Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
OSSERVAZIONI SUL BIOPOLITICO, INTERNAZIONALE ED ITALIANO

di : Stefano Ulliana
lunedì 22 agosto 2005 - 17h28

BIBBIA E MOSCHETTO ... ITALIANO PERFETTO!

di Stefano Ulliana

Nel dialogo intitolato De la Causa, Principio e Uno Giordano Bruno, trattando dell’essere, utilizza una serie di termini che paiono essere disposti quasi alla rinfusa: l’essere è “uno, infinito, immobile, soggetto, materia, vita, anima, vero e buono.” In realtà questa disposizione è tanto apparentemente priva di ragione, quanto internamente articolata secondo un ideale rivoluzionario: un ideale capace di opporsi e di rovesciare quella tradizione neoplatonico-aristotelica che è ancora oggi egemone nella civiltà occidentale.

Ad una prima triade di elementi - uno, infinito, immobile (a rappresentare l’apertura superiore della ragione) - il filosofo di Nola fa infatti seguire una seconda triade - soggetto, materia e vita (dove da forma alla relazione naturale) - ed una triade finale - anima, vero e buono (con la quale intende dare rappresentazione finale di un ideale e di una realtà rivoluzionaria). Se l’orizzonte infinito dell’Uno consentiva a che la relazione naturale si giocasse continuamente attorno ai due poli dell’inapparente e profondo e dell’apparente e visibile, allora anche l’aspetto per il quale tale relazione doveva essere razionale - non distaccata da quella apertura di libertà - è quello stesso per il quale i soggetti naturali medesimi non potevano non essere governati da un senso interno creativo e dialettico: come Soli e Terre controbilanciavano i propri effetti di calore, luce e vita tramite il raffreddamento, così i cittadini di una Repubblica ideale - una nuova Repubblica - avrebbero potuto seguire un motore creativo e dialettico, conservando alta ma reale una prassi che non scindesse libertà da eguaglianza.

Naturalmente e razionalmente tutto ciò poteva realizzarsi nel momento in cui la speculazione di Giordano Bruno fosse riuscita ad affermare e giustificare la presenza e l’azione di un unico soggetto, profondo ed alto, interno ai soggetti/cittadini medesimi: ebbene la filosofia del gigante nolano riuscì nell’intento, riconoscendo la presenza ed il valore di un desiderio e di un’immaginazione motori del movimento materiale. Uno spirito interno alla materia, che era capace di rovesciarla nelle sue ragioni determinanti. Per questo il filosofo di Nola dovette combattere - magnifico fu, in questa lotta senza quartiere, il testo successivo al De la Causa: il De l’Infinito, Universo e mondi - contro l’impostazione aristotelica, che voleva ed imponeva la contrapposizione fra i soggetti in relazione dialettica, e la sua connessione con il principio antropologico platonico-cristiano della separazione, che faceva valere quella contrapposizione per garantire l’ordine attuale dell’esistenza, la distinzione fra una potenza infinita astratta (quella divina) e la presenza di un unico mondo chiuso ed ordinato. Giordano Bruno pagò con la vita la propria affermazione dell’infinito del desiderio e dell’amore: e la modernità (scientifica, filosofica e politica) comprese ed accettò le ragioni di quel rogo, allontanando se stessa dal pericoloso crinale della sovversione e della ribellione, dalla rivoluzione (del concetto di ragione e di quello della natura).

Ora le sorti del mondo occidentale, per la prima volta mondo unico e totale nell’economia del capitale transnazionale, sembrano ricadere e retrocedere verso quella propria lontana origine: tolte tutte le virtù liberatrici e progressive rappresentate e concretamente agite nella storia dalla successione delle rivoluzioni moderne (inglese, statunitense, francese, sovietica), la civiltà occidentale riscopre come virtù la fede cieca nella concezione di un Uno necessario e d’ordine, un monolite univoco e determinante, capace di fondere insieme il religioso ed il politico, nella generazione di un nuovo fondamento del potere, nel dominio e nel controllo della vita su scala planetaria (biopolitico). Di fronte a questo modello universale si vengono così organizzando i vari esempi su scala nazionale (p. es. statunitense ed italiano).

Ciò che avrebbe potuto valere all’inizio di una modernità diversa come apertura della relazione naturale bruniana ora viene imposto come artificiale soggezione alle necessità del mercato; ciò che avrebbe potuto essere liberato come rapporto razionale fra verità e bontà (il desiderio amoroso di libertà ed eguaglianza) viene ora cooptato all’interno della necessità autofondantesi del falso infinito del profitto capitale. Persa la propria propulsione progressiva, la borghesia internazione e nazionale si ritira dalla produzione materiale concreta per risalire all’accumulazione astratta della speculazione finanziaria e borsistica. Intimorita dal pericolo di una materialità eccedente, dalla perdita del controllo del movimento della stessa (egemonia), essa rende feudalmente astratta la concezione e la pratica della produzione stessa. Procedendo per acquisizioni ed integrazioni successive, costituisce il proprio nuovo Impero geo-economico e politico attraverso l’estensione illimitata della dialettica amico-nemico.

Ragione naturale diventa in tal modo quella assoluta totalizzazione organica che passa sotto il nome di produzione immateriale: qui la società economico-politica mondiale ed i suoi membri nazionali infiggono il proprio fondamento nella creatività apparente offerta dal presupposto della artificializzazione totale ed assoluta del naturale (ipotesi cibernetica). Implicazione necessaria di questo effetto e risultato diviene pertanto l’imposizione di un orizzonte di rete universale, secondo il principio di un nuovo totalitarismo della comunicazione.

Allora, tanto l’offerta di quella apparente creatività si moltiplica per effetto della circolazione della produzione fantastica e del consumo, altrettanto la moltiplicazione materiale dei soggetti del desiderio e del bisogno entrano nella sfera stabilita dalle ragioni determinanti della trasformazione continua e della rivoluzione della materia nella forma e della forma nella materia. Corpi (trapianto da vivi) ed istituzioni politiche ed economiche (riforme e ristrutturazioni) vengono pertanto apparentemente rigenerati in continuazione, senza potersi distaccare dalla vita e dall’anima dell’utilità e profitto capitale, secondo l’ordine della sopravvivenza illimitata. Entrata pertanto nell’era della piena e totale strumentalità di tutto per tutto e secondo ogni finalità e scopo, la modernità occidentale - nata con l’inizio della globalizzazione, al tempo delle scoperte geografiche - scopre la morte solamente come esteriorità, condizione possibile dei popoli e delle culture aliene. Propone, allora, la vita come servaggio necessario a se stessa. Impone la libertà come possibilità interna, capace di rovesciare - appunto dall’interno - apparati di discriminazione a lei affini o diversi.

Guerra e rivoluzione continua - ancora a partire dal momento iniziale della sua nascita - costituiscono, pertanto, la natura astrattamente eterna della globalizzazione occidentale, nel movimento di predazione generalizzato ed universale. In questo ambito non è nemmeno strettamente necessario che una nazione emerga sulle altre, quale concretizzazione dello spirito del tempo, per governare, indirizzare ed egemonizzare lo sviluppo ed il procedere della realtà storica. Anzi, al contrario: proprio la presenza di un mondo c.d. multipolare potrà garantire che il divenire della storia possa finalmente essere negato ed annichilito, risultando ulteriormente impossibile (fine della storia). Solamente nel momento in cui guerra e rivoluzione continua potranno toccare e coinvolgere i confini planetari, la globalizzazione potrà dirsi effettiva e realizzata.

In questa corsa fatale verso la fine, infinito astratto - il principio che fa sussistere la fede in una potenza assoluta di volontà ed intendimento - ed infinito della sensibilità - la motivazione e la giustificazione che stabiliscono la circolazione dell’intero essere tramite la strumentalizzazione - si dispongono in ordine ed in successione come religione e realtà economico-politica del nostro tempo. Qui l’uno principio non è senza l’altra ragione: e questa stessa ragione richiama e vuole quel principio per non scomparire nello stesso movimento da essa stessa decretato. Così un cristianesimo adeguato allo scopo ed un capitalismo necessariamente sorretto offrono, insieme, il panorama e l’orizzonte di uno squarcio di mondo, di una relazione totalmente immanente, dove la stessa figura teologica del Padre (libertà) viene ridotta ad essere rappresentata dall’elemento terreno istituzionalmente egemone (il Papa romano), mentre la ragione della produzione e riproduzione sociale pare assestarsi nella negazione e nel capovolgimento del diritto razionale e naturale alla libertà ed all’eguaglianza, nella più piena e completa fascistizzazione corporativa dei rapporti, nel mantenimento coatto - con il vigore e la forza della legge - della stratificazione e separazione sociale (separazione delle classi).

Stretto fra persona e forza del diritto anche l’appendice ed il membro italico della globalizzazione universale partecipa al generale movimento di alienazione e violenza: avvinto alle spedizioni di ‘liberazione’ religioso-economiche e politiche, come soggetto tradizionalmente portatore di una forma di potere - si ricordi la tradizione clerico-autoritaria della civiltà occidentale dominante durante il medioevo - inquisitoriale e normalizzante, esso pare addirittura avere tutti i requisiti - come del resto, negli anni venti e trenta del secolo scorso - per essere l’apripista, o il più fedele esecutore, della nuova religione capitalistica del potere, della nuova congiunzione fra potere sacrale e potere laico.

A questo fine la stessa società politica e partitica italiana apre ad una nuova fase sperimentale, destinata a completare il passaggio al nuovo mondo, attraverso l’eliminazione (per sistema di voto o per repressione giuridica) degli estremi e la costituzione di un centro politico esorbitante, unico soggetto atto a legittimarsi nella rappresentanza degli interessi (essi stessi unicamente legittimi) dei proprietari (per capitali, azioni, immobili o servizi). Nella privatizzazione e mercificazione totale delle operazioni sociali, questa rappresentanza politica è destinata a rappresentare e a raccogliere entro le proprie fila tutti quegli ideali programmatici che nella tradizione occidentale hanno fatto valere il principio assoluto della produzione. Da un lato liberisti, dall’altro marxisti convertiti, tutto l’ampio spettro dei rappresentanti degli interessi materiali del sistema capitalistico italiano si appropria della scena istituzionale nazionale. Lo Stato stesso si forgerà secondo questo nuovo concetto di nazionalità dei produttori, facendo riemergere quanto di assoluto e dispotico - nel senso della disposizione che non ammette resistenze ed opposizioni - sta necessariamente e per natura nel concetto e nella prassi sociale della produzione e della sua positività: primato senza pari dell’esecutivo, subordinazione del legislativo, svuotamento legalistico ed asservimento del giuridico.

Nella prospettiva di un’integrazione dei mercati internazionali la strumentalità italica stessa non potrà non essere legittimata e finalizzata se non secondo la funzione del controllo demandato, sia militare che economico o culturale. Qui entreranno in campo, necessariamente - così come già stanno entrando in campo - i rapporti con le religioni diverse da quella cattolica. Qui, allora, i rapporti di soggezione imposti potranno rovesciarsi in relazioni di primato e di determinazione, sia all’interno del proprio campo d’appartenenza (il campo occidentale, nel rapporto con i protestanti, soprattutto statunitensi), sia nei rapporti con le altre forme di fede e di religiosità (ebrei, mussulmani, politeismi orientali).

In un’Italia che vede Papi idolatrati e sottomarini vagolanti lungo le pianure del Po, viene sotto traccia già continuamente e costantemente ripetuto per il tramite di mezzi di comunicazione di massa totalmente asserviti - come negli anni trenta del secolo scorso - il ‘sano principio’ di ogni pedagogia e propaganda autoritaria:

Bibbia e moschetto ... italiano perfetto!



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Vous voulez les misérables secourus, je veux la misère supprimée. V. Hugo
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito