Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Via Pomponazzi ..... in memoria del compagno Giorgio Tassara

di : dario
domenica 17 luglio 2005 - 18h32
2 commenti
JPEG - 16.3 Kb

di Dario

Via Pomponazzi, Trionfale, Roma Nord, anni settanta ...

In memoria del compagno Giorgio Tassara

Via Pomponazzi e’ un buco di via chiusa al traffico, tra due palazzoni di case popolari anni venti, che da su Via Andrea Doria, nel quartiere Trionfale.

Pur frequentando spesso, per motivi di impegno sindacale, i locali adiacenti del 17° Municipio , avevo da decenni rimosso l’importanza storico/politico di quell’ angolo del Trionfale.

Poi, nel giro di qualche giorno, due tragiche vicende me lo hanno riportato alla mente.

L’ uccisione, qualche giorno fa, del falegname che aveva oggi bottega in quella via, uccisione da parte del suo predecessore nella stessa bottega e nella stessa attivita’, predecessore noto anche trenta anni fa come fanatico fascista che gia’ allora era considerato dai compagni come persona con la quale evitare ogni discussione.

E oggi la notizia della morte per una gravissima malattia del compagno Giorgio Tassara, uno di quelli che hanno contribuito a rendere “storico”quel luogo cosi’ di per se’ ameno e nascosto.

Via Pomponazzi ospitava dai primissimi settanta la sede del “Manifesto”, per un certo periodo addirittura l’ unica sede a Roma di questo gruppo politico, per cui poteva capitare di incontrarci, per noi ragazzi appena arrivati all’ impegno politico, personaggi mitici come Luigi Pintor, Rossana Rossanda , Aldo Natoli, Luciana Castellina che era oltretutto una donna stupenda o alcuni dei compagni che poi fonderanno l’ autonomia operaia romana, come Vincenzo Miliucci e Claudio Rotondi.

Poi, per le vicissitudini complicate di quel gruppo, quella sede divenne la sezione di zona del Pdup.

Ma soprattutto quel pezzetto di Pomponazzi che dava su Via Andrea Doria divenne luogo di raduno quotidiano di moltissimi giovani compagni di Roma Nord, che vi bivaccavano praticamente giorno e notte.

Conoscevo Giorgio ma non posso dire di essergli stato amico, al punto che non sono in grado di dire se il mio associarlo immediatamente a Pomponazzi sia dovuto a una sua militanza nel Manifesto o nel Pdup oppure alla sua semplice frequentazione del posto come luogo di raduno dei compagni.

Quattro righe con le quali oggi il mio carissimo amico ed ex collega Mario Boccia commemora Giorgio sul “Manifesto” potrebbero farmi propendere per la prima ipotesi, ma la cosa adesso non credo rivesta alcuna importanza.

Del resto, io non sono mai stato un gran frequentatore di Pomponazzi. Col gruppetto di compagni di Primavalle di origine “lumpen” - ma allora si diceva “coatti” - prima di Lotta Continua e poi dell’autonomia, guardavamo con aria di sufficienza quei compagnucci un po’ frikkettoni che si radunavano li’ o in altri luoghi di Roma Nord, come il chiosco-bar “Ciccio” davanti al Mamiani o i giardinetti di Piazza Igea, poi tragicamente divenuta Piazza Walter Rossi.

Oltre a considerarli un po’ “borghesucci”, ci sembrava da “scemi” sostare continuamente in luoghi dove spesso e volentieri i fascisti, passando con i loro maledetti vesponi bianchi o con le auto di grossa cilindrata, sparacchiavano contro i compagni fermi a chiacchierare ad ogni ora del giorno e della notte.

Ma, se al bar “Ciccio” o a Piazza Igea andavamo solo per le scadenze di mobilitazione, quasi sempre dopo agguati dei fascisti, per Pomponazzi capitava spesso di fare eccezione e di trascorrervi qualche pomeriggio di sabato o di domenica, al chiaro scopo anche di “rimorchiare” qualche bella compagna, che nei nostri luoghi invece scarseggiavano, approfittando del fatto che la nostra fama di “barbari” e di “cattivi” oggettivamente qualche simpatia femminile al tempo la attirava.

Cioe’, sto tranquillamente ammettendo che eravamo un po’ stronzi e parecchio maschilisti, un minimo di “rieducazione” femminista sarebbe arrivata solo successivamente.

Ma l’ eccezione per Pomponazzi era dovuta anche a motivi, come dire, piu’ nobili.

A differenza del chiosco-bar o dei giardinetti brulli di P.Igea , che oltretutto erano diventati col tempo anche luoghi di spaccio, quel pezzetto di Trionfale, incastonato tra quartieri di dominio fascista come Prati e Balduina, era stato anche un luogo storico della Resistenza a Roma.

Pintor e i compagni del circolo “Giustizia e Liberta’”, tuttora esistente proprio di fronte a Pomponazzi, ci avevano insegnato che per tutto il ventennio in quelle case popolari i fascisti non avevano mai avuto il coraggio di entrare.

Li’ aveva abitato il mitico anarchico Errico Malatesta.

Li’, sotto la guida di “Cencio” Baldazzi, uno dei capi degli “Arditi del Popolo”degli anni venti, era stata creata la base romana degli antifascisti del Partito d’Azione e , nei nove mesi dell’ occupazione nazista di Roma, era stato il rifugio anche di tanti partigiani del Pci e di Bandiera Rossa.

Tre abitanti di quel lotto di case popolari erano stati trucidati alle Fosse Ardeatine.

Insomma aveva senso anche per noi orgogliosi e un po’ vanagloriosi borgatari - nei giorni di non impegno politico a Primavalle - presidiare a volte quei luoghi storici e fare argine allo strapotere dei fascisti delle zone limitrofe.

In questa logica - e sicuramente anche per farci belli agli occhi delle compagnucce frikkettone - facemmo anche qualche grossa stronzata che contribui’ ad innalzare un livello di scontro gia’ altissimo e che portera’, come conseguenza, addirittura ad un attentato al plastico dei fascisti alla sede del Pdup, attentato che creo’ problemi di stabilita’ all’ intero palazzo.

Giorgio Tassara, insieme ad altri, ci fece capire in modo cortese ma fermo che l’avevamo fatta un po’ “fuori dal vaso” e che non potevamo permetterci bravate in trasferta che poi sarebbero state pagate dai compagni e dagli abitanti della zona.

Inutile dire che aveva ragione da vendere e non potemmo che riconoscerlo anche se questo non impedi’, qualche mese dopo, l’ omicidio fascista di Walter Rossi a qualche centinaio di metri dalla stessa Via Pomponazzi.

La notte successiva alla morte di Walter le differenze tra “duri” e “moderati” scomparvero come d’incanto e in centinaia, gruppettari ed autonomi, compagni del Pci e del Psi, “malandrini” di Primavalle e di Valle Aurelia, distruggemmo a mani nude la sede fascista di Via Ottaviano e il vicino bar dove bivaccavano gli squadristi.

Ma ormai, eravamo a fine 1977, le cose erano cambiate di segno, il lottarmatismo si stava espandendo e questo nuovo clima creo’ in breve tempo la crisi di tutte le aggregazioni precedenti, fini’ l’ abitudine di vedersi a Pomponazzi , la sede divenne un centro medico collegato alla Cgil e anche il collettivo di Primavalle conobbe scontri, scissioni, passaggi personali ai gruppi armati e chi piu’ ne ha piu’ ne metta.

E Pomponazzi fini’ per diventare luogo simbolo anche di questa fase ; sara’li’ davanti, infatti, che tre brigatisti, tutti e tre provenienti dal vecchio collettivo di Primavalle, uccideranno anni dopo il giudice Minervini.

Altri tempi, altre storie, ma in questo giorno di lutto mi e’ sembrato giusto, da noto grafomane un po’ nostalgico, metterle nero su bianco.

Anche per ricordare un compagno, quasi coetaneo, che rimpiango di non aver potuto conoscere meglio.

Le piu’ sentite condoglianze a Daniela che conosco appena di vista e a Doriana con la quale ho spesso avuto occasione di scontrarmi in queste pagine.

Probabilmente abbiamo tutti sensibilita’ assai diverse tra di noi, ma non possiamo dimenticare di essere parte della stessa storia, bella o brutta che sia stata.

E purtroppo, sempre piu’ spesso, il destino bussa a ricordarcelo.

Andando avanti negli anni e’ sicuramente una cosa normale che questo avvenga ma, francamente, non riesco proprio ad abituarmici.

Dario.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> Via Pomponazzi ..... in memoria del compagno Giorgio Tassara
18 luglio 2005 - 10h00 - Di 900849c1e3cb34dcd7635fe49922dab2...

Subject: Re: Via Pomponazzi, Trionfale, Roma, anni settanta ....

> Caro Dario, grazie per averci fatto dono di queste tue memorie "in presa
> diretta" che costituiscono, credo, un modo schietto e caldo per salutare
> un
> altro compagno della generazione di quegli anni che purtroppo ci lascia.

> Anch’io non frequentai molto Via Pomponazzi, ma quando sulla Cassia (dove
> abitavo ed ancora abito) c’erano problemi con i topi neri (e ce n’erano in
> continuazione!), quella via, insieme a Piazza Verdi, Ponte Milvio e
> Grottarossa, rappresentava la sponda sicura dove cercare operante
> immediata
> solidarietà per tutta la zona nord della capitale.

> Via Pomponazzi era uno di quei numerosissimi "luoghi" di aggregazione
> territoriale che allora costellavano l’intera metropoli capitolina,
> rappresentando in modo fisico ed inequivocabile l’esistenza forte e ben
> radicata di "un’altra Roma" rispetto a quella, da un lato, dei Palazzi
> istituzionali e delle unità motocorazzate intorno ad essi schierate (da De
> Lorenzo a Miceli, fra i sessanta e i settanta, almeno una dozzina di volte
> i
> motori di quei blindati furono fatti minacciosamente "ronfare" per lunghe
> notti "di allerta pregolpistica"!!!), dall’altro, delle più arroganti e
> feroci squadracce fasciste di Almirante, Caradonna ed accoliti vari!

> Erano anni duri, ma dura sapeva anche essere la capacità di lotta, di
> radicamento e pure di vigilanza antifascista da parte di un "sociale" che
> il
> decennio rosso 68/77 vide protagonista di un entusiasmante ciclo di lotte
> sul crinale dello scontro diretto lavoro/capitale.

> E la graduale inevitabile uscita di scena della generazione che ne fu
> coinvolta lascia oggi un sapore vieppiù amaro perchè, a fronte di tale
> perdita, si stenta ancora ad individuare un virtuale passaggio del
> testimone: quegli attori sociali sono stati travolti - e non solo in
> Italia!!! - in una delle sconfitte di classe più pesanti e brutali che la
> storia ricordi (quella degli ottanta!) ed ha pagato un prezzo altissimo in
> vite spezzate e/o vendute, ma molti uomini e donne formatisi in quegli
> anni
> hanno saputo trovare la forza di andare avanti lungo il crinale di una
> scelta che non fu solo politica, ma anche di vita.

Essi ancora oggi
> perseverano nel ruolo a suo tempo prescelto di "agenti di contaminazione"
> dentro il groviglio di contraddizioni materiali che Monsieur le Capital è
> andato via via esasperando, in un delirio necrogeno di onnipotenza, al
> contempo rendendo sempre più vacillante il proprio stesso dominio.

> Ma il filo spezzato della memoria non si è ancora riusciti a rinsaldarlo,
> nè
> ancora si è riusciti a metter mano alla ricostruzione di un immaginario
> collettivo che sappia nuovamente conferire senso strategico al pur
> quotidiano irrompere di sempre nuovi fronti di conflitto di classe. La
> domanda che incombe ormai in modo sempre più angosciante è "chi sarà in
> grado di afferrare il testimone" dalle mani di quella generazione, ormai
> inevitabilmente in via di estinguersi, che seppe fra tremare i potenti
> della
> terra, al di là dei pur tanti, tragici errori e dilemmi mai davvero
> risolti,
> sotto il cui peso l’intera esperienza del comunismo novecentesco è
> tragicamente e vergognosamente crollata ?!?

> Per ciascuno di noi che se ne va, più pesante diventa il fardello per chi
> resta ...

> Un abbraccione davvero fraterno, stante la comune memoria di quegli anni a
> Roma ;-)

> Marco Melotti



Via Pomponazzi ..... in memoria del compagno Giorgio Tassara
19 ottobre 2016 - 10h07 - Di Luca - 44e2bf22191a869034a4375a8c4f7f4c...

Comunque almeno 2 dei 3 del commando che uccisero Minervini provenivano da Torre Spaccata e da Viva il Comunismo, non dai Collettivi di Primavalle






Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Devenir adulte, c'est apprendre à vivre dans le doute et à développer, au travers des expériences, sa propre philosophie, sa propre morale. Éviter le "prêt à penser". Hubert Reeves
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito