Archivi : FR | EN | ES

Articoli dal 2022

Cosenza - il Sud e’ ancora ribelle ! - report agenzie sulla manifestazione

sabato 27 novembre 2004

- Contatta l'autore

Raccolta delle varie agenzie battute oggi per la manifestazione nazionale

APBS (POL) - 27/11/2004 - 16.41.00
NO GLOBAL, E’ INIZIATA LA MANIFESTAZIONE DI COSENZA


E’ iniziato intorno alle 15.30 il corteo dei disobbedienti, giunti a Cosenza per manifestare contro il processo a 13 No Global accusati di cospirazione politica ed associazione sovversiva, fra i quali Luca Casarini e Francesco Caruso. I manifestanti, provenienti da tutta Italia, accolti dagli aderenti alla Rete del sud ribelle di Cosenza e da alcuni degli imputati nel processo, sono stimati in "qualche migliaio" dalle forze dell’ordine. Radunati in piazza Esedra a Cosenza, arriveranno nei pressi del tribunale dove, il 2 dicembre, inizierà il processo. All’incontro non mancano musica e striscioni. Il sindaco di Cosenza, Eva Catizone, si è augurata che sia una manifestazione "civile e non violenta. In città - ha detto - c’è un clima di grande serenità e grande tranquillità". Per una parte del corteo, il sindaco accompagnerà i No Global.

AGIS (CRO) - 27/11/2004 - 15.54.00
NO GLOBAL: COMINCIATO A COSENZA IL RADUNO DEI MANIFESTANTI


NO GLOBAL: COMINCIATO A COSENZA IL RADUNO DEI MANIFESTANTI = (AGI) - Cosenza, 27 nov. - Centinaia di persone stanno giungendo in piazza Zumbini, a Cosenza, dove e’ prevista la partenza del corteo di solidarieta’ alle tredici persone indagate nell’ambito dell’inchiesta sulla "Rete del Sud ribelle", accusate di associazione sovversiva. Molti i "disobbedienti" giunti da altre regioni, anche del Nord, per partecipare alla manifestazione promossa da numerose associazioni, ed alla quale hanno aderito anche le forze politiche del centrosinistra.

ADNK (CRO) - 27/11/2004 - 16.13.00
NO GLOBAL: COSENZA-IL SINDACO, SARA’ UNA MANIFESTAZIONE PACIFICA ---------------------------------------------------------
COSENZA-IL SINDACO, SARA’ UNA MANIFESTAZIONE PACIFICA = Cosenza, 27 nov - (Adnkronos) - ’’Allora come oggi abbiamo inteso schierarci in difesa dei diritti; in questo caso il diritto del pensiero, della parola e perché no, della rottura. Ci auguriamo che sia una manifestazione pacifica e non violenta, come è nelle tradizioni della nostra città’’. Lo ha dichiarato il sindaco di Cosenza, Eva Catizione, aggiungendo che ’’e’ un diritto dissentire, ma bisogna farlo in modo non violento’’. ’’Sarà una manifestazione diversa da quella di due anni fa. Quella - ha detto ancora la Catizione - fu una protesta a caldo, questa è a freddo. In città si respira un clima di grande tranquillità e serenità’’. Il corteo si snodera’ lungo le principali strade della citta’.

AGIS (CRO) - 27/11/2004 - 17.02.00
NO GLOBAL: LEGAMBIENTE, ASSURDO CASTELLO ACCUSATORIO -----------------------------------------------------------
Anche Legambiente ha aderito alle giornate di mobilitazione (la prima in corso a Cosenza) in favore dei componenti del movimento no global, facendo appello "alla partecipazione per denunciare come proprio in occasione di quei vertici vi fu, semmai, una vera e propria sospensione dello stato di diritto con forme di repressione inaccettabili da parte delle forze dell’ordine e nessuna operazione di "cospirazione" da parte dei movimenti che vi parteciparono". Per l’associazione ambientalista "le ragioni di tanta attenzione, frutto allora dell’indignazione per l’enormita’ della misura degli arresti e per l’incredibilita’ delle accuse, si ripropongono intatte alla vigilia del processo. L’assurdita’, infatti, di un castello accusatorio che, senza presentare alcuna prova concreta pretendeva, di fatto, di leggere come una sequela di attivita’ criminose la limpida vicenda d’impegno politico, sociale, sindacale e culturale che gli imputati conducevano alla luce del sole e nel pieno rispetto dei principi costituzionali, non e’ stato oggi in alcun modo mitigato dalla pubblica accusa: tre imputati sottoposti alla misura inutilmente vessatoria dell’obbligo di firma, e la scesa in campo persino del governo, che ha avanzato la fantasiosa richiesta di un indennizzo di cinque milioni di euro per danni all’immagine". Il presidente regionale, Lidia Liotta, ed il coordinatore della segreteria nazionale, Maurizio Gubbiotti, "rilanciando la ferma volonta’ di un impegno sempre all’insegna della non violenza e del pacifismo e di forme di lotta sempre piu’ di massa ed inclusive", sostengono infine che "vada detto no a qualunque risposta repressiva alla crescita di un forte movimento plurale di contestazione delle scelte ultraliberiste nel governo dell’economia globale, delle politiche di drastica riduzione delle liberta’ fondamentali e dei diritti dei lavoratori, dei bambini, delle donne, dei migranti e dei rifugiati, dell’incessante azione di distruzione degli ecosistemi e delle risorse naturali, della mostruosita’ della guerra".

ANSA (CRO) - 27/11/2004 - 16.25.00
NO GLOBAL: OTTOMILA IN CORTEO A COSENZA, C’ E’ ANCHE SINDACO -----------------------------------------------------------
ZCZC0335/SXB YCZ16140 R CRO S0B S41 QBXU NO GLOBAL: OTTOMILA IN CORTEO A COSENZA, C’ E’ ANCHE SINDACO - COSENZA, 27 NOV - Sono circa ottomila, secondo gli organizzatori, le persone che stanno partecipando al corteo in corso a Cosenza contro il processo a tredici no global della rete del Sud ribelle. Alla manifestazione partecipano alcuni parlamentari, il sindaco di Cosenza, Eva Catizone, ed altri rappresentanti istituzionali. Numerosi sono gli striscioni e le bandiere di organizzazioni sindacali e partiti e c’e’ anche una folta presenza degli ultras del Cosenza calcio con un loro striscione . ’’Partecipiamo come due anni fa a questa manifestazione - ha detto il sindaco Catizone - perche’ sentiamo di schierarci in difesa dei diritti. Si sente dire che per questa inchiesta e’ stata spesa una cifra come un miliardo di vecchie lire. Se sono vere queste voci, forse era il caso di spendere questa somma per altre inchieste. Noi siamo schierati in difesa di tutti i diritti’’.

ANSA (CRO) - 27/11/2004 - 17.43.00
COSENZA, MANIFESTANTI IN CORTEO TRA CANTI E BALLI ---------------------------------------------------------
COSENZA, MANIFESTANTI IN CORTEO TRA CANTI E BALLI A POCHI GIORNI DAL PROCESSO IMPUTATI SI DICONO SERENI (ANSA) - COSENZA, 27 NOV - Si sta svolgendo pacificamente, tra canti e balli, il corteo dei no global in corso a Cosenza. Il corteo e’ diviso in tre tronconi in testa ai quali ci sono camion con impianti audio dai quali proviene musica. I manifestanti ballano e cantano e gridano slogan contro la repressione. Decine sono gli striscioni che campeggiano all’ inizio di ogni delegazione di manifestanti giunti da molte regioni italiane. Il corteo e’ aperto da uno striscione con la scritta ’’Contro la nuova inquisizione per il diritto a cambiare il mondo’’. Alla manifestazione stanno partecipando anche numerosi degli imputati del processo che iniziera’ il 2 dicembre. ’’Finalmente inizia il processo - ha detto uno degli imputati, Francesco Cirillo - e avro’ modo di poter raccontare la mia verita’, le attivita’ svolte da anni con il movimento. Io a Genova fui vittima di aggressione e non ho commesso alcun reato’’. E’ sereno anche un altro degli imputati, Antonino Campenni’, il quale sul processo ha detto che ’’finalmente avremo modo di discutere e illustrare le nostre ragioni. Le accuse che ci vengono mosse sono inconsistenti. I reati contestati e l’ inchiesta contro di noi rappresentano un fatto grave, ma la nostra coscienza e’ serena perche’ non abbiamo mai commesso nulla di illegale’’.