clicca qui per Bellaciao v.3.0 ;)

Archives Bellaciao IT - 2002 -2018 Archives : FR | EN | ES

BEIRUT: MANIFESTAZIONE PER LA CELEBRAZIONE DELLA VITTORIA SU ISRAELE

sabato 23 settembre 2006

A Lebanese girl waves a Hizbollah flag in front a poster of Hizbollah leader Sayyed Hassan Nasrallah during a rally in a Beirut suburb September 22, 2006. (Mohamed Azakir/Reuters)

Hezbollah festeggia a Beirut con Nasrallah: non ci disarmerete

Una prova di forza. Organizzativa e politica. Forse mezzo milione di persone si sono radunate a Beirut «per festeggiare la vittoria divina» su Israele. La vittoria dei "gialli" di Hezbollah. E Sayyed Hassan Nasrallah ha scelto questa occasione per tornare fra i suoi militanti, nella prima apparizione pubblica dallo scorso 12 luglio, quando annunciò la cattura di due soldati israeliani da parte dei suoi guerriglieri.

Nel suo comizio il leader di Hebollah ha miscelato toni di sfida e di apertura politica. «Rinnovo il mio benvenuto alle forze dell’Unifil a sostegno dell’esercito libanese», ha detto, aggiungendo tuttavia un minaccioso alto là al contingente internazionale: «Nessun esercito al mondo potrà disarmare Hezbollah», quindi, «non spiino la resistenza o tentino di disarmarla o interferiscano negli affari libanesi». Parole con le quali Nasrallah rivendica anche un ruolo di tutela della sicurezza nazionale. Nessuno, ha affermato, potrà chiedere ad Hezbollah di deporre le armi finché il Libano non sarà «uno stato forte e giusto»

Monito anche al premier Fuad Siniora. «Il Libano è in una crisi politica», ha detto Nasrallah indicando come soluzione «la formazione di un governo di unità nazionale». Secondo il leader di Hezbollah, «la resistenza oggi ha più di 20 mila razzi ed è più forte di quanto lo fosse prima del 12 luglio».

Pubblicato il: 22.09.06
www.unita.it

GALLERIA FOTOGRAFICA E ARTICOLI CORRELATI AL LINK:

http://www.edoneo.org/beirut.html

A Lebanese girl waves a Hizbollah flag in front a poster of Hizbollah leader Sayyed Hassan Nasrallah during a rally in a Beirut suburb September 22, 2006. (Mohamed Azakir/Reuters)


http://www.edoneo.org/