clicca qui per Bellaciao v.3.0 ;)

Archives Bellaciao IT - 2002 -2018 Archives : FR | EN | ES

DIRETTIVA BOLKESTEIN: se credete che ci basti...

sabato 3 giugno 2006

di Marco Bersani, Francesco Locantore Attac Italia

Lo scorso 29 maggio, alla riunione di Bruxelles del Consiglio Europeo per la Competitività, i 25 governi europei hanno trovato un accordo sulla direttiva Bolkestein, approvando il testo redatto dalla Commissione Europea, a seguito delle modifiche introdotte dopo il voto del 16 febbraio scorso in Parlamento europeo.

E’ il cosiddetto "compromesso "Ghebardt", che, pur modificando alcuni aspetti della direttiva, ne lascia immutato l’impianto liberista e i pericoli per gli attacchi ai diritti sociali e del lavoro.

E’ vero che dal nuovo testo scompare nominalmente il famigerato "principio del paese d’origine" e viene escluso il diritto del lavoro; ma per quanto riguarda i lavoratori dipendenti, la direttiva sui lavoratori distaccati dice che vanno rispettate solo le norme minime del paese di destinazione, mentre la completa liberalizzazione del lavoro autonomo, contenuta nel testo approvato, riapre le porte al principio del paese d’origine, al dumping sociale ad un’ulteriore precarizzazione del lavoro.

E’ vero che dal nuovo testo sono esclusi dal campo di applicazione della direttiva i servizi di interesse generale e la sanità; ma, da una parte, la definizione di "servizio" come "attività svolta dietro erogazione di un corrispettivo economico a qualsiasi titolo", comporta l’inclusione della quasi totalità dei beni comuni e dei servizi pubblici; dall’altra, per la sanità è in lavorazione una nuova direttiva ad hoc.

Infine per quanto riguarda i poteri delle autorità locali e governative, le loro prerogative di limitare la libera circolazione dei servizi si riducono alla possibilità di intervento solo su motivate ragioni di "ordine pubblico, salute pubblica e tutela ambientale".

Mentre il già enorme deficit democratico dell’Unione Europea viene ulteriormente allargato dall’inclusione nel nuovo testo sia del tacito consenso, ovvero della impossibilità per ogni Paese di impedire l’ingresso di un’attività non esplicitamente vietata dal proprio ordinamento; sia, con l’introduzione dello "screening", ovvero della notifica a Bruxelles dell’elenco motivato delle restrizioni adottate a livello nazionale. E’ la politica che, dopo aver abdicato alla quasi totalità del proprio ruolo in favore del mercato, consegna le ultime prerogative rimaste alla Corte di giustizia Europea.

Il nuovo Governo dell’Unione, presente in delegazione con i ministri Mussi e Bonino, ha approvato il nuovo testo, considerando positiva la nuova collocazione del Governo Italiano sull’asse franco-tedesco favorevole al "compromesso", rispetto alla precedente collocazione del Governo Berlusconi sull’asse iper-liberista di Gran Bretagna e Paesi dell’est.

Non scherziamo.

Non è questo che chiedono i movimenti sociali e sindacali, che in questi anni si sono mobilitati contro le privatizzazioni dei servizi pubblici e contro la precarizzazione del lavoro, costruendo una Campagna Nazionale per il ritiro della direttiva Bolkestein, portando in piazza a Roma il 15 ottobre 2005 più di 50000 persone e partecipando a due grandissime mobilitazioni europee.

Non è questo che chiedono gli Enti Locali - 7 Regioni, 26 Province e diverse decine di Comuni- che hanno costituito un Coordinamento Nazionale contro l’espropriazione dei propri poteri.

Non è questo che chiedono i movimenti europei , che al FSE dello scorso maggio hanno sottoscritto, in più di 40 organizzazioni sindacali, confederali e di base, associazioni e movimenti sociali, la "Dichiarazione di Atene", ovvero un reciproco impegno alla lotta contro l’Accordo Generale sul Commercio dei Servizi (GATS), contro la direttiva Bolkestein e per la promozione di servizi pubblici europei come spazio dei beni comuni indisponibili al mercato.

Il Governo dell’Unione ha vinto le elezioni anche grazie ai voti che sono venuti dal popolo di Genova, da una massa di cittadini, lavoratrici e lavoratori che stanno mettendo in discussione la privatizzazione dei servizi pubblici e la precarizzazione del lavoro. Sono movimenti che non si accontentano della falsa alternativa tra liberismo selvaggio e social-liberismo, e che non delegano a nessuno la difesa dei diritti e la costruzione di un altro mondo possibile.

Per questo da subito chiediamo :

a) l’immediata convocazione di un dibattito parlamentare, aperto all’audizione di organizzazioni sindacali, movimenti sociali ed Enti Locali sulla direttiva Bolkestein;

b) l’immediata definizione da parte del Governo, com’è nelle sue facoltà, e attraverso un percorso partecipativo, dei Servizi di Interesse Generale, che includa tutti i beni comuni e i servizi pubblici, in quanto tali indisponibili alle leggi del mercato

c) l’abrogazione della legge 30 e pacchetto Treu, in direzione di nuovi ed estesi diritti del lavoro per tutti

Perchè si combatte la direttiva Bolkestein, anche erigendo dighe sociali che ne impediscano l’ingresso. Per parte nostra, la mobilitazione continua.

Messaggi

  • Sincobas
    DIRETTIVA BOLKESTEIN: NELLA NOTTE UN NUOVO PASSO AVANTI VERSO LA
    LIBERALIZZAZIONE. FERMIAMOLI!

    BRUXELLES, 29 maggio - Il consiglio per la Competitività dei ministri
    Ue ha approvato ad ampia maggioranza la contrastata proposta di
    direttiva sulla liberalizzazione dei servizi in Europa. Diventata famosa come
    direttiva Bolkestein, dal nome dell’ex commissario olandese Ue "padre"
    della proposta originaria, la normativa era già stata approvata in prima
    lettura al Parlamento europeo nel febbraio scorso (394 sì, 213 no e 34
    astenuti).
    Contrastata dai movimenti europei contro le privatizzazioni e la
    mercificazione dei servizi pubblici la normativa prosegue tuttavia il suo
    iter.
    Nella nottata di ieri ha fatto quindi un nuovo passo avanti ma
    l’approvazione definitiva deve ancora venire.
    La direttiva dovrà infatti tornare in Parlamento per la seconda lettura
    presumibilmente in autunno.

    Da qui ad allora è compito delle organizzazioni sindacali, politiche,
    sociali che vogliono effettivamente contrastare l’approvazione
    definitiva della direttiva coordinarsi e agire affinché questo obiettivo si
    realizzi.

    In Francia, il paese che ha già respinto il Trattato europeo attraverso
    il voto referendario, è già previsto un appuntamento: il Coordinamento
    nazionale dei collettivi per la difesa e lo sviluppo dei servizi
    pubblici ha promosso una giornata di mobilitazione nazionale per i servizi
    pubblici il 10 giugno.
    Vedi link al sito dell’organizzazione sindacale di base Solidaires

    INSERITO SITO SINCOBAS ANCONA
    VISITATE IL NOSTRO SITO :
    http://server1.comune.jesi.ancona.it/sincobas/

    www.solidaires.org/article9133.html