clicca qui per Bellaciao v.3.0 ;)

Archives Bellaciao IT - 2002 -2018 Archives : FR | EN | ES

Inizia a Mexico City il 4° Forum mondiale per l’acqua - Manifestazioni e proteste

venerdì 17 marzo 2006

March in Defense of Water

Oltre 1 miliardo di persone non ha acqua potabile

L’acqua manca soprattutto in Medio Oriente, Asia del sud e Africa, secondo la Banca mondiale. Inizia il 4° Forum mondiale, per decidere gli interventi per combattere questa sete atavica.

prime proteste per la privatizzazione dell’acqua al Forum di Mexico City

Mexico City (AsiaNews/Scmp) - Inizia a Mexico City il 4° Forum mondiale per l’acqua. All’esame la scarsità di acqua potabile che colpisce più di un miliardo di persone nei Paesi in via di sviluppo.

La scarsità, secondo dati della Banca mondiale, colpirà tre miliardi di persone per il 2035, quasi tutte nei Paesi meno sviluppati, specie in Africa, Medio Oriente e Asia del sud. Oltre alle difficoltà per la vita quotidiana, questa penuria ostacola lo sviluppo economico e impedisce a milioni di persone di superare lo stato di povertà.

Nel Forum si discuteranno gli investimenti necessari per combattere questa scarsità, con la collaborazione tra Stati donatori e Paesi in via di sviluppo, soggetti privati e comunità locali.

I Paesi ricchi da tempo dispongono di sistemi idrici capillari ed efficienti e sfruttano le loro risorse. Sono anche favoriti per il clima mite, la piogge regolari e il basso rischio di siccità o di inondazioni. Nelle Nazioni meno sviluppate, invece, c’è un’estrema variazione di piogge, mentre inondazioni o periodi di siccità colpiscono con forza l’economia e causano perdite di vite.

Occorre, quindi, che gli Stati meno sviluppati si dotino di migliori strutture idriche e di una più attenta gestione e distribuzione delle risorse. Bisogna approvvigionare d’acqua le popolazioni, ma anche migliorare gli impianti d’irrigazione e quelli per la creazione d’energia, nonché prevenire la siccità e le inondazioni.

http://www.asianews.it/view.php?l=it&art=5646


http://www.edoneo.org/