Archivi : FR | EN | ES

Articoli dal 2022

L’incubo di Darwin - Il documentario che ha vinto il premio César

sabato 11 marzo 2006

- Contatta l'autore

La Tanzania protagonista dello sconvolgente documentario sui veri rapporti tra Nord e Sud del mondo. Nominato agli Oscar, ט stato presentato per la prima volta in Italia dalle Giornate degli autori del Festival di Venezia

L’Africa globalizzata da Darwin

di Roberta Ronconi

La storia del documentario L’incubo di Darwin inizia all’aeroporto di Mwanza, Tanzania. Il centro di controllo consiste di una stanza con i vetri in plastica e un addetto al radar che passa piש tempo ad ammazzare le mosche che a parlare per radio con i piloti. Del resto, non ha molti mezzi a disposizione. Accanto alla scrivania, una specie di lampada da campeggio che punta lui a mano sulla pista: luce verde quando si puע atterrare e luce rossa quando non si puע

. Sempre che nel frattempo non sia occupato con una mosca o una zanzara.

Eppure questo aeroporto ט il cuore di un traffico tutt’altro che secondario. Vi fanno scalo giornalmente un numero consistente di Ilyushin, Dc-8 e Boeing 737, modelli vecchi ma adatti allo scopo. Devono caricare tonnellate di pesce persico giא pulito e filettato e portarle negli scali europei.

Questo persico perע non ט un pesce come un altro. Pescato nel lago Vittoria (vi ricordate la georgrafia studiata a scuola? Si tratta del terzo lago piש grande e ricco del mondo. Una volta) ט apparso in quelle acque solo alla fine degli anni Sessanta, prima non c’era. Sembra ce lo abbia portato un non identificato signore impiegato di un non identificato laboratorio. Fatto sta che, nel giro di qualche anno flora e fauna locali erano completamente sparite, a favore esclusivo di questo strano persico gigante dall’appetito famelico. Essendo il piש forte (potenza del laboratorio e della legge di Darwin) ט riuscito a distruggere tutti gli altri esseri viventi, mangiandoli o facendoli a pezzi. Oggi il lago Vittoria ט un deserto d’acqua, altamente inquinato (l’unica cosa che i persici non mangiano ט la plastica e i rifiuti della pesca) e abitato da questa sorta di mostri marini che nel frattempo hanno raggiunto dimensioni davvero inusuali. E fin qui, stiamo parlando di danni ambientali.

Si dא il caso perע che prima dell’arrivo del signore con il suo persico di laboratorio, i pesci del lago Vittoria fossero una delle poche ma rigogliose risorse di sostentamento della zona. Ora invece le popolazioni locali non hanno piש nulla da mangiare. Perchי i filetti di persico sono prodotti ad esclusivo uso dei mercati occidentali. Agli abitanti della Tanzania (il lago Vittoria rappresenta il 25 per cento delle risorse interne) vengono generosamente lasciate le lische dei pesci. Tante lische, montagne di lische che restano accatastate al sole a riempirsi di vermi e di fango fino a che qualche camioncino arrugginito non viene a prenderle per portarle nei mercati interni. Dove restano per altri giorni e altri vermi ad aspettare che i morti di fame indigeni trovino qualche shilling per comprarseli. Ma non c’ט da preoccuparsi per l’igiene alimentare. Prima della vendita, le lische vengono risciacquate nell’ammoniaca, cosל i vermi muoiono. Chi arriva a mangiare quei resti avrא l’impressione di calmare i morsi della fame, con qualche strana ripercussione sullo stomaco, a cui l’ammoniaca non fa benissimo. I venditori al mercato si sentono perע molto fortunati, perchי possono scegliere per sי e la famigllia le lische migliori, anche se ogni tanto perdono un occhio per via delle esalazioni infernali dei “disinfettanti”. Bisogna dire che, oltre alle lische, gli abitanti del centro Tanzania usufruiscono anche di molti aiuti umanitari. L’occidente non li lascia certo a mani vuote... In cambio dei filetti di persico, l’Europa, la Russia e l’America riforniscono la regione di ciע di cui - secondo i loro raffinati studi - ha piש bisogno: tante, tante armi. Che non si mangiano, ma ammazzano il nemico.

Non che i paesi africani abbiano fatto esplicita richiesta di armamenti, ma visto che l’Occidente li produce a qualcuno dovranno pur venderli. Angola, Congo, Rwanda, Burundi, regioni che con tutte quelle armi in circolazione non hanno trovato di meglio che farsi la guerra. Del resto, i militari sono gli unici che riescono a mettere qualcosa sotto i denti e allora da quelle parti il sogno di ogni padre ט far arruolare i propri figli nei rispettivi eserciti.

Ma chi le porta queste armi? Se ci pensate un attimo, la risposta non ט difficile. Vi ricordate di quegli Ilyushin e Dc-8 e Boeing 737 che arrivano a Mwanza per caricare il pesce? Bene, visto che a guidarli sono principalmente equipaggi di russi che non hanno tempo da perdere e amano ottimizzare, invece di arrivare con i cargo vuoti all’andata, li riempiono con le casse del miglior offerente: i produttori di armi. Arrivano a Mwanza, scaricano le armi e caricano il pesce persico. Come racconta un pilota russo che nell’ultimo viaggio ha portato fucili in Angola ed ט tornato in Europa con l’uva di Johannesburg. Era natale, e cosל: «i bambini europei il 25 dicembre mangiano frutta, i bambini angolani si sparano in testa». Nelle poche ore di riposo tra uno scarico e un carico i piloti se ne vanno con le prostitute locali. Donne di ogni etא che non hanno esattamente scelto di fare quella professione. Semplicemente non hanno altra risorsa per campare loro, le loro famiglie e i loro figli. I piloti (russi, ma non solo) le fanno mangiare, bere, fumare e poi le scopano. Quando va bene. Quando va meno bene, le ammazzano. Come ט successo a Eliza, colpevole di aver detto qualche “no” di troppo.

I bambini, invece, se un giorno non riescono ad impossessarsi di una lisca trovano un altro modo per far “passare la nottata”. Basta rubare qualche contenitore di plastica, di quelli con cui in fabbrica imballano il pesce da esportare. Lo mettono sul fornello, lo fanno squagliare e poi se lo mangiano bello filante. Ottenendo cosל un doppio risultato: riempiono la pancia, anche se di plastica, e si avvelenano. Non tanto da morire, no, non subito almeno. Ma abbastanza per cadere in una sorta di catalessi, una narcosi che li fa dormire tanto pesantemente da non sentire la fame e da essere sodomizzati da uomini di passaggio senza nemmeno risvegliarsi.

Vi sembra un film dell’orrore? Vi sembrano una serie assurda di esagerazioni? E’ un modo come un altro per evitare la vergogna e il senso di colpa. Padroni di pensarlo, dunque. Ma sappiate che invece ט tutto vero, tutto documentato. Da oggi in sala L’incubo di Darwin.

http://www.liberazione.it


http://www.edoneo.org/