clicca qui per Bellaciao v.3.0 ;)

Archives Bellaciao IT - 2002 -2018 Archives : FR | EN | ES

Berlusconi a Firenze con i terroristi Mambro e Fioravanti

martedì 29 marzo 2005

di Associazione 2agosto80

Apprendiamo dalla stampa che domani 30 marzo 2005, a Firenze i terroristi
fascisti pluriomicidi Francesca Mambro, Valerio Fioravanti e il Presidente
del Consiglio Silvio Berlusconi saranno sullo stesso palco in una
“convention” per la costituzione di un raggruppamento di giovani vicini al
centro destra e per la campagna elettorale in corso.

Ancora una volta l’etica della politica viene stravolta per un pugno di
voti.

I due terroristi autori della strage alla Stazione di Bologna del 2 agosto
80 che causò 85 morti e 200 feriti e di altri 13 omicidi vengono utilizzati
senza pudore per la loro popolarità criminal-mediatica.

Gli autori della strage oggi sono in libertà perché hanno saputo vendere
caro il loro silenzio, perché sanno e tacciono da sempre i nomi dei mandanti
e degli ispiratori politici della strage.

Sembra si voglia sfidare la Memoria e la Conoscenza dei fatti: noi familiari
delle Vittime conosciamo sulla nostra pelle cosa è il terrorismo ed il
comportamento offensivo nei nostri confronti tenuto durante il processo e
anche successivamente dai due terroristi.

Del resto noi ricordiamo anche che il Gran Maestro della loggia massonica P2
Licio Gelli fu condannato per i depistaggi sulle indagini riguardanti la
strage alla stazione e ricordiamo anche che il Presidente del Consiglio
Silvio Berlusconi era iscritto alla loggia massonica P2 con tessera n. 1816.

Perciò sentiamo il dovere di far conoscere la nostra indignazione ed
invitare a non dimenticare.

Il Presidente : Paolo Bolognesi

Messaggi

  • pare che quell’omuncolo di Scelli , c’era di mezzo pure lui,dopo le proteste di molti,li abbia convinti a disdire loro stessi l’appuntamento

    • Paolo Polognesi,a proposito dei terroristi neri in sostegno della campagna elettorale di Berlusconi
      ( Mambro e Fioravanti, i due ex Nar oggi in semilibertà e condannati, tra l’altro, per la strage di Bologna del 2 agosto 1980)
      ]"Ancora una volta l’etica della politica viene stravolta per un pugno di voti - ha detto Bolognesi, dell’associazione parenti vittime - e i due vengono utilizzati senza pudore per la loro popolarità criminal-mediatica".

      Poi, il durissimo affondo contro il premier: "Del resto ricordiamo anche che Licio Gelli fu condannato per i depistaggi sulle indagini riguardanti la strage alla stazione e ricordiamo anche che il presidente del Consiglio era iscritto alla loggia massonica P2". A protestare, anche l’associazione dei parenti delle vittime di via Georgofili.
      E’ questa la destra che governa l’Italia,nata dal terrorismo fascista