clicca qui per Bellaciao v.3.0 ;)

Archives Bellaciao IT - 2002 -2018 Archives : FR | EN | ES

USA : discesa nell’inferno per 50.000 vite, “Voi non siete soli”, essi non possono sentire...

giovedì 1 settembre 2005

“Discesa nell’inferno” 50.000 vite portano un apocalittico avviso a tutti i cittadini d’America.
Il mondo grida “Voi non siete soli”, essi non possono sentire.

di Sorcha Faal

Rapporti provenienti dalle notizie russe hanno affermato questa mattina che la grave situazione sviluppatasi nella città americana di New Orleans può venire descritta solo come una discesa nell’inferno poiché in questo momento più di 50.000 esseri umani di questa che fu una grande città americana, sono rimasti intrappolati dalle crescenti inondazioni, senza mezzi forniti dal loro governo per evacuarli tutti.

Con nessuna risorsa disponibile di cibo, acqua, riparo o evacuazione, la folla di queste persone è diventata una delle più grandi ribelli masse della storia moderna e con nessuna forza di polizia o militare capace di contenerle, stanno al momento imperversando in tutto ciò che rimane di questa città creando quello che questi rapporti descrivono come “convulsi atti per la sopravvivenza”.

Numerose sparatorie tra porzioni di queste masse e
forze di polizia hanno causato l’abbandono totale da
parte delle autorità militari di questa città
dichiarando lo stato di legge marziale. Rapporti dell’
FSB dichiarano che molte di queste battaglie, sono il
risultato di drogati che hanno fatto irruzione in un
grosso stabilimento farmaceutico a causa del loro
bisogno di droga per non soffrire d’astinenza.

L’FSB riporta inoltre che questa città è completamente
crollata in uno stato di “governo di massa” con molti
civili innocenti uccisi e numerosi corpi morti
giacenti sulla strada.

La più grande questione comunque, è che il popolo
Americano sta vedendo per la prima volta, in molte
delle sue memorie, quali siano veramente i limiti di
un potere di stato. Solo con l’inganno delle parole,
ogni governo e di qualsiasi tipo, è in grado di
esercitare l’autorità tirannica sui suoi cittadini. Di
fronte ad ogni cittadino di New Orleans, specialmente
di fronte ai più poveri, coloro che sono stati
lasciati indietro e tagliati fuori dalle loro normali
funzioni quotidiane, la pecca di ogni governo, in
grado di controllare le masse dei suoi cittadini, è
messa completamente a nudo.

Al popolo Americano sono state anche negate dai
governanti militari americani le innumerevoli offerte
di assistenza da parte di nazioni di tutto il mondo,
incluse:

- VENEZUELA ha offerto il suo comando medico aereo per
l’evacuazione di persone intrappolate in queste
regioni devastate;

- OLANDA ha offerto le risorse del proprio Ministero
dei Lavori Pubblici (ovvero sono le persone, a livello
mondiale, più esperte per le procedure di evacuazione
in livelli d’acqua sottomarina);

- RUSSIA ha offerto più 100.000 strutture abitabili
temporanee insieme a del personale militare per
assistere le loro controparti americane;

- IRAN ha offerto 1 Bilione di dollari americani per
l’immediata assistenza e garantito 5.000.000 di barili
di olio a 35 dollari americani l’uno;

- CINA ha offerto la sua Forza di Soccorso militare
(conosciuta come una delle migliori al mondo per il
soccorso di persone in aree danneggiate dalle
inondazioni).

Tutte queste offerte e di più, sono state declinate
dai leader militari degli Stati Uniti con il motivo
precedentemente affermato: ”Il governo degli Stati
Uniti e il suo popolo declinano con rispetto la vostra
offerta di assistenza e vi riporta al nostro
precedente comunicato dipartimentale di stato
(NCO:13788) nel quale abbiamo dichiarato che questa
rimane una azione interna.”

Questa mattina resta uno dei momenti più critici nella
storia di questo che fu un grande popolo Americano.
Soltanto tramite un cataclisma senza precedenti come
questo e che sta sperimentando in questo momento,
questo popolo è in grado di spezzare le bugie e le
distorsioni dei loro capi militari e degli organi di
propaganda dei media per rendersi conto, anche se solo
di sfuggita, delle enormi bugie che questi hanno
raccontato al popolo per tenerlo in uno stato
pacifico.

Ma tristemente, e lo dimostrano chiaramente anche gli
eventi dell’11 settembre 2001, le masse di questi
americani vogliono credere a tutte le bugie che
vengono loro raccontate a prescindere dalla loro
assurdità ma solo fino al punto, in cui possono venire
lasciate con l’illusione che le loro vite, oggi,
continueranno nei loro domani. Come è triste per loro
vedere il loro mondo in questi termini, ma questo
rimane una verità che, di fatto, è il solo modo che
essi hanno, per affrontare un mondo che si sta
disintegrando intorno a loro.

http://www.whatdoesitmean.com/index813.htm