Archivi : FR | EN | ES

Articoli dal 2022

LA MAMMA DI PEPPINO IMPASTATO

sabato 11 dicembre 2004

- Contatta l'autore

di Viviana Vivarelli

E’ morta la mamma di Peppino Impastato. Ai funerali c’era la bandiera della pace. Peppino era un ragazzo di Cinisi, di Democrazia Proletaria, che aveva messo su una radio, ‘Radio out’, in un garage, dalla quale mandava programmi di accusa contro la mafia locale e il suo padrino, Tano Badalamenti, che abitava a soli cento passi dalla sua casa.

Il boss lo fece uccidere lungo la ferrovia, facendo credere che Peppino fosse saltato in aria per caso mentre sistemava una bomba sui binari. 24 anni dopo ‘Tano seduto’ fu riconosciuto colpevole. La madre di Peppino, Felicia, restò sola a difendere il figlio contro l’omertà della gente di Cinisi.

L’università di Palermo dette a Peppino una laurea ad honorem. La mafia fece attentati al negozio della nuora, i giudici condannarono per diffamazione l’altro figlio, quando dette di imbecille all’avvocato di Badalamenti che ingiuriava Peppino, dovette pagare 2.500 euro di risarcimento ma da tutta Italia di euro ne arrivarono 42.000. Sulla storia di Peppino è stato fatto un bellissimo film, intitolato ‘I cento passi’.

Peppino aveva scritto in una sua poesia:

“Nessuno ci vendicherà / la nostra pena non ha testimoni”.

Il commento più bello che ho letto su Peppino è stato:

“Ora è a cento passi sopra il cielo”.

Al funerale di Felicia Impastato è venuta gente da tutta Italia. Non è venuta la gente di Cinisi.


Lunga è la notte
e senza tempo.
Il cielo gonfio di pioggia
non consente agli occhi
di vedere le stelle.
Non sarà il gelido vento
a riportare la luce,
né il canto del gallo,
né il pianto di un bimbo.
Troppo lunga è la notte,
senza tempo,
infinita.
(Peppino Impastato)
 
Così finiva una poesia per Peppino di Umberto Santino:
 
Ricordati di ricordare
le impunità
le protezioni
le complicità
gli interessi
che hanno fatto
di una banda di assassini
i soci del capitale
e i gemelli dello Stato
 
Ricordati di ricordare
ora che le bombe degli attentatori
scuotono le città
che vogliono affrancarsi
e sui teleschermi della seconda repubblica
si intrecciano i segnali
delle nuove alleanze
 
Ricordati di ricordare
quanto più difficile è il cammino
e la meta più lontana
perché
le mani dei vivi
e le mani dei morti
aprono la strada
 
------
 
Un c’è cchiù nienti
 
Un c’è cchiu nienti.
Un c’è cchiù nienti, mancu u suli c’è cchiù,
mancu a luna, mancu u mari, mancu a tierra.
Un c’è cchiù nienti,i gienti unni su?
Semu tutti suli.
Ognuno si talia e un voli viriri
cchiù a nuddu, un voli sientiri
cchiù nienti, lastimi, lamienti.
Un c’è cchiù nienti, mancu nuatri
ci siemu cchiù, e chi n’arriesta?
Un’arriesta cchiù nienti.
E allora chi c’è di fari?
Picchì amu a ncuitari,
chi mpurtanza avi?
Puru si gghiecchi vuci
chi mpurtanza avi?
E allura chi amu a fari,
si un c’è cchiù nienti
i fari?
Un c’è mancu a tierra,
un c’è cchiù nuddu, pure amuri finiu.
Un c’è cchiù nienti, un’arristò cchiù nienti.
Chi a fari?
Chi vuoi fari si un puoi mancu parrari?
Sulu na cuosa:
fuorsi nnì putiemu ammazzari.
Chistu sulu n’arriesta
ri sta vita nca a ficiru addivintari na mmierda.
 
(Gaspare Cucinella)

http://www.peppinoimpastato.com/

— -

L’Ultima frase della mamma di Peppino è stata:
“Non dobbiamo mai abbassare la testa”.