clicca qui per Bellaciao v.3.0 ;)

Archives Bellaciao IT - 2002 -2018 Archives : FR | EN | ES

Bellaciao al "Villaggio del mondo" festa dell’Humanité 2008 (Reportage foto + video)

mercoledì 17 settembre 2008

de Bellaciao

Dei momenti musicali indimenticabili, venerdì Femi Kuti, Tiken Jah Fakoly, l’omaggio a François Béranger, sabato Bashung, Arno, le Babyshambles, Kery James, Roger Hogson e domenica l’Orchestra Nazionale di France, Cali…

Durante tre giorni (12, 13 e 14 settembre, vicino a Parigi), 500.000 persone hanno invaso i viali del più grande rendez-vous politico, sociale e culturale francese dell’anno.

Non esiste una festa più calorosa che quella dell’Humanité. Un universo a parte dove tutto è festivo e dove ci si può perdere tra due concerti, nello stand del Cile o di quello dell’Argentina e in altri...

La Festa dell’Humanité é una festa organizata tutti gli anni dal giornale "L’Humanité" durante il secondo week-end di settembre.

La prima Festa dell’Humanité si é svolta nel settembre 1930 al Parco Sacco e Vanzetti, nella citta di Bezons. L’obbiettivo di questa festa é di promuoivere la diffusione di questo quotidiano e di raccogliere dei fondi per finanziarlo.

Interrotto durante gli anni dell’occupazione nazzista, la tradizionale festa riprende alla Liberatione. Fino al 1956, si svolge nel bosco di Vincennes, dopo nel 1957 et 1958, si é spostata a Montreuil, nel parco Montreau.

Nel 1959, sono le terazze di Meudon che accoglie questa festa. Dal 1960 al 1971, delle centinaia di milliaia di persone prendono la strada del Parco dello Sport delLa Courneuve, con un intervallo dal 1966 al 1970 sul prato di Reuilly, nel bosco di Vincennes, dove lei non finisce di diventare sempre più grande.

Dal 1972 al 1998 si installa nel Parco della Courneuve e dopo 1999 la festa s’installa nello "Spazio per le feste" del Parco dipartimentale della Courneuve vicino all’aeroporto del Bourget...

Oreste Scalzone e Dominique Grange

Oreste Scalzone e Dominique Grange

PER LE ALTRE FOTO CLICCA QUI

Andre Fadda e Roberto Ferrario



Maxime Vivas, Roberto Ferrario e Salim Lamrani