Archivi : FR | EN | ES

Articoli dal 2022

Hasta Siempre! Comandante

sabato 18 giugno 2005

- Contatta l'autore

Il 14 giugno avrebbe compiuto 77 anni.

Ve lo immaginate il Che con i capelli grigi e gli acciacchi dell’età?

Noi non ci riusciamo. Eppure ci piacerebbe averlo ancora qui, e siamo sicuri che, anche con i capelli grigi e gli acciacchi dell’età, oggi sarebbe in Medio Oriente a battersi contro le guerre e le occupazioni.

E se venisse in Italia, si incazzerebbe moltissimo di quel che succede a sinistra, del politicismo imperante, del leaderismo sfacciato, del massimalismo fine a se stesso, della litigiosità. Che nostalgia, Comandante! Della tua irriducibilità rivoluzionaria, della straordinaria tensione poetica dei tuoi atti e delle tue parole.

AUGURI COMANDANTE CHE GUEVARA


Ricordiamolo con la sua famosa e commovente lettera di saluto a Fidel:

LA LETTERA DI COMMIATO DEL CHE A FIDEL CASTRO

Anno dell’agricoltura - L’Avana

"Fidel:

mi ricordo in queste ore di molte cose di quando ti ho conosciuto a
casa di Maria Antonia, di quando mi hai proposto di venire a Cuba con
tutta la tensione dei preparativi.

Un giorno ci chiesero di indicare chi dovevano avvisare nel caso della nostra morte e la possibilità reale del fatto ci colpì tutti;
poi sapemmo che era vero che in una rivoluzione o si trionfa o si muore (se è vera). Molti compagni caddero lungo il cammino verso la
vittoria.

Oggi tutto ha un tono meno drammatico, perchè siamo più maturi, ma il
fatto si ripete. Sento che la parte del mio dovere che mi legava alla Rivoluzione cubana si è compiuta nel suo territorio e ti saluto, con i
miei compagni e il tuo popolo che è già anche il mio. Do le dimissioni formali per i miei incarichi nella Direzione del Partito, dal posto di ministro, rinuncio al mio grado di comandante e alle mie condizioni di cubano. Non sono cose legali quelle che mi legano a Cuba, ma sono vincoli di altro genere che non si potranno mai rompere, come le nomine.

Facendo un bilancio della mia vita trascorsa credo di aver lavorato con sufficiente onorabilità e dedizione per il consolidamento del Trionfo della Rivoluzione. La mia unica mancanza, abbastanza grave, è stata di non aver avuto più fiducia in te sin dai primi momenti della Sierra Maestra e non aver compreso con sufficiente rapidità le tue qualità di guida e di rivoluzionario. Ho vissuto giorni meravigliosi al tuo fianco ed ho sentito l’orgoglio di appartenere al nostro popolo nei giorni luminosi e tristi della crisi dei Caraibi.

Poche volte uno statista ha saputo brillare più di te come in quei giorni e sono molto orgoglioso di averti seguito senza esitazioni, identificato al tuo modo di pensare e di vedere, di apprezzare i pericoli e i principi.

Altre terre del mondo reclamano il concorso dei miei modesti sforzi.
Io posso fare quello che a te è negato dalle responsabilità che hai per guidare Cuba ed è giunta l’ora della separazione.

Sappi che lo faccio con un miscuglio di allegria e di dolore; qui lascio la parte più pura delle mie speranze di costruttore e quello che amo di più tra tutto quello che amo e lascio un popolo che mi ha accolto come un figlio e questo lacera una parte del mio spirito. Nei nuovi campi di battaglia io porterò con me la fede che tu mi hai inculcato, lo spirito rivoluzionario del mio popolo e la certezza di compiere il più sacro dei doveri: la lotta contro l’imperialismo,
dovunque sia e questo conforta e cura qualsiasi lacerazione.

Ti dico ancora che libero Cuba da qualsiasi responsabilità meno quella
che proviene dal suo esempio: se giungerà per me l’ora definitiva sotto un altro cielo, il mio ultimo pensiero sarà per questo popolo e soprattutto per te. E ti ringrazio per i tuoi insegnamenti e il tuo esempio al quale cercherò di essere fedele sino alle ultime conseguenze delle mie azioni. Sono stato identificato sempre con la politica estera della nostra Rivoluzione e continuerò ad esserlo.

Dovunque mi fermerò sentirò la responsabilità di essere un rivoluzionario cubano e come tale mi comporterò.

Il fatto di non lasciare ai miei figli e a mia moglie nulla di
materiale non mi preoccupa: mi rallegra che sia così. Io non chiedo
niente per loro perchè so che lo Stato darà loro tutto il
necessario per vivere per educarsi.

Avrei tante cose da dire a te e al nostro popolo, ma sento che non
sono necessarie le parole che non possono esprimere quello che vorrei
e non vale la pena di sporcare dei fogli di carta.

Hasta la victoria siempre! Patria o muerte!

Ti abbraccio con tutto il fervore rivoluzionario

Che

Messaggi

  • Non sono molto d’accordo con le idee diciamo così "di sinistra" ma non posso fare a meno di
    onorare la memoria di un grande rivoluzionario quale è stato il comandante "che guevara", onore a lui e a tutte quelle persone che hanno avuto il coraggio di scendere nelle piazze e combattere per gli ideali in cui credono. SOLO STIMA E RISPETTO PER IL CHE!

    MASSIMO76’