Lo schema è: immigrazione uguale criminalità. Adesso, l’immigrazione equivale ad ipotesi di terrorismo. Mi rivolgo a lei, signor ministro: veramente crede che coloro che hanno organizzato gli attentati terroristici dell’11 settembre a New York, o quelli di Madrid alla stazione di Atocha, o quello di Londra, in cui sono esplose simultaneamente, come lei ci ha spiegato, quattro bombe nella City, dimostrando un livello altissimo di organizzazione, viaggino con le «carrette del mare» insieme ai disperati sospinti sulle nostre coste dal drammatico bisogno di sopravvivenza? Veramente crede questo? Veramente crede che così si determinano le modalità di aggregazione delle forze terroristiche?

La verità è che la crescente paranoia dell’islamico, oltre alla tradizionale avversione per gli immigrati, rischia di tradursi solo in una potente risorsa elettorale. È una cambiale pagata in bianco ad una logica esclusivamente repressiva. Così è nata la legge Bossi-Fini, e questo è il meccanismo attraverso cui si determina una legge che noi non solo critichiamo aspramente, ma che vogliamo apertamente abrogare, se andremo ad un Governo alternativo. Dichiarando guerra agli immigrati poveri, ci si inventa un nemico di comodo, proprio mentre al G8 si proclama - me lo lasci dire -, un po’ ipocritamente e untuosamente, di voler aiutare il Terzo mondo. È subito partita la discussione - su questo aspetto la nostra polemica è asperrima, signor ministro - sulla necessità dei centri di permanenza temporanea. Noi le diciamo con grande determinazione e con tanta fermezza che in quei centri non c’è spazio per l’umanità e per i diritti!

Sono centri anticostituzionali e vanno aboliti, chiunque li abbia immaginati e istituiti! Per questo, secondo noi, ha un valore straordinario l’incontro che si è tenuto a Bari con il presidente della regione, che ha come obiettivo esattamente il superamento e, per noi, l’abrogazione dei centri di permanenza temporanea. È questo il banco di prova per l’Europa, ossia come si affrontano gli elementari diritti umani e come si costruisce un consenso alla lotta contro il terrorismo che vada oltre il limite imposto dalla conformazione e dalle logiche sociali e politiche dominanti. Mi permetta di dire che dobbiamo provare a determinare con grande forza l’oggetto preciso della nostra azione: chi sono i terroristi e come essi vanno isolati politicamente. Se il nemico è il terrorismo di matrice islamica jihadista - per dirlo in modo chiaro ed inequivoco -, è inutile mettere nello stesso calderone organizzazioni curde, palestinesi, iraniane e colombiane. Se c’è un nemico, è quello che va contrastato e battuto politicamente, oltre che represso.

Noi, con grande forza, dobbiamo provare a determinare, come ho già detto, politiche di dialogo, di integrazione e culture di pace. Infine - è l’aspetto più importante -, si deve fare un bilancio. Facciamo questo bilancio! È fallito l’obiettivo della guerra in Iraq contro il terrorismo e, prima ancora, di quella in Afghanistan. Abbiamo opinioni opposte sulla guerra, per l’idea di società, del mondo e della politica. Noi siamo contrari ad ogni guerra, ma un dato è incontrovertibile: il terrorismo si è moltiplicato, si è insediato in quell’area del mondo, nell’area del Golfo, si è alimentato dell’odio, è cresciuta la palude in cui nuota ed è cresciuto l’impasto di terra in cui si sono alimentate le piante infestanti. L’insensatezza è stata quella di immaginare - come qui è stato detto anche dall’onorevole Gasparri - che il nemico fosse uno Stato, barricato dietro a una frontiera. La verità è che, in questa maniera, si sono causate tante vittime innocenti.

Che cosa aspettate a ritirare le truppe dall’Iraq? Credo che, così facendo, continuate a seguire una logica di guerra totalmente sbagliata. Invece, bisogna chiudere con le guerre in Medio Oriente, a cominciare dal conflitto israelo-palestinese. Bisognerebbe annegare il terrorismo in un mare di pace. Non è l’islam che vuole la distruzione dell’Occidente. Questa è una stupidità, lasciatela dire agli stupidi! La verità è che noi abbiamo convissuto tanti anni con l’islam. Abbiamo prodotto tante culture e arricchito la nostra. Si è convissuto per secoli con l’islam e noi, più di ogni altro paese europeo, com’è nella nostra storia e nella nostra tradizione, dobbiamo fare del Mediterraneo, che ci separa dall’islam, un luogo di cooperazione, di scambio, di arricchimento culturale e di pace. Questa è la sfida per estirpare le guerre ed il terrorismo (Applausi dei deputati del gruppo di Rifondazione comunista)!



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La guerre ne sert qu'à remplir vos poches et à éliminer mes proches. C'est pourquoi je n'irai pas. Vous ne me verrez pas au combat. Boris Vian
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito