clicca qui per Bellaciao v.3.0 ;)

Archives Bellaciao IT - 2002 -2018 Archives : FR | EN | ES

IL MALE E GLI ATTENTATI

domenica 10 luglio 2005

di Viviana Vivarelli

Che chi ha messo queste bombe sia fuori da un ogni senso umano sembra evidente.

Che le bombe non attacchino altro che cittadini innocenti e’ altrettanto evidente.

A Madrid e a Londra c’erano indifferentemente religioni, etnie e nazionalita’ diverse, sono citta’ multietniche, quel che risultava colpito non era un popolo ma la gente comune, non ricca, i lavoratori, quelli che si fanno fa un mazzo cosi’ ogni giorno per andare a lavorare e sopravvivere.

Che i vantaggi di questi attentati siano riscossi proprio dagli otto potenti e’ lampante. In fondo questi attentati sono stati utilissimi affinche’ non si parlasse dei veri problemi, e in Inghilterra hanno permesso agli otto di bypassare proprio quello per cui si erano riuniti. All’interno di ogni stato i media hanno parlato solo di Londra, mettendo in ombra i problemi economici interni, la crisi di credibilita’ dei governi, la crisi delle economie, o, come in Italia, i problemi connessi con la criminalita’ al potere che difende se stessa (vedi la salva Previti).

Direi che tutto e’ stato ad hoc. Tutti gli 8 potenti hanno tirato un sospiro di sollievo. Questa notizia scaccia tutte le altre e da’ loro un alibi per perseguire in politiche scellerate.

Gli attentati hanno abilitato gli estremisti interni a invocare trucemente a ruota libera altre guerre, altre vendette, altre riduzioni della democrazia, malefiche leggi speciali, stato di guerra permanente e bestialita’ consimili.

Apparentemente chi ci guadagna sono gli speculatori della guerra o i vendicativi per DNA, che certo democratici non sono e umani nemmeno e trasudano odio e sangue a ogni respiro.

Ci hanno guadagnato i possessori di petrolio, visto che il titolo e’ schizzato in Borsa.

Ci hanno guadagnato quelli che temevano uno spostamento di Blair verso l’Europa in senso anti-Bush, tant’e’ che Blair aveva dichiarato la sua intenzione di formare un gruppo di 7 contro Bush, isolandolo sul clima, e la cosa si e’ congelata.

Ci guadagna Bush, ci guadagna la CIA, ci guadagnano gli speculatori della Borsa, ci guadagnano questi indegni governi, le lobbye delle armi, quelle del petrolio, ci guadagnano tutti i fascismi, tutte le ipocrisie, tutti i malvagi.... ce n’e’ di gente che ci guadagna.
Non si capisce proprio un terrorista cosa ci guadagni. Sembra essere l’ultimo in questa sequela di iene.

Mentre si vede benissimo cosa ci guadagnino i nostri governi ipocriti e anche certi imbecilli che aizzano a nuove vendette e da questi atti ricavano la conferma che la loro imbecillaggine e’ giustificata. Il malvagio cerca sempre conferma della sua malvagita’ e la trova sempre nel male, di cui si alimenta e di cui il mondo e’ pieno. Ma non sara perpetuando il male col male che lo limiteremo.

Dunque, se si deve vedere cui prodest, e’ lucidamente ovvio che questi attentati non giovano alla causa della liberazione dei paesi attaccati e della loro resistenza.

Se poi pero’ entriamo nel regno delle faide permanenti, chi odia e vuol realizzare la sua vendetta, non si preoccupa, io credo, delle dietrologie, colpisce e basta e cerca di colpire nel modo piu’ infame, piu’ eclatante e vistoso. Un bambino e’ meglio di un soldato. Un treno meglio di un esercito. Le speculazioni ulteriori non lo interessano. Interessa solo colpire il piu’ duramente e vistosamente possibile, cosi’ che il colpito perda la faccia e la sicumera, e mostri la sua enorme intrinseca debolezza. Se una morale c’e’ e’ solo che nessuno e’ in salvo.

Gli attentati alla fine rivelano in modo lampante che questi grandi padroni del mondo non sono niente, non possono niente e non valgono niente. Gli attentati li distruggono moralmente nella loro presunzione di superiorita’ e superbia.

Ma, per realizzare attentati come quelli di Madrid o Londra, non occorre nemmeno che ci sia una grande organizzazione e strategia, possono esserci anche dei cani sciolti, un pugno di cani sciolti molto determinati, che delle nostre considerazioni sociali, politiche o economiche se ne sbattono.

Per chi ha visto i bombardamenti dei mercati, delle feste nuziali, degli ospedali, delle scuole .. in Afganistan o in Irak o in Palestina o in Cecenia o nel Curdistan o in Congo o in qualunque parte del mondo dove la ferocia del potere si e’ manifestata, per chi e’ pieno di odio e di vendetta, credo che tutto quello che noi diciamo, il nostro elucubrare, sia indifferente o stupido, ucciderebbe comunque, anzi colpirebbe proprio bambini e donne, lavoratori e vecchi, per rendere esattamente pan per focaccia, uccidere nello stesso brutale modo con gli occidentali hanno ucciso. Sono decine di anni che noi facciamo a loro questo e ci deve essere un piacere particolare nel far vedere ai padroni del male che possono anche per una volta subirlo. La prima cosa che si dimostra e’ che essi non sono in salvo, non sono invulnerabili, non sono potenti, la seconda e’ quanto male fa il male che essi hanno fatto, perche’ solo subire la sofferenza di persona sul tuo popolo fa capire cosa sia la sofferenza che hai inferto agli altri popoli.

Questi attentati sono turpi, ma se anche si moltiplicassero, ancora sarebbero nulla di fronte al male che e’ stato fatto dall’Occidente, in decine e decine di anni, con totale disprezzo della liberta’, della vita, della sovranita’, del rispetto, della liberta’ degli altri popoli. Se ancora e ancora questi attentati fossero ripetuti sarebbero solo pallidi esempi di quello che e’ stato commesso dalle infami potenze al mondo.

Credo non ci sia nemmeno bisogno di tirar fuori Al Qaeda o grandi organizzazioni terroristiche. Quello che i cosiddetti alleati hanno fatto supera ogni livello di ferocia. L’odio che hanno seminato e’ talmente grande che non saranno i 70 morti di Londra o i 180 di Madrid a far pari.

Sangue chiama altro sangue e quello che i grandi della Terra hanno fatto, coi loro eserciti assassini, le prigioni illegali, la tortura, la fame, gli embargo, le bombe, le rapine, la turpe complicita’, o i colpevoli assensi e’ talmente mostruoso che se ne pagheranno le conseguenze per molto e molto tempo e non sara’ certo seguendo gli imbecilli che invocano nuove stragi e nuovo sangue che riusciremmo a ricomporre il mondo, le turpi Oriane Fallaci senza cuore e senza cervello, che stanno abbassando la Terra al suo lato piu’ bestiale.

I risultati del malefico piano di Bush sono stati:

- un paese dilaniato dalla guerra civile con migliaia di morti e migliaia di feriti, invalidi, pazzi.. la gioventu’ migliore di tre stati distrutta
- il prezzo del petrolio piu’ che raddoppiato
- l’economia mondiale in ginocchio
- la ripresa degli armamenti nucleari su vasta scala
- la distruzione del diritto internazionale e dell’ONU
- le capitali europee a rischio di attentati
- un miliardo e trecento milioni di islamici che ci odiano diffusi in ogni dove
- il peggioramento di tutte le economie e la distruzione di qualsiasi futuro
- somme incalcolabi impiegati nel mercato della morte e sottratte alla vita.

Cio’ non si chiama esattamente un successo ma una rovina.

A questo punto ci aspetteremmo da parte di chi ha compiuto o appoggiato un simile misfatto una qualche autocritica, un qualche ripensamento, ma questo non avviene affatto. Il male non ripudia se stesso. E a questo punto ci aspetteremmo da parte di una opposizione seria che la sua chiara dichiarazione fosse: "Appena saliremo al governo, ritireremo immediatamente le truppe dall’Irak".

Ma nemmeno questo e’ successo.

L’imbecillita’ non ripudia se stessa.