Archivi : FR | EN | ES

Articoli dal 2022

ROMA 15 OTTOBRE ORE 15 : VOGLIAMO NO BOLKESTEIN NO PRECARIETA’

venerdì 14 ottobre 2005

- Contatta l'autore

Il Parlamento Europeo ha riavviato la discussione sulla direttiva Bolkestein.

La direttiva Bolkestein consentirebbe, nel settore dei servizi, di utilizzare nel nostro paese lavoratori contratti e normative di altri paesi europei, ovviamente, a più basso costo di quelli italiani. Nei servizi in cui opererebbero queste aziende/agenzie, magari aperte all’estero per conto di padroni italiani, si costituirebbero "zone franche" dove non valgono le norme italiane.

Questa direttiva sta ai servizi come la delocalizzazione sta al lavoro industriale. I servizi,infatti, non si possono delocalizzare cosicché si "importano" lavoratori.

Trattandosi poi di servizi, dove il fattore umano è importante, è facile prevederne un ulteriore degrado della qualità. La Bolkestein, tuttavia, non vale nei servizi gestiti direttamente dal
pubblico. Ciò spiega ancor più chiaramente che si privatizza per far soldi a scapito di lavoratori ed utenti. Un motivo in più contrastare le privatizzazioni.

Questa normativa, se approvata, interverrebbe proprio mentre sta andando in applicazione la legge 30 che si propone l’obiettivo della precarietà totale: una giungla senza fine dunque.

La Bolkestein è l’esempio lampante di un’idea dell’Europa dello sfruttamento, della competizione selvaggia fra lavoratori, dell’attacco allo stato sociale, motivo per cui i cittadini
francesi e olandesi hanno bocciato con il referendum la proposta di Trattato Costituzionale.

ORARIO DI LAVORO

Non contenti, con un direttiva sull’orario di lavoro, intendono far saltare definitivamente il tradizionale orario di lavoro: giornaliero, settimanale, mensile consentendo per un certo
periodo (12/18 mesi) di lavorare superando le 65 ore settimanali?! Chi potrebbe cominciare? I lavoratori Bolkestein ovviamente per il periodo che lavorano all’estero!

Per esperienza sappiamo che l’eccezione diventa la norma per tutti: già ora il ricorso allo straordinario è alto per il ricatto delle continuo e l’erosione del potere d’acquisto di salari.

CONTRO LA PRECARIETA’ ABROGARE LEGGE 30 E BOLKESTEIN

CONTRO LA DIRETTIVA DELL’ORARIO DI LAVORO DIFENDERE I SALARI E
PENSIONI

MANIFESTAZIONE NAZIONALE

ROMA 15 OTTOBRE ORE 15

PIAZZA REPUBBLICA

Partito della Rifondazione Comunista

www.rifondazione.it/statosociale