clicca qui per Bellaciao v.3.0 ;)

Archives Bellaciao IT - 2002 -2018 Archives : FR | EN | ES

Rara infezione colpisce i soldati Usa feriti in Iraq

mercoledì 1 dicembre 2004


ATLANTA (Reuters) - Un numero sorprendentemente alto di soldati USA feriti
nel Medio Oriente e in Afghanistan si stanno rivelando positivi a una rara infezione,
difficile da trattare, negli ospedali militari, come hanno detto i medici dell’esercito
giovedì 18 novembre.


di Paul Simao

Un totale di 102 soldati sono stati trovati infetti dal batterio Acinetobacter
baumannii. Le infezioni sono avvenute al Walter Reed Army Medical Center in Washington,
al Centro Regionale Medico di Landstuhl in Germania e in altri tre luoghi fra
il 1° gennaio 2002 e il 31 agosto 2004.

Nonostante non sia noto quando i soldati abbiano contratto le infezioni, l’Esercito ha detto che i casi recenti hanno messo in evidenza la necessità di migliorare il controllo dell’infezione negli ospedali militari.

85 delle infezioni del sangue sono avvenute fra soldati operativi in Irak, nell’area fra Kuwait e Afghanistan, ha detto l’Esercito USA in un rapporto pubblicato giovedì 18 nel Center for Disease Control and Prevention.

Negli ospedali militari di norma si verifica un caso all’anno.

I ricercatori dell’Esercito dicono che non sanno se i soldati hanno contratto l’infezione sul campo di battaglia, in seguito a trattamenti medici al fronte o dopo l’evacuazione al Walter Reed, a Landstuhl e negli altri ospedali .

"Questo organismo è molto diffuso nell’ambiente, e alcuni pazienti sono arrivati già con le infezioni," ha detto il maggiore Paul Scott, dottore nel Centro dell’Esercito per la promozione della salute e la medicina preventiva.

Scott dice che non ci sono prove che un agente biochimico abbia giocato un ruolo nella diffusione dell’infezione.

A. baumannii, che si trova nel suolo e nell’acqua ed è resistente a molti tipi di antibiotico, compare occasionalmente negli ospedali, e spesso si diffonde fra pazienti in unità di cura intensive.

L’infezione è stata anche riscontrata in soldati con ferite traumatiche alle braccia, gambe ed estremità durante la Guerra del Vietnam. La diffusione dell’infezione spesso si ferma quando gli operatori sanati lavano le proprie mani e quelle dei pazienti con batuffoli di cotone imbevuti di alcol, controllano attentamente quelli con ferite alle estremità e isolano gli infetti.

I funzionari dell’Esercito dicono che è necessario lo sviluppo di farmaci migliori per contenere i casi futuri di infezione. In qualche caso il solo antibiotico efficace è la colistina, un vecchio farmaco prescritto raramente per la sua elevata tossicità.

I soldati feriti sono trattati con una gamma di farmaci e si aspetta che guariscano dalla loro infezione.Gli operatori medici negli Stati Uniti sono richiesti di sorvegliare le infezioni di A. baumannii fra i soldati che sono stati recentemente in cura in ospedali militari, soprattutto quelli che erano in unità di cura intensive.