clicca qui per Bellaciao v.3.0 ;)

Archives Bellaciao IT - 2002 -2018 Archives : FR | EN | ES

La vera ambiguità è nella politica. Ma io non mi arrendo

martedì 14 febbraio 2006

di Vladimir Luxuria

Tante volte mi sono sentita etichettare come “persona sessualmente ambigua”, nonostante io sul mio orientamento sessuale abbia le idee molto chiare. Ho scoperto invece che l’ambiguità dimora altrove: nella politica. L’Unione ha varato il suo programma e, così come ha dichiarato Prodi, solo una piccola parte, tra le tante pagine, ha suscitato qualche discussione più accesa. Per evitare eufemismi diciamo pure che durante la riunione sui “Pacs” Bertinotti ha perso la sua calma serafica e ha dato prova di urla da tenore, Rutelli era come Ambra collegata a Boncompagni ai tempi di “Non è la Rai” e non è difficile immaginare da chi prendeva le direttive, Bonino è andata via sbattendo la porta.

Noi siamo solo una piccola parte di un folto programma secondo Prodi ma capaci di scoprire le carte che si sono giocate su quel tavolo: Rutelli ha fatto di tutto per far fallire le unioni civili, un muro ideologico vaticano-dipendente per escludere del tutto dal programma ogni riferimento al tema in discussione.

A questo punto c’erano solo due possibilità: far fallire il programma e regalare questo Paese a cinque anni di governo di centro-destra o cercare di ottenere quanto più possibile. Il risultato è stata una formulazione che ha fatto infuriare tutto il movimento glbt, Arcigay e Arcilesbica in testa. Anche il mondo dell’editoria è deluso e arrabbiato: Giovanni Dall’Orto di “Pride” dichiara che «le candidature non hanno più un ruolo di portavoce ma di un bruciante tappo di un vulcano».

Il punto che ci ha delusi è stato il mancato riconoscimento giuridico dei gay, lesbiche e trans come relazioni, coppia, persone capaci di fare tessuto sociale; si riconoscono (come voleva la Margherita) solo i diritti delle singole persone: come dire «come individui gay possiamo garantirvi ma non in quanto potenzialità di nucleo familiare». L’ambiguità nasce invece dal fatto che per la prima volta in un programma viene definita l’unione civile: «al fine di definire natura e qualità di una unione di fatto non è dirimente il genere dei conviventi né l’orientamento sessuale; va considerato piuttosto quale criterio qualificante il sistema di relazioni (sentimentali, assistenziali, e di solidarietà, di mutualità e di reciprocità) la loro stabilità e volontarietà».

La vera ambiguità è che da una parte non ci si vuole discriminare in quanto singole persone (e destinate a una solitudine triste ma garantita dallo Stato) dall’altra si dice che in una unione non è “dirimente” (termine preso dal diritto canonico che vuol dire “non è motivo che proibisca o infirmi la volontà di matrimonio”) né il genere né l’orientamento sessuale. Inserire “orientamento sessuale” è stata una conquista non da poco conto, vuol dire che oltre al genere, quello anagrafico secondo uno schema binario uomo-donna c’è anche l’orientamento, si includono quelle varianti che non sono mai eccedenze, ovvero l’omofilia e il transgenderismo.

Con Titti De Simone abbiamo a lungo ragionato su quanto sia successo, insieme abbiamo firmato una dichiarazione: «La chiusura e l’arroccamento di un parte del centrosinistra sul tema delle coppie di fatto è un atto di grave responsabilità politica che ha pesantemente condizionato il raggiungimento di una mediazione di reale sintonia con il popolo dell’Unione e la società civile.

Hanno prevalso culturalmente e simbolicamente il tradizionalismo cattolico, l’ideologia, gli steccati elettoralistici agitati da più parti. La formulazione del programma non fa riferimento alle unioni civili e appare così ambigua da lasciare il campo a diverse soluzioni legislative, non escludendo in questo senso nemmeno i Pacs. Sarà necessario ancora batterci e mobilitarci fortemente, rimanendo legati alle associazioni glbt, affinché l’Unione non deluda questa domanda di civiltà». Sono sicuramente delusa e anche triste, ma non mollo, né intendo perdere grinta e determinazione; spero solo di non essere lasciata sola dai movimenti in un momento difficile dove la strada è più in salita e il punto di partenza arretrato.

C’è chi si turava il naso una volta, oggi c’è da aprire gli occhi e ricordare cosa c’è dall’altra parte: il centro-destra che abbiamo conosciuto in questi cinque anni che non solo non ci avrebbe mai concesso quel poco che c’è nel programma ma che con l’arricchimento culturale dell’apporto di Forza Nuova costituisce una minaccia per la nostra vivibilità.

http://www.liberazione.it

Messaggi

  • Buonasera Onorevole, volevo solo farle sapere e trasmetterle tutta la mia stima per i suoi pensieri e la sua persona. La seguo con tantissimo affetto e ammiro il suo coraggio, la sua serietà, la sua coerenza, la sua lealtà e anche la sua ironia e simpatia..Continui così e anche quando le potrà sembrare inutile lottare pensi a tutte le persone come me che credono fermamente in lei e a cui lei da voce.. elisascarselli@hotmail.it

  • carissimo vladimiroil mondo non gira tutto intorno ai trans, gay ecc... che comunque rispetto, ma un incarico politico comporta interessarsi del popolo a 360 gradi dai bambini, alle famiglie, agli anziani, al lavoro, alla scuola, alla sicurezza... i problemi sessuali( se essere uomo o donna ) sono i tuoi e la gente e’ stanca di tutto questo.. vi prego torniamo alla normalita’ ....

  • Sono una studentessa universitaria di Lingue, Torino, e sto cercando di seguire i risvolti dell’epopea Gelmini. Vedo con piacere che lei si sta interessando alla questione, benchè alcuni dicano che la sua unica preoccupazione sia l’approvazione dei Pacs. Concordo pienamente anche con questa iniziativa, ma ritengo che vi siano ovviamente delle priorità. Spero che saprà aiutarci a spuntarla almeno sulle parti più importanti del ddl, e risolto questo problema, avrà la mia piena approvazione (e se possibile sostegno) anche per iniziative come Pacs, unioni civili, etc.
    Serve senz’altro coraggio, e spero che lei non lo perda mai...
    Con ammirazione, Cristina