Archivi : FR | EN | ES

Articoli dal 2022

APPELLO 14 GENNAIO: LIBERTA’ DEL VIVERE E DEL CONVIVERE

lunedì 2 gennaio 2006

- Contatta l'autore

Il prossimo quattordici gennaio segnerà una data importante nell’agenda pubblica dell’Italia: sarà una giornata dedicata, come è stato votato in una Assemblea di duemila donne, alla costruzione di un "ponte di libertà" tra Roma e Milano, ma sarà anche il giorno della convivenza tra soggetti politici affini.

Due manifestazioni importanti: una a Milano delle donne che lanciano il loro rifiuto nei confronti delle manipolazioni regressive sulla loro vita e sulla loro sessualità.

Un’altra a Roma dove si svolgerà la manifestazione nazionale per la richiesta dei PACS , i patti di unione civile, che sono possibili in quasi tutti i paesi europei e occidentali, ma che in Italia trovano
l’enorme ostacolo dell’asservimento della politica istituzionale alle gerarchie ecclesiastiche.

Lo stesso asservimento che intende rimettere le donne sotto tutela, con la modifica della operatività dei
consultori. Entrambi le manifestazioni appartengono dunque alla nuova frontiera della "politica del vivere" contro la quale si stanno esercitando antichi poteri "forti". Per questo occorre reagire in modo
nuovo con molta fantasia evitando le vecchie formule della politica istituzionale che spesso si è dimostrata inadeguata a risolvere la complessità dei problemi.

Per lo stesso motivo il fatto che entrambe le
manifestazioni per caso siano state convocate nella stessa data può essere considerata una grande opportunità per costruire una giornata dedicata a quella libertà del vivere e del convivere che in Italia appare costantemente sotto attacco.

La libertà delle donne nello spazio pubblico è spesso stata oggetto di aggressione nel corso degli ultimi
mesi di questo anno: dalla triste vicenda della "valanga azzurra" contro la rappresentanza femminile nella politica istituzionale, alle pericolose e strumentali iniziative sulla legge 194 e sul diritto di scelta di maternità. Allo stesso modo il "grande operatore biopolitico", costituito dal clero e dall’associazionismo confessionale, dopo la pseudo-vittoria della legge sulla procreazione
assistita, tenta di schiacciare ogni possibile nuova forma di convivenza tra persone, al di fuori della famiglia patriarcale.

E’ quindi giusto e importante riprendere a manifestare per riappropriarci delle parole politiche che mancano nel dibattito contemporaneo sulla difesa della vita. Da anni infatti il movimento delle donne e quello femminista condividono la difficile battaglia per forme nuove di esistenza e di cura attraverso i PACS. Adesso l’associazionismo gay,
lesbico e trans e il fronte laico hanno lapossibilità di mostrare la loro attenzione alla libertà delle donne.

Insieme possiamo costruire una alternativa politica alla centrifuga mediatica che ci inonda e toglie spessore alla nostra esperienza umana , impedendoci un dialogo approfondito sul salto di civiltà ormai necessario per tutta l’umanità.

Quel ponte tra Milano e Roma è dunque una dimostrazione di come l’autonoma determinazione delle donne possa incontrare persone altrettanto consapevoli e capaci di nominare il proprio sapere
sessuato, quindi cosciente del limite e non universale, per costruire nuove forme di convivenza e un diverso concetto di libertà: quella dell’essere e non dell’avere.

Spendiamo dunque il 14 Gennaio per un sogno nuovo che esprima tutta la ricchezza del possibile contemporaneo: la giornata della libertà del vivere e del convivere .

Prime firmatarie:

Bianca Pomeranzi, Maria Rosa Cutrufelli, Edda Billi ,
Lea Melandri, Elettra Deiana...

Per adesioni: cciddonne@tiscali.it


IL 14 GENNAIO: 2 PIAZZE PER LE LIBERTA’

Le donne e gli uomini che hanno promosso le due manifestazioni nazionali del 14 gennaio, "TUTTI IN
PACS" che si terrà a Roma in piazza Farnese dalle 14,30 e "USCIAMO DAL SILENZIO" che si terrà a Milano dalle 14.00, da Piazza Duca d’Aosta a Piazza del Duomo, stanno lavorando affinché le due piazze , che
condividono temi importanti come la libertà e la responsabilità di donne e uomini sul terreno della sessualità, della procreazione e delle relazioni, possano dialogare e segnare un significativo momento di mobilitazione comune tra il movimento delle donne, quello gay, lesbico, bisessuale e transessuale e chiunque abbia a cuore le libertà civili.

Tale legame profondo sarà reso esplicito attraverso la presenza di delegazioni che interverranno ad entrambe le manifestazioni e alle conferenze stampa di presentazione.

L’utilizzo di segnali distintivi comuni sottolineerà il ponte ideale che c’è tra le due piazze.

TUTTI IN PACS USCIAMODALSILENZIO

www.usciamodalsilenzio.org