clicca qui per Bellaciao v.3.0 ;)

Archives Bellaciao IT - 2002 -2018 Archives : FR | EN | ES

Uruguay

sabato 2 agosto 2003

Bordaberry ex presidente del paese dal 1972 al 1976 di fronte alla giustizia accusato
dell’omicidio di otto militanti del Partito Comunista Uruguayano nell’aprile 1972.

Il procedimento giudiziario è partito da anni grazie alle accuse dell’Associazione dei familiari
degli assassinati politici, e dell’avvocato Rolando Vomero che ha avviato le indagini, la decisione
è ritenuta come storica per l’importanza delle denuncia di violazioni di diritti umani anche in
anni precedenti alla dittatura.

Infatti, lo stesso Bordaberry, è rimasto un riferimento politico importante anche per i dittatori
che gli sono succeduti dal 1973 al 1985.

Oltre a membri del Partito Comunista, durante il governo di Bordaberry sono morti numerosi
militanti del Movimento di Liberazione Nazionale Tupamaros (MLN), molti sono stati trasferiti a Buenos
Aires dove sono misteriosamente scomparsi.

Equador

Noboa, ex presidente dell’Equador, chiede asilo politico alla Repubblica Domenicana. Con questa
mossa Noboa cerca di scappare alla giustizia del paese che sta indagando su un presunta truffa, ai
danni dello stato di oltre 9 milioni di dollari.

La truffa sarebbe stata effettuata nelle operazioni finanziarie che, nel luglio 2000, videro la
rinegoziazione del debito estero del paese tramite operazioni bancarie "Bonus Brandy"..

Perù

L’ex presidente peruviano Fujimori, adesso rifugiato in Giappone, ha fondato un nuovo movimento
politico, denominato "Si comple", con l’obiettivo di candidarsi alle elezioni 2006.

Il procuratore anticorruzione Luis Vargas Valdivia ha ricordato come Fujimori stia utilizzando la
sua doppia cittadinanza giapponese e peruviana, si presenta come peruviano per riprendere la vita
politica e come giapponese per scappare alla giustizia peruviana.
Fujimori è accusato di lesa umanità dalla giustizia peruviana che ancora non è riuscita ad
ottenere dal Giappone l’estradizione in Però per condannare l’ex-presidente che ora, attraverso le
elezioni vorrebbe salvarsi modello Berlusconi.......

Brasile

La scorso fine settimane si sono svolte alcune manifestazioni importanti in Brasile.
Una delle principale è stata quella dei funzionari pubblici che a Brasilia manifestavano contro i
tagli agli stipendi del funzionale. La manifestazione è stata repressa dentro la Camera dalla
polizia.

L’entrata della polizia nella Camera per contrastare i manifestanti è stata autorizzata dal
presidente della Camera, l’on. Joao Paulo del Pt che poi, rendendosi meglio conto di quanto autorizzato,
ha iniziato a piangere, ma il danno ormai era fatto e la mozione approvata dalla Camera.