Archivi : FR | EN | ES

Articoli dal 2022

L’informazione: la vera arma di distruzione di massa...

lunedì 24 maggio 2004

- Contatta l'autore

Di Viviana Vivarelli

L’informazione: la vera arma di distruzione di massa. O la nuova arma di distruzione del potere?

Michael Moore si sta affermando come il miglior regista americano.

L’anno scorso si guadagno’ l’Oscar col documentario ’Bowling for Columbine’, che dimostrava con una impietosa e anche sarcastica analisi sociologica, come gli americani fossero condizionati alle armi.

Il film fu un campione di incassi, 120 contro i 2 che era costato. Al momento della premiazione, Moore grido’: ’’Vergogna, Bush. Sei andato in Iraq solo per il petrolio!’’, e l’intero mondo holliwoodiano presente in sala balzo’ in piedi in un applauso interminabile.

Ma, si sa, gli attori fanno parte di quella intellighenzia che anche in America non ha mai appartenuto all’estrema destra, e che non e’ della pasta dei nostri Alberoni, Veneziani, Zefirelli o Fallaci.

Ora Moore vince la Palma d’oro di Cannes (ed e’ la prima volta che la Palma d’oro va a un documentario) per "Fahrenheit 9/11", data (9/11 e’ 11/9 scritto all’americana), dell’attacco alle torri, pesante atto d’accusa al presidente Bush.

Fahrenheit 9/11 (15 minuti di applausi) e’ una vera «bomba» anti-Bush, perfetta durante le elezioni presidenziali. Nel documentario si spiega come mai, da 30 anni a questa parte, la famiglia Bush abbia stretti rapporti finanziari con la famiglia bin Laden e quale enorme truffa al mondo, e sono in molti a pensarlo, ci sia sotto l’attacco alle torri e alle guerre preventive.

Il documentario era attesissimo. In modo provocatorio Moore ha scelto, per produrlo, proprio la Walt Disney, notoria casa fascista (Disney era un informatore delle FBI e fu sempre uomo di punta dell’estrema destra americana, per cui ancora la sua societa’ gode di enormi sgravi fiscali per i suoi megaparchi da parte di conservatori, come il fratello di Bush), cosi’ la Walt Disney si trova a dover bloccare la circolazione proprio di un film premiato a Cannes e che promette un grande successo di pubblico. Poiche’ cio’ che e’ vietato risulta piu’ attraente, i tentativi di censura della Disney si rivelano un boomerang, aumentando ancor piu’ la corsa del pubblico, ma questo tentativo di placcaggio la dice lunga sulla famosa liberta’ americana. In effetti gli ambienti neoconservatori non vogliono affatto che qualcuno dipinga male la famiglia Bush, impegnata in affari piu’ o meno leciti con ricche dinastie saudite.

Ricordiamo che ’il primo’ provvedimento che Bush prese il giorno dell’attacco fu di mettere in salvo con jet privati 200 membri della ricchissima famiglia bin Laden.
Il titolo ’’Fahrenheit 9/11’’ riprende quello del film Fahrenheit 451 (451 e’ la temperatura a cui brucia la carta) in cui Truffaut, nel 1956, descriveva una societa’ dispotica del futuro dove i libri erano destinati al rogo, ma il film e’ tratto dal piu’ bel libro di fantascienza di Ray Bradbury. Bradbury tratteggia una societa’ del futuro (la nostra?) disumanizzata, iper tecnologica e totalitaria, in cui la felicità è condensata nel cibo sintetico, nell’etere televisivo e in un sé svuotato dai sentimenti (l’anomia del Se’, come si dice in psicoanalisi, ovvero la moderna alienazione).

Bradbury esalta l’originalita’ di ogni uomo, il suo diritto a essere unicamente se stesso, mentre la strategia del ’politicamente corretto’ dei grandi poteri intende omologare le menti umane in una pappa collettiva per il profitto del mercato. Scriveva Brecht, riparato in America: "Qui tutto e’ venditore o consumatore, si vende, per cosi’ dire, il piscio al pisciatoio". Ma anche dall’America la destra maccartista lo costrinse a fuggire, quella stessa destra che ora e’ tornata, dai cappucci del Ku Klux Clan ai funesti cappucci dei torturati di Abu Ghraib. Contro questo tentativo si erge la resistenza universale delle coscienze.

Truffaut riprese solo alcuni momenti del libro, i roghi dei libri, la morte della cultura, voluta da un regime disumano per impoverire anima e spirito e migliorare l’efficienza del potere.Truffaut fece un film per amore della cultura, Bradbury denuncio’ i pericoli del totalitarismo, Moore attacca la censura alla verita’.
L’impatto del documentario e’ troppo forte. Come si sa, i poteri di destra non amano molto la liberta’ e la conoscenza, ma gli americani aspettano con impazienza la proiezione e non si puo’ deludere un’attesa popolare quando diventa molto forte. Si puo’ fare cambiamento politico in molti modi, e non necessariamente tramite i partiti, quando essi siano ridotti a contenitori vuoti o a stampelle del potere.

Per quanto le denunce fatte all’operato di Bush siano ormai note al resto del mondo, e per quanto fin da subito l’attacco alle torri abbia mostrato che troppe cose non erano affatto chiare, ci sono sicuramente molti americani poco informati che resteranno scandalizzati dalla pellicola, perche’ essa spiega quanto sono stati presi in giro (ma il film fara’ bene anche a molti italiani, imbambolati da pessime controfigure che continuano come dischi rotti a ripetere tesi impresentabili autoapplaudendosi!).

Uno dei maggiori problemi del nostro mondo e’ l’informazione. Nelle civilta’ antiche l’informazione non esisteva affatto. Il sovrano era l’unica fonte di informazione ed era indiscutibile, per questo si arrogava un potere sacro; oggi il potere tenta di diventare l’unico megafono ma l’operazione e’ tutt’altro che praticabile ed e’ difficile credere alla sua sacralizzazione, per quanto si atteggi a nuovo Messia (Bush) o a Unto del Signore o a diffusore di benessere e civilta’superiore. Il sacro e’ morto, e’ nata una nuova etica umana, e la diffusione dei media ha trasformato l’informazione in un diritto; questa e’ la novita’.

I media stessi con la loro propagazione costante di notizie hanno creato nel cittadino il nuovo diritto primario e inviolabile ad avere una informazione corretta, un diritto sancito nelle coscienze. E’ il paradosso del potere, che, usando i media in modo strumentale, ha abituato i cittadini a rivolgersi ai media e a considerarli necessari come il pane, ma se io riconosco il pane come un mio diritto, esigero’ che non sia avvelenato, per questo i cittadini pretendono sempre piu’ obiettivita’ e correttezza e chi le nega con la censura o la manipolazione sara’ penalizzato. Oggi l’inganno non paga, le menzogne sono scoperte e non diventano piu’ vere con la ripetizione coatta o l’applauso parlamentare o mediatico a comando. La ripetizione anzi aumenta il disgusto e il rigetto.

Chi usa la spada, perira’ di spada; chi usa l’informazione perira’ di informazione. Come si puo’ avere conoscenza, e dunque scelta, se i mezzi di informazione sono nelle mani di chi non vuol far passare informazione? Occorre spiegarlo a quanti nella sinistra, D’Alema in primis, hanno ceduto cosi’ spensieratamente il controllo dell’informazione italiana, innanzitutto la televisione, e che ora non sanno dare risposta alcuna a quanti chiedono spiegazioni.

Moore non ci da’ un film pro-democratici (nemmeno in America le opposizioni se la passano molto bene, ne’ per chiarezza ne per leader) ma fa del film un appello "perche’ finisca il massacro in Iraq e donne e uomini possano tornare a casa». Dice: "il nemico numero uno dei soldati americani è proprio Bush perché li manda a morire mentre lui pensa solo a riempirsi le tasche».
Il film ricostruisce la storia degli interessi economici della famiglia Bush e gli stretti rapporti con l’altra famiglia miliardaria, quella di Bin Laden. Il rapporto emerse subito ma la stampa lo liquido’ in fretta, dicendo che "il bin Laden implicato era la pecora nera di una famiglia peraltro per bene". Allo stesso modo sono stati liquidati frettolosamente i rapporti del signor B col capitale islamico o col capitale massonico o mafioso o col capitale comunque nero e di origine illegale.

Il film denuncia l’ipocrisia di una guerra che ha convinto i cittadini americani a rinunciare a parte delle loro liberta’ (Patriot Act) col pretesto della minaccia terrorista, e puo’ considerarsi a buon diritto il proseguimento logico di Bowling for Coulombine. Una volta addestrato il popolo americano alla paura, diventava facile portarlo a qualsiasi orrore ed esso avrebbe risposto al condizionamento, docile come il cane di Pavlov. L’uso dei media nella strategia di manipolazione mentale su larga scala diventa, oggi, la vera arma di distruzione di massa.

Qualcuno osa ancora dire che in Italia non si sta tentando di imporre un regime sull’informazione? Forse quel tale che denuncio’ Forattini per un miliardo per una vignetta satirica? O quello stesso che vendette, non si sa in cambio di cosa, il monopolio televisivo a un miliardario? Ma l’informazione e’ la nuova arma di sterminio di massa, e sara’ proprio l’informazione a generare la liberta’.

Da Ray Bradbury:

"Più sport per ognuno, spirito di gruppo, divertimento, svago, distrazioni, e tu così non pensi, no? Organizzare, riorganizzare, superoganizzare super-super-sport! Più vignette umoristiche, più fumetti nei libri! Più illustrazioni ovunque! La gente assimila sempre meno. Tutti sono sempre più impazienti, più agitati ed irrequieti. Le autostrade e le strade di ogni genere sono affollate di gente che va un po’ da per tutto, ovunque, ed è come se andasse in nessun posto. I profughi della benzina, gli erranti del motore a scoppio. Le città si trasformano in auto-alberghi ambulanti, la gente sempre più dedita al nomadismo va di località in località, seguendo il corso delle maree lunari ...

Consideriamo ora le minoranze in seno alla nostra civiltà. Più numerosa la popolazione, maggiori le minoranze. Non pestare i piedi ai cinofili, ai maniaci dei gatti, ai medici, agli avvocati, ai mercanti, ai pezzi grossi, ai mormoni, battisti, unitarii, cinesi della seconda generazione, oriundi svedesi, italiani, tedeschi, nativi del Texas, brooklyniani, irlandesi, oriundi dell’Oregon o del Messico. I personaggi di questo libro, di questa commedia, di questo programma TV non rappresentano il benché minimo riferimento od allusione a reali pittori, cartografi, meccanici di qualsiasi città o paese. Più vasto il mercato, Montag, meno le controversie che ti conviene comporre, ricordatelo! Tutte le minoranze, fino alle infime, vanno tenute bene, col loro bagnetto ogni mattina. ...

Tutto questo è avvenuto! Le riviste periodiche divennero un gradevole miscuglio di tapioca alla vaniglia. I libri, così i loro critici, quei maledetti snob, avevano proclamato, erano acqua sporca da sguatteri. Nessuna meraviglia che i libri non si vendessero più, dicevano i critici, ma il pubblico, che sapeva ciò che voleva, con una felice diversione, lasciò sopravvivere libri e periodici a fumetti. Oltre alle riviste erotiche a tre dimensioni ovviamente. Ecco, ci siamo, capisci? Non è stato il governo a decidere, no! Ma la tecnologia, lo sfruttamento delle masse e la pressione delle minoranze hanno raggiunto il loro scopo, grazie a Dio! Oggi, grazie a loro, tu puoi vivere sereno e contento per ventiquattr’ore al giorno ...

Si teme sempre ciò che non ci è familiare. Chi di noi non ha avuto in classe, da ragazzini, il solito primo della classe, il ragazzo dalla intelligenza superiore, che sapeva sempre rispondere alle domande più astruse mentre gli altri restavano seduti come tanti idioti di legno, odiandolo con tutta l’anima? Non era sempre questo ragazzino superiore che sceglievi per le scazzottature ed i tormenti del doposcuola? Per forza! Noi dobbiamo essere tutti uguali. Non è che si nasca libero ed uguale, come dice la Costituzione, ognuno viene fatto uguale. Ogni essere umano a immagine e somiglianza di ogni altro; dopo di che tutti sono felici ... Gli esseri umani vogliono la felicità, non è vero? Non è quello che sentiamo dire da quando siamo al mondo? Voglio un po’ di felicità, dice la gente.

Ebbene, non l’hanno forse? Non li teniamo in continuo divertimento, non diamo loro ininterrottamente svago? Non è per questo che in fondo viviamo? Per il piacere e per i più svariati titillamenti? E tu non potrai negare che la nostra forma di civiltà non ne abbia in abbondanza, di titillamenti ... Se non vuoi un uomo infelice per motivi politici, non presentargli mai due aspetti dello stesso problema, o lo tormenterai; dagliene uno solo; meglio ancora, non proporgliene nessuno. Fa’ che dimentichi che esiste una cosa come la guerra. Se il governo è inefficiente, appesantito dalla burocrazia ed in preda a delirio fiscale, meglio tutto questo che non il fatto che il popolo abbia da lamentarsi. Offri al popolo gare che si possano vincere ricordando le parole di canzoni molto popolari, o il nome delle capitali dei vari Stati dell’Unione o la quantità di grano che lo Iowa ha prodotto l’anno passato. Riempi loro il cranio di dati non combustibili, imbottiscili di fatti al punto che non si potranno neanche più muovere tanto sono pieni, ma sicuri di essere veramente ben informati. Dopo di che avranno la certezza di pensare, la sensazione del movimento, quando in realtà sono fermi come un macigno.

E saranno felici perché fatti di questo genere sono sempre gli stessi. Non dar loro niente di scivoloso e ambiguo come la filosofia o la sociologia affinché possano pescare con questi ami fatti ch’è meglio restino dove si trovano. Con ami simili pescheranno la malinconia e la tristezza."