Archivi : FR | EN | ES

Articoli dal 2022

Esilio e castigo

lunedì 6 marzo 2006

- Contatta l'autore

di Paolo Persichetti

Retroscena di un’estradizione. Prefazioni di Gilles Perrault e Erri De Luca

Scritto in prigione e pubblicato per la prima volta in Francia, questo libro è la rappresentazione fedele di un caso di ingiustizia esemplare e costituisce uno stimolo efficace per la ripresa del dibattito sugli avvenimenti di quegli anni cruciali, al di là delle sciocchezze reticenti e delle turpitudini interessate che la vulgata ufficiale continua ad accreditare. Detenuto nel carcere di Viterbo, l’autore sviluppa qui una critica rabbiosa della procedura penale, di cui è divenuto ostaggio.

Attraverso l’analisi della "democrazia giudiziaria" e della "giurisdizziazione" dello spazio pubblico, Paolo Persichetti presenta una riflessione incalzante su problemi non risolti della società italiana, risalenti agli anni ’70, e che ave­vano già allora disvelato la natura classista e persecutoria delle istituzioni e le gravi responsabilità di una certa "sinistra".

La requisitoria dell’autore è di un’attualità scottante, in un’epoca in cui lo stato d’eccezione tende a imporsi nello spazio giudiziario europeo e, più in generale, a livello internazionale.

"La cella addosso a Paolo Persichetti è saldata con la fiamma fredda del rancore. Prima il raggiro, la truffa di una finta accusa per poterlo estradare, e la complicità dei fimzionari che si sono prestati a trafugare un corpo in libertà per consegnarlo ai carcerieri. Poi la penitenza di sconta­re pene per le rivolte politiche del 1900 [...]. Rancori: in Italia non si perdona l’azione di chi andò allo sbaraglio senza alcun tornaconto personale. Chiamano volentieri terrorismo qua­lunque azione non abbia un riscontro economico. Da noi si perdona tutto, purché commesso per arricchimento [...]. Incomprensibile e perciò imper­donabile è la generazione politica della quale Paolo Persichetti è stato uno degli ultimi iscritti, il più giovane dei noialtri di allora".
Erri De Luca

Paolo Persichetti (Roma, 1962) partecipa alle grandi lotte dell’ini­zio degli anni 80. Nel 1987 è arrestato per organizzazione di banda armata. È poi accusato, senza elementi, di aver partecipato all’omicidio Giorgieri. Si rifugia in Francia, dove - nonostante la richiesta di estradi­zione che il governo francese "congela" come per tutti i fuoriusciti -insegna scienze politiche all’Università di Parigi Vili. Nel 2002 è arre­stato con la falsa accusa di complicità nell’uccisione di Marco Biagi, ed è estradato in Italia dove viene incarcerato a Viterbo.

La Città del Sole. 2006 Prezzo: € 15

http://orestescalzone.over-blog.com...