clicca qui per Bellaciao v.3.0 ;)

Archives Bellaciao IT - 2002 -2018 Archives : FR | EN | ES

Casini faccia di travertino ....

lunedì 6 febbraio 2006

di Keoma

"Bisogna lavorare per privilegiare la famiglia, quella prevista dalla Costituzione che ha la priorità. Altre forme di convivenza sono di serie B rispetto alla famiglia" Il presidente della Camera riconosce che "la famiglia è in crisi, le convivenze aumentano, anche quelle dello stesso sesso, e credo che ciò si debba contrastare valorizzando proprio la famiglia, non si può invece lavorare per parificare la famiglia ad altre convivenze ma bisogna fare esattamente l’opposto".

(Dichiarazione di Pierferdinando Casini da repubblica.it di oggi)

Eppure è cosa risaputa che il ns Presidente della Camera vive in una "famiglia di fatto" convivendo, come si diceva una volta "more uxorio", con una figlia del costruttore Gaetano Caltagirone, dalla quale ha avuto recentemente anche un erede.

Capisco una certa logica di "politically correct" con la quale, di fronte al diluvio delirante e avvelenato di Berluskoni e dei suoi, il centrosinistra ha deciso di caratterizzarsi.

Ma, porca vacca, credo esistano anche livelli di inaudita incoerenza ( e questo e’ decisamente uno dei casi) rispetto ai quali sarebbe giusto inchiodare la "corte dei miracoli" del centrodestra alle proprie contraddizioni !

Keoma

Messaggi

  • Piercasinando

    “Caro Di Pietro, i tuoi articoli rivelano passione civile e senso dell’opinione pubblica e mi inducono a darti un caloroso e rispettoso "benvenuto". Ho trovato nelle tue parole qualche assonanza con lo sforzo che anche noi stiamo facendo per moderare i toni della contesa e per superare le derive ideologiche che costituiscono il retaggio di un tempo andato. Il mio benvenuto, perciò, è ancora più caloroso. Da parte mia ti esprimo consenso soprattutto per il tuo rifiuto "della politica urlata, insultata, violentata" e per l’insieme delle tue considerazioni che vale a segnalare quanto sia indispensabile un lavoro comune per riportare lo scontro politico su binari meno estremizzati e rissosi. Spero sia l’inizio di un percorso. Noi del Ccd lo abbiamo avviato da tempo. Se è lo stesso, ci incontreremo. Se sarà diverso, vale almeno la constatazione di esserci trovati in sintonia oggi su quello che l’interesse generale richiede”

    (Pierferdinando Casini, lettera aperta a Di Pietro, La Stampa, 24 marzo 1995).

    Spero che Di Pietro in politica contribuisca a saldare il rapporto incrinato tra l’opinione pubblica e i suoi rappresentanti (Pierferdinando Casini, La Stampa, 4 aprile 1995).

    Per Antonio Di Pietro ci vuole un ruolo di primo piano nell’alleanza di centro-destra, la sua collocazione più naturale. Dovrebbe essere uno dei leader della coalizione” (Pierferdinando Casini, 14 aprile 1995).

    A correre con Berlusconi per Palazzo Chigi ci andremmo a impiccare (Pierferdinando Casini, 2 giugno 1995).

    Di Pietro è una vergogna per la magistratura italiana (Pierferdinando Casini, 4 febbraio 2006).

  • Antimafia omeopatica

    "C’è una preoccupante deresponsabilizzazione della classe dirigente periferica dei partiti. Guai se commettessimo l’errore capitale ed imperdonabile di lasciare ad appannaggio del centrosinistra la questione morale e la lotta alla mafia!"
    (Pierferdinando Casini, congresso nazionale dell’Udc, 5 luglio 2005).

    "Il Presidente della Camera, Pierferdinando Casini, ha telefonato oggi al senatore Marcello Dell’Utri a cui ha espresso i sensi più profondi di stima e amicizia. Lo ha reso noto un comunicato di Montecitorio" (in piena camera di consiglio del Tribunale di Palermo nel processo a carico di dell’utri per concorso esterno in associazione mafiosa, dalla quale i giudici usciranno 10 giorni dopo con una condanna a 9 anni, Ansa, 1 dicembre 2004).

    "Palermo. Una conversazione tra il deputato regionale Udc Davide Costa ed il padre Enzo - in cui si fa riferimento ai rapporti dello stesso Costa con ’un importante esponente politico del suo partitò che secondo gli inquirenti è il presidente della Camera Pierferdinando Casini - è finita agli atti dell’inchiesta della Dda che oggi ha portato all’arresto per concorso in associazione mafiosa del parlamentare marsalese. Nel corso del colloquio il presidente della Camera avrebbe tra l’altro condiviso la decisione di Davide Costa di dimettersi dalla carica di assessore regionale alla Presidenza dopo la notifica del primo avviso di garanzia: ’Mi ha detto - afferma Costa nella conversazione telefonica con il padre - che bisogna sempre avere rispetto delle istituzioni’. Nel dialogo, intercettato il 9 marzo, Davide Costa parla con il padre. Quest’ultimo gli riferisce una telefonata che ha appena avuto con l’esponente politico, evidentemente ’ignaro - sostengono i pm - dell’effettivo grado di compromissione di Davide Costa con l’associazione mafiosa’. Enzo Costa riferisce al figlio che il politico gli ha ’assicurato che è intenzione del partito ricandidarlo alle prossime competizioni elettoralì del 2006. Il padre dell’ex assessore dice di essersi commosso apprendendo la notizia. Davide Costa a sua volta sostiene di avere parlato di persona con l’esponente politico. L’ex assessore racconta il dialogo avuto con l’esponente politico di cui si definisce il ’pupillo’: ’E’ che le cose le vede con distacco, perché facendo il presidente della Camera non è che nel territorio... riesce a comprendere una serie di difficoltà quotidiane di partito. Gli ho detto: ho difficoltà, vorrei capire se mi vuoi bene, vorrei capire visto che ho queste difficoltà politiche, che debbo fare’. Il deputato regionale descrive al padre la scena: ’Praticamente si è messo un quarto d’ora a passeggiare con me, a braccetto, qua per strada. Mi ha detto: noi il prossimo anno votiamo regionali e nazionali insieme, e deciderò io se devi venire a Roma o se devi andare a Palermo’..." (Ansa, 15 novembre 2005).

    "Posso sbagliare ma, nella mia responsabilità politica, ritengo che Salvatore Cuffaro sia una persona perbene e dunque lo candideremo alle elezioni" (Pierferdinando Casini, 7 febbraio 2006. Per la cronaca, il governatore Cuffaro è stato rinviato a giudizio dal Tribunale di Palermo per favoreggiamento alla mafia).

    "Ringrazio Casini per la passione che ha messo nel difendermi. Non posso accettare lezioni di morale da nessuno e non posso accettare processi in tv o nelle piazze" (Totò Cuffaro, Ansa 9 febbraio 2006).

    • Laudato sie, cum tucte le tue creature.....

      Ho sentito in Tv l’ineffabile cattolicissimo Casini (separato/ convivente more uxorio, cioè concubino) affermare con gran sussiego che il governo Berlusconi non ha mai fatto leggi ad personam, le leggi ad personam sono solo un’invenzione della sinistra, basta controllare. Ma lo saprà il sig. Casini che, secondo il catechismo cattolico, "impugnare la verità conosciuta" è un peccato contro lo Spirito Santo? Oppure ha ragione lui, le leggi ad personam questo governo non le ha mai fatte?

      Delfo