clicca qui per Bellaciao v.3.0 ;)

Archives Bellaciao IT - 2002 -2018 Archives : FR | EN | ES

COGLIONI

giovedì 6 aprile 2006

di spartacus

Che fosse coglione il popolo italiano lo sapeva. Tout court chi aveva votato Silvio il Caimano. Ma anche altri che per tamponarlo si sono affidati a lungo all’opra di chi lo blandiva con inciuci grandi e piccini. Come si fa a esser poveri pensionati e credere alle favole del grande Pinocchione che col carovita mai frenato ti fa campare sì e no una dozzina di giorni al mese? O esser lavoratore dipendente e arrabattarsi con un migliaio e poco più d’euro di fronte a vetrine alimentari con prezzi da gioielleria? E ancora ad aver trentasei annetti, vago lavoro a termine sottopagato, vivendo da mammà perché altro non è dato dalla sorte e dai mutui bancari, nella speranza di diventare imprenditore di se stesso ormai da un lustro buono? Come si fa? Si fa se si è coglioni.

Avete voluto il Caimano? Coglioni. Lo volevate fermare con D’Alema e Rutelli? Coglioni illusi. Perché questi mandarini della nomenklatura ulivista hanno imbalsamato ogni tentativo di disfarsi dei più loschi crimini del ducetto di Arcore, di cui il conflitto d’interessi è il giochino più innocente. Si arranca in questo mare morto da dodici primavere, quella di quest’anno potrebbe fare innanzitutto piazza pulita del coleus dei colei Silvio il Caimano, appunto. Ma dopo di lui i coglioni restanti dovrebbero purificarsi in famiglia anche se il panorama è agghiacciante.

D’Alema, Rutelli, Boselli, Mastella dove li mettiamo? Da bravi coglioni li abbiamo messi nelle liste dell’Unione e continuiamo a tenerceli, a votarli, a farci del male coi berlusconiani del centro-sinistra (ce n’è, eccome!) che magari non apostrofano il popolo come coglione ma lo pensano tale. Forse ne hanno ben donde. Una gran bella prospettiva da coglioni per un futuro pur senza Silvio il Caimano.

Spartacus, 4 aprile 2006

Messaggi

  • 16:25 Berlusconi: "Servono osservatori contro i brogli"

    "Servono osservatori contro i brogli". Lo ha detto il premier Silvio Berlusconi conversando con i giornalisti, che allora lo hanno incalzato, chiedendogli se alludesse agli osservatori Onu. "Debbono venire - ha risposto Berlusconi - per difendere noi da questi signori, che sono esperti di brogli, con tutti i giornali dalla loro parte, con le tv che si comportano come vedete. Hai voglia che abbiamo bisogno degli osservatori per i brogli, perchè se va avanti così chissà cosa ci combinano"...

    www.repubblica.it 6.4.06

    • Trovo incredibile,dopo tutto quello che abbiamo visto in questi anni di governo Berlusconi,che ci possano essere delle persone sodisfatte delle scelte politiche da esso effettuate. Tento di farmi comprendere meglio,penso a quelli che ,come me, non riescono ad arrivare al 15 del mese ,a quelli che hanno un lavoro fisso e comunque si trovano nelle stesse condizioni, a quelli che pagano l affitto , ai pensionati al minimo, ai prezzi dei generi alimentari che hanno subito un aumento vertiginoso,al contrario del potere d aquisto dei stipendi.Dalle dichiarazioni di Belusconi e alleati, sembra che tutto questo sia una cosa non vera, e questo rafforza in me l idea di un governo teso a rappresentare interessi diversi da quelli delle categorie sopra elencate.Sembra ,piuttosto rivolgersi a categorie di benestanti, che per nostra fortuna (è un mio pensiero) militano anche nella sinistra , e magari con le sue poliriche si sono ulteriormante arricchiti..........Neanche questo è vero Berlusconi è riuscito a rompere anche con la confindustria.Per finire mi chiedo???il partito dell amore, come lui dice, può rivolgersi al 50% degli elettori e apostrofarli come c..........,Succede in qualche altra parte del mondo? Per finire veramente, visto che porta sempre l america come esempio di liberta da seguire,perche non comincia ad applicare le regole sui conflitti d interesse? sulle tasse? penso che questo verrebbe apprezzato dal 85% degli Italiani....purtroppo lui sta pensando solo al rimanente 15% ....Mandiamolo a casa .............un saluto Claudio

    • a tal proposito vi giro una mail inviata da un amico che lavora in una delle società citate...
      Leggete bene e poi chiedetevi chi deve controllare chi...

      Mentre nei recinti televisivi ci si scanna per qualche punto
      percentuale di
      tasse, sondaggi, cunei fiscali ed altre facezie, una notizia è quasi
      passata
      inosservata: alle prossime elezioni, circa 11 milioni d’italiani
      (Liguria,
      Sardegna, Lazio e Puglia) voteranno con il sistema elettronico.
      Per fortuna non siamo ancora al sistema americano – che non conserva
      copia
      cartacea del voto – però un po’ di puzza di “Florida” s’avverte ormai
      anche
      nelle nostre città.
      A chi è stato affidato il nuovo sistema elettronico? A tre società:
      Telecom,
      EDS Italia ed Accenture. Mentre Telecom sappiamo chi è, conosciamo
      invece
      poco degli altri due compari, ovvero il gatto e le volpe.

      Telecom Italia
      EDS Italia
      Accenture

      EDS è la multinazionale informatica che – negli USA – ha gestito gli
      ultimi
      due appuntamenti elettorali per l’amministrazione Bush: per come sono
      andate
      le cose in Florida (e per la cancellazione dalle liste elettorali di
      200.000
      persone in Ohio, lo stato di Michael Moore nel 2004) possiamo affermare
      che
      ha svolto bene i suoi compiti. Negli USA, ad EDS (che nel 2004 fu
      rinominata
      in ES&S) fu affiancata un’altra società, Diebold, per esercitare un
      reciproco controllo. Peccato che il vice-presidente di Diebold ed il
      presidente di ES&S fossero fratelli e che affidarono ad un
      pluripregiudicato
      per truffa – Jeff Dean – la stesura del programma informatico che non
      rilasciava copia cartacea del voto. Già, ma in Italia non abbiamo mica
      questi problemi, ci sono Telecom ed Accenture!

      Telecom fornirà le linee, mentre Accenture sarà il vero “braccio
      destro” di
      ES&S. Già, ma chi è Accenture? Accenture è il nuovo nome di Andersen,
      la
      società che avrebbe dovuto controllare i conti di Enron, sospettata
      d’essere
      stata la “cassaforte” da svuotare per finanziare l’elezione di Bush nel
      2000, e finita in un crack finanziario apocalittico!
      Perché Berlusconi ha scelto proprio le due società americane
      (scippando, di
      fatto, una società italiana – Ales s.r.l. – che aveva iniziato la
      sperimentazione nelle scorse tornate elettorali) con un decreto varato
      alla
      chetichella ed una trattativa a licitazione privata?

      Per vincere le elezioni? Può essere. Anche nel caso le perdesse, il
      buon
      Berlusca potrebbe sempre chiedere la verifica delle schede (che saranno
      comunque votate in parallelo, ma subito archiviate), il che
      comporterebbe
      ritardi di mesi per le contestazioni, i ricorsi, ecc.
      Cosa succederebbe nel frattempo? Il nuovo parlamento non potrebbe
      essere
      insediato, e si giungerebbe a dover eleggere il nuovo Capo dello Stato
      con
      il vecchio…
      Ahi, ahi, ahi…che bruciato di puzza, che spruzzata di brucio, che fetor
      di
      scheduzza bruciata s’appressa!
      Niente paura, al timone di Accenture – in Italia – c’è una persona
      fidata:
      il figlio del ministro Pisanu. State accuorti.

      Firmato
      Un Coglione felice di esserlo!

    • COGLIONE CHI LEGGE QUESTO BLOG

  • Ci vorranno anni prima che l’Italia possa rialzarsi e camminare di nuovo a testa alta...
    I miei obiettivi penso che siano quelli di qualsiasi ragazza della mia età...un lavoro fisso(magari) uno stipendio per poter vivere (o sopravvivere?) ,costruire una famiglia,finire gli studi. Sono demoralizzata, il mio lavoro (se si può chiamar lavoro fare supplenze...lavorare 3 giorni a settimana se va bene) i concorsi comunali che non ci sono...
    La famiglia,una casa...per noi giovani sarà un’utopia?
    Eppure il Presidente del Consiglio dice che il lavoro è in crescita...a sentir lui viviamo in un Paradiso...vorrei vederlo campare con 600€,un mutuo da 500€ ,avere un auto,un figlio e magari mangiare tutti i giorni.
    Confido nel buon senso.
    Buon voto.

  • Caro Spartacus,mi troi daccordo con quasi tutte le considerazioni riguardo berlusconi e la sua condotta di governo, ma quello che mi dà a pensare (la parte dedicata a dalema ecc) è che se non avessi letto spartacus per me potrebbe essere un articolo scritto da berlusconi...stessi toni ,astiosi....parliamone.....probabilmente sei giovane,(almeno lo spero) sembra che tu non sia al corrente dell evoluzione politica avvenuta in italia........un paese governato dalla DC per 40 anni....chi votava questi????Dove sono finiti? Te lo dico io e scusa la presunzione,Un pò a sinistra un pò a destra,(lascia perdere quelli che saltano da una parte all altra) Fatta questa considerazione ora volente o nolente(dolente) ci sono due schieramenti o stai da una parte o dall altra giusto?? Può uno avere le propie idee ’’’??? Perche dare del c......... a chi non la pensa come te???Il veleno non è di sinistra e non lo deve essere a mio giudizio..naturalmente sei libero di fare come vuoi ma per favore usa il linguaggio della logica più che delle offese....ciao scusa claudio

  • Di coglioni ne abbiamo avuti anche alle ultime politiche, che con il voto "separato" a Bertinotti e Di Pietro hanno agevolato il ducetto di Arcore ....
    E adesso ... ce lo teniamo, forse per altri 5 anni, o peggio, come presidente ....

    Un coglione toscano.

    • Questo rimestare quella storia vecchia ( con enormi responsabilita’ anche dei DS che fecero di tutto per creare quella situazione) e questo allucinante ed anche poco comprensibile pessimismo mi fanno alquanto pensare male sulle effettive posizioni del "coglione toscano".

      Comunque, nonostante questo "gufo" ( in buona o cattiva fede che sia), vinceremo .....

      Vanni

    • Ascolta tutti, e apprende da tutti, caro Claudio, soprattutto dai compagni animati da buona fede. E li rispetta, ma Spartacus satireggia, da lì il vetriolo...
      E non è poi così giovane: ha conosciuto Amendola prima di D’Alema. Vecchi vizi della socialdemokrazia, saluti rossi

    • COGLIONI !!!!!! COGLIONI COGLIONI!!!!COGLIONI !!!!!! COGLIONI COGLIONI!!!!COGLIONI !!!!!! COGLIONI COGLIONI!!!!COGLIONI !!!!!! COGLIONI COGLIONI!!!!COGLIONI !!!!!! COGLIONI COGLIONI!!!!COGLIONI !!!!!! COGLIONI COGLIONI!!!!